XIV LEGISLATURA

PROGETTO DI LEGGE - N. 3235




        Onorevoli Colleghi! - La proposta di legge oggi in esame vuole affrontare la tematica della rete telematica e della sua protezione. L'evoluzione e l'espandersi di INTERNET ci pone oggi il problema dei contenuti che nella rete vengono immessi e diffusi senza che nessuno possa porvi una regolamentazione e un controllo. Tale rilevazione non si configura come censura di quanto si veicola attraverso la rete, ma risponde all'esigenza di tutelare i minori dai contenuti nocivi dalla stessa rete trasmessi. Oggi questo Ŕ possibile attraverso un sistema di filtro e di controllo dei contenuti nelle pagine web realizzabile dai provider o fornitori di servizi di connessione in rete. INTERNET ha rappresentato una rivoluzione epocale quale strumento di conoscenza e di approfondimento, permettendo, infatti, in tempo reale di accedere ad una miriade di contenuti. Tuttavia non possiamo non pensare ai pericoli a cui esso espone la nostra infanzia e adolescenza. L'informatica ha fatto negli ultimi anni dei grandi passi in avanti ed Ŕ proprio attraverso i nuovi strumenti a nostra disposizione che si pu˛ pensare di regolamentare la rete, inserendo innovativi sistemi di protezione.
        Il sistema a cui ci ispiriamo Ŕ in grado di mettere in condizioni il provider di agire a tutela di abusi e violenze inibendo contenuti nocivi e, allo stesso tempo, impedendo al minore la trasmissione di dati sensibili come indirizzo, numero di telefono e altre informazioni inerenti se stesso e il proprio nucleo familiare. Questo sistema di protezione Ŕ stato ideato e sperimentato dalla fondazione Safety World Wide Web, che si adopera assieme alla fondazione Dominique Lapierre (candidato al premio Nobel per la pace) per la tutela dei minori con particolare riferimento ai piccoli cybernauti. Il sistema, giÓ utilizzato da 200 famiglie e da istituti scolastici, ha dato dei risultati sorprendenti, in quanto Ŕ in grado di inibire ai bambini la visione di contenuti inadeguati presenti nella rete in una percentuale che si avvicina al 100 per cento. Il sistema, denominato "Child Key", attraverso password differenziate per adulti e per minori Ŕ in grado, sin dall'atto della connessione, di riconoscere se Ŕ connesso un adulto o un minore permettendo, inoltre, di certificare a tutto il sistema la presenza di un minore in rete, responsabilizzando il provider. Il sistema "Child Key" si basa quindi sulla possibilitÓ di associare alla richiesta di pagine web il profilo di etÓ dell'utente che le richiede. Tale riconoscimento Ŕ reso possibile da una password personale riservata che l'utente deve digitare all'atto di connettersi e l'operazione di identificazione viene svolta dai nuovi autenticatori di rete in grado di fornire una navigazione differenziata per l'adulto e per il minore. Adeguandosi al sistema "Child Key" i gestori dei siti possono facilmente "moralizzare" il proprio operato, l'adulto pu˛ determinare la durata delle connessioni e le fasce orarie abilitate controllando la spesa a carico del nucleo familiare in bolletta telefonica, viene impedita la diffusione in rete dei dati sensibili relativi al minore o alla sua famiglia, al minore vengono inibite le pagine pornografiche, pedopornografiche e violente attraverso l'uso di moduli creati ed addestrati con sistemi di intelligenza artificiale costantemente aggiornati e coperti da brevetto che garantiscono una copertura del 98 per cento, non vengono poste restrizioni alla navigazione degli adulti, non richiede l'installazione di hardware o software sul computer della famiglia. Considerato che oggi esistono, e sono operativi, sistemi di tutela e di protezione dei piccoli cybernauti e considerato, inoltre, che le istituzioni e tutti coloro che operano per la tutela dei minori non possono e non devono restare indifferenti a ci˛ che il progresso nel campo dell'informatica ha compiuto, riteniamo pi¨ che doveroso intervenire sul piano legislativo in questo settore, anche su proposta del Coordinamento internazionale associazioni per la tutela dei diritti dei minori. La presente proposta di legge fissa nuove norme per i provider della rete INTERNET finalizzate ad una navigazione sicura e protetta dei minori. L'articolato contempla l'obbligo, per i provider, di dotarsi di sistemi di filtri per consentire ai minori una navigazione protetta, l'obbligo della conservazione dei dati di navigazione e dei file log, l'introduzione dell'articolo 528-bis del codice penale in materia di pubblicazione sulla rete INTERNET di materiale osceno, la previsione della fattispecie di reato di connivenza per i provider della rete INTERNET con i soggetti perseguiti dall'articolo 600-ter del medesimo codice penale, l'esclusione dall'istituto del patteggiamento e, da ultimo, una disposizione concernente i compiti del servizio di polizia delle telecomunicazioni in materia di contrasto della pornografia minorile. La proposta di legge intende garantire le famiglie e quelle figure che operano in ambito educativo e di tutela dei minori (scuole, parrocchie, istituti) permettendo loro di lasciare con serenitÓ bambini ed adolescenti davanti ad un computer, salvaguardandoli da traumi e dall'esposizione ad una possibile visione di materiale violento o pornografo che purtroppo, a tutt'oggi, sovente ed intenzionalmente si apre con modalitÓ automatica attraverso connessioni con siti innocui.
        Riteniamo inoltre che l'obbligo per i provider della rete INTERNET di dotarsi di sistemi di filtro, vista l'importanza strategica in materia di tutela dei minori, debba prevedere per le imprese interessate specifici incentivi fiscali nelle modalitÓ e nella misura che il Governo stabilirÓ. Auspichiamo che il Parlamento esamini questo progetto di legge con la stessa sensibilitÓ manifestata nell'approvazione della legge n. 269 del 1998 (contro lo sfruttamento della prostituzione, della pornografia e del turismo sessuale in danno di minori) che, pur essendo una buona legge, va rafforzata con interventi concreti di realizzazione dei diritti in essa previsti. Siamo inoltre convinti che i contenuti del progetto di legge siano un elemento importante per la completezza e il rafforzamento dell'impegno di questo Parlamento per la protezione dei minori, pur garantendo la libertÓ di espressione in rete.




Frontespizio Testo articoli