Frontespizio Ordine del Giorno

Nascondi n. pagina

Stampa

PDL 2680-A

XVII LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI

   N. 2680-A
N.2679-bis-A



 

Pag. 1

ALLEGATO 3
ORDINI DEL GIORNO DELLE COMMISSIONI PERMANENTI

DISEGNO DI LEGGE
N. 2680

presentato dal ministro dell'economia e delle finanze
(PADOAN)

Bilancio di previsione dello Stato per l'anno finanziario 2015 e bilancio pluriennale per il triennio 2015-2017
Presentato il 23 ottobre 2014

e

DISEGNO DI LEGGE
N. 2679-bis

presentato dal ministro dell'economia e delle finanze
(PADOAN)

Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge di stabilità 2015)

(Testo risultante dallo stralcio, disposto dal Presidente della Camera, ai sensi dell'articolo 120, comma 2, del Regolamento, e comunicato all'Assemblea il 30 ottobre 2014, dell'articolo 17, commi 11, 20, 22 e 23, dell'articolo 20, comma 2, dell'articolo 21, commi 8 e da 15 a 20, dell'articolo 28, commi 15, da 23 a 27 e 31, dell'articolo 31, commi da 8 a 10 e 20, dell'articolo 32, comma 6, e dell'articolo 41 del disegno di legge n. 2679)

(Relatori per la maggioranza:
TANCREDI, per il disegno di legge n. 2680; GUERRA, per il disegno di legge n. 2679-bis)


NOTA: Ordini del giorno accolti dal Governo o approvati dalle Commissioni permanenti sugli stati di previsione del disegno di legge di bilancio e sulle parti del disegno di legge di stabilità di rispettiva competenza.
 

Pag. 2

    

 

Pag. 3

ALLEGATO 3
ORDINI DEL GIORNO ACCOLTI DAL GOVERNO O APPROVATI DALLE COMMISSIONI PERMANENTI     
 

Pag. 4

    

 

Pag. 5

INDICE


torna su
ORDINI DEL GIORNO RELATIVI AL DISEGNO DI LEGGE DI STABILITÀ PER L'ANNO 2015

II COMMISSIONE PERMANENTE  
(Giustizia)
  »     9
 
VIII COMMISSIONE PERMANENTE  
(Ambiente, territorio e lavori pubblici)
  »     13
 

Pag. 6

    

 

Pag. 7


ORDINI DEL GIORNO

DISPOSIZIONI PER LA FORMAZIONE DEL BILANCIO ANNUALE E PLURIENNALE DELLO STATO (LEGGE DI STABILITÀ 2015) (2679-bis)
 

Pag. 8

    

 

Pag. 9

II COMMISSIONE PERMANENTE

(Giustizia)
 

Pag. 10

    

 

Pag. 11

II COMMISSIONE PERMANENTE
(Giustizia)

      La II Commissione, Approvato dalla Commissione
          premesso che:  
              i dipendenti del Ministero della Giustizia, Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria, sono gli unici del Comparto Stato a non aver effettuato le procedure di riqualificazione;  
              che gli stessi svolgono funzioni altamente specializzate tali da soddisfare le peculiari e straordinarie esigenze di interesse pubblico che tutto l'apparato della giustizia è chiamato a soddisfare;  
              solo i dipendenti di ruolo della giustizia sono in grado, con l'alta specializzazione acquisita sul posto di lavoro, di assicurare il buon andamento della pubblica amministrazione alla quale appartengono ed in particolare la funzionalità del sistema giudiziario e dei relativi servizi,  

impegna il Governo
 

ad assumere iniziative che prevedano la riqualificazione dei dipendenti del Ministero della Giustizia e del Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria ed altresì provvedere con sollecitudine alla velocizzazione delle procedure per il pagamento degli straordinari ai dipendenti del Mini

 

Pag. 12

stero della Giustizia e del Dipartimento della Organizzazione Giudiziaria.  
0.2679-bis/II/1. Ferraresi, Agostinelli, Colletti, Businarolo, Sarti, Turco, Bonafede, Ferranti, Verini, Amoddio, Bazoli, Berretta, Campana, Ermini, Giuliani, Greco, Giuseppe Guerini, Iori, Leva, Magorno, Marzano, Mattiello, Morani, Giuditta Pini, Rossomando, Rostan, Tartaglione, Vazio, Sannicandro, Daniele Farina.  

 

Pag. 13

VIII COMMISSIONE PERMANENTE

(Ambiente, territorio e lavori pubblici)
 

Pag. 14

    

 

Pag. 15

VIII COMMISSIONE PERMANENTE
(Ambiente, territorio e lavori pubblici)
      La VIII Commissione, Approvato dalla Commissione
          premesso che:  
              l'autostrada A35, nota anche con la sigla BreBeMi, gestita dalla omonima società BreBeMi, collega dal luglio 2014 le città di Milano e Brescia con un percorso posizionato più a sud rispetto al tracciato dell'autostrada A4;  
              la BreBeMi è stata realizzata in finanza di progetto, con costi a carico dei privati stimati inizialmente in circa 1.420 milioni di euro da recuperare con i pedaggi;  
              il costo finale della infrastruttura in questione è stato molto più alto, arrivando, secondo quanto si apprende da notizie di stampa, alla cifra di 2.400 milioni di euro;  
              il piano industriale prevedeva flussi giornalieri iniziali di 40 mila vetture e quasi 60 mila veicoli a regime, ma sembra che in realtà siano circa la metà e limitati solo a una parte del tracciato;  
              il settore pubblico ha comunque giocato un ruolo importante nella realizzazione della BreBeMi, considerati, sempre secondo quanto si apprende da notizie di stampa, i 700 milioni erogati dalla Bei (Banca Europea per gli Investimenti) e gli 819 milioni erogati dalla Cassa Depositi e
 

Pag. 16

Prestiti che, attraverso la controllata SACE, garantisce con un'assicurazione i 700 milioni di finanziamento targato Bei;  
              la BreBeMi spa sembrerebbe aver presentato un piano di riequilibrio economico al Governo, che vale 497 milioni, lamentando anche la diminuzione dei livelli di traffico e chiedendo sgravi fiscali oltre a un allungamento della concessione;  

impegna il Governo
 

a monitorare affinché i costi dell'autostrada BreBeMi non gravino sulle casse dello Stato.
0/2679-bis/VIII/1. Realacci, Tino Iannuzzi, Carrescia, Ginoble, Manfredi, Giovanna Sanna, Zardini.


Frontespizio Ordine del Giorno
torna su