IX Commissione - Resoconto di giovedý 26 febbraio 2009


Pag. 142

INDAGINE CONOSCITIVA

Giovedì 26 febbraio 2009. - Presidenza del presidente Mario VALDUCCI.

La seduta comincia alle 10.15.

Indagine conoscitiva sui progetti di legge C. 44, C. 419, C. 471, C. 649, C. 772, C. 844, C. 965, C. 1075, C. 1101, C. 1190, C. 1469, C. 1488, C. 1717, C. 1737, C. 1766 e C. 1998, in materia di sicurezza nella circolazione stradale.
Audizione di rappresentanti della Confederazione titolari autoscuole agenzie d'Italia (CONFEDERTAAI).
(Svolgimento e conclusione).

Mario VALDUCCI, presidente, avverte che la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata, oltre che mediante l'attivazione dell'impianto audiovisivo a circuito chiuso, anche attraverso la trasmissione televisiva sul canale satellitare della Camera dei deputati.
Introduce, quindi, l'audizione.

Giorgio SCHIAVO, presidente della Confederazione titolari autoscuole agenzie d'Italia (CONFEDERTAAI), svolge una relazione sui temi oggetto dell'audizione.

Intervengono quindi, per porre quesiti e formulare osservazioni, i deputati Aurelio Salvatore MISITI (IdV) e Settimo NIZZI (PdL).

Giorgio SCHIAVO, presidente della Confederazione titolari autoscuole agenzie d'Italia (CONFEDERTAAI), risponde ai quesiti posti, fornendo ulteriori precisazioni.

Interviene quindi nuovamente il deputato Settimo NIZZI (PdL), al quale replica Giorgio SCHIAVO, presidente della Confederazione titolari autoscuole agenzie d'Italia (CONFEDERTAAI).

Mario VALDUCCI, presidente, ringrazia il presidente della Confederazione titolari autoscuole agenzie d'Italia (CONFEDERTAAI)per il suo intervento.
Dichiara quindi conclusa l'audizione.

La seduta termina alle 10.40.

N.B.: Il resoconto stenografico della seduta è pubblicato in un fascicolo a parte.

SEDE REFERENTE

Giovedì 26 febbraio 2009. - Presidenza del presidente Mario VALDUCCI.

La seduta comincia alle 10.40.

Disposizioni in materia di circolazione e sicurezza stradale.
C. 44 Zeller, C. 419 Contento, C. 471 Anna Teresa Formisano, C. 649 Meta, C. 772 Carlucci, C. 844 Lulli, C. 965 Conte, C. 1075 Velo, C. 1101 Boffa, C. 1190 Velo, C. 1469 Vannucci, C. 1488 Lorenzin, C. 1717 Moffa, C. 1737 Minasso, C. 1766 Giammanco e C. 1998 Guido Dussin.
(Seguito dell'esame e rinvio - Abbinamento della proposta di legge C. 2177 Cosenza).

La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato, da ultimo, nella seduta del 18 febbraio 2009.

Mario VALDUCCI, presidente, avverte che in data 24 febbraio è stata assegnata alla Commissione la proposta di legge n. 2177 Cosenza, che verte su materia


Pag. 143

analoga a quella delle proposte già all'ordine del giorno.
Ne propone pertanto l'abbinamento ai sensi dell'articolo 77, comma 1, del Regolamento.

La Commissione delibera l'abbinamento della proposta di legge n. 2177.

Mario VALDUCCI, presidente, rileva che, a seguito dell'abbinamento, nei lavori del Comitato ristretto, nominato ai fini della predisposizione di un testo unificato, si terrà conto anche della proposta di legge abbinata nella seduta odierna. Rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

La seduta termina alle 10.45.

COMITATO RISTRETTO

Giovedì 26 febbraio 2009.

Disposizioni in materia di circolazione e sicurezza stradale.
C. 44 Zeller, C. 419 Contento, C. 471 Anna Teresa Formisano, C. 649 Meta, C. 772 Carlucci, C. 844 Lulli, C. 965 Conte, C. 1075 Velo, C. 1101 Boffa, C. 1190 Velo, C. 1469 Vannucci, C. 1488 Lorenzin, C. 1717 Moffa, C. 1737 Minasso, C. 1766 Giammanco, C. 1998 Guido Dussin e C. 2177 Cosenza.

Il Comitato ristretto si è riunito dalle 10.45 alle 11.

UFFICIO DI PRESIDENZA INTEGRATO DAI RAPPRESENTANTI DEI GRUPPI

L'ufficio di presidenza si è riunito dalle 11 alle 11.10.

INTERROGAZIONI

Giovedì 26 febbraio 2009. - Presidenza del presidente Mario VALDUCCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per infrastrutture e i trasporti Mario Mantovani.

La seduta comincia alle 11.15.

5-00576 Laratta: Sulla situazione di degrado in cui versa la stazione ferroviaria di Cosenza.

Il sottosegretario Mario MANTOVANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 1).

Francesco LARATTA (PD), replicando, rileva che gli elementi forniti nella risposta non corrispondono alla realtà della stazione di Cosenza, come possono verificare gli utenti della stazione medesima. Le soppressioni di treni, i ritardi, le condizioni della stazione creano una situazione gravissima, che è attestata anche dagli organi di stampa e che porta all'esasperazione dei passeggeri. Sottolinea in particolare le condizioni di scarsissima igiene, dovute anche al fatto che vengono utilizzati convogli obsoleti. Nell'osservare che la risposta del Governo si limita a dati rilevati in un periodo molto ristretto, ritiene che il Governo avrebbe dovuto dare indicazioni sul potenziamento delle linee ferroviarie che attraversano la stazione e sulle prospettive di recupero e valorizzazione dello stesso immobile che costituisce la stazione e che si trova attualmente pressoché abbandonato. In conclusione, dichiara di essere assolutamente insoddisfatto della risposta fornita.

5-00869 Lovelli: Riordino delle competenze in materia di navigazione interna.

Il sottosegretario Mario MANTOVANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 2).

Mario LOVELLI (PD), nel prendere atto della risposta, auspica che l'integrazione tra navigazione marittima e navigazione nelle acque interne dia buoni risultati. Osserva peraltro che i soggetti del settore lamentano la frammentazione tra le varie direzioni competenti e l'assenza di un interlocutore unico per la navigazione interna. In proposito evidenzia la rilevanza


Pag. 144

della navigazione interna, sia sotto il profilo turistico sia sotto quello del trasporto di merci. Ribadisce che a suo avviso sarebbero state opportune diverse scelte organizzative, data la specifica disciplina che interessa la navigazione interna, anche a livello comunitario. Segnala altresì che sarebbe stata opportuna la previsione di una organizzazione amministrativa periferica in materia di navigazione interna. Nel dichiararsi pertanto non pienamente soddisfatto, auspica comunque che nell'attuazione delle scelte adottate si tenga conto dei rilievi e delle richieste degli interlocutori del settore.

5-00880 Velo: Modalità di utilizzo da parte dell'ANAS delle risorse destinate alla manutenzione e al miglioramento della sicurezza stradale.

Il sottosegretario Mario MANTOVANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 3).

Silvia VELO (PD), replicando, si dichiara insoddisfatto, osservando che sono porprio gli elementi forniti nella risposta a sollecitare ulteriori approfondimenti. Rileva che le condizioni delle strade italiane sono palesemente inadeguate sotto il profilo della sicurezza, in particolare per quanto riguarda le barriere. In questo contesto non appare opportuno che ANAS destini risorse - che peraltro nella risposta rimangono non quantificate - per lo svolgimento di ricerche relative alla progettazione di nuove barriere. Non risulta chiara, infatti, né la competenza di ANAS rispetto a tali ricerche né l'utilità che esse possono avere per l'attività di ANAS, che dovrebbe invece utilizzare le risorse pubbliche che gestisce per sostituire e migliorare la segnaletica e le dotazioni di sicurezza delle strade.

5-00911 Velo: Aumento dei costi dell'abbonamento ferroviario per la tratta Roma-Grosseto.

Il sottosegretario Mario MANTOVANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 4).

Silvia VELO (PD), replicando, richiama l'ampia attività dedicata negli ultimi mesi dalla Commissione ai problemi del trasporto ferroviario. Osserva che, nel caso specifico, sulla tratta Grosseto-Roma manca un treno Intercity negli orari utili per i pendolari, che sono peraltro costretti ad acquistare un abbonamento Intercity che utilizzano soltanto per il ritorno. Osserva che i collegamenti interregionali, che dovrebbero essere effettuati mediante Intercity, rappresentano il settore di maggiore sofferenza per il trasporto ferroviario, anche a causa dell'assenza di finanziamenti. Auspica pertanto che il Governo voglia adottare interventi efficaci, per garantire il diritto di mobilità per un gran numero di persone che si spostano per ragioni di studio o di lavoro.

Mario VALDUCCI, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni all'ordine del giorno.

La seduta termina alle 11.45.

INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA

Giovedì 26 febbraio 2009. - Presidenza del presidente Mario VALDUCCI. - Interviene il sottosegretario di Stato per lo sviluppo economico Paolo Romani.

La seduta comincia alle 12.15.

Mario VALDUCCI, presidente, ricorda che, ai sensi dell'articolo 135-ter, comma 5, del regolamento, la pubblicità delle sedute per lo svolgimento delle interrogazioni a risposta immediata è assicurata anche tramite la trasmissione attraverso l'impianto televisivo a circuito chiuso. Dispone, pertanto, l'attivazione del circuito.


Pag. 145

5-01076 Nicco: Rispetto del principio del bilinguismo da parte di Poste Italiane nella provincia di Bolzano.

Karl ZELLER (Misto-Min.ling.), rinuncia ad illustrare l'interrogazione in titolo.

Il sottosegretario Paolo ROMANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 5).

Karl ZELLER (Misto-Min.ling.), replicando, ritiene la risposta insoddisfacente. Osserva infatti che molti utenti e associazioni hanno potuto verificare che non c'è possibilità presso i call center di Poste Italiane di dettare telegrammi in lingua tedesca. Le rassicurazioni fornite nella risposta, pertanto, non sembrano assolutamente corrispondenti alla situazione reale. Rileva pertanto che se continueranno ad essere apertamente disattesi gli obblighi previsti dalla normativa in materia di bilinguismo, non resterà che adire le vie legali.

5-01077 Lovelli: Emissione da parte di Poste Italiane SpA di strumenti finanziari che hanno determinato pesanti perdite per i risparmiatori.

Mario LOVELLI (PD), illustra l'interrogazione in titolo rilevando la forte svalutazione degli strumenti finanziari indicati nell'interrogazione, che sono stati emessi nel 2002; ribadisce quindi i quesiti formulati nell'interrogazione medesima.

Il sottosegretario Paolo ROMANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 6).

Mario LOVELLI (PD), pur giudicando la risposta dettagliata, ritiene che non siano stati adottati interventi utili per superare la situazione di difficoltà creata a danno degli investitori. In particolare, evidenzia il fatto che Poste Italiane ha collocato sul mercato strumenti finanziari altamente rischiosi, tradendo la fiducia dei risparmiatori. Per questo sollecita una valutazione sull'opportunità di adottare misure di risarcimento e comunque invita il Governo a svolgere un attento controllo sull'attività di emissione di strumenti finanziari da parte di Poste Italiane.

5-01079 Misiti: Impossibilità di accesso alla banda larga per i cittadini del comune di Campana (Cosenza).

Augusto DI STANISLAO (IdV) illustra i contenuti dell'interrogazione in titolo, sollecitando un intervento del Ministro per tutelare i diritti personali e professionali dei cittadini del comune di Campana, che si trovano gravemente penalizzati dall'impossibilità di disporre della banda larga.

Il sottosegretario Paolo ROMANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 7).

Augusto DI STANISLAO (IdV), replicando, apprezza la disponibilità del Governo a risolvere il problema. Tuttavia ribadisce la perplessità su interventi di realizzazione delle reti elettroniche condotti «a macchia di leopardo», con l'effetto di lasciare del tutto scoperte aree significative, penalizzando i cittadini e le imprese di quei territori. Pur non potendosi dichiarare completamente soddisfatto, auspica peraltro che le date indicate nella risposta siano rispettate, in modo da assicurare anche ai cittadini del comune di Campana l'accesso alla banda larga.

5-01080 Montagnoli: Apertura di un nuovo ufficio postale nel comune di Bussolengo (Verona).

Alessandro MONTAGNOLI (LNP), illustra l'interrogazione in titolo. Osserva che il comune di Bussolengo, una realtà importante e in espansione della provincia di Verona, si trova ad avere un solo ufficio postale di dimensioni inadeguate. Per questo sollecita il Governo ad attivarsi per la realizzazione di un nuovo ufficio postale.

Il sottosegretario Paolo ROMANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 8).


Pag. 146

Alessandro MONTAGNOLI (LNP), replicando, ritiene importante aver sollevato il problema. Sottolinea che l'espansione della popolazione del comune, i flussi turistici, la vicinanza a importanti centri imprenditoriali giustificano un nuovo ufficio postale. Auspica pertanto che la richiesta possa avere una risposta positiva, osservando peraltro che le ripetute sollecitazioni inviate in passato a Poste Italiane non hanno neppure ricevuto risposta.

5-01081 Proietti Cosimi: Liquidazioni a dirigenti di Poste Italiane SpA.

Silvano MOFFA (PdL), illustra l'interrogazione in titolo. Ricorda che analoga interrogazione è stata presentata anche dal collega Foti. Segnala che pare che siano state erogate da Poste Italiane a propri dirigenti liquidazioni di ammontare molto ingente e ritiene che sarebbe opportuno conoscere sia l'entità delle liquidazioni, sia i nomi dei beneficiari.

Il sottosegretario Paolo ROMANI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 9).

Silvano MOFFA (PdL) ritiene che la risposta, fornita in termini generali, non sia soddisfacente. Osserva infatti che era interesse dei proponenti conoscere i nomi di coloro che hanno percepito le liquidazioni in questione e l'entità delle stesse, con particolare riferimento alla liquidazione del dottor Massimo Bragazzi. Sottolinea infatti che fondamentali esigenze di trasparenza dovrebbero indurre a rendere pubblico l'elenco dei dirigenti che hanno ricevuto liquidazioni da una società interamente posseduta dallo Stato e l'ammontare di tali liquidazioni.

Mario VALDUCCI, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni a risposta immediata all'ordine del giorno.

La seduta termina alle 12.45.

AVVERTENZA

Il seguente punto all'ordine del giorno non è stato trattati:

INTERROGAZIONI A RISPOSTA IMMEDIATA

5-01078 Drago: Mantenimento dell'operatività pomeridiana dell'ufficio postale di San Marco in Lamis (Foggia).