XVII Legislatura

Commissione parlamentare di inchiesta sulla morte del militare Emanuele Scieri

Resoconto stenografico



Seduta n. 46 di Lunedì 30 gennaio 2017

INDICE

Sulla pubblicità dei lavori:
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 

Audizione di militari in servizio all'epoca di Emanuele Scieri:
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 3 
Amoddio Sofia , Presidente ... 3 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 4 
Ceci Daniele  ... 4 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 5 
Ceci Daniele  ... 5 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 6 
Ceci Daniele  ... 6 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 7 
Ceci Daniele  ... 7 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 8 
Amoddio Sofia , Presidente ... 8 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 9 
Ceci Daniele  ... 9 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Amoddio Sofia , Presidente ... 10 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 10 
Ceci Daniele  ... 10 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 11 
Ceci Daniele  ... 11 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Amoddio Sofia , Presidente ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 12 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 12 
Ceci Daniele  ... 13 
Amoddio Sofia , Presidente ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 13 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 13 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 14 
Ceci Daniele  ... 14 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Ceci Daniele  ... 15 
Amoddio Sofia , Presidente ... 15 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 15 
Ceci Daniele  ... 16 
Amoddio Sofia , Presidente ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Amoddio Sofia , Presidente ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Amoddio Sofia , Presidente ... 16 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 16 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 16 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Amoddio Sofia , Presidente ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 17 
Ceci Daniele  ... 17 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Amoddio Sofia , Presidente ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 18 
Ceci Daniele  ... 18 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 19 
Ceci Daniele  ... 19 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 20 
Ceci Daniele  ... 20 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Amoddio Sofia , Presidente ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 21 
Ceci Daniele  ... 21 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 22 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 22 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 23 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 23 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 24 
Ceci Daniele  ... 24 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Amoddio Sofia , Presidente ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Amoddio Sofia , Presidente ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Amoddio Sofia , Presidente ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 25 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 25 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 26 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 26 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 27 
Ceci Daniele  ... 27 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 28 
Ceci Daniele  ... 28 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 29 
Ceci Daniele  ... 29 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 30 
Ceci Daniele  ... 30 
Amoddio Sofia , Presidente ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Amoddio Sofia , Presidente ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 31 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 31 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 32 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 32 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 33 
Ceci Daniele  ... 33 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 34 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 34 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 35 
Amoddio Sofia , Presidente ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Amoddio Sofia , Presidente ... 35 
Ceci Daniele  ... 35 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 36 
Amoddio Sofia , Presidente ... 36 
Ceci Daniele  ... 37 
Amoddio Sofia , Presidente ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 37 
Palma Giovanna (PD)  ... 37 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 38 
Ceci Daniele  ... 38 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 39 
Palma Giovanna (PD)  ... 39 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Palma Giovanna (PD)  ... 40 
Amoddio Sofia , Presidente ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 40 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 40 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Amoddio Sofia , Presidente ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Amoddio Sofia , Presidente ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Amoddio Sofia , Presidente ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Amoddio Sofia , Presidente ... 41 
Ceci Daniele  ... 41 
Amoddio Sofia , Presidente ... 41 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 42 
Ceci Daniele  ... 42 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 43 
Amoddio Sofia , Presidente ... 43 
Ceci Daniele  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 44 
Celentano Enrico  ... 44 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 45 
Amoddio Sofia , Presidente ... 45 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 46 
Celentano Enrico  ... 46 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 47 
Celentano Enrico  ... 47 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 48 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 48 
Amoddio Sofia , Presidente ... 48 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 49 
Amoddio Sofia , Presidente ... 49 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 50 
Celentano Enrico  ... 50 
Amoddio Sofia , Presidente ... 51 
Celentano Enrico  ... 51 
Amoddio Sofia , Presidente ... 51 
Celentano Enrico  ... 51 
Amoddio Sofia , Presidente ... 51 
Celentano Enrico  ... 51 
Amoddio Sofia , Presidente ... 51 
Celentano Enrico  ... 52 
Amoddio Sofia , Presidente ... 52 
Celentano Enrico  ... 52 
Amoddio Sofia , Presidente ... 52 
Celentano Enrico  ... 52 
Amoddio Sofia , Presidente ... 52 
Celentano Enrico  ... 53 
Amoddio Sofia , Presidente ... 53 
Celentano Enrico  ... 53 
Amoddio Sofia , Presidente ... 53 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 54 
Amoddio Sofia , Presidente ... 54 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Amoddio Sofia , Presidente ... 55 
Palma Giovanna (PD)  ... 55 
Celentano Enrico  ... 55 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Amoddio Sofia , Presidente ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Amoddio Sofia , Presidente ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Amoddio Sofia , Presidente ... 56 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Palma Giovanna (PD)  ... 56 
Amoddio Sofia , Presidente ... 56 
Celentano Enrico  ... 56 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Palma Giovanna (PD)  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Palma Giovanna (PD)  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 57 
Celentano Enrico  ... 57 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 58 
Celentano Enrico  ... 58 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 59 
Celentano Enrico  ... 59 
Amoddio Sofia , Presidente ... 60 
Celentano Enrico  ... 60 
Amoddio Sofia , Presidente ... 60 
Celentano Enrico  ... 60 
Palma Giovanna (PD)  ... 60 
Celentano Enrico  ... 60 
Amoddio Sofia , Presidente ... 60 
Celentano Enrico  ... 60 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Palma Giovanna (PD)  ... 61 
Celentano Enrico  ... 61 
Amoddio Sofia , Presidente ... 61 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 62 
Amoddio Sofia , Presidente ... 62 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 63 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 63 
Amoddio Sofia , Presidente ... 63 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Celentano Enrico  ... 64 
Amoddio Sofia , Presidente ... 64 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 64 
Celentano Enrico  ... 65 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 65 
Celentano Enrico  ... 65 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 65 
Amoddio Sofia , Presidente ... 65 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 66 
Celentano Enrico  ... 66 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 66 
Celentano Enrico  ... 66 
Palma Giovanna (PD)  ... 66 
Celentano Enrico  ... 66 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 66 
Celentano Enrico  ... 67 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 67 
Celentano Enrico  ... 67 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 67 
Celentano Enrico  ... 67 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 67 
Celentano Enrico  ... 67 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 67 
Celentano Enrico  ... 68 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 68 
Celentano Enrico  ... 68 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 68 
Celentano Enrico  ... 68 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 68 
Celentano Enrico  ... 68 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 68 
Celentano Enrico  ... 68 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 68 
Celentano Enrico  ... 69 
Zappulla Giuseppe (PD)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 69 
Amoddio Sofia , Presidente ... 69 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 69 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 69 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 69 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 69 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 69 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 70 
Celentano Enrico  ... 70 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Amoddio Sofia , Presidente ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 71 
Celentano Enrico  ... 71 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Amoddio Sofia , Presidente ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 72 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 72 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 73 
Celentano Enrico  ... 73 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 74 
Celentano Enrico  ... 74 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 74 
Palma Giovanna (PD)  ... 74 
Celentano Enrico  ... 74 
Palma Giovanna (PD)  ... 74 
Celentano Enrico  ... 74 
Palma Giovanna (PD)  ... 74 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 75 
Celentano Enrico  ... 75 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 76 
Palma Giovanna (PD)  ... 76 
Celentano Enrico  ... 77 
Palma Giovanna (PD)  ... 77 
Celentano Enrico  ... 77 
Amoddio Sofia , Presidente ... 77 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 77 
Celentano Enrico  ... 77 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 77 
Celentano Enrico  ... 77 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 77 
Celentano Enrico  ... 78 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 78 
Celentano Enrico  ... 78 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 78 
Celentano Enrico  ... 78 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 78 
Celentano Enrico  ... 78 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 78 
Celentano Enrico  ... 79 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 79 
Celentano Enrico  ... 79 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 79 
Celentano Enrico  ... 79 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 79 
Celentano Enrico  ... 79 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 79 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 80 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 80 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 81 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 81 
Celentano Enrico  ... 82 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 82 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 82 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 82 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 82 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 82 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 82 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 82 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Amoddio Sofia , Presidente ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Amoddio Sofia , Presidente ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 83 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 83 
Celentano Enrico  ... 84 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 84 
Palma Giovanna (PD)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Palma Giovanna (PD)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Palma Giovanna (PD)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Palma Giovanna (PD)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 84 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 84 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 85 
Celentano Enrico  ... 85 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 86 
Amoddio Sofia , Presidente ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Amoddio Sofia , Presidente ... 86 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Amoddio Sofia , Presidente ... 86 
Celentano Enrico  ... 86 
Amoddio Sofia , Presidente ... 86 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 87 
Amoddio Sofia , Presidente ... 87 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 88 
Amoddio Sofia , Presidente ... 88 
Celentano Enrico  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Palma Giovanna (PD)  ... 89 
Amoddio Sofia , Presidente ... 89 
Palma Giovanna (PD)  ... 89 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 89 
Celentano Enrico  ... 89 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 90 
Amoddio Sofia , Presidente ... 90 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 91 
Celentano Enrico  ... 91 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Celentano Enrico  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Celentano Enrico  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Celentano Enrico  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 92 
Cirneco Calogero  ... 92 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 93 
Cirneco Calogero  ... 93 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Amoddio Sofia , Presidente ... 94 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 94 
Celentano Enrico  ... 94 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 95 
Celentano Enrico  ... 95 
Amoddio Sofia , Presidente ... 95 
Cirneco Calogero  ... 95 
Amoddio Sofia , Presidente ... 95 
Cirneco Calogero  ... 95 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 96 
Cirneco Calogero  ... 96 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 97 
Amoddio Sofia , Presidente ... 97 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 98 
Cirneco Calogero  ... 98 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 99 
Amoddio Sofia , Presidente ... 99 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 100 
Amoddio Sofia , Presidente ... 100 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 101 
Amoddio Sofia , Presidente ... 101 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 102 
Cirneco Calogero  ... 102 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 103 
Cirneco Calogero  ... 103 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 104 
Cirneco Calogero  ... 104 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 105 
Amoddio Sofia , Presidente ... 105 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 106 
Amoddio Sofia , Presidente ... 106 
Cirneco Calogero  ... 107 
Amoddio Sofia , Presidente ... 107 
Cirneco Calogero  ... 107 
Amoddio Sofia , Presidente ... 107 
Cirneco Calogero  ... 107 
Amoddio Sofia , Presidente ... 107 
Cirneco Calogero  ... 107 
Amoddio Sofia , Presidente ... 107 
Cirneco Calogero  ... 108 
Amoddio Sofia , Presidente ... 108 
Cirneco Calogero  ... 108 
Amoddio Sofia , Presidente ... 108 
Cirneco Calogero  ... 108 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 108 
Cirneco Calogero  ... 108 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 108 
Cirneco Calogero  ... 108 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 108 
Cirneco Calogero  ... 108 
Amoddio Sofia , Presidente ... 108 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 109 
Cirneco Calogero  ... 109 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 110 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 110 
Cirneco Calogero  ... 111 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 111 
Cirneco Calogero  ... 111 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Amoddio Sofia , Presidente ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Amoddio Sofia , Presidente ... 112 
Cirneco Calogero  ... 112 
Amoddio Sofia , Presidente ... 112 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 113 
Cirneco Calogero  ... 113 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 114 
Cirneco Calogero  ... 114 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 115 
Amoddio Sofia , Presidente ... 115 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 116 
Amoddio Sofia , Presidente ... 116 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 117 
Amoddio Sofia , Presidente ... 117 
Cirneco Calogero  ... 118 
Amoddio Sofia , Presidente ... 118 
Cirneco Calogero  ... 118 
Palma Giovanna (PD)  ... 118 
Cirneco Calogero  ... 118 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 118 
Cirneco Calogero  ... 118 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 118 
Cirneco Calogero  ... 118 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 118 
Cirneco Calogero  ... 119 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 119 
Cirneco Calogero  ... 119 
Amoddio Sofia , Presidente ... 119 
Cirneco Calogero  ... 119 
Amoddio Sofia , Presidente ... 119 
Cirneco Calogero  ... 119 
Amoddio Sofia , Presidente ... 119 
Cirneco Calogero  ... 119 
Amoddio Sofia , Presidente ... 119 
Cirneco Calogero  ... 119 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 120 
Cirneco Calogero  ... 120 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 121 
Cirneco Calogero  ... 121 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Amoddio Sofia , Presidente ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 122 
Cirneco Calogero  ... 122 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 123 
Cirneco Calogero  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 123 
Amoddio Sofia , Presidente ... 123 
Ratti Emilio  ... 124 
Amoddio Sofia , Presidente ... 124 
Ratti Emilio  ... 124 
Amoddio Sofia , Presidente ... 124 
Ratti Emilio  ... 124 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 124 
Ratti Emilio  ... 124 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 124 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 125 
Ratti Emilio  ... 125 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 126 
Ratti Emilio  ... 126 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Amoddio Sofia , Presidente ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 127 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 127 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 128 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 128 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 129 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 129 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 130 
Ratti Emilio  ... 130 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 130 
Amoddio Sofia , Presidente ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Amoddio Sofia , Presidente ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Amoddio Sofia , Presidente ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Amoddio Sofia , Presidente ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Amoddio Sofia , Presidente ... 131 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 131 
Ratti Emilio  ... 131 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Amoddio Sofia , Presidente ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 132 
Ratti Emilio  ... 132 
Amoddio Sofia , Presidente ... 132 
Ratti Emilio  ... 133 
Amoddio Sofia , Presidente ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Amoddio Sofia , Presidente ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Amoddio Sofia , Presidente ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Amoddio Sofia , Presidente ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 133 
Ratti Emilio  ... 133 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Amoddio Sofia , Presidente ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 134 
Ratti Emilio  ... 134 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 135 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 135 
Ratti Emilio  ... 135 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Ratti Emilio  ... 136 
Amoddio Sofia , Presidente ... 136 
Ratti Emilio  ... 137 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 137 
Amoddio Sofia , Presidente ... 137 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 137 
Ratti Emilio  ... 137 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 137 
Ratti Emilio  ... 137 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 137 
Ratti Emilio  ... 137 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 137 
Ratti Emilio  ... 137 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 137 
Ratti Emilio  ... 137 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 138 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 138 
Ratti Emilio  ... 139 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Amoddio Sofia , Presidente ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 139 
Ratti Emilio  ... 139 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 140 
Ratti Emilio  ... 140 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Amoddio Sofia , Presidente ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 141 
Ratti Emilio  ... 141 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 141 
Ratti Emilio  ... 142 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 142 
Amoddio Sofia , Presidente ... 142 
Ratti Emilio  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Ratti Emilio  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Ratti Emilio  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Ratti Emilio  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 143 
Ratti Emilio  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Ratti Emilio  ... 143 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 143 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 143 
Amoddio Sofia , Presidente ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Amoddio Sofia , Presidente ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Amoddio Sofia , Presidente ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Amoddio Sofia , Presidente ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Amoddio Sofia , Presidente ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Prestigiacomo Stefania (FI-PdL)  ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 144 
Ratti Emilio  ... 144 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Baroni Massimo Enrico (M5S)  ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145 
Ratti Emilio  ... 145 
Amoddio Sofia , Presidente ... 145

Testo del resoconto stenografico
Pag. 3

PRESIDENZA DELLA PRESIDENTE SOFIA AMODDIO

  La seduta comincia alle 15.

Sulla pubblicità dei lavori.

  PRESIDENTE. Se non vi sono obiezioni, i processi verbali delle sedute precedenti si intendono approvati. Apprezzate le circostanze, avverto che la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata mediante la trasmissione web-TV della Camera dei deputati.

Audizione di militari in servizio all'epoca di Emanuele Scieri.

  PRESIDENTE. L'ordine del giorno reca l'audizione dei generali Enrico Celentano e Calogero Cirneco, del colonnello Emilio Ratti e del signor Daniele Ceci.
  Ricordo che, apprezzate le circostanze, sarà comunque possibile proseguire l'audizione in seduta segreta, ove se ne ravvisi la necessità.
  Do quindi la parola al signor Daniele Ceci, ringraziando tutti nuovamente per aver accettato il nostro invito. Iniziamo con l'ex militare, l'allora caporale, Ceci Daniele, nato a Novafeltria il 4 febbraio 1980.
  Signor Ceci, intanto la ringraziamo di essere venuto appositamente presso la Commissione di inchiesta. Lei sa di che cosa ci stiamo occupando ?

  DANIELE CECI. Sì, ho letto l'argomento quando mi avete mandato il...

  PRESIDENTE. Sì. Noi stiamo indagando sulla morte di Emanuele Scieri nel 1999. Lei all'epoca era caporale presso la caserma Gamerra ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Ricorda come arrivò il 7o scaglione da Firenze ? Come venne radunato ? Che cosa fecero ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo questo. Non me lo ricordo.

  PRESIDENTE. Ma ricorda che lei è stato sentito dai Carabinieri di Toscana almeno una volta ?

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì. Ma quando ?

  PRESIDENTE. Nel 1999.

  DANIELE CECI. Quando ero ancora militare ?

  PRESIDENTE. Certo, certo.

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì.

  PRESIDENTE. Lei oggi è ancora militare ?

  DANIELE CECI. No.

  PRESIDENTE. No. Cosa fa ? Di cosa si occupa ?

  DANIELE CECI. Faccio l'operaio. Faccio i frigo, i frigoriferi.

  PRESIDENTE. Frigoriferi. Ha famiglia ? È sposato ?

  DANIELE CECI. Accompagnato.

  PRESIDENTE. Ha figli ?

Pag. 4

  DANIELE CECI. Un figlio.

  PRESIDENTE. Senta, ma lei per quanto tempo è stato alla caserma Gamerra ?

  DANIELE CECI. Quanto durava la leva militare.

  PRESIDENTE. Quindi, dieci mesi.

  DANIELE CECI. Sì, dieci mesi.

  PRESIDENTE. Aveva scelto lei di andare nei paracadutisti ?

  DANIELE CECI. Sì, sì.

  PRESIDENTE. Come è stata la sua esperienza dentro la caserma ? Ci racconti quello che sa di questi fatti, quello che ricorda, quello che ha sentito dire, come è stata la sua esperienza dentro la Gamerra.

  DANIELE CECI. Adesso, così su due piedi... Come esperienza, posso parlare dei lanci. È stata una bella esperienza, quella. Me lo ricordo bene il primo lancio, però, per il resto...

  PRESIDENTE. Cosa ricorda di quel periodo ?

  DANIELE CECI. Boh, non so cosa... Boh, non so cosa... Non lo so. Ricordo un po’ anche una noia comunque di star fuori per dieci mesi. Io stavo molto bene a casa.

  PRESIDENTE. A che cosa è stato adibito in questi dieci mesi ? Che cosa ha fatto all'interno della caserma per dieci mesi ?

  DANIELE CECI. Ero in questo magazzino.

  PRESIDENTE. In quale magazzino ?

  DANIELE CECI. Quello che ha detto lei che si chiamava... me l'ha ricordato lei, insomma, io non mi ricordavo.

  PRESIDENTE. Come si chiamava, il magazzino del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Esatto, sì.

  PRESIDENTE. Cosa c'era in questo magazzino ? Ci faccia vivere la caserma.

  DANIELE CECI. Davamo lenzuoli e coperte...

  PRESIDENTE. Per chi ? Per tutta la Gamerra ?

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra di sì. Per tutto lo stabile. Mi sembra di sì.

  PRESIDENTE. Quante persone c'erano alla caserma Gamerra, all'epoca ?

  DANIELE CECI. Non lo so.

  PRESIDENTE. 100, 200, 3.000, 1.000 ?

  DANIELE CECI. Non ho idea. Forse 1.000 o meno di 1.000.

  PRESIDENTE. In questo magazzino cosa c'era ? C'erano le lenzuola per tutti i paracadutisti ?

  DANIELE CECI. Per tutti... boh, non me lo ricordo. Non mi ricordo. Non mi ricordo.

  PRESIDENTE. Non si ricorda cosa c'era dentro il magazzino del casermaggio dove lei è stato addetto ?

  DANIELE CECI. No. Mi sembra di ricordare che comunque davamo lenzuola e coperte, mi sembra, però, adesso che mi ha messo un po’ il dubbio, non mi ricordo se era per tutta la caserma...

  PRESIDENTE. Lei è stato dieci mesi lì al magazzino del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Meno, perché i primi giorni eravamo da un'altra parte. Meno di dieci mesi.

Pag. 5

  PRESIDENTE. Quanti mesi, più o meno ? Non vogliamo saperlo alla lettera.

  DANIELE CECI. Sette mesi.

  PRESIDENTE. Sette mesi. Sette mesi al magazzino del casermaggio.

  DANIELE CECI. Mi sembra, eh. Non vorrei dire...

  PRESIDENTE. Era da solo ? Si dava i turni con qualcuno ?

  DANIELE CECI. No, di solito eravamo in due.

  PRESIDENTE. Con chi era ?

  DANIELE CECI. Con quel ragazzo che ha detto prima, però mi sembra... Sì, sì, ero con quel ragazzo lì.

  PRESIDENTE. Con chi ? Con Ioanna ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Di dov'era Ioanna ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo.

  PRESIDENTE. Non si ricorda di dov'era Ioanna. Si ricorda come si chiama Ioanna ?

  DANIELE CECI. Sì, perché me l'ha detto lei prima.

  PRESIDENTE. Come si chiama Ioanna ?

  DANIELE CECI. Ah, Ioanna.

  PRESIDENTE. Di nome, di nome.

  DANIELE CECI. Di nome...

  PRESIDENTE. Stefano. È possibile ?

  DANIELE CECI. Mi sembra. Me l'ha detto prima.

  PRESIDENTE. Di dov'era Ioanna ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo di dov'era.

  PRESIDENTE. Allora come si svolgeva la vita all'interno del magazzino di casermaggio ? Cosa facevate con Ioanna ?

  DANIELE CECI. Niente, stavamo lì e chiacchieravamo.

  PRESIDENTE. Non facevate i lanci ? Non facevate l'addestramento la mattina ? Non facevate la corsa ?

  DANIELE CECI. La corsa per cosa, scusi ?

  PRESIDENTE. Scusi, nella caserma Gamerra ci si addestrava. Ci si addestrava per fare i paracadutisti.

  DANIELE CECI. Ah, sì. Sì, mi sembra di sì.

  PRESIDENTE. Lei partecipava agli addestramenti o stava sempre in magazzino ? Questo le ho chiesto.

  DANIELE CECI. No, partecipavo agli addestramenti. Mi capitava poi, mi sembra, di andare a fare anche i lanci. Adesso non mi ricordo quanti ne ho fatti.

  PRESIDENTE. Guardi, la prego di fare uno sforzo di memoria. Le ho chiesto: ci racconti a ruota libera che cosa faceva e di che cosa si occupava...

  DANIELE CECI. Signori, sono passati quasi vent'anni...

  PRESIDENTE. Ho capito, sono passati vent'anni, ma è sempre un anno di militare. Le sto chiedendo... Noi non c'eravamo noi. Non l'abbiamo fatto il militare...

  DANIELE CECI. Ho capito, ma io...

Pag. 6

  PRESIDENTE. Le sto chiedendo che cosa ricorda di quel periodo anche in relazione alla morte di Scieri, perché di questo noi vogliamo sapere.

  DANIELE CECI. Io non so proprio cosa dirle, cosa facevamo.

  PRESIDENTE. L'ha visto arrivare il 7o scaglione 1999, che è lo scaglione di Scieri da Firenze ? Li ha visti arrivare ?

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì. Mi sembra. Mi sembra di sì, perché comunque, appena arrivava uno scaglione nuovo, venivano accompagnati...

  PRESIDENTE. Ecco, bravo, ci racconti cosa succedeva appena arrivava uno scaglione nuovo, così cominciamo...

  DANIELE CECI. Posso dire, mi sembra, che comunque arrivavano lì in magazzino da me, accompagnati non so da chi, dai caporali, o chi erano. Non so il nome e cognome, comunque gli davo...

  PRESIDENTE. Il cubo.

  DANIELE CECI. Il cubo.

  PRESIDENTE. Bene. Me lo ricordo io, che non ho fatto il militare.

  DANIELE CECI. Non me lo ricordavo.

  PRESIDENTE. Che cos'era il cubo ?

  DANIELE CECI. Faceva parte delle lenzuola, coperta e cuscino.

  PRESIDENTE. Quindi, arrivavano gli scaglioni dal CAR, giusto ? E lei consegnava loro il cubo.

  DANIELE CECI. Sì. Quello l'ho fatto anch'io, sì.

  PRESIDENTE. Sì. E poi che cosa succedeva ?

  DANIELE CECI. Poi li portavano nelle stanze. Li portavano nelle stanze.

  PRESIDENTE. E a che ora arrivavano, più o meno ?

  DANIELE CECI. Adesso...

  PRESIDENTE. Guardi, adesso le mostro un verbale da lei firmato. Lei in tre minuti lo legge e mi dice se l'ha firmato lei, dato che non ricorda niente, e poi così proseguiamo.

  DANIELE CECI. Sì, sì, la firma è la mia. Lo devo leggere tutto ?

  PRESIDENTE. Dato che non ricorda niente, gli dia un'occhiata, così proseguiamo con le domande.

  DANIELE CECI. No, vabbè... Non... sì, sì, questo... La firma è la mia. Adesso, se ho detto questi qui...

  PRESIDENTE. Se lo ricorda ? Si ricorda che è stato interrogato ?

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra...

  PRESIDENTE. La firma è la sua. Perché dice «mi sembra» ? Le ho fatto vedere un verbale in cui lei è stato interrogato.

  DANIELE CECI. La firma è la mia sicuramente.

  PRESIDENTE. Il 15 settembre 1999 è stato interrogato.
  Riprendiamo da dove abbiamo lasciato. Quindi, quando arrivano gli scaglioni, lei consegna – giusto ? – il cubo. Consegna tutto ciò che riguarda le vettovaglie per fare il letto. Perfetto. Quel giorno ricorda che era arrivato il 7o scaglione 1999, tra cui c'era Scieri Emanuele ? L'ha dichiarato allora.

  DANIELE CECI. No. Dichiarato vuol dire che è arrivato lo scaglione di Scieri. Dichiarato, sì, vuol dire... sì.

Pag. 7

  PRESIDENTE. «Ho consegnato alle 14.30 le lenzuola e i cubi a quelli del 7o scaglione, che erano appena arrivati e in mezzo ai quali vi era Scieri Emanuele». Conferma ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Sì, benissimo. «Io mi ricordo di Scieri Emanuele, perché lui mise la firma nel registro». Lei ha detto delle cose ben precise. Si ricorda ?

  DANIELE CECI. All'epoca sì, era appena successo. Adesso...

  PRESIDENTE. Poiché poi Scieri Emanuele è stato ucciso, è stato trovato sotto una torretta... Lei se lo ricorda Scieri Emanuele, adesso ? È un fatto raro. Non è un fatto che accade tutti i giorni che all'interno della caserma si trovi un defunto, un corpo sotto una torretta, di fronte a dove lei svolgeva servizio al casermaggio. Ci dica tutto quello che si ricorda di quella giornata quando è stato ritrovato il corpo di Scieri. Anche dopo averlo letto ci dica quello che si ricorda.

  DANIELE CECI. Io ho letto adesso lì, come ho detto. Come ho detto lì...

  PRESIDENTE. Cos’è successo la mattina del ritrovamento ? Ce lo racconti.

  DANIELE CECI. Nel pomeriggio ho letto.

  PRESIDENTE. Pomeriggio, va bene.

  DANIELE CECI. Nel pomeriggio, mi sembra. Quello che ho detto lì.

  PRESIDENTE. Sì, ma lo deve dire davanti a noi. Lo deve ripetere davanti a noi.

  DANIELE CECI. Sì, ripeto quello che ho letto lì, sul foglio. Come c’è scritto lì, andavo...

  PRESIDENTE. Ma se lo ricorda, adesso ? Non è che un ragazzo muoia tutti i giorni dentro la caserma. Cerchi di fare uno sforzo, la prego.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non è che si veda a un metro e mezzo tutti i giorni.

  DANIELE CECI. Sono d'accordo.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Lei l'ha visto a un metro e mezzo il cadavere di Emanuele Scieri, che aveva conosciuto precedentemente ?

  DANIELE CECI. Sì. No, conosciuto non l'avevo conosciuto, a parte avergli dato la vestizione e quello che gli avevo dato. Non l'ho conosciuto.

  PRESIDENTE. Va bene, allora ricominciamo da zero. Cerchi di fare uno sforzo di memoria, perché un ragazzo non muore tutti i giorni dentro una caserma. Torniamo indietro nel tempo e ci racconti che cosa ha fatto quel giorno. Non è un'accusa a lei, che sia chiaro, però noi abbiamo bisogno di sapere da lei oggi che cosa è avvenuto durante il ritrovamento di Scieri.

  DANIELE CECI. Durante il ritrovamento ?

  PRESIDENTE. Sì, certo. Lei era lì, al casermaggio.

  DANIELE CECI. Sì, sì. Mi sembra di ricordare comunque che, come ho detto lì, avevo fatto tardi. Non mi ricordo il perché avevo fatto tardi. Poteva capitare. Andando verso il casermaggio, c'erano questi ragazzi, che erano i piantoni che venivano lì da me, che correvano e mi hanno detto che avevano trovato un ragazzo.
  Siamo andati lì, abbiamo visto e abbiamo chiamato chi dovevamo chiamare. Adesso non mi ricordo chi abbiamo chiamato. Tutto lì. Non abbiamo toccato niente perché... ci mancherebbe. A me sembra di ricordare queste cose qui, mi sembra di ricordare.

Pag. 8

  PRESIDENTE. Lei il 16 agosto era caporale, giusto ? Era in servizio presso il magazzino. Aveva anche, quindi, degli allievi sotto di lei, dei paracadutisti, delle nuove reclute, delle giovani reclute. Dava degli ordini a queste giovani reclute ?

  DANIELE CECI. Sì, c'era...

  PRESIDENTE. Che ordini ha dato il 16 agosto ?

  DANIELE CECI. Per fare le pulizie.

  PRESIDENTE. Per fare le pulizie dove ?

  DANIELE CECI. Dentro il magazzino. Dentro il magazzino. Non di certo fuori. Dentro il magazzino.

  PRESIDENTE. Dentro il magazzino. Perché, cosa c'era da pulire dentro il magazzino ?

  DANIELE CECI. Poi sicuramente non sono stato...

  PRESIDENTE. Ascolti, cosa c'era da pulire dentro il magazzino di casermaggio dove stavate lei e Ioanna ?

  DANIELE CECI. C'era sempre un po’ di casino, così si puliva comunque dopo...

  PRESIDENTE. Quando dovevano pulire ?

  DANIELE CECI. Forse è stato al pomeriggio o alla mattina. Al pomeriggio no. Mi sembra di ricordare neanche... Boh, non mi ricordo. Non mi ricordo.

  PRESIDENTE. Se l'ha appena letto il verbale. Adesso l'ha letto.

  DANIELE CECI. Sì, però le pulizie...

  PRESIDENTE. L'ha letto appena adesso il verbale.

  DANIELE CECI. Sì, però...

  PRESIDENTE. Guardi, glielo leggo io: «Lunedì 16 agosto alle 8.30 sono passato dal magazzino delle lenzuola per prelevare le chiavi di un altro locale che avevo in carico di far pulire. Ero coadiuvato da quattro piantoni del 7o scaglione 1999». Il 7o scaglione 1999 erano tutti piantoni che erano arrivati quel giorno 13 con Emanuele Scieri. Se lo ricorda questo ?

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra di sì, sì. Capitava che, per quello che ricordo, mi sembra che persone che non facevano il corso di paracadutismo le mettevano, mi sembra, a fare certi lavori – ha capito ? – come pulire e fare queste cose qui. Chi non faceva il corso, chi non era idoneo. Adesso non mi ricordo.

  PRESIDENTE. «Siamo stati impegnati tutta la mattina. Quindi, finite le relative pulizie, siamo ritornati presso il magazzino».

  DANIELE CECI. Mah, le pulizie penso che le facevamo...

  PRESIDENTE. Scusi, le sto leggendo quello che ha detto lei. «Quindi, finite le relative pulizie, non siamo tornati al magazzino e siamo andati direttamente a mangiare». Questo la mattina. «Saremmo dovuti rientrare al magazzino lenzuola dopo l'adunata pomeridiana, che solitamente viene fatta alle 13.30. Nel pomeriggio stavo andando ad aprire il magazzino verso le 14.15. Ero in leggero ritardo perché il capitano aveva tenuto un'adunata. Infatti, solitamente il magazzino apre alle 14».
  Lei alle 14.15 era in ritardo. Che cosa succede, dato che lei era in ritardo ? Questi ragazzi a cui lei aveva ordinato di pulire il magazzino l'aspettavano ? Che cos’è successo ?

  DANIELE CECI. Penso che mi aspettavano.

  PRESIDENTE. Che cosa è successo ? Poi, quando lei è arrivato, che cosa ha visto ?

Pag. 9

  DANIELE CECI. Mi sembra che mi sono corsi... correvano, dicendomi che avevano trovato questo ragazzo.

  PRESIDENTE. Quando lei è arrivato, c'erano già i Carabinieri ?

  DANIELE CECI. No, mi sembra di no. Mi sembra di no. I Carabinieri mi sembra che li hanno chiamati... Cioè, io dopo ho chiamato i superiori, che dopo hanno fatto... Penso che li hanno chiamati loro dopo i Carabinieri.

  PRESIDENTE. È venuto il caporale della prima compagnia ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo questo.

  PRESIDENTE. Il caporale Simula è venuto ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo.

  PRESIDENTE. Allora glielo ricordo io. Lei dice nel verbale: «C'era sicuramente Simula della prima compagnia. Vi erano altri militari, ma non ricordo chi fossero». Quanta gente c'era, quando lei è arrivato ? 10, 20, 100 persone ? Quanta gente c'era ?

  DANIELE CECI. Non lo so.

  PRESIDENTE. C'erano solamente i militari a cui lei aveva ordinato di fare le pulizie, o c'era anche altra gente ?

  DANIELE CECI. Mi sembra che c'erano solo loro. Loro mi hanno... Io andavo giù per la strada, per il cortile. Loro non so se erano tutti e quattro che sono venuti su, o solo due o uno. Non me lo ricordo questo. Mi sono venuti incontro correndo, mi sembra correndo, e mi hanno detto: «Guarda, è successo questo e questo».
  Io sono andato a chiamare subito – non mi ricordo – qualcuno più alto in grado di me. Non mi ricordo chi adesso sono andato a chiamare, però sicuramente sono andato a chiamare qualcuno non della loro compagnia, ma della mia compagnia. Non mi ricordo, però, chi.

  PRESIDENTE. Qual era la sua compagnia ?

  DANIELE CECI. La mia era la terza compagnia, la compagnia corsi speciali, la terza compagnia, mi sembra.

  PRESIDENTE. Ci vuole dire il magazzino di casermaggio rispetto alla torre dove è stato trovato il corpo di Scieri dove si trovava ?

  DANIELE CECI. Qui c’è l'entrata. Dieci metri più avanti, più o meno. Più o meno. Adesso bene non... diciamo più avanti...

  PRESIDENTE. Si può dire che l'entrata del magazzino di casermaggio sia proprio di fronte alla torre, di fronte alla scala sotto la quale è stato trovato il corpo di Scieri ?

  DANIELE CECI. Mi sembra adesso che la porta sia qui e la scala era più in là.

  PRESIDENTE. Ma più in là di fronte ?

  DANIELE CECI. Sì, di fronte, però più...

  PRESIDENTE. Più spostata a sinistra.

  DANIELE CECI. Più spostata a sinistra.

  PRESIDENTE. Sì. Senta, il magazzino di casermaggio era tutti i giorni frequentato e tutti i giorni aperto, no ?

  DANIELE CECI. Tutti i giorni, sì, sì.

  PRESIDENTE. Sì o no ?

  DANIELE CECI. Sì. Non mi ricordo quando si andava a fare i lanci chi ci stava. Non me lo ricordo se era chiuso o era aperto. Quello non me lo ricordo.

Pag. 10

  PRESIDENTE. Non si ricorda gli orari del magazzino di casermaggio ?

  DANIELE CECI. No, non me li ricordo.

  PRESIDENTE. Il magazzino di casermaggio a noi risulta da fonti certe che fosse aperto mattina e pomeriggio costantemente a orari ben precisi.

  DANIELE CECI. Gli orari... Sì, ma adesso gli orari non me li ricordo.

  PRESIDENTE. Questa è un'opinione che le chiedo: come se lo spiega che il magazzino di casermaggio, frequentatissimo da lei e da Ioanna, di fronte al quale si verifica un fatto simile, nessuno se ne sia accorto ?

  DANIELE CECI. In che senso ? Che si sia accorto che c'era qualcuno... ?

  PRESIDENTE. Certo.

  DANIELE CECI. Mi sembra che lì davanti però c'era anche qualcos'altro, non so, dei tavoli. Non mi ricordo bene cos'era. Quindi, era un punto un po’ nascosto. Mi sembra, eh, non vorrei dire delle cavolate.

  PRESIDENTE. Ma lei dice sempre «mi sembra» perché non vuole dire cavolate, o perché non si ricorda, scusi ? Le abbiamo chiesto di fare uno sforzo. Non si può iniziare ogni frase con «mi sembra».

  DANIELE CECI. Ci mancherebbe altro, però io non posso dire...

  PRESIDENTE. Lei dice «mi sembra» anche sul magazzino di casermaggio, quando è un magazzino dove lei è stato dieci mesi.

  DANIELE CECI. Signora, sono passati quasi vent'anni.

  PRESIDENTE. Ho capito, ma se sto dieci mesi in un posto, io me lo ricordo il posto, anche se sono passati cinquant'anni.

  DANIELE CECI. Io no.

  PRESIDENTE. Mi sembra il magazzino di casermaggio, mi sembra...

  DANIELE CECI. Non le posso dire «Sì, c'era ancora». Non me lo ricordo bene. Non me lo ricordo. Io non voglio dire una cosa per un'altra.

  PRESIDENTE. Onorevole Prestigiacomo, prego.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Buonasera.

  DANIELE CECI. Buonasera.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Perché lei è così spaventato ? Nessuno la sta accusando di nulla. Stiamo cercando di risalire a ciò che è accaduto quel giorno, in quei giorni, e la sua testimonianza può essere importante per ricostruire un mosaico anche di relazioni e di rapporti. Quindi, noi ci aspettiamo da lei, come dai suoi commilitoni che sono venuti... Tanti hanno collaborato e hanno dato informazioni importanti. Lo stesso Ioanna ha detto tante cose...

  DANIELE CECI. Ci mancherebbe.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ci aspettiamo che anche lei ci dia una mano d'aiuto. Nessuno la sta accusando di niente.

  DANIELE CECI. No, però sono delle cose che io non mi ricordo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sì, ma non è che non si ricorda. Forse non se le vuole ricordare, perché non è che noi le stiamo facendo delle domande di dettaglio. Lei ha trascorso dieci mesi in una caserma dove un ragazzo ha perso la vita in circostanze ancora non chiare. Io penso che, poiché lei è comunque una persona umana e sensibile...

  DANIELE CECI. Ci mancherebbe.

Pag. 11

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ...sarà rimasto scioccato, scosso, impressionato...

  DANIELE CECI. Eh, sì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Quindi, sicuramente di questo episodio avrà parlato con i suoi commilitoni. È qualcosa che ha segnato la sua gioventù, perché lei non ha trascorso dieci mesi in serenità. Un episodio del genere è un episodio che lascia un segno.
  Noi le stiamo facendo delle domande che possono aiutare la Commissione a fare chiarezza e ad avere qualche elemento in più. Tanti elementi noi già li abbiamo. Quindi, anche lei non è che faccia proprio una gran bella figura nel chiudersi a riccio in questo «non ricordo», perché tanti suoi commilitoni che lei ha conosciuto, vicini a lei, hanno detto tante cose.
  Nessuno la sta accusando di niente. La presidente le ha fatto delle domande, tra l'altro, su dichiarazioni che ha rilasciato lei, controfirmate. Lei ha paura. Non deve avere paura. Qui nessuno la sta accusando di nulla.

  DANIELE CECI. No, signora, mi scusi. Io non è che ho paura. Ho paura di dire una cavolata. È quello.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma lei se dice una cavolata, perché magari uno può dire una cosa imprecisa, stia tranquillo che noi lo capiamo che è una cavolata dovuta... Non deve avere paura. Provi a fare uno sforzo. Tutto quello che lei dice comunque va verificato e riscontrato. Lei deve rendere delle dichiarazioni su quello che ricorda. Senz'altro ci sono fatti importanti che sono accaduti nella caserma.
  Per esempio, le dico una cosa. Ioanna era un tipetto particolare. Non era un ragazzo tanto tranquillo. È stato con lei al magazzino per tanto tempo. Lei se lo ricorda che era un tipetto particolare Ioanna ?

  DANIELE CECI. Particolare in che senso ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Faceva uso di sostanze stupefacenti. Lui le ha dichiarate queste cose. È venuto qui e ha raccontato la sua esperienza dopo tanti anni, dicendo la verità. Era un po’ un ragazzo... Non solo faceva uso personale di stupefacenti, ma riforniva anche i commilitoni. L'ha dichiarato.
  È stato anche per questo più volte messo in situazioni delicate. La portava da casa...

  DANIELE CECI. Dove ? In caserma è stato messo ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Se ne approvvigionava a Pisa. La portava da casa quando andava in licenza. Ha raccontato tante cose. Lei se lo ricorda che Ioanna era un tipo particolare ?

  DANIELE CECI. Si faceva qualche canna, quello forse.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Però la dava anche agli amici. La portava da casa. Aveva un canale per cui ne portava parecchia e la dava. Adesso io non le voglio chiedere...

  DANIELE CECI. Questo proprio non...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Guardi che fumarsi una canna non è un reato.

  DANIELE CECI. No, no, per carità, anzi, guardi, con tutta la robaccia che... a fumarsi una canna non succede niente di male. Non è quello lì. Adesso, però, io non mi ricordo se riforniva quello...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Anche se dentro la caserma non si dovrebbe fare. Tuttavia...

  DANIELE CECI. Va bene, però...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Tuttavia...

  DANIELE CECI. Penso che ci sono sempre state queste cose.

Pag. 12

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ci sono sempre state. Ma lei... diciamo... che tipo era lei ? Come viveva il fatto che Ioanna faceva quest'attività ? Un po’ la imbarazzava ? Lo copriva ? Comunque era lui che faceva quest'attività di rifornimento. Un po’ la imbarazzava, perché è chiaro che se ne accorgeva e aveva paura anche lei di essere beccato. Anche lei all'epoca era giovane e, quindi, magari era un po’ più spavaldo.
  Ci racconti... Ci racconti quello... Non può avere dimenticato queste cose, capisce ? Alcuni dettagli lei li può anche avere dimenticati e noi le crediamo, ma se lei ci dice che non si ricorda proprio niente di niente di niente di niente, allora noi pensiamo che lei non voglia collaborare.

  DANIELE CECI. No, no, ci mancherebbe altro. Adesso di Ioanna se, come dice lei, la vendeva o la spacciava, questo non me lo ricordo, proprio questo qui.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma come non se lo ricorda ? Su, dai...

  DANIELE CECI. Adesso non me lo ricordo. Mi sembra di aver fumato in occasione qualche canna anch'io, all'epoca...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. E gliela passava pure lui, no ?

  DANIELE CECI. Sì, sì. Infatti, l'ho pure detto.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. A volte chiudeva e dormiva. Avevate la televisione. Voi avevate la televisione. Avevate questo trattamento per cui potevate vedere la televisione.

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra che avevamo anche la TV.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ha visto, noi sappiamo tante cose. La televisione non ce l'avevano tutti. Quindi, voi avevate un trattamento un pochino privilegiato.

  DANIELE CECI. Era lì. Non so se era privilegiato o no. Avevamo anche lo stereo, se è per quello, mi sembra.

  PRESIDENTE. L'onorevole Prestigiacomo le ha fatto...

  MASSIMO ENRICO BARONI. L’«Amiga».

  DANIELE CECI. Come, l'amica ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. L’«Amiga».

  DANIELE CECI. L’«Amiga» cosa sarebbe ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. L’«Amiga» andava molto di moda in quel periodo lì. Era una consolle per fare videogiochi che si attaccava alla televisione.

  DANIELE CECI. Questo non...

  MASSIMO ENRICO BARONI. È stato un cult nella caserma Gamerra, in quel periodo, insomma. C'erano tanti che andavano a giocare.

  DANIELE CECI. Lì da noi venivano a giocare ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì, sì, vicino... era nell'ufficio.

  DANIELE CECI. No, no. Mi sembra proprio di no.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Lei non gioca ? Va bene. Non è vietato dalla legge.

  DANIELE CECI. Per carità, però non mi sembra...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nemmeno dal regolamento della caserma.

  DANIELE CECI. Questa cosa qui che venivano a giocare non...

  MASSIMO ENRICO BARONI. No, no, lui giocava da solo, principalmente, però poche persone potevano giocare con lui.

Pag. 13

  DANIELE CECI. Io non mi ricordo neanche che c'era questa cosa, l’«Amiga», come si chiama.

  PRESIDENTE. Torniamo...

  DANIELE CECI. Il discorso che facevamo prima... Per quello che mi ricordo, non è che non voglio dire niente, perché è la verità. Faccio fatica adesso, perché, ripeto...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Lei deve dire la verità.

  DANIELE CECI. Come ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Lei deve dire la verità.

  DANIELE CECI. Sì, devo dire la verità, però è successo – ripeto – diciott'anni fa, diciannove anni fa, quasi vent'anni fa. Io, come ha detto lei la mattina, noi siamo andati la mattina e non abbiamo visto niente.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Lei non è che deve puntare il dito su qualcuno. Lei deve dire quello che ricorda che è accaduto in quei giorni, tutti i dettagli, tutti i particolari che le affiorano in mente.

  DANIELE CECI. Ripeto, come ho letto lì, ho dato questa cosa e poi sono partito, perché sono andato anche in licenza...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Però, lei il 16 era lì.

  DANIELE CECI. Sì. Quando ho finito di fare il mio servizio, quello che dovevo fare, ho preso e sono partito, mi sembra, perché l'ho letto lì. Anzi, a me sembrava che me n'ero andato via la mattina addirittura, perché ci ho pensato. Invece, l'ho letto lì: sono andato via, ho finito tutto al pomeriggio, non so che ora era. Io non posso dire, cioè non ho idea, non lo so.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Senta, anche se lei era molto giovane, quando si ritrova il corpo di una persona in quella posizione, immagino che lei con i suoi commilitoni abbiate fatto dei commenti e abbiate parlato per molti giorni di questo episodio.
  La caserma è stata sconvolta da questo episodio, assediata dai giornalisti continuamente. Entravano persone nella caserma che non entravano prima. Sentivate una pressione, perché comunque ci sono state delle indagini. Io non posso credere che lei abbia totalmente rimosso, anche perché diciamo che non è una cosa... Di solito uno rimuove le cose brutte che lo coinvolgono personalmente, ma rimuovere una cosa...

  DANIELE CECI. No, no, io personalmente qui proprio, ripeto, non c'ero, quindi non è che devo nascondere niente. Però non riesco a capire cosa volete, cosa devo dire. Non so.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Le abbiamo fatto delle domande. Lei non capisce le domande ?

  DANIELE CECI. Io devo parlare di quel frangente lì. Io, per quello che ricordo, sono andato giù questi ragazzi, o uno – adesso non mi ricordo – mi sono venuti incontro e mi hanno detto che cos'era successo. Cos'era successo ? C'era un ragazzo, c'era una persona lì.
  Io sono andato a vedere e poi sono andato a chiamare immediatamente un mio superiore. Non mi ricordo chi. Ha detto il caporale. Non mi ricordo chi era finito lì. Sono arrivati dopo i Carabinieri. Mi sembra così.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Come, le sembra ? Le sembra che siano arrivati i Carabinieri ?

  DANIELE CECI. Dopo sono andati lì...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sono arrivati o non sono arrivati ? I Carabinieri li ha visti o non li ha visti ? «Mi sembra».

Pag. 14

  DANIELE CECI. Mi sembra di averli visti, però...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Come, «mi sembra» ?

  DANIELE CECI. Ragazzi... Devo dire di sì ? Allora li ho visti.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. No, deve dire, se li ha visti, che li ha visti e, se non li ha visti...

  DANIELE CECI. Eh, sì. Non sono arrivati immediatamente. Il tempo che li hanno chiamati e poi sono arrivati.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Senta, ma lo sa che è proprio brutto questo modo che lei ha, superficiale, di...

  DANIELE CECI. No, io non è che voglio essere superficiale.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Stiamo parlando di una persona che aveva ventisette anni e che ha perso la vita ed è stata ritrovata a pochi metri da dove lei lavorava e da dove lei trascorreva gran parte... «Mi sembra», «Forse», «Così». Non è che stiamo parlando di una fesseria. Stiamo parlando di una cosa importante.

  DANIELE CECI. Lo so, immagino. Ripeto, sono figlio anch'io. Immagino cosa possano provare anche i genitori di quel...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Esatto, provi a immaginarlo. Lei è padre ? Lei è genitore ?

  DANIELE CECI. Sì, ho un figlio di quattro anni.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Bravo, allora si immedesimi nel padre e nella madre di Emanuele Scieri, che, dopo averlo con sacrifici cresciuto e fatto studiare, lo mandano a fare il servizio di leva e dopo pochi giorni glielo restituiscono nella cassa da... Provi a immaginarlo. Provi a immaginarlo.

  DANIELE CECI. Me lo sono già immaginato, se è per quello.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Magari questa famiglia ha diritto di capire...

  DANIELE CECI. Di scoprire che cosa è successo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ...che cosa è successo e se ci sono dei colpevoli che oggi vivono tranquillamente impuniti. Lei ce l'ha un po’ di senso della giustizia ? Cosa le ha dato il militare, come esperienza di vita ? Cosa le ha trasmesso ? Cosa le ha insegnato ?

  DANIELE CECI. Mah, insegnato...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Qualche valore. Lei è andato spontaneamente alla Folgore.

  DANIELE CECI. Sì, perché, per entrare, bisogna...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Perché è voluto andare alla Folgore ?

  DANIELE CECI. Perché all'epoca io il militare non lo volevo fare, anche se comunque è stata una brutta esperienza. Facendo il militare nella Folgore, rimanevo poco distante da casa. Per quel motivo lì. Se, invece, andavo da un'altra parte, mi potevano spedire, come a Palermo, su vicino alla Svizzera, per dire, o in Sardegna. Per quel motivo lì. Perché comunque la Folgore è in quelle 3-4 caserme e si rimaneva...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Allora, dai, torniamo indietro. Provi a ricordare. Racconti. Parli lei. Racconti di quei giorni. Cosa avete detto con i colleghi ? Chi era la persona con cui lei aveva legato di più durante quel periodo ?

  DANIELE CECI. Avevo legato di più ? Sì, avevo legato con questa persona.

Pag. 15

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Chi ? Se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Mi sembra che si chiama Massimo, ma adesso il cognome...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Non vi siete più sentiti poi nel corso del tempo ? Non aveva legato con Ioanna ?

  DANIELE CECI. Ah, non lo so. Questo non lo so. Questo non ho idea. Se aveva legato con Ioanna...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. No, lei...

  PRESIDENTE. Lei.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ..se aveva legato con Ioanna.

  DANIELE CECI. Se io avevo legato con Ioanna ?

  PRESIDENTE. Ascolti, signor Ceci, ascolti. Capisco che lei sarà stanco. Sono passati dieci anni...

  DANIELE CECI. No, quasi venti.

  PRESIDENTE. Ecco, venti, scusi.

  DANIELE CECI. No, ma quasi.

  PRESIDENTE. ... ma la preghiamo di essere attento ad oggi, ad ora, qui, in Commissione d'inchiesta Scieri. Adesso noi le faremo una serie di domande che non c'entrano niente con la morte di Scieri, secondo lei. Quando lei dice «Ma io quello che ho detto lo so. È quello che ho detto a verbale», noi abbiamo bisogno di farle altre domande...

  DANIELE CECI. Va bene.

  PRESIDENTE. ...che, secondo lei, con la morte di Scieri non c'entrano. Le faremo tante domande, quindi lei si metta comodo e tranquillo. Abbiamo bisogno di farle delle domande che per lei saranno insignificanti, ma che per noi, invece, sono importanti.
  Le chiediamo un atto di grande dignità e di rispondere senza premettere «mi sembra», ma cercando di sforzarsi di ricordare che cosa è successo in quella caserma. Adesso proseguiranno sia l'onorevole Baroni che l'onorevole Prestigiacomo nel farle altre domande. Lei non può dire «mi sembra... mi sembra», perché ci è stato dieci anni in quella caserma.

  DANIELE CECI. No, dieci mesi.

  PRESIDENTE. Dieci mesi. Scusi, ma sono più stanca di lei.

  DANIELE CECI. No, no, ci mancherebbe.

  PRESIDENTE. Dieci mesi in quella caserma. Onorevole Prestigiacomo, vuole continuare ? Onorevole Baroni.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Mi scusi, presidente, io non sono d'accordo, nel senso che per me la reticenza del Ceci è evidente. Quindi, le anticipo già che mi spenderò in Ufficio di presidenza con tutte le mie forze per fare in modo che il signor Daniele Ceci ritorni in qualità di testimone e non più in qualità di audito.
  In quel caso lì, la musica cambia, perché in quel caso lì non è una conversazione in qualità di persona che sta cercando di collaborare per la ricostruzione dei fatti, ma è in qualità di testimone e di solito si viene anche accompagnati dall'avvocato.
  Io non so se lei abbia già avuto la possibilità di parlare con l'avvocato. Quindi, non ha avuto... Va bene. Comunque, per quanto mi riguarda, io ho contato già che lei ha detto circa 14 volte «non mi ricordo». Ogni volta che l'onorevole Prestigiacomo le fa una domanda in cui le chiede di parlare spontaneamente, lei deglutisce e, per quanto mi riguarda, ha dei momenti di panico, di cui c’è un'evidenza Pag. 16proprio nel suo viso. C’è un'evidenza nel suo viso di cose che lei sa e di cui non vuole parlare.
  Pertanto, presidente, mi spenderò in Ufficio di presidenza anche con gli altri Gruppi e anche con gli altri deputati per far ritornare il signor Daniele Ceci in qualità di testimone e non più in qualità di audito.

  DANIELE CECI. Se posso dire...

  PRESIDENTE. Intanto, facciamolo esprimere così.

  DANIELE CECI. Io non è che voglio star zitto perché devo nascondere ma ho paura. Non è che ho paura, però potrei dire una cosa per un'altra. Tutto lì. Mi scusi. È per quel motivo lì, gliel'ho detto.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Guardi che le cose che lei eventualmente dice o ricorda inesatte devono trovare comunque riscontro e, quindi, se uno ricorda male, non commette alcun tipo di reato. Sicuramente è più grave...

  DANIELE CECI. La mia paura è quella lì, che dico una cosa per un'altra.

  PRESIDENTE. Si tolga questa paura e risponda alle domande per quello che lei ricorda, ma che ricorda con la verità, non che ricorda...

  DANIELE CECI. Ci mancherebbe altro che...

  PRESIDENTE. Azzeriamo tutto quello che è stato fatto finora e continuiamo con le domande. Prego, onorevole Baroni. Le dobbiamo fare altre domande, quindi lei cerchi di sforzarsi di dire quello che ricorda dei dieci mesi di caserma.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Risulta che lei si è avvicinato al cadavere fino a circa un metro e mezzo dallo stesso e risulta che lei all'arrivo dei Carabinieri si sia speso per fare una sorta di cinta di protezione, di cintura di protezione.

  DANIELE CECI. Sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Ecco. Nel momento in cui viene sollecitato a ricordare determinati eventi, signor Daniele, è ovvio che stiamo seguendo alcune informazioni che abbiamo già acquisito. Nel momento in cui dovessimo riscontrare che sta nella sua reperibilità... che determinate informazioni stanno nella sua conoscenza...

  DANIELE CECI. Dirò la verità. La verità la stavo dicendo. Dirò quello che mi ricordo. Tutto lì. Mi scusi se l'ho interrotta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Secondo lei, è il primo che audiamo qui che...

  DANIELE CECI. No, no, ci mancherebbe. Penso di no.

  MASSIMO ENRICO BARONI. ...prova a improvvisare l'arte di dissimulare ?

  DANIELE CECI. No. Poi, ci mancherebbe altro, voi sapete fare il vostro lavoro. No, non voglio dire quello lì. Io, ripeto, ho detto...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non è il nostro lavoro. È una motivazione profonda, che riguarda un'ingiustizia che riguarda un morto, un suo collega, in tempo di pace, di cui là dentro nessun uomo è riuscito a garantire la sicurezza, non è riuscito a garantire l'onore e non è riuscito a garantire la verità. Lei in questo momento sa da che parte si sta ponendo ?

  DANIELE CECI. Sicuramente dall'altra parte, mi ha fatto capire. Io vi dirò tutto quello che so. Fatemi le domande e io vi dirò tutto.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Su cosa lei ha paura di sbagliare ? Se lei poco fa ha fatto questa affermazione «Io ho paura a dire qualcosa»... Magari non l'ha detto, ma voleva intendere «Inguaio qualcuno, dopo tanti anni»...

Pag. 17

  DANIELE CECI. No, no, per inguaiare posso inguaiare anche me stesso, perché uno non ricorda.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma io immagino che lei non abbia commesso nulla di...

  DANIELE CECI. Adesso che l'onorevole mi ha detto del Carabiniere che mi ha detto di rimanere lì a fare la guardia, quello è vero. Ho voluto stare lì, ma non mi sembra che ero neanche solo. Ah, «mi sembra» non posso dirlo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Scusi, lei oggi ha paura, in questa Commissione, a raccontare perché teme di dire qualcosa di sbagliato.

  DANIELE CECI. Esatto.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. In che senso di sbagliato ?

  DANIELE CECI. Potrei dire una cosa per un'altra. Tutto lì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Non vive questo momento come la possibilità, invece, finalmente di liberarsi magari di qualcosa che sa, che ha visto e che finalmente... Lei è padre. Si ricordi che il padre di Emanuele Scieri dopo due anni è morto di dolore.

  DANIELE CECI. Non lo sapevo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Glielo dico io. È morto di dolore dopo due anni. Non ha mai accettato la fine di un figlio in quelle circostanze, tra l'altro senza neanche poter fare giustizia. Lei è padre. Se lo ricordi questo.
  Non vive questo momento come l'occasione finalmente di dire: «Mi voglio togliere questo peso dalla coscienza. Forse ho visto, forse abbiamo saputo qualcosa, forse si è detto questo. Mi sono tenuto tutto dentro per tanti anni» ? Non vive questo momento come: «Ho la possibilità di dirlo» ? È evidente che lei qualcosa sa, sennò non avrebbe agito come si è comportato fino adesso, con questa paura e questa preoccupazione. Almeno lei ci sta inducendo a pensare questo.

  DANIELE CECI. Io non so cosa dirvi. Fatemi le domande e risponderò.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Come mai lei ha ordinato quel giorno quelle pulizie ? Come mai ?

  DANIELE CECI. Dove ? Per la mattina ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sì.

  DANIELE CECI. Perché si puliva la mattina. La mattina si puliva il magazzino. Si puliva, si mettevano a posto le cose, si facevano i sacchetti del...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sì, ma i ragazzi a cui lei aveva ordinato le pulizie sono i ragazzi che hanno ritrovato il corpo di Emanuele. Quindi, queste pulizie quel giorno non le hanno fatte dentro il magazzino. Quel giorno l'ordine non è stato «Ripuliamo il magazzino come si fa tutti i giorni», ma è stato «Ripuliamo anche lì intorno».

  DANIELE CECI. L'aia lì di fuori ?

  PRESIDENTE. Certo.

  DANIELE CECI. Poteva capitare anche di pulire di fuori. Poteva capitare.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma lei come mai proprio quel giorno...

  DANIELE CECI. Come tutti gli altri giorni, è stato un giorno come poteva essere un altro anche quel giorno lì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Lei da quanto tempo era in caserma ?

  DANIELE CECI. Lì in caserma ? Fino a febbraio...

Pag. 18

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Quando è entrato in caserma ?

  DANIELE CECI. Io sono partito a febbraio... maggio... no aprile, penso aprile, perché febbraio...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. È arrivato alla Gamerra in aprile.

  DANIELE CECI. Mi sembra in aprile, sì. Mi sembra, eh. Adesso non voglio dire «mi sembra», però perché a febbraio... Sono partito alla fine di febbraio. Siamo stati un mese per fare il giuramento a Scandicci. Poi siamo partiti e siamo andati lì a Pisa, quindi a marzo, un mesetto, fine di marzo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Subito è stato adibito al ruolo che aveva nel magazzino ?

  DANIELE CECI. Sì, il tempo di... dopo aver fatto il – come si chiama – per fare il paracadutista, dopo aver fatto...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. E giusto quel giorno, dopo diversi mesi... Lei ha detto che è arrivato in aprile...

  DANIELE CECI. Sì, più o meno.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Aprile, maggio, giugno, luglio, agosto, pulizie di Ferragosto. Ripuliamo perché quella roba lì che era accumulata sotto la torretta era...

  DANIELE CECI. No, sotto la torretta non siamo... Non penso che siamo andati a pulire sotto la torretta.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ..era roba che era lì da tantissimo tempo.

  DANIELE CECI. Sì. Questo materiale, come dicevo prima...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Era una sorta di discarica.

  DANIELE CECI. C'erano dei tavoli. Sì, diciamo una sorta di discarica.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Dove accumulavano la roba vecchia e rotta che poi bisognava portare da qualche parte. Intanto stava lì accatastata.

  DANIELE CECI. Sì, però non mi sembra che abbiamo fatto pulire lì. Abbiamo fatto pulire dentro la caserma... dentro la caserma, dentro il magazzino. L'aia, lì davanti alla porta, quella parte lì rimaneva più in là, sennò, se lo pulivano tutto, se ne accorgevano prima.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ed è stata una sua iniziativa autonoma quella di dire «Pulite qua fuori», o qualcuno le ha detto «Oggi fai pulire lì» ?

  DANIELE CECI. C'era un maresciallo lì. Può essere che mi ha detto anche lui.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Chi era il maresciallo ? Se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Era il Maresciallo Curreli... Curreri... Currelli.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sì. Quindi, può essere che sia stato lui che le ha detto: «Ceci, fai pulire lì di fronte» ?

  DANIELE CECI. Può essere, sì.

  PRESIDENTE. Currelli Salvatore. Lo dico per il verbale.
  Currelli Salvatore, è possibile. È possibile che si chiamasse così ?

  DANIELE CECI. Non mi ricordo il nome, però ricordo Curreli o Currelli.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Sì, Currelli Salvatore. Le ha detto: «Ceci, oggi fai pulire...» ?

  DANIELE CECI. Sì, «C’è da fare le pulizie»...

Pag. 19

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Falle fare anche fuori, lì intorno.

  DANIELE CECI. Però è capitato anche altre volte che si facevano le pulizie di fuori. Le ho fatte anch'io.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma prima o dopo ?

  DANIELE CECI. Anche prima. È capitato anche prima di fare le pulizie all'interno e all'esterno, ma all'esterno si intende lì davanti.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Senta, ma cosa c'era di così sporco da pulire all'esterno ? Mica si gettavano le cose per terra. Che genere di pulizie andavano fatte ? Io posso capire nel magazzino, che era un locale chiuso, ma all'esterno che pulizie...

  DANIELE CECI. Con la scopa e la paletta foglie, sigarette, cose che si buttavano per terra, questa roba qui, almeno credo. Adesso non...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Bravo. Vede che, piano piano, si sta ricordando un sacco di cose.
  Vede che si è ricordato del maresciallo, il nome del maresciallo ? Lavoriamo così. Lavoriamo così.

  DANIELE CECI. Ripeto, non voglio, come ha detto l'onorevole, nascondere niente. La mia paura è che posso dire anche una cosa che non sia vera. Ecco, la mia paura è quella lì. Tutto lì. Mica per altro.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Va bene, ma non è che, se dice una cosa che non è vera... Che cosa può dire che non... Se lei non è sicuro di una cosa, dice «mi sembra», ma non può dire «mi sembra» su tutto, perché, se dice «mi sembra» su tutto, allora...

  DANIELE CECI. Sì, per carità.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Dopo il ritrovamento del corpo di Emanuele che cosa è successo in caserma ?

  DANIELE CECI. Del tipo ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Che atmosfera c'era ? Cosa vi siete detti ? Lei aveva questo compito di lavorare di fronte alla torretta dove c'era quel corpo. Lei l'ha visto, perché risulta che lei è stato...

  DANIELE CECI. Sì, sì, l'ho detto.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Non l'ha impressionata, non l'ha scioccata questa... ?

  DANIELE CECI. Beh, un po’... un ragazzo...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Che tipo di idea vi siete fatti ? Come è morto Emanuele ?

  DANIELE CECI. Immagino come sarà successo, cosa sarà successo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. La sua idea, la sua opinione. Per le opinioni nessuno può essere...

  DANIELE CECI. No, no. Non so perché si sia arrampicato lì da solo o se l'hanno fatto arrampicare.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Secondo lei, si poteva arrampicare lì da solo ?

  DANIELE CECI. Adesso non mi ricordo che altezza era, perché non... Sì, per me sì. Secondo me, uno si poteva arrampicare anche da solo lì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Uno di sera esce, va a fumare una sigaretta...

  DANIELE CECI. Ah, no, questo no.

Pag. 20

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ...si arrampica, si butta e finisce con la testa sotto un tavolo. Secondo lei, è sostenibile, è verosimile ?

  DANIELE CECI. No, così no. Dicono sia stato il nonnismo. Dicono sia stato questo nonnismo, sia stato.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Ma questo nonnismo cos'era ? C'era in caserma Gamerra ?

  DANIELE CECI. C'era. C'era qualcosa. Personalmente, a me è capitato di fare delle flessioni, qualche pizzico, qualche schiaffo, ma niente di...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Durante le flessioni ?

  DANIELE CECI. Sì. Mi sembra... «Mi sembra» non vorrei dirlo un'altra volta, però durante le flessioni mi sembra che mi fosse successo...

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Solo questo, non anche cose ben più...

  DANIELE CECI. Cioè ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Abbiamo saputo di pratiche tipo, per esempio, la saponetta, che si davano dei colpi...

  DANIELE CECI. A me personalmente non è mai successo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ...con una saponetta dentro una coperta e si colpiva.

  DANIELE CECI. A me non è mai successo. Glielo direi, tanto... Quello non mi è mai successo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Panella se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Panella Alessandro ? Me lo ricordo, sì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Che tipo era ?

  DANIELE CECI. In che senso, che tipo era ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Si spaventa. Che tipo era ?

  DANIELE CECI. Eravamo lì in caserma e non mi sembrava uno...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Com'era ? Dolce, tosto, accondiscendente, simpatico ? Se vuole, le metto anche delle crocette e lei può mettere delle crocette.

  DANIELE CECI. Ripeto, sempre per quello che ricordo – lei si arrabbierà, mi scusi – come persona, ci parlavamo, però anche con lui insieme è capitato di fare delle flessioni del genere.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Si dice che Panella avesse un controllo di un pezzo di area della caserma.

  DANIELE CECI. In che senso «controllo», scusi ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Nel senso che c'erano gli anziani che esercitavano una sorta di controllo, per cui ognuno aveva un'area sotto la sua tutela e, per rispetto, non si poteva andare in quell'area senza prima chiedere il permesso ed essere autorizzati. Panella non era uno dolce e accondiscendente, come dice l'onorevole Baroni. Ci è stato raccontato che Panella era uno tosto, che faceva pesare il suo ruolo.

  DANIELE CECI. Sì, però di quello che ha detto... Se io volevo andare in un posto, ci andavo e basta. Non è che avevo bisogno di chiedere il permesso a lui. Questo è sicuro. Non so cosa vi avranno detto gli altri, però, ripeto, mi sembra che era così. Era tosto...

Pag. 21

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Non le conviene parlare in maniera più franca, anziché ritornare accompagnato dall'avvocato ?

  DANIELE CECI. No, no, per carità, anzi, però quello che vi sto dicendo è che mi è capitato che anche lui... Adesso non mi ricordo atti di nonnismo. Io intendo, per quello che ricordo io, che hanno fatto su di me queste flessioni, delle flessioni con queste botte qui, botte, schiaffi, pizzichi. Adesso...

  MASSIMO ENRICO BARONI. La bicicletta ?

  DANIELE CECI. Come sarebbe ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. La bicicletta.

  DANIELE CECI. Come sarebbe, la bicicletta ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Una scarica di pugni a rotazione sui muscoli dorsali mentre lei sta facendo i pompaggi.

  DANIELE CECI. Anche quelli, sì. Sì anche quelli.
  Però, per quello che diceva l'onorevole Prestigiacomo, cioè nel senso del controllo che controllava, questo non me la sento... Questo non lo so. Ecco, è quello che volevo dire.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Insomma, nella caserma, al di là dei regolamenti ufficiali, c'era poi un regolamento non detto per cui gli anziani avevano la possibilità di pretendere comportamenti dai sottoposti, comportamenti a loro richiesta, anche i più stravaganti, altrimenti venivano sottoposti...

  DANIELE CECI. Un regolamento in che senso, scusi ?

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Il regolamento era quello ufficiale di come ci si comportava, ma poi, come lei ha detto prima, si fumavano le canne, e questo ovviamente non era consentito, però era consuetudine farlo. C'erano anche le tolleranze, perché io immagino, dato che tutti sapevano che si fumavano le canne in caserma, evidentemente si chiudeva un occhio...

  DANIELE CECI. Sì, penso di sì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. ...e si chiudevano tanti occhi anche su altri fatti.

  DANIELE CECI. Probabile. Probabile. È probabile questo.

  PRESIDENTE. Prego, onorevole Baroni.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Grazie, presidente. Scusi, ma sarò veloce. Secondo me, ci sono ancora tante domande che dobbiamo fare al Ceci. Quindi, magari ci possiamo alternare più velocemente anche con i colleghi. Il dentifricio e il lucido si ricorda che tipo di attività erano ?

  DANIELE CECI. Il dentifricio ? Forse una volta mi è capitato. Forse, mi sembra, dentifricio. Lucido da scarpe non mi è mai capitato, però la schiuma da barba mi sembra che non faceva male, perché uno si svegliava e basta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Spargimento di dentifricio e di lucido su alcune parti del corpo ?

  DANIELE CECI. Non mi è mai capitato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. L'ha visto fare ?

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. La saponetta sa che cos’è ?

  DANIELE CECI. Sì, quello che spiegava l'onorevole Prestigiacomo...

Pag. 22

  MASSIMO ENRICO BARONI. Lo sapeva anche prima ?

  DANIELE CECI. Eh, no, la saponetta pensavo che era un'altra cosa.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Però, quando gliel'ha detto, se l’è ricordato.

  DANIELE CECI. No, ho immaginato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Ha immaginato ?

  DANIELE CECI. La saponetta che adesso ha detto lei l'ho vista fare anche nei film. Facevano questa cosa, però a me non è mai capitato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. L'ha visto fare ?

  DANIELE CECI. No. Non l'ho mai visto fare quello. Ripeto, l'ho visto fare. Abbiamo fatto insieme delle flessioni, come diceva lei, con scariche, qualche schiaffo, pizzichi. Il lucido da scarpe così io personalmente non l'ho mai visto e su di me non l'hanno mai fatto, né quello della saponetta, non me l'hanno mai fatto.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quanti mesi è rimasto sotto il diretto comando del Maresciallo Currelli in casermaggio ?

  DANIELE CECI. Da quando sono entrato nel magazzino finché non mi sono congedato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, tutto il tempo. Era il suo diretto superiore.

  DANIELE CECI. Sì, nel magazzino.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nel magazzino, certo.

  DANIELE CECI. Nel magazzino sì, sennò c'era la compagnia. Era capitano.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Certo. Quindi, un lasso di tempo abbastanza importante, perché è tutto il periodo della naia.

  DANIELE CECI. 6-7 mesi, più o meno.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Ci può descrivere le mansioni che lei aveva da svolgere presso il casermaggio, il mansionario che le era stato affidato ?

  DANIELE CECI. Cosa facevo nel magazzino durante...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì, le mansioni da svolgere presso il casermaggio che il Maresciallo Currelli le aveva affidato da svolgere.

  DANIELE CECI. Le mie mansioni erano queste qui: dovevo preparare i lenzuoli da lavare, che dopo venivano a ritirare. Per lavare dovevo scartare quelli che erano rotti sia i lenzuoli che le coperte che le federe del cuscino e poi dovevo andare negli uffici. A chi mi riconsegnava la merce rotta dovevo far firmare e dovevo andare... Dovevo fare il giro degli uffici. Mi ricordo questo. Non mi ricordo bene adesso come la dovevo proprio...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Chi aveva le chiavi del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Mi sembra che le avevo io.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Il Maresciallo Currelli la chiamava, o ne aveva un paio ?

  DANIELE CECI. Ne aveva un paio anche lui, penso. Penso che ne aveva un paio anche lui.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Basta che si ricordi se in sette mesi l'ha mai trovato dentro il casermaggio senza che lei gli avesse aperto.

Pag. 23

  DANIELE CECI. Sì, sì, allora sì, mi sembra di sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Vabbè, in questo caso «mi sembra» ci sta. È un «mi sembra» congruo.

  DANIELE CECI. Ci sta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, lei conferma di conoscere Panella. Io le rinnovo la domanda di prima: che tipo di persona era ? Quando l'ha conosciuto, le stava simpatico o antipatico ? Quando è andato via, le stava simpatico o antipatico e per quale ragione ?

  DANIELE CECI. Quando l'ho conosciuto, non mi stava simpatico.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Perché ?

  DANIELE CECI. Perché comunque era più anziano e ti dicevano di fare certe cose.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Tutti gli anziani si comportavano come Panella o chi più, chi meno ?

  DANIELE CECI. No, non tutti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non tutti. Lui stava nel polo di quelli...

  DANIELE CECI. Sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì. Nel polo di quelli che tendevano a farsi notare per impostare subito un rapporto disciplinare con i nuovi arrivati, giusto ?

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra di sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Utilizzando comunque anche scherzi e...

  DANIELE CECI. Sì, scherzi.

  MASSIMO ENRICO BARONI. ...la tradizione goliardica dello Zibaldone.

  DANIELE CECI. Eh, lo Zibaldone è il libro che ha fatto...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Parla di fatti che...

  DANIELE CECI. Non l'ho mai letto.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Di fatto, lo Zibaldone testimonia una serie di atti di nonnismo che erano presenti. Le stesse dichiarazioni del generale Celentano confermano questo tipo di attività all'interno della caserma.
  Ho bisogno di sapere da lei se Panella, in particolare, faceva atti di nonnismo e se li ha visti fare su alcuni suoi colleghi, di cui non ho dubbi che non ricorderà alcun nome. Dopo ce li ho da elencarglieli, così l'aiuto. Le ripeto la domanda: Panella faceva atti di nonnismo, sì o no ?

  DANIELE CECI. Sì. Li ha fatti anche su di me.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Grazie. La ringrazio, perché così si può procedere.

  DANIELE CECI. Gliel'ho detto anche prima.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Va bene. Non mi ricordavo. In particolare, che cosa si ricorda che è stato fatto a lei nella prima fase, immagino, del suo servizio militare ?

  DANIELE CECI. Di atti di nonnismo ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì.

  DANIELE CECI. Quello che mi ricordo...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Solo dal Panella, mi scusi.

  DANIELE CECI. Che avrebbe fatto a me ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì, sì.

Pag. 24

  DANIELE CECI. Quello che – non si arrabbi – ricordo sono le flessioni. Facevamo le flessioni...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Chiamiamole come si chiamano là: pompaggi.

  DANIELE CECI. Erano le pompate...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Pompate, sì.

  DANIELE CECI. Sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Pompaggi e poi ?

  DANIELE CECI. Flessioni sì, queste pompate...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Un po’ di bicicletta ?

  DANIELE CECI. La bicicletta sarebbe ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Un po’ di bicicletta, gliel'ho detto prima.

  DANIELE CECI. Ah, è quello che diceva. Sì, anche quello lì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Benissimo. E poi qualcos'altro ? La spuma si ricorda se era stato lui ?

  DANIELE CECI. La spuma sarebbe ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. La schiuma.

  DANIELE CECI. La schiuma non mi ricordo. Mi sembra che me l'ha fatto solo quella volta lì. È stato di notte. Dormivo e me l'hanno messa nella mano. Non so chi sia stato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Adesso io le farò una serie di nomi. Lei mi deve dire, se si ricorda quel nome, «sì», oppure, se non si ricorda quel nome, «no». Andiamo avanti velocemente. Va bene ?

  DANIELE CECI. Va bene.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Ho bisogno di sapere se si ricorda il nome di Ravasi.

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Parodi.

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Picelli.

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Raggiri.

  DANIELE CECI. Come ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Raggiri.

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Infantino.

  DANIELE CECI. Infantino mi sembra di sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Infantino sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. In particolare, ci può dire per quale ragione se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Infantino mi sembra di ricordarlo perché era appena arrivato – però, qui veramente non voglio... – in caserma. Mi sembra che era dove stavo nella compagnia, dove facevamo la preparazione dei lanci, dove facevamo l'addestramento. Avevamo iniziato a fare l'addestramento e mi sembra che era lì in quel particolare... Era il caporale di quella compagnia lì. Non vorrei, però, mi sembra – mi scusi, onorevole, non voglio dirgli... – però questo nome mi ricordo.

Pag. 25

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, di quelli che le ho fatto solo questo ricorda ?

  DANIELE CECI. Solo Infantino mi ricordo.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Solo Infantino.

  DANIELE CECI. Anche un'altra cosa. Mi sembra, sempre, però – mi scusi, non voglio farla arrabbiare – che...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non deve avere paura di farsi... Il problema non sono io. Non è la nostra delusione...

  DANIELE CECI. No, adesso non voglio farla arrabbiare o prendere in giro nessuno, però dico anche una cosa in più...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì.

  DANIELE CECI. Mi sembra che anche quando da Firenze ci sono venuti a prendere, mi sembra che era lì anche lui da Firenze ad arrivare a Pisa c'era lui lì insieme a... Mi sembra...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Un'ultima domanda, presidente.

  PRESIDENTE. Un attimo, puntualizziamo questo. Lei dice che Infantino era presente. Aveva accompagnato i militari dalla caserma di Firenze alla Gamerra di Pisa il 13. Quindi, lei se lo ricorda che è arrivato con i militari del 7o scaglione Infantino ?

  DANIELE CECI. No, io dicevo il mio di scaglione.

  PRESIDENTE. Ah, il suo. È venuto a prendere anche il suo scaglione. Va bene. A noi risulta anche che sia venuto a prendere lo scaglione 7o 1999.

  DANIELE CECI. Anche il mio è venuto a prendere. Io dicevo del mio, non del 7o 1999.

  PRESIDENTE. Perfetto. Va bene.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Senta, tutto sommato, lei ha un ricordo positivo, al di là dell'orrenda cosa che è successa a Ferragosto nel 1999 ? Tutto sommato, lei ha un ricordo positivo della sua esperienza nella Folgore ?

  DANIELE CECI. Ripeto quello che ho detto prima. A me fare il militare... Non è che non mi andava di allontanarmi da casa, però alla fine, ripeto, ho voluto fare il militare lì, come ho detto prima, perché, ripeto, non volevo stare lontano da casa. Quindi, io non so se lei o qualcuno che ha fatto...

  MASSIMO ENRICO BARONI. No, guardi, scusi, non sono interessato a questo. Volevo chiedere se lei ha un ricordo positivo di quei dieci mesi.

  DANIELE CECI. Sì, è stato positivo perché comunque ho fatto delle cose tipo...

  MASSIMO ENRICO BARONI. È andato via comunque con dispiacere, nel momento in cui si è congedato ?

  DANIELE CECI. Sì, mi è dispiaciuto, sì. È stata un'esperienza.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Lei ha mantenuto qualche rapporto significativo con suoi colleghi del 2o 1999 ?

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nessuno, nessuno ?

  DANIELE CECI. Solo con uno che ogni tanto sento.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Come si chiama ?

  DANIELE CECI. Massimo Giusti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Eravate già amici all'inizio della naia ?

Pag. 26

  DANIELE CECI. No. Mi sembra che ci siamo conosciuti lì e basta. L'ho trovato solo su Facebook così e basta, perché mi ricordavo il suo nome e gli altri...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Del 2o 1999 l'unica amicizia che ha è solo con Massimo Giusti su Facebook.

  DANIELE CECI. No, neanche, perché io non ci sono neanche. Non ci sono neanche. Comunque, l'ho contattato tramite il Facebook della mia ragazza.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Scusi, lei è presente su Facebook.

  DANIELE CECI. No, io non ci sono su Facebook.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non è presente su Facebook ? Non è iscritto ?

  DANIELE CECI. Io Facebook non ce l'ho. Non sono iscritto. Può controllare.

  MASSIMO ENRICO BARONI. No, si vede che è stato un errore.

  DANIELE CECI. Non ci sono, perché non me ne...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Non si è mai iscritto ?

  DANIELE CECI. No, mai.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Mai iscritto. Ha fatto delle cene successive al suo congedo con i gruppi della Folgore, con persone della Folgore ?

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, a parte con Massimo Giusti, lei non ha mantenuto alcun contatto nemmeno...

  DANIELE CECI. No, con nessun altro.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nessun altro.

  DANIELE CECI. Mi sembra di no. No, no.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Ce lo dica lei.

  DANIELE CECI. No, no, mi sembra di no. Poi l'ho sentito... è tanto tempo che non lo sento e basta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Chi ?

  DANIELE CECI. Massimo Giusti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. È mai stato contattato nell'ultimo periodo, o andando anche indietro nel tempo da parte di qualcuno della Folgore ?

  DANIELE CECI. Cioè, finito il militare, lei dice ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. In quest'ultimo periodo lei è mai stato contattato da parte di qualcuno della Folgore ?

  DANIELE CECI. Lei dice qualche commilitone ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Qualsiasi persona della Folgore in quest'ultimo periodo. Capisco che ha deglutito tre volte, però dovrebbe essere un po’ più spontaneo nelle risposte. È mai stato contattato in quest'ultimo periodo...

  DANIELE CECI. Mi sembra per gli auguri di Natale con questo Giusti e basta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Basta. Nessun altro ?

  DANIELE CECI. No, no. Nessun altro.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nessun altro.

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Invece, andando indietro nel tempo ?

Pag. 27

  DANIELE CECI. Sempre con Giusti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sempre e solo con Giusti.

  DANIELE CECI. Sempre e solo con Giusti, sì. Mi sembra di sì.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. L'ha contattata nessuno in occasione della costituzione di questa Commissione, in vista di questo appuntamento odierno ?

  DANIELE CECI. No, non mi ha contattato nessuno.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Con chi ha parlato lei del fatto che doveva venire qui ?

  DANIELE CECI. Con la mia compagna.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. E basta ? È sicuro ?

  DANIELE CECI. Sì. Mi sembra anche con questo Giusti. L'ho chiamato per sapere se anche lui era stata contattato e basta.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Mi scusi, chi era la sua compagna dell'epoca ?

  DANIELE CECI. Mi sembra che mi ero lasciato, in quel periodo.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Era single ?

  DANIELE CECI. Ero single, sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Per tutto il periodo ?

  DANIELE CECI. Del militare ? No. All'inizio l'avevo, poi mi sono lasciato. Poi mi sembra che mi sono lasciato a fine luglio-agosto. Adesso non mi ricordo bene in che mese è successo.

  MASSIMO ENRICO BARONI. In realtà, tutte le persone di quel periodo ricordano molto bene, perché comunque venivano inseguite dai giornalisti...

  DANIELE CECI. No, a me no. Mai successo di essere inseguito dai giornalisti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. La caserma Gamerra continuava a comparire in tutti i telegiornali. C'era un coinvolgimento di tutte le forze politiche e militari rispetto al fatto che comunque l'Italia e l'opinione pubblica avevano un grandissimo bisogno di sapere la verità su quello che poi si è rivelato per quello che era, ovvero un omicidio, nonostante i tentativi di minimizzarlo da parte anche di molte persone che erano a conoscenza di determinati fatti, che escludevano assolutamente la possibilità del suicidio. Quindi, rimane solo ed esclusivamente l'omicidio.
  Ebbene, questo tipo di sentimento usciva fuori dai giornali da una rassegna stampa martellante, soprattutto nel periodo della seconda metà di agosto e di settembre. Voi eravate sulla bocca... tutti i militari di quel periodo erano sulla bocca. Lei, in particolare, aveva ritrovato il corpo ed è stato a un metro e mezzo dal corpo, quindi è molto difficile non ricordarsi delle situazioni che hanno colpito particolarmente la memoria, il sentimento e la compassione umana di chi poi, in quel momento, sapeva che non c'era voglia di mettersi a disposizione e di fare chiarezza.

  DANIELE CECI. A parte che eravamo in caserma e i giornali io non è che li leggevo e queste cose qui...

  MASSIMO ENRICO BARONI. I telegiornali, però, li sentiva.

  DANIELE CECI. Ma neanche. Neanche.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Era in contatto con sua mamma ?

  DANIELE CECI. Sì, sì, come no ? Con i miei genitori ero in contatto.

Pag. 28

  MASSIMO ENRICO BARONI. Che poi le dicevano «Guarda che oggi al TG1, al TG2, al TG3 era un continuo ?»

  DANIELE CECI. Sì, sì, sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. «Era un continuo». E lei cosa gli diceva ?

  DANIELE CECI. Dicevo: «Mamma, io non lo so cosa sia successo. Non ho idea». Non lo sapevo.
  Comunque, dicevo, di giornalisti che inseguivano, quello non mi è mai successo che mi fermasse un giornalista e mi dicesse, neanche lì a Pisa, mai. Quello non mi è mai successo.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Grazie, presidente.

  PRESIDENTE. Poche domande e le passo subito la parola, onorevole Zappulla. Mi inserisco in queste domande per non perdere il filo. Senta, lei era nella terza compagnia, no ?

  DANIELE CECI. Esatto.

  PRESIDENTE. I quattro che lei ha comandato, che sono poi i nomi che le ha fatto l'onorevole Baroni – Raggiri, Ravasi, Picelli e Parodi – erano della prima compagnia. Lei era della terza compagnia e quelli cui lei ha comandato di pulire il magazzino, a sua volta lei comandato da altri, da Currelli, erano della prima compagnia. Le domando: era normale che militari di una compagnia venissero affidati a lei, come graduato di un'altra compagnia ?

  DANIELE CECI. Sì, capitava. È capitato altre volte. Ripeto, come ho detto prima, che a chi non faceva il corso da paracadutismo assegnavano queste cose.

  PRESIDENTE. Queste mansioni.

  DANIELE CECI. Queste mansioni sì. Li mettevano in vari...

  PRESIDENTE. Queste mansioni di pulizia venivano assegnate solo a chi non faceva il corso di paracadutismo ?

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì.

  PRESIDENTE. Chi aveva le chiavi del casermaggio ? A questa domanda lei ha risposto che ce le aveva lei e anche Currelli Salvatore. Ce le aveva anche Ioanna le chiavi del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Non lo so. Forse gliele prestavo io. Gliele davo io, forse.

  PRESIDENTE. Senta una cosa: la torre di asciugatura dei paracadute lei se la ricorda, no ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. È quella dove è morto Scieri.

  DANIELE CECI. La torre di... Sì, dicono che è la torre dove è morto Scieri.

  PRESIDENTE. Chi aveva le chiavi della torre di asciugatura dei paracadute ?

  DANIELE CECI. Non lo so.

  PRESIDENTE. Non lo sa.

  DANIELE CECI. Questo proprio non lo so.

  PRESIDENTE. Tra la torre di asciugatura dei paracaduti e il magazzino di casermaggio dove stava lei c’è un altro isolato, un altro immobile ? Cosa c'era in quell'immobile ? Noi siamo stati alla caserma Gamerra: tra la torre dove c’è la scaletta dove è morto Scieri e il magazzino di casermaggio dove stava lei c’è un altro immobile.

  DANIELE CECI. Non lo so.

  PRESIDENTE. Non lo sa cosa c'era ?

  DANIELE CECI. Proprio non...

Pag. 29

  PRESIDENTE. Abbiamo poi la cartina, se possiamo avere la cartina.

  DANIELE CECI. Sincero sono stato anche prima.

  PRESIDENTE. Adesso le faccio vedere la cartina, così vediamo se lei se lo ricorda.

  DANIELE CECI. Volentieri.

  PRESIDENTE. Oltre alle chiavi del casermaggio lei aveva la possibilità di entrare in possesso di altre chiavi che consentivano di accedere ad altri ambienti ?

  DANIELE CECI. No, no.

  PRESIDENTE. No. Lei aveva solo le chiavi del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Sì, le chiavi per entrare lì e basta.

  PRESIDENTE. Adesso gliela mostro.

  DANIELE CECI. Ero curioso.

  PRESIDENTE. Chi ha ordinato di fare le pulizie al casermaggio, solo Currelli ?

  DANIELE CECI. Penso di sì. Penso di sì.

  PRESIDENTE. Lei lo sa che queste persone che sono state addette alle pulizie quel giorno 16 erano compagni di scaglione di Emanuele Scieri ?

  DANIELE CECI. Sì, sì.

  PRESIDENTE. Guardi, le mostro la caserma dall'alto. Questa è la torre dove è stato trovato Emanuele Scieri, questo è il magazzino di casermaggio e questo è un altro immobile prima. Tra la torre dove è stato trovato Emanuele Scieri e il magazzino di casermaggio c’è un altro immobile, collegato da un muretto, che nascondeva questo cortile, dove poi è stato trovato Scieri. Che cos’è questo immobile ?

  DANIELE CECI. Non lo so. Non ne ho idea.

  PRESIDENTE. Ma è davanti al magazzino dove stava lei.

  DANIELE CECI. Eh, sì, ma non lo so cos'era proprio.

  PRESIDENTE. Non lo sa.

  DANIELE CECI. Mi sembra che l'entrata era questa qui, se non sbaglio qui, e che qui davanti c'era tutta questa roba...

  PRESIDENTE. Una discarica.

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Una discarica dentro la caserma Gamerra. Si può dire così ?

  DANIELE CECI. Sì. Mi sembra di ricordare che erano tavoli e sedie messi lì così.

  PRESIDENTE. In disuso.

  DANIELE CECI. Sì, non si utilizzano più quelli lì.

  PRESIDENTE. Senta, qualche altra domanda. Lei ha avuto provvedimenti disciplinari, rigori, consegne ?

  DANIELE CECI. Sì, li ho avuti.

  PRESIDENTE. Quando ?

  DANIELE CECI. In che senso, quando ? Per quale motivo ?

  PRESIDENTE. Sì, per quale motivo.

  DANIELE CECI. Una sera eravamo usciti senza dir niente. Ci hanno preso e ci hanno dato i giorni di rigore.

  PRESIDENTE. Ce lo spieghi meglio.

  DANIELE CECI. Eravamo usciti fuori dalla caserma proprio che non si poteva...

Pag. 30

  PRESIDENTE. Dopo il contrappello ?

  DANIELE CECI. Dopo il contrappello, sì.

  PRESIDENTE. Lei prima ha partecipato al contrappello e poi è uscito ?

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì. Non mi ricordo.

  PRESIDENTE. Cerchi di ricordarselo. È stato punito, quindi.

  DANIELE CECI. Sì, sì, mi sembra di sì.

  PRESIDENTE. Lei è stato presente al contrappello e poi è uscito.

  DANIELE CECI. Sì, io e altri, ma non mi ricordo chi.

  PRESIDENTE. E con chi era ?

  DANIELE CECI. Non mi ricordo con chi ero.

  PRESIDENTE. Quanti giorni ha avuto ?

  DANIELE CECI. Non mi ricordo. Non ricordo.

  PRESIDENTE. Ha avuto solo una punizione o più punizioni ?

  DANIELE CECI. Di giorni di rigore ? Solo quella lì, mi sembra, ma era verso la fine del militare. Mi sembra che era verso la fine.

  PRESIDENTE. Consegna semplice o consegna di rigore ?

  DANIELE CECI. Consegna semplice, ho avuto.

  PRESIDENTE. Consegna semplice. Quindi, ha finito il militare qualche giorno più tardi ?

  DANIELE CECI. Sì, qualche giorno.

  PRESIDENTE. Allora, se l'ha finito più tardi, è una consegna di rigore.

  DANIELE CECI. I giorni di rigore sì, li ho avuti per quel motivo lì, mi sembra di ricordare per quel motivo lì. I giorni di consegna, invece, non potevi uscire dalla caserma.

  PRESIDENTE. Quindi, lei ha avuto sia...

  DANIELE CECI. Ero uscito dalla caserma perché... Ecco com'era: ero uscito dalla caserma anche se avevo i giorni di consegna e ritiravano il tesserino per entrare e uscire come la carta di identità e io sono uscito lo stesso.

  PRESIDENTE. Allora, giusto per capire, lei ha avuto il rigore perché è uscito dopo il contrappello. Ho capito bene ?

  DANIELE CECI. Sì. E i giorni di consegna era perché...

  PRESIDENTE. Aspetti, aspetti, finiamo il rigore. Per il rigore ha finito il militare più tardi, giusto ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Invece, la consegna l'ha avuta perché lei, in un momento in cui era già in punizione...

  DANIELE CECI. No. Ho sbagliato io. Il giorno di consegna comprendeva questo. Io intanto facevo ritardo all'adunata e, facendo ritardo all'adunata, uno andava in consegna, che consisteva nel ritiro del tesserino e in un giorno di rigore. Non potevo uscire dalla caserma. Ecco, tutto lì.

  PRESIDENTE. Il rigore, invece, l'ha avuto perché ?

  DANIELE CECI. Perché mi sembra di ricordare che eravamo usciti dalla caserma dopo il contrappello io e altri 3-4, ma non mi ricordo chi erano.

Pag. 31

  PRESIDENTE. Non si ricorda chi erano.

  DANIELE CECI. No, non mi ricordo. Non mi ricordo chi erano.

  PRESIDENTE. Prego, onorevole Zappulla.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Brevissime domande e una, altrettanto telegrafica, considerazione preliminare. Dalle risposte che lei ha dato, al di là del merito del tono a quelle che hanno fatto i colleghi, ho la sensazione, ma probabilmente mi sbaglio, anzi sicuramente mi sbaglio, che ci sia un eccessivo timore e timidezza da parte sua che, normalmente, fino a un certo punto, è umanamente comprensibile, perché comunque la Commissione...

  DANIELE CECI. Un po’ di paura ce l'ho. Dico la verità: un po’ di paura ce l'ho.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. La paura comincia a non essere più giustificata, un certo timore sì. Lei, però, è stato invitato a essere audito non perché la individuiamo come responsabile di qualcosa, ma perché pensiamo e speriamo che lei ci possa aiutare a darci qualche elemento di valutazione.
  Quindi, noi la consideriamo un nostro «alleato» per fare verità e giustizia e tentare di illuminare qualche zona d'ombra che ancora permane. Se per noi lei è un alleato, io mi auguro che lei ci veda in questo modo e non come controparte di chissà che cosa.

  DANIELE CECI. È la prima volta che mi capita, però fino adesso ho sempre detto la verità. Non ho detto...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Poiché ormai ha capito qual è il senso, le chiedo se ci può dare un'ulteriore mano d'aiuto. Se ci sono delle domande che sono state fatte o che hanno già fatto, non si preoccupi se noi ci torniamo sopra.

  DANIELE CECI. No, no, io rispondo a quello.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei sapeva che in caserma circolava droga ?

  DANIELE CECI. Che circolava droga sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Circolava nel senso che c'era qualcuno che ne faceva uso.

  DANIELE CECI. Sì, sì, sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei ne ha mai fatto uso ?

  DANIELE CECI. Qualche spinello l'ho fumato anch'io.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Si ricorda dove, normalmente, lei o anche i suoi commilitoni...

  DANIELE CECI. Lì al magazzino del casermaggio, lì dove ero io, mi è capitato di fumare.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Quindi, quello era un luogo dove, normalmente, ci si appartava.

  DANIELE CECI. Sì, possiamo dire così, sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Le risulta se dove fu ritrovato il corpo di Scieri era un altro di questi posti dove normalmente ci si vedeva per scambiarsi o per consumare semplicemente uno spinello ?

  DANIELE CECI. No. Penso di no.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Pensa di no ?

  DANIELE CECI. A me non è mai capitato, però non credo. No, non lì dove è successo.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Si sente di escluderlo, oppure non se lo ricorda ?

Pag. 32

  DANIELE CECI. Escluderlo forse no. Io questo me lo ricordo: non sono mai andato lì. Andavo lì se dovevo fumare. Mi è capitato al casermaggio o da un'altra parte, lì in giro. Fumavamo mentre camminavamo, però io lì non sono mai andato e penso anche di escluderlo.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Fra i maggiori consumatori di queste droghe leggere di cui stiamo parlando – stiamo parlando di droghe leggere, quindi marijuana e altro, insomma fumo, parliamo di fumo – lei si ricorda chi c'era ? Cioè si ricorda se c'era qualche nome che in qualche modo ci serve, non perché lo dobbiamo perseguire ? Ricorda qualcuno che era particolarmente impegnato e accanito nella consumazione di queste droghe ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo questo. Adesso non me lo ricordo.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei, quando fumava lo spinello, era da solo o no ?

  DANIELE CECI. No, no. Ero con...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Era insieme ad altri.

  DANIELE CECI. Sì, ero insieme ad altri.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Questi altri non se li ricorda ?

  DANIELE CECI. No, non mi ricordo chi erano. Non me lo ricordo questo. Questo non me lo ricordo.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Io le dico che, quando, all'età di 12-13 anni, cominciai a fumare... Poi, per fortuna, ho smesso...

  DANIELE CECI. Ma cosa, sigarette ?

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Sì, sigarette normali, che non sono meno gravi dello spinello. Mi ricordo con nitidezza i miei «compagnetti» di fumo di sigarette. Ora, che lei non ricordi dentro la caserma, dentro un locale, con chi fumava lo spinello questa è una delle cose che non la rende credibile.

  DANIELE CECI. Io e Ioanna. Io e questo Ioanna fumavamo. Eravamo io e lui. Di solito eravamo io e lui lì. Poi non so se arrivava qualche suo amico che io non conosco.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Ioanna era soltanto un consumatore, che lei si ricordi, o era quello che la portava anche dentro ?

  DANIELE CECI. Sì, la portava anche dentro.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Quindi, era un organizzatore. Non voglio usare altri termini.

  DANIELE CECI. Portava e ho fumato anch'io insieme a lui.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Vado oltre. Si ricorda se dentro lo spazio del perimetro della caserma c'erano degli ingressi non autorizzati, cioè posti da dove in qualche modo si poteva accedere e uscire dalla caserma senza essere visti ? Diciamo dei varchi non autorizzati.

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. In quale zona ?

  DANIELE CECI. Mi sembra di sì. Mi sembra di aver visto una volta uno che scavalcava un muro. Non so se era un commilitone o cosa, ma penso di sì. Comunque da dentro usciva verso fuori.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Quindi, poteva anche essere che non fossero commilitoni. Potevano essere anche persone civili non...

  DANIELE CECI. No, era un commilitone quello.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. In quel caso, era un commilitone.

Pag. 33

  DANIELE CECI. In quel caso sì, era un commilitone.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Generalmente poteva capitare che da lì potessero entrare anche soggetti che non erano della caserma ?

  DANIELE CECI. Può essere.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Personale civile, magari qualche spacciatore ?

  DANIELE CECI. No, non penso. No, no.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Non pensa perché lo esclude, oppure perché ritiene che non potesse accadere ?

  DANIELE CECI. Ritengo che non poteva accadere.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Avevo detto che ne facevo poche di domande.

  DANIELE CECI. No, lei faccia pure quello che deve fare.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. No, ma sono già state fatte in gran parte, quindi vado... Quando è stato ritrovato il corpo di Emanuele, quante persone c'erano lì ? Se lo ricorda ?

  DANIELE CECI. Nel ritrovo ?

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Sì.

  DANIELE CECI. Nel momento del ritrovo eravamo noi quattro, i quattro piantoni. Mi sembra che eravamo quattro, i piantoni e io. L'abbiamo ritrovato. Poi io sono andato a correre subito a chiamare uno più alto in grado. Sono andato a chiamare un'altra persona. Non mi ricordo, però, chi sono andato a chiamare.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei poi è ritornato ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. In questo lasso di tempo immagino che quella immagine che lei ha visto, come peraltro lei ha già dichiarato, l'abbia giustamente turbata molto.

  DANIELE CECI. Mi è dispiaciuto. Comunque non è da tutti vedere...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Uno shock comprensibile, insomma. Però a quell'immagine visiva normalmente uno fa la foto con gli occhi e con la mente...

  DANIELE CECI. Sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. ...fotografa quell'immagine brutta e nefasta. Quando lei è ritornato, dopo quella corsa a cui fa riferimento, ricorda se c'era qualcosa che era stato mosso, piccole cose... ?

  DANIELE CECI. No.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. ...o se qualche suo collega aveva...

  DANIELE CECI. Nessuno aveva toccato niente. Penso che nessuno abbia toccato niente. No, nessuno ha toccato niente.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Quest'affermazione lei la fa come presunzione, oppure perché le è stato detto che non è stato toccato nulla ?

  DANIELE CECI. Ci mancherebbe che uno vada a toccare...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. No, lasci perdere. È chiaro che non si dovrebbe toccare.

  DANIELE CECI. A occhio, così, mi sembra che non l'hanno toccato.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Se lei ricorda che c’è stato qualche...

  DANIELE CECI. No, non ricordo che abbiano toccato qualcosa.

Pag. 34

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Le chiedo ancora di fare come quando si fa con il telefonino e si allarga l'immagine. Le chiedo di fare un momento proprio di sforzo di memoria. Lei ricorda se c'erano, in quell'accozzaglia – l'avete chiamata una sorta di discarica – degli armadietti sotto la scala della torre di asciugatura ?

  DANIELE CECI. Mi sembra che c'erano delle sedie sotto, non gli armadietti. Mi sembra, eh, però non sono sicuro di questo fatto qui.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Sedie, tavoli e poi ?

  DANIELE CECI. Sedie e tavoli. Gli armadietti non me li ricordo. Proprio non me lo ricordo se c'erano armadietti.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Non se lo ricorda o...

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo proprio. Se c'erano armadietti, non me lo ricordo proprio.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Comunque, nella sua memoria visiva non ha...

  DANIELE CECI. Sì, me lo ricordo, ma lui non...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. No, non c'erano armadietti.

  DANIELE CECI. No, non c'erano armadietti. Sotto di lui non c'erano armadietti. Questo sì.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Ha per caso – succede questo – delle foto della torre di asciugatura prima della morte di Scieri ?

  DANIELE CECI. Una foto mentale ?

  GIUSEPPE ZAPPULLA. No, proprio una foto. Una foto, a parte quella mentale.

  DANIELE CECI. No, no.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Non ce l'ha né lei, né i suoi colleghi, che le risulti ?

  DANIELE CECI. Io no. Io no.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Magari da qualche suo collega non possiamo... che le risulti ?

  DANIELE CECI. No, non mi risulta. Non mi risulta, anche perché quella volta non mi sembra che c'erano i telefonini nel 1999 che facevano le fotografie.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Magari in altro modo, con una semplice macchina fotografica.

  DANIELE CECI. No, non mi risulta. Non mi risulta questa cosa.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. È vero che non si può fotografare, c’è il divieto, però, insomma, tutto sommato...

  DANIELE CECI. Sì, però...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. ...si fanno le foto negli ambienti in modo anche simpatico, non necessariamente pensando a cose brutte, facendo magari una ricognizione di tutti gli angoli della caserma. Lei non se lo ricorda.

  DANIELE CECI. No, non me lo ricordo questo.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Ultimissima domanda.

  DANIELE CECI. Mi dica.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. È proprio riferita a lei. Se lei oggi, questa sera, prima di salutarci, dovesse consegnare a questa Commissione una sua ipotesi più credibile sulla morte di Scieri, ce la vuole illustrare ? Non quello che è avvenuto, quello che lei ritiene che noi, come Commissione, possiamo... un suo consiglio su come continuare, Pag. 35su quale ipotesi scandagliare ulteriormente. Lei ha capito perfettamente che qui...

  DANIELE CECI. Sì, sto pensando.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. ...siamo tutti...

  DANIELE CECI. Per trovare il colpevole.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. ...al di là, lei sente parlare deputati di varie forze politiche. Tutti, come vede, siamo uniti e concentrati su un'idea. È stato ucciso un ragazzo, quindi l'idea, l'obiettivo, è quello di tentare di fare luce, perché una vicenda di questo genere, oltre che essere drammatica e triste per la famiglia e per i familiari, ha gettato un discredito terribile nei confronti della stessa caserma, di tutti e, ahimè, anche dello Stato in quella branca, in quel settore.
  Quindi, uno sforzo, un'idea, un barlume di idea che può venire fuori anche da parte sua ci può aiutare anche a muoverci e a indirizzare meglio qualche altra ipotesi. Sarei interessato a sapere quello che lei pensa.

  DANIELE CECI. Io non ho idea di cosa... Non ho proprio un'idea, onorevole. Non saprei cosa dire. Non saprei proprio cosa dire.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei non si è fatto un'idea ? Anche parlando con la sua compagna, con degli amici ?

  DANIELE CECI. Mi hanno chiesto: «Secondo te, come può essere successo ?»

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Ecco, ce la rassegni come stesse parlando con la sua compagna. Non guardi me come la sua compagna, però. Ho detto in generale.

  DANIELE CECI. Dicevo anche a lei e ad altri amici: «Non ho proprio idea di come può essere successa questa cosa. Se è stato nonnismo, io non lo so. Se qualcuno l'abbia fatto salire sulla torre e poi lui è caduto e quello è scappato...» Non ho proprio un'idea. Non mi sono fatto un'idea. Non riesco proprio a pensare: o è salito lui, di sua spontanea volontà, per vedere... per fare... non lo so.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Lei mette sullo stesso piano il fatto che lì la prima sera al buio un ragazzo di ventisei anni sale...

  DANIELE CECI. No, io ho pensato così. Adesso sto pensando così. Io un'idea che mi sono fatto può essere il nonnismo. A me personalmente non è capitato di qualche «nonno» che mi dicesse «Arrampicati lì» o «Vai di là». A me non sono mai successe queste cose qui.

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Quindi, lei non si è fatto un'idea sua su cos’è avvenuto ?

  DANIELE CECI. No. Ho pensato «O si è arrampicato da solo...», parlando con la mia compagna, perché anche in questi giorni ne abbiamo parlato. Ha detto: «Secondo te, come può essere successo ?» Ho detto: «Io non ho proprio un'idea». Ha fatto: «Secondo te, è stato nonnismo ?» «Non lo so». Non lo so. Può essere. Può essere stato anche nonnismo. Può essere, però io non lo so. Non mi sono fatto proprio un'idea. Mi spiace non avervi dato...

  GIUSEPPE ZAPPULLA. Non mi ha risposto, ma comunque va bene.

  PRESIDENTE. Un attimo, c'era l'onorevole Palma che si era prenotata. Posso inserirmi un secondo ? Abbiamo l'altro audito. Senta, anche per scherzo, anche per pochissime domande, la chiamavano con un soprannome, anche per battuta, «Rimini» in caserma ?

  DANIELE CECI. No.

  PRESIDENTE. No. Non la chiamavano così ?

  DANIELE CECI. No. Anche perché io all'epoca ero sotto Pesaro.

Pag. 36

  PRESIDENTE. Sotto Pesaro ?

  DANIELE CECI. Sì, eravamo sotto Pesaro noi.

  PRESIDENTE. Ah, sotto Pesaro.

  DANIELE CECI. 7-8-9 anni fa siamo andati sotto Rimini.

  PRESIDENTE. Ho capito. Ma lei è nato a Rimini, no ?

  DANIELE CECI. No, a Novafeltria.

  PRESIDENTE. Panella... Lei l'ha visto Panella effettuare atti di nonnismo ?

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. A chi ?

  DANIELE CECI. A chi non mi ricordo.

  PRESIDENTE. Faccia uno sforzo.

  DANIELE CECI. I nomi non me li ricordo. Eravamo tutti insieme lì, eravamo.

  PRESIDENTE. Lei ha visto Panella effettuare atti di nonnismo verso Ioanna ? Questo non può non ricordarlo. Ioanna era con lei in magazzino giorno e notte.

  DANIELE CECI. Può essere. Sì.

  PRESIDENTE. Lei ha visto Ioanna che, quando è andato via, ha restituito a Panella tutto quello che Panella aveva fatto a lui ?

  DANIELE CECI. No.

  PRESIDENTE. Non l'ha visto.

  DANIELE CECI. Non l'ho visto.

  PRESIDENTE. Quando dice «può essere», ha visto o non ha visto Panella fare atti di nonnismo verso Ioanna ? Dica la verità.

  DANIELE CECI. Ho sempre detto la verità. Ci mancherebbe altro. Ho sempre detto la verità.

  PRESIDENTE. Ha visto Panella effettuare atti di nonnismo verso Ioanna ?

  DANIELE CECI. Forse sì. Forse sì.

  PRESIDENTE. Che cosa ha visto ?

  DANIELE CECI. Forse le flessioni, tutti insieme lì a fare le flessioni.

  PRESIDENTE. E poi ?

  DANIELE CECI. Forse qualche, come diceva l'onorevole...

  PRESIDENTE. Baroni.

  DANIELE CECI. ...Baroni, la bicicletta, le scariche di pugni.

  PRESIDENTE. Quindi, mentre faceva le flessioni, lo massacrava con pugni, calci e schiaffi nella schiena. È questa la bicicletta ?

  DANIELE CECI. Forse sì. La bicicletta no, erano i pugni.

  PRESIDENTE. I pugni sotto le ascelle e sotto i fianchi mentre si fanno le flessioni.

  DANIELE CECI. Sì, è capitato anche a me, sì.

  PRESIDENTE. Ha visto Panella fare atti di nonnismo verso un tale Meucci ?

  DANIELE CECI. Non so neanche chi sia Meucci.

  PRESIDENTE. Meucci è del suo stesso scaglione, 2o 1999.

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo questo Meucci.

  PRESIDENTE. È nel suo stesso scaglione, 2o 1999.

Pag. 37

  DANIELE CECI. È lo stesso, ma non me lo ricordo questo Meucci, sennò glielo dicevo. Forse le dicevo anche... Non mi ricordo proprio chi è questo Meucci.

  PRESIDENTE. Onorevole Palma.

  GIOVANNA PALMA. Quando ha ricevuto la notifica per recarsi qui di fronte a questa Commissione, cosa ha pensato, a distanza di anni ?

  DANIELE CECI. «Chissà cosa ho fatto» ho detto subito anche alla mia compagna. Ha detto: «Daniele, ma tu...» Ho detto: «Guarda che mi sembra di ricordare che io non c'ero neanche in quel periodo». Poi ho detto: «Dovranno verificare cosa è successo». Le ho spiegato: «Guarda che mi sembra che ero lì in magazzino». Non le ho spiegato come. Ho spiegato che ero adibito al magazzino e che davo le lenzuola...

  GIOVANNA PALMA. Quindi, c’è stata una preoccupazione da parte sua e ha giustificato alla sua compagna il motivo per il quale lei...

  DANIELE CECI. Sì, sì.

  GIOVANNA PALMA. E cosa le ha detto ?

  DANIELE CECI. Il motivo perché mi hanno chiamato e ho detto: «Sicuramente per questo motivo qui».

  GIOVANNA PALMA. Cioè ?

  DANIELE CECI. Che ero nel magazzino lì di fronte e c’è stato il ritrovamento, lì davanti, del corpo. Le ho detto queste cose qui, le ho detto.

  GIOVANNA PALMA. Lei come lo conosceva Panella, bene, o era semplicemente un collega ?

  DANIELE CECI. Lo conoscevo anche bene. Bene nell'ambito militare. Lo conoscevo bene nell'ambito militare.

  GIOVANNA PALMA. Ha subìto mai atti di nonnismo da parte di Panella ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Poi, alla fine, diventava, così, un modo goliardico tra di voi...

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Anche se ve ne davate di santa ragione.

  DANIELE CECI. Adesso non era proprio... Sì, sì, era una cosa goliardica. Era così.

  GIOVANNA PALMA. Lei lo accettava così ?

  DANIELE CECI. Io l'ho accettato, sì.

  GIOVANNA PALMA. Questi atti. Perché era già entrato lì con l'idea che queste cose accadevano e che, quindi, sarebbe accaduto anche a lei ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, una sorta di tradizione che si tramanda tra i militari, per intenderci ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Chi aveva le chiavi del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Io. Io e il mio maresciallo. Mi sembra anche il maresciallo. Comunque le aveva anche lui, perché tanto...

  GIOVANNA PALMA. Si ricorda se Panella le aveva le chiavi del casermaggio ?

  DANIELE CECI. No, lui non aveva le chiavi.

  GIOVANNA PALMA. Ne è certo ?

Pag. 38

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Come fa a ricordarsi ?

  DANIELE CECI. Perché non le avrei date a nessuno le chiavi, se non a noi. Per quello ne sono certo.

  GIOVANNA PALMA. Se non al suo maresciallo ?

  DANIELE CECI. Al maresciallo o a Ioanna, che stava lì.

  GIOVANNA PALMA. Quanto tempo passava Panella all'interno del casermaggio ?

  DANIELE CECI. Non passava tanto tempo all'interno del casermaggio. Poteva venire ogni tanto. Ognuno aveva il suo servizio, quindi non è che si poteva allontanare chissà quanto.

  GIOVANNA PALMA. Senta, io mi sono fatta l'idea, dall'esterno ovviamente, che questo casermaggio fosse una sorta di rifugio, di piccola oasi dove un po’ vi raccoglievate anche per fumare uno spinello, per stare un po’ più in libertà. Mi sbaglio ? È un'impressione errata la mia ?

  DANIELE CECI. No, no.

  GIOVANNA PALMA. A volte capita tra i commilitoni di trovarsi un po’ in libertà.

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Mi sono fatta questa idea.

  DANIELE CECI. Ha ragione. Lì stavamo bene, stavamo in tranquillità, non ci rompeva le scatole nessuno, due chiacchiere, quello e quell'altro. Ha ragione.

  GIOVANNA PALMA. Si fumava un po’.

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Ha mai visto entrare donne in caserma ?

  DANIELE CECI. No. Non le ho mai viste.

  GIOVANNA PALMA. Neanche per sentito dire ?

  DANIELE CECI. No, neanche per sentito dire. Questo non me lo ricordo. Però io non le ho mai viste entrare. No, ultimamente però erano dell'Esercito. L'ultimo mese mi sembra che erano entrate ed erano dell'Esercito. Gli ultimi giorni mi sembra di averle viste lì che facevano il corso di paracadutismo.

  GIOVANNA PALMA. Vabbè, quelle sono colleghe.

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Io intendevo un altro genere.

  DANIELE CECI. Però gli ultimi giorni. Lei intende civili ?

  GIOVANNA PALMA. Sì.

  DANIELE CECI. No. Mai viste io.

  GIOVANNA PALMA. Fumavano un po’ tutti ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Si sente di dire che chi più e chi meno faceva uso di spinelli ?

  DANIELE CECI. Spinelli e basta. Era uso di spinelli e basta. Era uso di spinelli e basta.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, alla fine, lei conferma che in caserma c'erano atti di nonnismo ?

  DANIELE CECI. Sì.

Pag. 39

  GIOVANNA PALMA. Che poi lei non li considera atti di violenza pura, ma semplicemente come atti dovuti.

  DANIELE CECI. Confermo che anche su di me li ho provati. Confermo.

  GIOVANNA PALMA. Ma lei li ha anche fatti ?

  DANIELE CECI. Qualcosa sì. Qualche pompata, come dice l'onorevole Baroni, qualche pompata così.

  GIOVANNA PALMA. Sempre a mo’ di scherzo.

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, non davate importanza al fatto che magari qualcuno potesse essere più suscettibile e ne potesse risentire, anzi ?

  DANIELE CECI. No, anche perché, se uno non voleva, poteva smettere tranquillamente.

  GIOVANNA PALMA. Non mi sembra, però, che fosse così.

  DANIELE CECI. Mi sembra che una volta mi sono anche rifiutato e ho detto: «Basta».

  GIOVANNA PALMA. E loro hanno smesso ?

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, c'era una sorta di accondiscendenza da parte di chi le subiva ?

  DANIELE CECI. Sì, sennò non...

  GIOVANNA PALMA. Questo lei dice sempre per confermare che, essendo un gioco, quando poi uno dice «Basta», basta.

  DANIELE CECI. Sì, sì, sì.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, questa è l'idea che lei si è fatta.

  DANIELE CECI. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Mi scusi, allora, ritornando allo Scieri, lei che idea si è fatto, in maniera molto spontanea e con serenità ?

  DANIELE CECI. Non è che non voglio rispondere. Non mi sono fatto... Non so cosa pensare di cosa possa essere successo quel giorno lì.

  GIOVANNA PALMA. Magari un gioco finito male. Ha incontrato qualcuno che l'ha costretto a salire e poi è caduto.

  DANIELE CECI. Può essere anche questa cosa qui, che ha incontrato qualcuno che per atto di nonnismo l'ha fatto salire lì, poi è caduto ed è andato a finire male il gioco.

  GIOVANNA PALMA. E poi c’è stata questa reticenza da parte dei capi per salvaguardare un po’ il buon nome della caserma.

  DANIELE CECI. Come, scusi ?

  GIOVANNA PALMA. C’è stata un po’ di reticenza da parte di chi ha visto e ha nascosto per salvare il nome della caserma. Così si legge un po’ dalle cronache.

  DANIELE CECI. Sì, così dicono. Per come ho guardato, così dicono.

  GIOVANNA PALMA. Se anche fosse un «gioco finito male», è impensabile che il cadavere di questa persona venga ritrovato dopo tre giorni.

  DANIELE CECI. Anche quello è vero. Sì, dopo tre giorni, infatti, l'hanno trovato.

  GIOVANNA PALMA. Conviene con me su questo ? Conviene sul fatto che ci sia stata un po’ di reticenza ?

Pag. 40

  DANIELE CECI. Sì, questo sì.

  GIOVANNA PALMA. Quindi, ci sono dei responsabili.

  DANIELE CECI. Sicuramente, perché dopo tre giorni non...

  GIOVANNA PALMA. Non è pensabile.

  DANIELE CECI. No.

  GIOVANNA PALMA. Infatti, ho letto anche da altre audizioni che, dopo il caso Scieri, quando qualcuno mancava al contrappello, si faceva la corsa per andare a cercarlo tutti.

  DANIELE CECI. Questo non lo so.

  GIOVANNA PALMA. Io l'ho letto da altre audizioni. Non si ricorda ?

  DANIELE CECI. Questo non me lo ricordo.

  GIOVANNA PALMA. Si ricorda se all'interno del casermaggio vi erano delle funi, anche di piccolo diametro ?

  DANIELE CECI. No, non c'erano. Per funi intende corde ?

  GIOVANNA PALMA. Sì.

  DANIELE CECI. Mi sembra che non c'erano. Non mi ricordo. Mi sembra che non c'erano delle funi. Le corde, dice, le corde normali ? Mi sembra di no.

  GIOVANNA PALMA. Meucci non lo ricorda proprio, come diceva la presidente ?

  DANIELE CECI. Meucci non me lo ricordo. Non me lo ricordo Meucci. Non me lo ricordo proprio. Non me lo ricordo proprio. Non me lo ricordo.

  GIOVANNA PALMA. Va bene.

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo. Non me lo ricordo.

  GIOVANNA PALMA. Grazie.

  PRESIDENTE. Un'ultima domanda e passiamo all'altro audito.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Un'ultimissima domanda. Avevo bisogno di sapere i caporali con cui lei si accompagnava... Quand’è che si è congedato ?

  DANIELE CECI. Il 24 dicembre del 1999.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, dopo la morte di Emanuele Scieri.

  DANIELE CECI. Sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Praticamente, nella seconda metà del suo servizio militare obbligatorio volevo sapere lei con chi... poiché era a Rimini e non è che ogni volta che era in libera uscita lei potesse tornare a casa, aveva bisogno comunque di un giorno o due giorni di licenza quando usciva...

  DANIELE CECI. No, il fine settimana potevo andare a casa.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì. Quando usciva e non andava a casa...

  DANIELE CECI. E uscivo lì, vuole sapere con chi uscivo ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Sì, con chi usciva.

  DANIELE CECI. Uscivo con questo Massimo Giusti. Poi c'era un certo Nardi Angelo, mi sembra, e poi ce n'era... Sì, eravamo 3-4...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Guardi, è importante. Dovrebbe un attimo fare un piccolo sforzo di memoria, perché noi, come ha visto, incrociamo tutte le informazioni.

Pag. 41

  DANIELE CECI. No, per carità. Eravamo noi tre.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Il povero Massimo Giusti, che è stato l'unico che lei ha citato continuamente.

  DANIELE CECI. No, perché, ripeto, ogni tanto...

  MASSIMO ENRICO BARONI. Facciamo un po’ di giustizia anche qui. Citiamo anche qualcun altro, sennò sembra che lei sia stato «innamorato» solo di Massimo Giusti durante tutto il percorso della naia. Magari c’è stato qualcun altro con cui ha condiviso qualche esperienza.

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra anche un certo Abrignani Davide. Mi sembra.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Davide Abrignani. Erano tutti un po’ della sua zona, o comunque lei...

  DANIELE CECI. No, no, non erano della mia zona.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Solo Massimo Giusti era un po’ più...

  DANIELE CECI. Neanche.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nemmeno.

  DANIELE CECI. Era di vicino Firenze.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Quindi, Davide Abrignani e Massimo Giusti. Quindi, uscivate in tre.

  DANIELE CECI. 3-4. Eravamo noi.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Il quarto chi sarebbe ?

  DANIELE CECI. Eravamo 3-4 con me. Tre loro e quattro con me.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Scusi, ne manca uno.

  DANIELE CECI. No.

  PRESIDENTE. Nardi.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Nardi mi è scappato. Facevano parte tutti del 2o 1999 ?

  DANIELE CECI. A parte, mi sembra, Nardi, che non faceva parte del 2o 1999.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Era più anziano ?

  DANIELE CECI. No, era più giovane.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Era più giovane. Erano caporali come lei dopo la morte di Scieri ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo questo. Non me lo ricordo se erano caporali. Non me lo ricordo questo.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Va bene. Grazie.

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo se erano caporali.

  PRESIDENTE. Lei dormiva al casermaggio insieme a Ioanna ?

  DANIELE CECI. Sì, una volta mi addormentai.

  PRESIDENTE. Dormivate lì ? Non dormivate in camerata ?

  DANIELE CECI. No, dormivamo in camerata, però il pomeriggio, delle volte che comunque si stava presto su la mattina...

  PRESIDENTE. Vi addormentavate al casermaggio.

  DANIELE CECI. Sì, ci addormentavamo al casermaggio.

  PRESIDENTE. Sappiamo che Ioanna dormiva al casermaggio anche di notte. Non rientrava in camerata.

Pag. 42

  DANIELE CECI. Forse dopo che mi sono congedato io. Che mi ricordi non...

  PRESIDENTE. Non ha mai dormito lei al casermaggio di notte ?

  DANIELE CECI. Io di notte mai ho dormito. Mai.

  PRESIDENTE. No, ma ci andavate al casermaggio di notte ? Ci andavate a fumare, ha detto prima.

  DANIELE CECI. Prima del contrappello poteva capitare che andavamo lì.

  PRESIDENTE. Andavate lì a fumare di notte.

  DANIELE CECI. Certo, poteva capitare.

  PRESIDENTE. Beh, certo, il contrappello avveniva alle 23.15, quindi...

  DANIELE CECI. La sera, se non uscivamo...

  PRESIDENTE. Era un posto di ritrovo serale.

  DANIELE CECI. Sì, stavamo lì, ascoltavamo un po’ di musica, due chiacchiere, però eravamo noi due, tre o quattro, al massimo qualche suo amico, niente di...

  PRESIDENTE. Stavate dentro il magazzino, oppure fuori dal magazzino ?

  DANIELE CECI. Dentro al magazzino stavamo.

  PRESIDENTE. Ah, dentro al magazzino a fumare. Lei è andato in licenza il 13, dopo aver assegnato il cubo ai ragazzi appena arrivati – chiamiamoli ragazzi – del 7o 1999 e poi è ritornato domenica 15 agosto dalla licenza, il giorno di Ferragosto.

  DANIELE CECI. Sì.

  PRESIDENTE. Che clima c'era il giorno di Ferragosto, la sera di Ferragosto ?

  DANIELE CECI. Era una sera come tante altre, perché mi sembra che ancora non l'avevano trovato e, quindi, c'era un clima normale. Sono entrato in camera e mi sono messo a dormire.

  PRESIDENTE. Lei lo sa se poi ha sentito dire quella sera... Non dopo, non mi interessa dopo. Quella sera ha visto il Generale Celentano fare un'ispezione ?

  DANIELE CECI. Quella sera lì ?

  PRESIDENTE. Sì.

  DANIELE CECI. No. No, no. Questo me lo... insomma, un generale...

  PRESIDENTE. Se lo ricorderebbe, vero ?

  DANIELE CECI. Sì. Comunque mi sembra di no. Mi sembra di no.

  PRESIDENTE. Quindi, lei la sera del 15 non ha visto il Generale Celentano fare un'ispezione in caserma ?

  DANIELE CECI. Non me lo ricordo. No.

  PRESIDENTE. Qualche altra volta il Generale Celentano è venuto in caserma a fare un'ispezione mentre c'era lei, nei dieci mesi ?

  DANIELE CECI. Dentro...

  PRESIDENTE. Dentro la Gamerra, certo.

  DANIELE CECI. No, dentro la compagnia o dentro...

  PRESIDENTE. No, dentro la Gamerra.

  DANIELE CECI. A fare un'ispezione... Non lo so se ha fatto un'ispezione...

Pag. 43

  PRESIDENTE. Mentre c'era lei, che lei l'abbia visto.

  DANIELE CECI. Sì, mi sembra che una mattina c'era l'adunata e c'era lui all'adunata la mattina.

  PRESIDENTE. Celentano o Cirneco ? Stiamo parlando del generale di tutta la Folgore italiana.

  DANIELE CECI. Mi sembra che era Celentano. La mattina durante l'adunata mi sembra che era Celentano.

  PRESIDENTE. E ricorda quando ?

  DANIELE CECI. Era la mattina per l'adunata. Quando... ? Il periodo non lo so.

  PRESIDENTE. Va bene. Chiudiamo qui il verbale e sospendiamo tre minuti precisi per passare all'altro audito, che è già fuori. La ringraziamo di essere venuto oggi.

  DANIELE CECI. Voglio chiedere scusa all'onorevole Prestigiacomo, perché all'inizio... Sono anche un suo fan. Fate un bel lavoro, però all'inizio avevo un po’... Ripeto, lo voglio dire: lei diceva che mandavo giù, però è una cosa che non capita tutti i giorni di venire qui in Parlamento e che comunque ti fanno certe domande. Ero un po’ in panico.
  Io ho detto la verità. Mi sembra comunque che ho detto tutta la verità. Poi nomi e cognomi, chi è... Adesso si fa fatica a ricordarsi, dopo vent'anni.
  Volevo dire un'altra cosa che mi sono scordato. Su Facebook ho ritrovato un altro ragazzo che volevo dire quando l'onorevole mi faceva le domande, però mi ero scordato. L'ultima volta che l'ho sentito è stato, mi sembra, insieme a questo Giusti, tempo fa, Abrignani Davide. Volevo dire questo. Mi ero scordato.

  MASSIMO ENRICO BARONI. L'ha contattata lui ?

  DANIELE CECI. No.

  MASSIMO ENRICO BARONI. L'ha contattato lei ?

  DANIELE CECI. Sì, perché tramite Massimo... Ci conoscevamo. Gli ho chiesto il numero e ci siamo sentiti.

  MASSIMO ENRICO BARONI. L'ha contattato lei ?

  DANIELE CECI. Sì, l'ho contattato io. Mi sembra di sì.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Questo quanto tempo fa ?

  DANIELE CECI. Tanto, tanto tempo fa.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Un anno, due anni, cinque anni ?

  DANIELE CECI. Cinque anni no. Mi sembra che ancora non lavoravo lì dove lavoro adesso. Un annetto fa, più o meno. Non lo so. Più o meno un anno fa, tempo fa. No, ho detto una cavolata.
  L'ultima volta che l'abbiamo sentito è quando sono andato a trovare il mio amico Massimo lì dove abita e l'abbiamo chiamato da lì. Mi sembra che era luglio.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Eravate insieme ?

  DANIELE CECI. Sì, eravamo insieme. Abbiamo parlato del più e del meno, che cosa si faceva e basta. Volevo dirle questo. Me l'ero scordato.

  PRESIDENTE. Lei, oltre a Facebook, ha anche Whatsapp ?

  DANIELE CECI. No, non ce l'ho.

  PRESIDENTE. Whatsapp no ?

  DANIELE CECI. No, non ce l'ho ? Se vuole, le do il telefono e le faccio vedere. Non ho Whatsapp. Sono cose che non... Infatti, la mia ragazza è un po’...

  PRESIDENTE. Va bene, la ringrazio.

Pag. 44

  DANIELE CECI. Posso bere un po’ d'acqua ?

  PRESIDENTE. Certo. Sospendo brevemente la seduta.

  La seduta sospesa alle ore 16.50, è ripresa alle ore 17.

  PRESIDENTE. Riprendiamo la seduta.
  Avverto che la pubblicità dei lavori della seduta odierna sarà assicurata mediante la web-TV della Camera dei deputati.
  L'ordine del giorno reca l'audizione di militari in servizio all'epoca di Emanuele Scieri.
  Ricordo che, apprezzate le circostanze, sarà possibile proseguire l'audizione in seduta segreta, qualora se ne ravvisi la necessità.
  Ringrazio il Generale Celentano di essere presente, di essere venuto in Commissione e di aver accettato il nostro invito.
  Buonasera. Prego, deve parlare cortesemente al microfono con la sedia abbastanza vicina, perché altrimenti non si sente.
  Generale Celentano, lei ha diretto la Folgore da quanto tempo, per quanti anni, per quanto tempo, se vuole riferircelo ?

  ENRICO CELENTANO. Qualche mese più di due anni, esattamente dal 22 luglio del 1997 al 6 novembre del 1999.

  PRESIDENTE. In questo periodo di tempo è stato generale della Folgore ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Prima cosa faceva ? Che ruolo aveva ?

  ENRICO CELENTANO. Prima avevo lasciato l'ufficio Piani logistici e trasporti dello Stato maggiore della difesa.

  PRESIDENTE. E invece dopo il 6 novembre 1999 ?

  ENRICO CELENTANO. Sono stato Capo di Stato maggiore del Comando delle forze di proiezione, comando nato dal disciolto III Corpo d'armata.

  PRESIDENTE. Capo di Stato maggiore. Posso chiederle com’è arrivata questa promozione ?

  ENRICO CELENTANO. Quale promozione ?

  PRESIDENTE. Questa a Capo di Stato maggiore. È una promozione rispetto a generale della Folgore, no ?

  ENRICO CELENTANO. No, il grado era lo stesso. Era soltanto un cambio di incarico.

  PRESIDENTE. Come mai questo cambio di incarico ?

  ENRICO CELENTANO. Perché avevo terminato il periodo di comando alla Folgore e, quindi, un incarico mi doveva essere attribuito ed era quello di Capo di Stato maggiore.

  PRESIDENTE. Lei sa perché l'abbiamo convocata qui ?

  ENRICO CELENTANO. Per Scieri Emanuele.

  PRESIDENTE. Cosa ci dice di quel periodo di Scieri ? Ci racconti lei, spontaneamente e liberamente, quello che ha vissuto all'epoca, nel 1999.

  ENRICO CELENTANO. Ero in uscita da Villa Orlando. Villa Orlando è la villa a Livorno dei cantieri Orlando dove è stato istituito il Comando della Brigata paracadutisti Folgore. Gli anni non me li ricordo, ma venti o trent'anni prima di allora. Stavo andando non ricordo dove a bordo di una macchina, non di quelle militari grigio-verde. Non ricordo dove stessi andando.
  Proprio nel varcare il cancello d'uscita è suonato il telefono mobile che portavo Pag. 45sempre nella tasca della tuta e mi hanno detto quello che avevano trovato alla Scuola militare di paracadutismo a Pisa. Allora ho detto al conduttore di andare a mettere la prua della macchina verso Pisa. Sono entrato in caserma e mi sono diretto dove mi avevano detto che era stato trovato...

  PRESIDENTE. Cosa le hanno detto al telefono, generale ?

  ENRICO CELENTANO. Che avevano trovato un allievo paracadutista morto in un posto della caserma che era tra due palazzine adiacenti. Peraltro, vi ero passato la notte sul Ferragosto, ma non in quel punto, perché quel punto era stato separato dal resto con una paratia di teli mimetici, o con quella rete verde che usano nei campi da tennis. Quindi, non ho visto niente, allora.
  Mi sono portato lì e ho visto il cadavere di questo ragazzo a terra, con una gamba – la destra, credo – su un tavolo di casermaggio perché quel posto l'avevano destinato a punto di raccolta del materiale fuori uso. Quindi, c'erano armadietti più o meno sfondati, c'erano tavoli di casermaggio rotti, sgabelli, tutto materiale da versare, perché fuori uso.

  PRESIDENTE. A che ora ha ricevuto questa telefonata, generale ?

  ENRICO CELENTANO. Non ricordo se era al mattino o al pomeriggio. Comunque, c'era luce. Ancora c'era luce.

  PRESIDENTE. Chi l'ha chiamata ? Il comandante della caserma ?

  ENRICO CELENTANO. Forse il comandante, non lo so. Il comandante o i Carabinieri della caserma. Non ricordo perché alla Scuola militare di paracadutismo c’è un nucleo di Carabinieri.

  PRESIDENTE. Quindi, non ricorda se la chiamarono i Carabinieri o il comandante.

  ENRICO CELENTANO. Il comandante.

  PRESIDENTE. Il comandante si ricorda come si chiamava ?

  ENRICO CELENTANO. Il comandante era artigliere paracadutista ed era... lo dico dopo, quando mi viene in mente.

  PRESIDENTE. Corradi ?

  ENRICO CELENTANO. Corradi, brava, proprio Corradi. Aveva una notevole esperienza, perché aveva comandato diversi reparti appartenenti alla Folgore, dal reggimento artiglieria, al Reparto comando supporti tattici, al 26o elicotteri...

  PRESIDENTE. Aveva una notevole esperienza.

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. C'era il comandante Corradi nel periodo in cui si sono svolti questi fatti, quando è morto Scieri ?

  ENRICO CELENTANO. Il comandante era lui. Se fosse presente, non glielo so dire. In quella circostanza non l'ho visto, quando sono andato a vedere il cadavere di Emanuele Scieri.

  PRESIDENTE. Ricorda se, per caso, all'epoca, era in ferie ed era stato sostituito da qualcun altro ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, se fosse in ferie o fosse assente per servizio, perché in addestramento non glielo so dire.

  PRESIDENTE. Senta, capisce bene che questo caso ha sollevato un forte sdegno e fa molto male sia allo Stato, sia alla Folgore, sia agli uomini della Folgore, che fanno il loro dovere in Italia e all'estero, però noi abbiamo ricevuto un mandato. Il Parlamento ha istituito la Commissione d'inchiesta con una proposta di legge che è stata votata da tutta la Camera e, quindi, abbiamo l'obbligo e anche il dovere di Pag. 46capire fino in fondo quello che è successo. Quindi, veramente la preghiamo di essere immediato e diretto e di non tenersi nulla per sé. Credo che, se venisse fuori oggi la responsabilità, anche dopo 17 anni, sarebbe un onore per la Folgore.
  Lei ritiene questo possibile ?

  ENRICO CELENTANO. Io spero che sia possibile.

  PRESIDENTE. Pensa che sarebbe un onore per la Folgore se venisse fuori la verità di chi ha ucciso Emanuele Scieri ?

  ENRICO CELENTANO. Beh, quando viene fuori la verità, è sempre un onore per chi riesce a tirarla fuori e, anche se in ritardo, riesce a dire come sono andate le cose.

  PRESIDENTE. Anche perché la responsabilità penale è personale. Non è certo del corpo militare, giusto ?

  ENRICO CELENTANO. Certo.

  PRESIDENTE. Lei quante volte è stato interrogato, generale Celentano, dalla magistratura ordinaria o da quella militare ?

  ENRICO CELENTANO. Io ricordo una volta che fui convocato a Pisa al tribunale. Non so chi mi interrogò, ma era un ufficio dove era seduto questo signore. Mi chiese che cosa sapevo della questione, cosa avevo visto e mi chiese anche perché proprio la notte sul Ferragosto avevo ispezionato la Scuola militare di paracadutismo all'interno. Che poi non era un'ispezione, era una visita a bordo di un automezzo e, insieme alla Scuola militare di paracadutismo, avevo visto tutte le altre caserme della Folgore, la Marini di Pistoia, la Lamarmora (ora Bandini) di Siena, la Gamerra di Pisa, il 185o Reggimento d'artiglieria di Livorno, il 187o sempre di Livorno, il 9o Reggimento «Col Moschin» sempre a Livorno, il 1o Reggimento carabinieri paracadutisti sempre a Livorno. Insomma, ho impiegato tutta la notte. Sono partito la sera.

  PRESIDENTE. La sera di quando ? Del 14 ?

  ENRICO CELENTANO. La notte sul Ferragosto.

  PRESIDENTE. La sera tra il 14 e il 15.

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Il magistrato le chiese come mai avesse ispezionato la Gamerra ? Così ha detto lei.

  ENRICO CELENTANO. Perché rientrava nel novero dei reparti e delle caserme che facevano parte della Folgore.

  PRESIDENTE. Come mai lei quella sera fece il giro di tutte queste caserme ?

  ENRICO CELENTANO. Il mestiere del soldato è andare a vedere le unità quando è il momento forse più opportuno per vedere, perché non si aspettano di essere visitate, essendo una nottata su un giorno festivo.

  PRESIDENTE. Sì. Poi cosa le chiese il magistrato ?

  ENRICO CELENTANO. Descrissi come avevo visto il cadavere di Emanuele Scieri a terra, con una gamba sul tavolo di casermaggio. Questo ragazzo era a terra con la schiena, il corpo e i glutei e aveva la gamba destra, se non vado errato, sollevata. Il polpaccio della gamba destra era poggiato su questo tavolo di casermaggio. Il tavolo di casermaggio è un tavolo con il piano di formica che si usa in genere nel vettovagliamento.
  Aveva la maglietta verde oliva che si porta sotto la tuta, che era un po’ sollevata da una parte. Lì ho notato che il ragazzo, cosa che non succede mai, soprattutto lì da noi, quando si fa attività fisica intensa, era un po’ adiposo, ma questo dipende dal fatto, ritengo, che lui fosse già anzianotto. Aveva ventisei anni (tra virgolette, anzianotto) e forse aveva praticato più lo studio che l'attività sportiva.Pag. 47
  Ecco che mi sono dato una spiegazione allora di che cosa poteva essere accaduto a quel ragazzo che, vivendo insieme ad altri aspiranti paracadutisti più giovani di lui e più ’ginnasticati’ di lui, poteva forse aver tentato di vedere se riusciva a fare qualcosa, probabilmente avvalendosi di una scala con i gradini di ferro infissi nel muro che è all'esterno della torre di prosciugamento dei paracadute. Forse qualcosa è andato male, è scivolato, non ce l'ha fatta ed è venuto giù e lì è rimasto. Ho letto, ma non lo sapevo, sul giornale che si era rotto la colonna vertebrale. Poi, sempre sui giornali, lessi che avevano visto delle abrasioni sul dorso delle mani, come se qualcuno volutamente gli avesse calpestato le mani, cosa che io all'epoca non notai. Quindi, ripeto, rimango della mia idea. Poi può essere anche che qualcuno abbia fatto...

  PRESIDENTE. Qual è la sua idea, generale ?

  ENRICO CELENTANO. Come ?

  PRESIDENTE. La sua idea qual è ? Ce la ripeta in maniera diretta. Qual è la sua idea ? Una sola è la sua idea ?

  ENRICO CELENTANO. Io non scarto nulla. Prendo tutto, in genere, in esame. Ripeto, la mia quasi convinzione è che lui abbia tentato di fare un qualche cosa, un esercizio strano e che abbia scelto quella posizione. D'altronde, per aggrapparsi con le mani e issare il corpo, cioè per fare delle trazioni alla sbarra, quello era il luogo, più o meno, ideale, perché aveva queste sbarre, che erano i gradini di questa scala che si arrampicava lungo la torre di prosciugamento dei paracadute.

  PRESIDENTE. Lei pensa che Emanuele Scieri quella sera, di notte, dopo essere rientrato in caserma, prima del contrappello, faccia da solo una prova di forza per dimostrare a se stesso che è capace, così come le altre giovani reclute di anni minori ai suoi ? È questo che pensa ?

  ENRICO CELENTANO. Penso di sì, anche perché lui – stando a quanto ho letto sui giornali, perché non lo sapevo e non so neanche ora se le cose sono andate così – era al rientro dalla libera uscita. Quindi, in caserma è rientrato. Non è salito direttamente nelle camerate, ma è rimasto da basso a fumarsi una sigaretta nei viali, lo stesso viale che, peraltro, ho percorso io con la macchina quella notte. Poi che cosa sia successo, ripeto... Io credo che lui abbia inteso fare questo, però, se è così...

  PRESIDENTE. Lei è rimasto di questa unica idea, generale ? È rimasto con questa unica idea dopo 17 anni ?

  ENRICO CELENTANO. Non è unica. La seconda è che potrebbe avere...

  PRESIDENTE. Non è solo questa la sua idea ?

  ENRICO CELENTANO. La principale è questa.

  PRESIDENTE. La principale. Per seguirla bene.

  ENRICO CELENTANO. Poi c’è il fatto che potrebbe aver incontrato qualche – uno, due o tre, non lo so – spiritoso (quelli, purtroppo, ci sono sempre dappertutto), che forse gli ha detto di fare quello che io ritengo che lui abbia fatto spontaneamente: «Arrampicati un poco lì, facci vedere se sei in gamba». Poi tutto il resto è pura fantasia. Lui, obbedendo a questi anziani, può darsi che sia scivolato, come sarebbe scivolato se l'avesse fatto spontaneamente e con tutto il resto che sappiamo.

  PRESIDENTE. Cosa vuole dire quando dice che tutto il resto è pura fantasia ? Cosa è tutto il resto ?

  ENRICO CELENTANO. Perché lo immagino. Non so come siano andate le cose. Non lo so.

Pag. 48

  PRESIDENTE. Senta, lei è stato interrogato una sola volta – glielo ricordo io – il 23 agosto 1999 dai Carabinieri di Toscana, Comando provinciale di Pisa, alla presenza del PM Giambartolomei. Lei all'epoca disse, oltre a quello che ha detto stasera a noi, uno, che poteva essere una prova di forza con se stesso e, un altro, che qualche anziano gli aveva imposto di salire sulla scala e poi un'altra ipotesi. Se la ricorda ? A suo dire, ovviamente.

  ENRICO CELENTANO. No. Se me l'accenna...

  PRESIDENTE. Lei fa un'altra ipotesi: un gruppo di anziani che magari bighellonavano, una pattuglia di ronda, di ispezione, che poteva averlo costretto a salire sulla scala... Se la ricorda questa che lei fece come ipotesi ?

  ENRICO CELENTANO. Non si discosta dalla seconda ipotesi che ho fatto.

  PRESIDENTE. Però ne fece una terza. Fece anche questa terza ipotesi. Si ricorda ?

  ENRICO CELENTANO. Sinceramente, non me lo ricordo, signora. Ripeto, rientra nel novero della mia seconda ipotesi che abbia incontrato qualcuno anziano ’in voglia’ di scocciare.

  PRESIDENTE. Come giustifica queste sue ipotesi... Non si preoccupi di guardare me, tanto ci sentiamo. Si rivolga ai colleghi. Come giustifica tutte queste ipotesi col fatto che Scieri Emanuele aveva le scarpe slacciate e una scarpa era a 4 metri di distanza dal corpo ? Le scarpe entrambe slacciate e un piede era nudo, con la scarpa a 4 metri dal corpo.

  ENRICO CELENTANO. Cosa posso dire ? Perché aveva le scarpe non lo so. Sarà salito in camerata per poi mettersi...

  PRESIDENTE. No, non era salito in camerata, generale. Emanuele Scieri era rientrato alle 22.15 – ormai lo sappiamo a memoria – del 13 agosto alla caserma Gamerra insieme ad altri commilitoni. Non era assolutamente passato dalla camerata. Aveva fumato, dicono, una sigaretta. Voleva fare, dicono, una telefonata. Non c’è nessuna telefonata effettuata dal cellulare di Emanuele Scieri la notte del 13.
  Viene lasciato nei pressi, più o meno, di questa torretta che lei conosce bene. Non aveva le scarpe slacciate, non aveva gli anfibi militari. Era vestito in maniera ordinaria, perché era uscito in libera uscita, e viene trovato tre giorni dopo il corpo, come lei ben sa, quando riceve la telefonata.
  Come si spiega con questa ipotesi le scarpe slacciate ?

  ENRICO CELENTANO. Questo non glielo so dire, però mi stupisce il fatto che sia stato in maglietta verde. Non si va in libera uscita con la maglietta verde.

  PRESIDENTE. Anche questo è un cattivo ricordo suo, perché la maglietta non era verde. Era una maglietta normale bianca, di persona civile. Non era vestito con nessun vestito militare, nessun armamento, nessuna effigie. Non aveva niente di militare. Era vestito normalissimo. Aveva una maglietta bianca, una maglietta interna bianca, una maglietta estiva.

  ENRICO CELENTANO. Non ricordo questo, signora. Io ricordo la maglietta verde.

  STEFANIA PRESTIGIACOMO. Presidente, gli mostri le foto.

  PRESIDENTE. Dopo ci arriviamo, onorevole Prestigiacomo. Ho tantissime domande. Non ricorda questo. Dopo le mostriamo le foto. I nostri agenti della Finanza sono così solerti da avere tutto a portata di mano.
  Lei è stato interrogato una sola volta, ma ha reso tantissime interviste ai giornali appena tre giorni dopo il ritrovamento del corpo, tant’è che il magistrato la chiama a deporre proprio in ordine alle sue interviste Pag. 49rese al Giornale, a Repubblica, alla Nazione, al Resto del Carlino, eccetera.
  Il magistrato la chiama, dicendo: «Come mai lei fa tutte queste ipotesi relative alla morte di Scieri ?» Nelle sue dichiarazioni rese tre giorni dopo – quindi, parliamo del 20-22 – il ritrovamento del corpo lei escluse che si potesse trattare di un atto di nonnismo. Poi cambiò idea nel corso dei giorni ? Allora. Poi le chiedo di oggi.

  ENRICO CELENTANO. Il fatto di aver escluso, signora, non l'ho escluso. Non l'ho privilegiato come possibilità, ma non l'ho escluso...

  PRESIDENTE. Tant’è che oggi dice che può darsi che abbia incontrato degli anziani.

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Quindi, può essere anche un atto di nonnismo.

  ENRICO CELENTANO. Può essere.

  PRESIDENTE. Adesso le pongo un'altra domanda: lei quanti atti di nonnismo... anzi, lei, come comandante, sa che era stata istituita nel 1998... Lei mi dice che era già comandante della Folgore a luglio 1997 fino al novembre 1999. È esatto ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Nel 1998 lei se lo ricorda che è stata istituita una Commissione di studio da parte dello Stato maggiore dell'Esercito sul nonnismo ? Lei era comandante della Folgore.

  ENRICO CELENTANO. Signora, di cose ne sono state fatte tante. Sicuramente, se lei lo dice, è così, ma io non ho memoria particolare.

  PRESIDENTE. Non ha memoria di questa Commissione. Era sotto la sua dirigenza.

  ENRICO CELENTANO. Questa era la mia ?

  PRESIDENTE. Sì, lei era il comandante della Folgore. Questa Commissione sul nonnismo la istituiva lo Stato maggiore dell'Esercito. Se lo ricorda questo ?

  ENRICO CELENTANO. No.

  PRESIDENTE. Lei è stato comandante per tutto questo tempo che ci ha detto stasera. Si ricorda che nel 1998 erano stati denunciati 268 casi di nonnismo ?

  ENRICO CELENTANO. In tutto l'Esercito ?

  PRESIDENTE. Tra i paracadutisti, non in tutto l'Esercito.

  ENRICO CELENTANO. Solo nei paracadutisti ?

  PRESIDENTE. Sì.

  ENRICO CELENTANO. 298 ?

  PRESIDENTE. 268.

  ENRICO CELENTANO. Le cose saranno come lei mi dice, ma...

  PRESIDENTE. Non se lo ricorda.

  ENRICO CELENTANO. Non me lo ricordo.

  PRESIDENTE. Senta, lei ha denunciato in tantissime interviste che combatteva il nonnismo dentro la caserma Gamerra. L'ha denunciato, in particolare, in un'intervista al Giornale il 20 agosto. Intendo proprio Il Giornale, la testata. Ha detto che lei faceva continui controlli e dichiarò che il nonnismo, purtroppo – queste sono le sue testuali parole – era nel DNA dei militari di leva. Se la ricorda questa intervista ?

Pag. 50

  ENRICO CELENTANO. Posso averlo detto, signora, sì, però tutte queste interviste, delle quali lei mi parla...

  PRESIDENTE. Adesso gliele mostro, sì.

  ENRICO CELENTANO. C'era solo una giornalista che si chiamava Nuti, mi sembra...

  PRESIDENTE. Ci sono, guardi, Corriere della Sera, 19 agosto 1999, dove lei dice: «Combatto il nonnismo da anni con estremo rigore». Eccolo qua il giornale. Poi ancora, lei si presenta in Commissione al Senato: «Enrico Celentano si presenta presso la Commissione del Senato», dove lei rende un'audizione, che adesso le leggo. Lei si presentò poi alla Commissione difesa del Senato e dichiarò nel 1999 che nella sua brigata si erano verificati in sei mesi sette casi di nonnismo, tutti denunciati, sette casi in sei mesi nella sua brigata.
  Il primo degli episodi si era verificato tra marzo e aprile del 1999 ed era diretto a cinque allievi. Il secondo fatto si era verificato tra maggio e giugno del 1999 e le vittime erano sei reclute – questo alla Commissione del Senato – mentre altre cinque casi di nonnismo andavano dal luglio (attenzione alle date) del 1999 ad agosto 1999. Ad agosto 1999, generale, muore Scieri.
  A questi casi dobbiamo aggiungere il caso di nonnismo di 70 paracadutisti del 7o 1999 che il 13 agosto 1999 viaggiavano sul pullman, dopo aver finito il CAR...

  ENRICO CELENTANO. L'atteggiamento della sfinge.

  PRESIDENTE. Bravissimo. Ci racconta che cosa sa, che cosa è successo e che cosa le hanno riferito ?

  ENRICO CELENTANO. Cosa mi ha riferito chi ?

  PRESIDENTE. I suoi subordinati. Penso al maresciallo, al generale, al comandante della caserma, in quel caso Pierangelo Corradi, oppure al suo vice Cirneco. Cosa sa su questo caso di nonnismo dei 69-70 paracadutisti che insieme a Scieri viaggiavano dal CAR e avevano finito il CAR a Firenze alla caserma Gamerra di Pisa ? Cosa le è stato detto ?

  ENRICO CELENTANO. Io so quello che mi sembra fu riferito proprio dai giornali, di questo atteggiamento dei caporali che accompagnavano le reclute dal CAR di Firenze, da Scandicci credo, alla scuola per vedere se fossero idonei alle prove da superare per fare il corso di paracadutismo. Qualcuno di questi caporali intese fare – non so come si può definire – una stupidaggine e impose loro di stare seduti a mo’ di sfinge (questo l'ho letto sui giornali, chiaramente), con le gambe unite, stando seduti, con le mani poggiate sui quadricipiti delle gambe, sguardo in avanti come l'atteggiamento da sfinge. Di più non so, signora.

  PRESIDENTE. Questo lei l'ha saputo dai giornali ?

  ENRICO CELENTANO. Credo di sì.

  PRESIDENTE. Lei non ha mai radunato i suoi uomini per capire cosa fosse successo ?

  ENRICO CELENTANO. Era il mio mestiere quello di parlare e radunare gli uomini.

  PRESIDENTE. Allora perché mi dice che l'ha saputo dai giornali ?

  ENRICO CELENTANO. Perché nessuno me ne ha fatto cenno.

  PRESIDENTE. Lo faccia capire a noi, perché vogliamo capirlo. Quindi, lei questo atto di nonnismo non lo apprende dai suoi uomini, ma dai giornali.

  ENRICO CELENTANO. È così.

Pag. 51

  PRESIDENTE. Poi lei ha radunato i suoi uomini dicendo: «Cosa è successo ? Ne va del buon nome della Folgore» ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, il fatto di parlare agli uomini è – anzi, era, perché adesso non faccio più il mestiere delle armi – un'abitudine. Dopo la cerimonia dell'alzabandiera davo l'attenti, sul posto di scatto, seduti. Tutti sedevano e io parlavo non più di cinque minuti. Questo ogni mattina. Chiaramente, io sono uno. La caserma che frequentavo di più era la Vannucci di Livorno, perché là dentro c'era il 1o Reggimento Carabinieri paracadutisti, il 187o Reggimento e il 9o Reggimento.

  PRESIDENTE. Generale, forse non sono stata chiara. Questo atto di nonnismo dei 70 che viaggiano sul pullman e vengono obbligati, oltre che, come dice lei correttamente – ha una buona memoria – a tenere la posizione della sfinge, anche a tenere i finestrini chiusi e il riscaldamento acceso nel mese di agosto e il cappello in testa e la sciarpa, qualcuno ha detto, si verifica ad agosto. Si verifica nello stesso pullman di Emanuele Scieri. Tre giorni dopo Emanuele Scieri viene trovato, il 16 agosto, in caserma, alle 14.30 del pomeriggio. Lei viene chiamato, non ricorda se dai Carabinieri o dal comandante della caserma, e si presenta in caserma.
  Questo atto di nonnismo si apprese in quei giorni. La mia domanda è: lei radunò i suoi subordinati – non penso le giovani reclute, ma quantomeno il comandante e il vicecomandante, Ratti, Amoriello, i caporali... Li sappiamo tutti a memoria, ormai; abbiamo tutti i nomi impressi nella nostra mente – per dire: «Ma che cosa è successo in questo pullman su cui Scieri viaggiava» ? Contestò questo atto di nonnismo ad agosto con i finestrini chiusi e con il riscaldamento a tutto volume ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, questo brutto episodio, ripeto, l'ho appreso dai giornali. Il fatto che richiamassi costantemente l'attenzione degli uomini che avevano un minimo grado di caporale, salendo per la scala gerarchica, per fare in modo che non si verificassero episodi tesi a lesionare la personalità degli uomini che lo Stato ci affidava l'ho sempre fatto. Costantemente il mio pensiero è lì, però il fatto particolare dei finestrini chiusi del pullman, la posizione della sfinge e tutto il resto, lo ripeto, l'ho appreso dai giornali.
  Quindi, forse dopo l'avrò fatto, quando dai giornali ho appreso quello che era accaduto, ma, lì per lì, no, perché nessuno di quelli con l'uniforme mi ha detto: «Guardi che nel trasferimento tra Firenze e Pisa si è verificato questo episodio». No, anche perché non avrei fatto altro che ridire le stesse cose che continuamente ribadivo.

  PRESIDENTE. Lo sa che questi caporali sono stati condannati con sentenza... ?

  ENRICO CELENTANO. No.

  PRESIDENTE. Non lo sa ? Non l'ha mai saputo ? Allora lo apprende. Sono stati condannati quattro caporali con sentenza passata in giudicato.
  Poi vi do la parola. Appuntate quello che volete chiedere. Finisco.
  Ritorniamo agli atti di nonnismo. Lei, quindi, dice in queste dichiarazioni più volte che gli atti di nonnismo sono nel DNA della Folgore, nel DNA dei paracadutisti. Tra questi casi di nonnismo che abbiamo appreso anche in questa Commissione d'inchiesta ce ne sono tanti, tra cui bere l'urina, o mettere sotto il naso un contenitore pieno di urina. L'abbiamo appreso anche dai verbali delle indagini. Oppure addirittura prendere una candela o una fiamma di un accendino acceso, ovviamente, e metterla sotto il palmo delle mani per una prova di resistenza, sotto il palmo delle mani delle giovani reclute o tra caporali.
  C’è poi «la sporca», che consiste nel fare centinaia di flessioni e, mentre si fanno queste flessioni, uno dei caporali batte con pugni, calci, manate e schiaffi i dorsali e anche l'addome del povero che sta soggiacendo sotto di lui e via elencando.Pag. 52
  Poi lei, nel suo interrogatorio del 23 agosto, elenca altri atti di nonnismo. Ne elenca uno in particolare, quindi lei ha la piena consapevolezza di quello che avviene all'interno delle sue caserme. Questa è la sua firma, il suo verbale. Questo è quello che ritrovo io leggendo gli atti. Lei addirittura elenca un atto di nonnismo che si chiama «la comunione».

  ENRICO CELENTANO. Sì. La comunione aveva perso di vigore. Era antica. Ai tempi in cui ho comandato la Folgore non c'era più.

  PRESIDENTE. Questo lei non lo specifica nel verbale del 23 agosto. Il PM le chiede quali atti di nonnismo si verificano e lei tra questi indica la comunione. Ce lo vuole dire in cosa consiste ?

  ENRICO CELENTANO. La comunione consisteva... Questo glielo posso dire perché c'era un mio collega di scuola che ho convinto a fare il paracadutista; ero già paracadutista civile, presi il brevetto a 15 anni. Gli dissi: «Vai nei paracadutisti, perché sono un corpo dove puoi tirare fuori la tua personalità ed essere contento di quello che stai facendo».
  Lui l'ha provata la comunione. In che cosa consisteva ? Da quanto mi ha raccontato lui, Giancarlo Divisani, loro raccoglievano una serie di schifezze, tra le quali schifezze umane, e facevano dei contenitori...

  PRESIDENTE. Escrementi umani. È così ?

  ENRICO CELENTANO. Sì, liquidi e meno liquidi. Facevano maturare queste schifezze e poi nelle camerate di notte facevano agli allievi questa famosa comunione, che consisteva nel dar loro un cucchiaio di questa robaccia, che dovevano mandare giù. Poi c'erano i famosi pugni sulla schiena, le candele, le candele che illuminavano...
  Non so se le ho ancora, ma avevo delle fotografie di queste cose qui. Ripeto, la cosa credo che si sia assopita negli anni 1960-65. Poi di questi atti così schifosi non ho più sentito parlare.

  PRESIDENTE. Lei dice che si sono sopiti nel 1965, ma io le ho elencato, a parte le sue dichiarazioni, 268 casi di nonnismo nel 1998 e la sua audizione in Commissione difesa al Senato nel 1999, in cui lei viene audito dal Senato e racconta di atti di nonnismo – gliel'ho detto poco fa – dal luglio 1999 ad agosto 1999 e anche anteriormente. Qui in questa Commissione abbiamo appreso altri atti di nonnismo che si verificavano anche all'epoca di Scieri.
  Inoltre, le ricordo anche altri atti che ebbero molto clamore sulla stampa. Nel marzo 1998 un allievo paracadutista si rifiutò di consegnare a dei nonni una sigaretta e, per punizione, venne costretto a bere l'urina, questo atto che lei dice essere finito nel 1965.
  Nell'aprile 1998 un ragazzo fu colpito ai testicoli durante una scazzottata nelle camerate e venne ricoverato in ospedale a Bologna. Dopo questi due episodi il Colonnello Ansano Nardi fu rimosso.
  Ecco perché le ho fatto tutta questa lunga premessa, che lei comunque ha confermato e ricordato. Lei dichiarò poi al Corriere della Sera, il 19 agosto, che da anni combatteva il nonnismo con estremo rigore.
  Dopo tutta questa premessa, le chiedo – ho visto che lei risponde in maniera onesta e precisa e ha anche una buonissima memoria; di questo mi complimento con lei –: se il nonnismo era molto diffuso nella caserma Gamerra, così come in altre caserme italiane, io penso che ci fosse da essere preoccupati, no ? Era preoccupato ? Dice che ha combattuto il nonnismo in tutta la sua vita con estremo rigore. Lo dice a tutti i giornali. Ha raccontato di atti di nonnismo. Penso che comunque lei fosse abbastanza preoccupato di dirigere la Folgore italiana, fermo restando – attenzione – che io penso che la Folgore sia un corpo prestigiosissimo, che onora questo Pag. 53Stato italiano, laddove compie, ovviamente, delle imprese che ci fanno onorare di essere italiani.

  ENRICO CELENTANO. Sì. Al riguardo, proprio oggi mi sono venuti a prendere alla stazione quattro miei ex paracadutisti, tutti di truppa. Parlando sempre delle solite cose, perché chi ha fatto il servizio militare nei paracadutisti rimane sempre un po’ attaccato e, quando si incontra, parla e ricorda episodi particolari, ho detto loro (insistono sempre su questo tasto) che c’è uno di noi, morto recentemente, anche perché era anziano, che si chiamava Renato Migliavacca. Questo Migliavacca era milanese e ha fatto lo scrittore. Ha scritto dei libri, molti dei quali sulla Folgore.
  Questo Renato Migliavacca scrisse una frase che io ho a memoria, perché è talmente vera e talmente scritta bene che mi è piaciuta e praticamente è il marchio, a mio giudizio azzeccato, sui paracadutisti. Questa frase dice: «Vi furono uomini che nel sudore, nel sangue, nella paura – questa parola è stata molto contestata dagli anziani, perché dicono che i paracadutisti non hanno mai paura; non è vero: hanno paura e la vincono – nel diuturno impegno a meritarsi il rispetto di se stessi, ebbero la ventura di riconoscersi nel nome "Folgore”».
  Questo è il timbro che, a mio giudizio, caratterizza i paracadutisti.

  PRESIDENTE. Io le ho fatto un'altra domanda. Le ho detto: di fronte a tutti questi atti di nonnismo, anche abbastanza cruenti, o schifosi, se vogliamo, se le piace di più questa parola, lei era preoccupato della caserma Gamerra ? C'era da preoccuparsi, o, se non era preoccupato, c'era da preoccuparsi ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, ripeto, cercavo di lenire quello che poi si è verificato, ma non era la prima volta. Erano atti che si verificavano spesso, dovuti all'esuberanza, alla sciocchezza, a quello che vogliamo, ma erano questioni quasi all'ordine del giorno. Se non era il cucchiaio di schifezze della cosiddetta comunione, era uno scherzo, erano dei piegamenti sulle braccia fatti fino a farlo praticamente rendere impossibilitato a risalire con il corpo, perché talmente stanco e sfinito.
  Erano all'ordine del giorno, signora.

  PRESIDENTE. Benissimo. Le pongo la domanda diversamente. Erano all'ordine del giorno, erano consueti, eccetera eccetera. Di fronte alla circostanza obiettiva, generale, che un ragazzo, che non era obeso, guardi... Forse in questo il suo ricordo è errato, perché Emanuele Scieri non era assolutamente obeso, anzi. Aveva ventisei anni, era più grande dei diciannovenni, ma era un ragazzo abbastanza prestante. Abbiamo visto tantissime fotografie dell'epoca. Non aveva assolutamente chili di troppo.
  Di fronte a questa circostanza obiettiva, che Emanuele Scieri arriva il giorno 13 alla caserma Gamerra, prende il cubo, effettua tutte le varie incombenze che si fanno ogni volta che si arriva dal CAR, esce con i suoi commilitoni del 7o 1999 in libera uscita, rientra in caserma alle 22.15 della sera del 13 agosto 1999... Non si presenta al contrappello, ma è in caserma Gamerra. Abbiamo chiesto a tutti gli auditi se sia mai accaduto un altro fatto identico, cioè che un militare alla prima giornata di entrata in caserma entri – non è mancato al rientro, generale; lei sa benissimo, molto meglio di me, la differenza: non è mancato rientro – in caserma ma non si presenti al contrappello.
  Un gruppo di militari – sappiamo nomi e cognomi – dicono all'ufficiale di picchetto e al caporale di giornata: «Emanuele Scieri è in caserma. È rientrato dalla libera uscita».
  Questa mia domanda è molto lunga, perché è una premessa chiara, così non rimangono equivoci. Emanuele Scieri è in caserma. Un gruppo di militari che è rientrato con lui dice: «È rientrato con noi. Si trova qui, dentro la caserma. Non è uscito». Siamo a poco prima del contrappello. Poco prima del contrappello, lei mi insegna, non si può uscire dalla Gamerra Pag. 54o da altre caserme, perché si viene identificati, perché tra poco c’è il contrappello. I caporali di giornata e l'ufficiale di picchetto segnano nel rapportino della sera il mancato rientro.
  Quindi, già partiamo dal fatto che questo è un falso, perché, se non fosse un falso, io, ufficiale di picchetto o caporale di giornata, scriverei nelle note, che ci sono, evidenti e chiare – ci sono tante righe sotto il rapportino della sera –: «Mi è stato riferito che è rientrato in caserma ma non si è presentato al contrappello». Tutto questo non viene scritto quella sera, però dei militari dicono che Emanuele Scieri è in caserma.
  Perché le ho fatto la domanda sugli atti di nonnismo ? Lei mi dice che gli atti di nonnismo si verificano spesso all'ordine del giorno. Sapendo questo, ossia che gli atti di nonnismo si verificano in caserma e che Emanuele Scieri è rientrato dalla libera uscita e si trova in caserma, ma non si è presentato al contrappello, come mai, secondo lei, nella sua grande, grandissima esperienza, nessuno si è preoccupato di andare a cercarlo ? Poteva aver subìto un atto di nonnismo, poteva essersi sentito male, poteva avere avuto un infarto, poteva essere caduto, essere inciampato e aver sbattuto la testa. Faccio appello alla sua grande esperienza.

  ENRICO CELENTANO. Signora, il rientro dalla porta principale della caserma al termine della libera uscita, sancito da un apposito segnale di tromba che si chiama ritirata, fa in modo che i soldati che stanno fuori dalla caserma in libera uscita varchino il portone di ingresso e accedano in caserma, ma lì non c’è controllo, signora. Non è che gli uomini vengono riconosciuti uno per uno.
  L'atto che ufficializza il rientro in caserma e la presenza è proprio il contrappello, in cui l'ufficiale di servizio e il sottufficiale di servizio passano camerata per camerata, branda per branda, e controllano che l'uomo sia presente, perché quest'attività si faceva con l'uomo in piedi ancora vestito. Dopodiché, passato il contrappello, poteva stendersi in branda.

  PRESIDENTE. Lei è molto abile. Io non le ho chiesto questo. Io le ho detto anche – non ho tralasciato nulla – che i commilitoni di Emanuele Scieri hanno detto all'ufficiale di picchetto e al caporale di giornata De Silvestris, De Martin eccetera, che Scieri era rientrato. Non era mai capitato alla caserma Gamerra che un ragazzo fosse rientrato e non si fosse presentato al contrappello. Era capitato che 378 persone non fossero rientrate, ma non era mai capitato che uno fosse rientrato e non si fosse presentato al contrappello.

  ENRICO CELENTANO. Signora, il fatto di rientrare in caserma, come ho detto prima, non è un controllo. Dalla caserma, come si entra dalla porta principale, si può uscire, ma non dalla porta principale, saltando il muro di cinta.

  PRESIDENTE. Lei sa che molti saltavano il muro di cinta ? Lei sa che molti paracadutisti saltavano il muro di cinta ?

  ENRICO CELENTANO. Certo. È stato sempre così. Si cercava di contenere il fenomeno, ma vent'anni...

  PRESIDENTE. Lei sta giustificando i suoi uomini, che hanno pensato che Emanuele Scieri fosse rientrato e poi, quando si era fumato la sigaretta...

  ENRICO CELENTANO. Può darsi che si uscito per i fatti suoi, non dalla porta della caserma.

  PRESIDENTE. Non c’è un regolamento della caserma ?

  ENRICO CELENTANO. Certo.

  PRESIDENTE. Che cosa dice il regolamento ?

  ENRICO CELENTANO. Vieta di uscire, chiaramente, dal muro di cinta.

  PRESIDENTE. Ma il regolamento parla anche di rientri. Parla di mancati rientri e, Pag. 55quindi, di punizioni. Così come si giustifica il regolamento, cosa dice il regolamento nel caso di un soggetto che rientra dalla libera uscita ?

  ENRICO CELENTANO. Che rientra e riesce ?

  PRESIDENTE. No, non c'era la prova che fosse riuscito. La prova che fosse riuscito nella caserma non c'era, quella sera.

  ENRICO CELENTANO. Allora non si può punire una cosa che si dà per presupposta.

  PRESIDENTE. Senta, generale, che compito hanno il caporale di giornata e l'addetto al contrappello ? Quello di registrare tutto quello che avviene. È così ?

  ENRICO CELENTANO. Che siano tutti presenti e segnalare chi non c’è.

  PRESIDENTE. Poi può segnalare. Ci sono delle note. Lei se lo ricorda come è fatto il rapportino della sera ? Se lo ricorda come è fatto il rapportino della sera ? C’è scritto proprio così. C’è scritto: «Note». Cosa vuol dire «Note» ? Vuol dire che un ufficiale, un pubblico ufficiale in generale, un ufficiale, ovviamente, in questo caso, della Gamerra deve registrare e scrivere quello che gli viene detto. È questo che si insegna nella carriera militare.

  ENRICO CELENTANO. Sì, gli viene detto di annotare su questo pezzettino di carta quello che lui ritiene opportuno e la mattina dopo viene consegnato tutto a chi... mi faccia fare mente locale...

  PRESIDENTE. All'ufficiale di picchetto, quella sera stessa.

  ENRICO CELENTANO. L'ufficiale di picchetto non ha potere decisionale. Non può nulla.

  PRESIDENTE. L'ufficiale di picchetto lo porta alla porta carraia. All'ufficiale dell'ispezione lo porta.

  ENRICO CELENTANO. No, signora. Un fatto degno di nota non finisce all'ufficiale di picchetto, ma all'aiutante maggiore. L'aiutante maggiore sarebbe, parlando in linguaggio civile, il segretario del comandante. È a lui che viene riferita l'anomalia riscontrata in sede di contrappello.

  PRESIDENTE. Quella sera per loro non c'era alcun fatto degno di nota. Forse lei non mi segue. Mi sembra di essere abbastanza chiara. Io le ho chiesto: se lo ricorda come è fatto il rapportino della sera ? Nel rapportino della sera c’è scritto: «Note».
  Le pongo la domanda diversamente. Secondo lei, perché i suoi uomini, l'ufficiale di picchetto e il caporale di giornata, non hanno scritto in questo rapporto della sera: «Tizio, Caio o Sempronio ci riferiscono che Scieri Emanuele è rientrato in caserma alle 22.15, ma non si è presentato al contrappello» e, invece, scrivono falsamente «Mancato rientro» ? «Mancato rientro» in italiano vuol dire che non è rientrato dalla porta carraia. Lo scrivono dinanzi a delle persone che dicono che è rientrato.

  ENRICO CELENTANO. Perché, come ho detto prima – non mi sono spiegato, evidentemente – l'atto ufficiale che sancisce il rientro di un soldato in caserma è la sua presenza davanti al posto branda al momento del contrappello. Lui non c'era e l'hanno dato per non rientrato.

  PRESIDENTE. È chiarissimo. Ho capito. Onorevole Palma.

  GIOVANNA PALMA. Generale Celentano, mi scusi, allora che cosa significa aggiungere delle note a quel foglio, la sera ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, intanto «Note», perché nella vita militare...

Pag. 56

  GIOVANNA PALMA. È bianco e ci sono le note.

  ENRICO CELENTANO. ...i moduli – chiamiamoli così – ufficiali, con una parola ampollosa, cambiano continuamente. Queste note che cita la signora non me le ricordo. Probabilmente ce l'avranno aggiunto dopo. Sarà ancora così. Sarà ricambiato un'altra volta. Insomma, non è che siano dei modelli standardizzati e legalizzati.

  GIOVANNA PALMA. Partiamo dal presupposto che sul foglio c’è scritto: «Note». Il caporale, in quella circostanza, non aveva il dovere di segnalare che gli era stato, a sua volta, segnalato da parte di alcuni colleghi commilitoni dello Scieri che era giù ? Sarebbe stato più corretto.

  ENRICO CELENTANO. Certo, sarebbero stati più corretti.

  GIOVANNA PALMA. Poi posso capire che lei magari ci voglia fare intendere stasera che è a discrezione del caporale portare o meno quella nota al segretario del comandante, come diceva lei. Può essere una sua discrezione, perché può essere anche che sia mancato rientro, d'accordo.
  Tuttavia, nel caso specifico, quando più persone dicono: «Lo Scieri è giù. Non è vero che è un mancato rientro, quindi corregga», dicono al caporale, «non è così», lei conviene con me che c’è stata una disattenzione ?

  ENRICO CELENTANO. Sì, una disattenzione e forse anche una scarsa volontà nello scrivere questo concetto che è stato appena espresso. Lui ha semplificato. È andato per sintesi. C'era Scieri al contrappello ? Era presente al posto branda o no ? No, non c'era.
  Quindi lo hanno dato per mancato rientro. Certo, è sbagliato. Avrebbero dovuto scrivere.

  PRESIDENTE. Sì, perfetto.

  ENRICO CELENTANO. Prenda il caso di un ragazzo di 19-20 anni che si mette a scrivere. Non è da tutti avere il potere di dire in sintesi, in una riga e mezza, come sono accaduti i fatti.

  GIOVANNA PALMA. Se sono troppo anziani sono obesi e non va bene perché il militare deve essere giovane, ma poi se sono giovani non sono troppo capaci nello scrivere. Insomma, come deve essere per lei il militare, mi scusi, signor Celentano ? Lei sembra avere una giustificazione per ogni occasione.

  ENRICO CELENTANO. Proseguiamo dopo. Aspetti. Lei ha detto delle cose che meritano una risposta. La signora mi ha detto che Scieri era atletico, ma non è vero. Scieri aveva parecchio adipe sull'addome.

  PRESIDENTE. Prendiamo atto che lei avrà fatto una sorta di ispezione. Non so...

  ENRICO CELENTANO. Io l'ho visto con la maglietta verde, non bianca.

  PRESIDENTE. Poi le mostriamo le foto.

  GIOVANNA PALMA. Lei ha visto anche un cadavere dopo tre giorni.

  ENRICO CELENTANO. Non ho capito.

  GIOVANNA PALMA. Ha visto un cadavere dopo tre giorni, quindi cambia no ?

  PRESIDENTE. L'onorevole Palma le dice che lei ha visto il cadavere dopo tre giorni. Dopo tre giorni il cadavere era gonfio, quindi come fa a dire se era atletico o meno ?

  ENRICO CELENTANO. Ricordo che in Somalia c'era una nostra discarica di immondizia dentro il recinto dell'accampamento. Siccome in Somalia quando piove, piove bene, era diventata una specie di piscina con l'immondizia galleggiante. I Pag. 57somali, poverini, venivano a prelevare da questa immondizia quello che era ancora commestibile.
  Ricordo che una mattina vidi un cadavere di un ragazzetto somalo che sembrava una di quelle statue di bronzo di Pompei. Era gonfio, però d'acqua perché era annegato. Invece, Emanuele Scieri non era gonfio, anche se erano passati dei giorni, ma aveva dell'adipe, quello che si prende con due dita. Quello è grasso.

  PRESIDENTE. Va bene, generale.

  ENRICO CELENTANO. Ce l'ha con me ?

  PRESIDENTE. Onorevole Prestigiacomo, adesso le do la parola. Onorevole, bisogna parlare al microfono. Vi prego di attendere, dopodiché vi darò ampio spazio.

  GIOVANNA PALMA. Possiamo anche vedere quanto era alto e quanto pesava all'epoca il militare Scieri.

  PRESIDENTE. Dopo vi do la parola. Scusatemi, ma ho un filo logico da seguire. In ogni caso, qui non facciamo il processo all'adipe di Emanuele Scieri, quindi andiamo avanti.

  ENRICO CELENTANO. Mi dispiace di essere contraddetto.

  PRESIDENTE. Non si preoccupi, glielo dimostreremo. Abbiamo letto tanti di quegli atti in questi tre anni per cui – mi perdoni – la devo contraddire: Emanuele Scieri non aveva tessuto adiposo.
  Comunque, non è questo il punto essenziale. Io le ho chiesto perché, di fronte alla circostanza obiettiva, i suoi uomini non si sono premurati di cercarlo. Lei dice che hanno sbagliato a non aver scritto che era rientrato.
  Andiamo avanti. Com’è possibile, secondo lei, che un servizio di ronda (un capoposto e otto uomini di servizio di guardia) per tre giorni percorre il perimetro della caserma e nessuno sente il cattivo odore del corpo di Emanuele Scieri lasciato lì dal 13 al 16 ?

  ENRICO CELENTANO. Questa è una domanda ?

  PRESIDENTE. Sì.

  GIOVANNA PALMA. Quando sono andato io perché, come già ho detto, sono stato avvertito, ho messo piede nel luogo dove c'era Scieri, ma cattivo odore non ne ho avvertito. Inoltre, il posto dove era Scieri era nascosto. Era a terra, nascosto dalle immondizie, ovvero da materiale fuori uso (armadi, armadietti di lamiera rotti, tavolini di casermaggio, sgabelli e, come va di moda dire, quant'altro).

  PRESIDENTE. Come mai c'era questa discarica alla caserma Gamerra ?

  ENRICO CELENTANO. Era materiale andato in avaria a tal punto che doveva essere dichiarato fuori uso, quindi distrutto.

  PRESIDENTE. Come mai non era stato ripulito quel posto ? Eravamo sempre dentro una caserma.

  ENRICO CELENTANO. Era il posto di raccolta immondizia che veniva svuotato di tanto in tanto.

  PRESIDENTE. Lei ha accennato poc'anzi, senza che le ponessimo nessuna domanda, alla sua ispezione avvenuta nella notte tra il 14 e il 15 agosto 1999. Ricorda che lei ad agosto 1999 era in ferie per cure termali ?

  ENRICO CELENTANO. Chi ?

  PRESIDENTE. Lei.

  ENRICO CELENTANO. Signora, io non ho mai fatto le cure termali quando ero in servizio, neanche un giorno.

Pag. 58

  PRESIDENTE. Non era in servizio, era in ferie.

  ENRICO CELENTANO. No.

  PRESIDENTE. Va bene.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Era il comandante Corradi.

  PRESIDENTE. Si ricorda che lei non era in ferie ?

  ENRICO CELENTANO. Certo.

  PRESIDENTE. Le chiedo un'altra cosa. Ci è stato detto da diversi auditi che lei andava a fare delle ispezioni per parlare e incontrare i suoi uomini e così via. Alle cinque e mezzo del mattino quali uomini ha incontrato ?

  ENRICO CELENTANO. Nelle ispezioni che ho fatto...

  PRESIDENTE. Mi interessa l'ispezione alla Gamerra, le altre non mi riguardano.

  ENRICO CELENTANO. Stavo esprimendo un concetto. Non ho parlato con nessuno. Appena varcata la porta d'ingresso delle caserme, visto che la macchina la guidavo io, ho ridotto la velocità percorrendo pari pari l'interno del muro di cinta di ciascuna caserma per vedere che quello che doveva essere in atto per la sorveglianza fosse a posto.
  Alcune caserme usavano la vigilanza mobile, cioè delle pattuglie che controllavano; altre avevano degli uomini sull'altana. Ecco, ho guardato quello per verificare che il servizio di vigilanza fosse in atto. Non ho parlato con nessuno.

  PRESIDENTE. Forse non mi sono spiegata. In questa Commissione alcuni suoi uomini hanno detto che lei era aduso fare delle ispezioni, ovviamente di giorno, per parlare con i suoi sottoposti.

  ENRICO CELENTANO. Non in quella circostanza.

  PRESIDENTE. Sì, ma in altre circostanze lei faceva l'ispezione sia per vedere i luoghi sia per parlare con i suoi sottoprodotti. È così ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Ora, come mai la notte tra il 14 e il 15 agosto è andato proprio alla Gamerra ? Stiamo apprendendo che guidava lei la macchina. Non è sceso dalla macchina ? È entrato alla Gamerra ? Era da solo ?

  ENRICO CELENTANO. No, avevo il mio vicecomandante che faceva...

  PRESIDENTE. Come si chiama ?

  ENRICO CELENTANO. Fantini Giovanni.

  PRESIDENTE. Dunque Fantini è entrato alla Gamerra con lei alle cinque e mezza del mattino ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Era il vicecomandante. Lei guidava e Fantini stava al lato guida ?

  ENRICO CELENTANO. Al lato guida c'ero io. Lui stava seduto al sedile accanto.

  PRESIDENTE. Per lato guida intendo questo. Lei guidava e Fantini stava seduto davanti. Va bene. Quindi, siete entrati alla Gamerra e avete fatto il perimetro in macchina, senza scendere. Non avete parlato con nessuno ? A che serviva questa ispezione ?

  ENRICO CELENTANO. Per vedere – ripeto – se gli uomini che erano preposti al controllo fossero al loro posto.

  PRESIDENTE. Ho capito.

  ENRICO CELENTANO. D'altra parte, non abbiamo visto solo la Gamerra, ma Pag. 59tutte le caserme del «Regno Folgore», quindi non potevamo perdere tempo a fermarci a parlare.

  PRESIDENTE. Quante volte era stato alla Gamerra a fare una visita ispettiva il giorno di Ferragosto alle cinque e mezza del mattino ?

  ENRICO CELENTANO. Quante volte ? Quella volta lì.

  PRESIDENTE. Solo quella volta, giusto ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Come mai non scelse di fare l'ispezione nel momento in cui la caserma era a pieno regime e non quasi semivuota perché era il giorno di Ferragosto ?

  ENRICO CELENTANO. Sono quelli i momenti in cui va controllato come girano le cose, non quando c’è la piena attività con la presenza di istruttori e contro istruttori. I momenti in cui va visto come girano le cose – ripeto – sono proprio quelli.

  PRESIDENTE. Abbiamo chiesto a tantissimi suoi sottoposti se l'hanno vista quel giorno entrare alla caserma Gamerra. Forse solo due o tre l'hanno vista e hanno saputo di questa ispezione. Per il resto non lo ha saputo nessuno, nemmeno quelli che montavano di guardia. Pochissimi hanno detto di averla vista o di aver saputo che lei ha fatto questa ispezione. Non le sembra strano ?

  ENRICO CELENTANO. Perché dovrebbe sembrarmi strano ? Sono passato a velocità ridotta proprio per vedere bene quello che c'era. Non ho parlato con nessuno. Ero dentro la macchina che era coperta perché non aveva la tela abbassata, quindi avranno pensato al solito giro dell'ufficiale di picchetto. Non le so dire.

  PRESIDENTE. Lei è passato anche vicino a dove si trovava Emanuele Scieri, ma non sapeva che c'era ?

  ENRICO CELENTANO. No, perché non l'ho visto. C'era un telo, uno di quelli verdi che usano nei campi da tennis per togliere la visione dall'esterno oppure dei teli mimetici abbottonati tra di loro.

  PRESIDENTE. Generale, però si trattava del 14-15 agosto, quindi era caldo.

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Aveva i finestrini della macchina aperti, giusto ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Allora, è passato con la macchina con i finestrini aperti. Lei guidava. Dal lato in cui guidava c’è il perimetro all'interno del quale, nel cortile, viene trovato il corpo di Emanuele Scieri. Era il 14 agosto, quasi il 15, pertanto erano passate ben 31 ore da quando Emanuele Scieri si trovava lì, defunto.
  Calcolo le 31 ore da quando Emanuele Scieri è entrato in caserma, il 13 agosto alle 22.15. Di conseguenza, erano passate – ripeto – 31 ore quando lei con i finestrini della macchina aperti fa il perimetro della caserma.
  Sono le 22.30 quando Emanuele Scieri rientra e si ferma lì. Sono passate, dunque, 31 ore da quando si trovava lì. Ora, tutti quelli che lo hanno trovato l'indomani, ovvero il 16 agosto, hanno detto che c'era un forte odore sul posto. Lei dopo 31 ore non ha sentito nessun forte odore ?

  ENRICO CELENTANO. No. Non l'ho sentito neanche quando sono andato a vedere il cadavere.

  PRESIDENTE. Non l'ha sentito nemmeno allora ?

  ENRICO CELENTANO. No. Eppure ho un buon olfatto. Ora con la maggiore età comincia a scemare la vista e un po’ l'udito, ma l'olfatto è immutato.

Pag. 60

  PRESIDENTE. Mi risponda sinceramente. Non le sembra che desti molti sospetti una sua visita ispettiva tra 14 e il 15 agosto, non in pieno giorno, di cui nessuno sa niente, se non pochissimi che l'hanno vista entrare dalla porta carraia, e poi l'indomani, il 16, viene trovato Emanuele Scieri ? Lei al nostro posto non avrebbe dei forti sospetti ?

  ENRICO CELENTANO. Vedendo come gira il mondo, forse sì. Tuttavia, il nostro mondo, quello militare, per chi cerca di fare il proprio dovere, è fatto proprio in questa maniera, ovvero fare la propria attività in maniera tale da trarne il massimo profitto.
  Le faccio un esempio. Quando andavo a vedere i reparti che facevano le esercitazioni a fuoco, non andavo mai dove c'erano i soldati in attesa di fare la loro attività, ma arrivavo con la macchina, mi mettevo in posizione defilata rispetto alla loro vista per osservare quello che facevano e segnavo su un taccuino tutto ciò che non andava bene. Poi quando rientravano in caserma, lo stesso giorno o un paio di giorni dopo, a seconda degli impegni, andavo e commentavo tutto ciò che non era andato.
  Quando si andava in pattuglia, non ho mai guidato la pattuglia in testa, ma mi sono sempre messo in coda. Dicevo: «Ragazzi, io sono presente, ma non ci sono. Vi lascio sbagliare, anche se fate delle cose che non dovreste fare. Interverrò soltanto se fate delle cose pericolose per gli altri e per voi». Anche lì, però, segnavo tutto e poi facevo il cosiddetto «debriefing» quando si rientrava. Questo era il mio modo di seguire e controllare gli uomini.

  PRESIDENTE. Lei mi deve spiegare come giustifica che abbiamo un foglio con tutte le ispezioni di giorno 14 e 15 scritto a macchina in cui si dice che alle 21 del giorno 14, alle 5.20 e alle 5.50 vengono ispezionati, non da lei, magazzini paracadute, che alle 0.30 del 14 vengono fatte delle ispezioni dal maresciallo Tringale e che alle 5.50 del giorno 15 agosto vengono fatte altre ispezioni sempre da Tringale, ma poi a un certo punto sempre su questo foglio – si metta pure dritto, non si preoccupi di rivolgersi verso di me – viene vergata a mano l'ispezione del generale Celentano e colonnello Fantini alle 5.45, sempre sottoscritta da Tringale.
  Tutto il foglio è scritto a macchina, ma questa nota viene scritta a penna. Questa sarebbe poca cosa. Senonché, l'indomani il maresciallo o generale Bellettini – mi perdoni se non ricordo il grado – redige verbale perché la notte del 15 Tringale accompagna lei e il colonnello Fantini, così abbiamo appreso. Tringale il giorno 15 mattina lascia le consegne, così come viene previsto sempre e viene scritto, al maresciallo Bellettini.
  Il maresciallo Bellettini, invece, non scrive che era venuto il comandante della Folgore, generale Celentano, ma solo che non trasmette nulla di rilievo avvenuto nella notte tra il 14 e il 15. Ora, mi sembra che quando viene un generale nella caserma a fare l'ispezione questo debba essere scritto nel rapporto successivo. Bellettini, però, sottoscrive che il maresciallo Tringale dice che non è accaduto niente di particolare nella notte. Non parla nemmeno della sua visita.
  Allora, ci lasci pure pensare, con grande sospetto, che lei non voleva che si sapesse che era stato alla caserma Gamerra. Perché era stato lì ? Il corpo di Scieri era lì sotto la torretta.

  ENRICO CELENTANO. Perché ero andato alla caserma Gamerra ? Il motivo gliel'ho detto.

  GIOVANNA PALMA. Perché non risulta dalle carte ?

  ENRICO CELENTANO. Questo non lo so. Che ruolo aveva il maresciallo Tringale quando ha dato le consegne a Bellettini, cioè che cosa stava facendo ?

  PRESIDENTE. Mi chiede troppo. Leggo gli atti. Mi sono ricordata tante di quelle cose, ma questo non lo ricordo.

  ENRICO CELENTANO. D'altra parte, mi sorprende che quei rapportini siano Pag. 61battuti a macchina, cosa che non avveniva...

  PRESIDENTE. Questi non li abbiamo sequestrati noi, ma i magistrati durante le indagini, quindi credo siano al di sopra di ogni sospetto. Sono atti di allora, non costruiti adesso.
  Per lei è tutto normale, no ?

  MASSIMO ENRICO BARONI. Mi scusi, generale. Vedo che continua a guardare le carte della presidente. Ora, ci sono alcune carte che sono a uso interno e riservato. Sarebbe anche una questione di cortesia. Capisco il problema della vista e dell'udito, ma se lei riuscisse a rivolgersi alla Commissione, avremmo un inquadramento generale maggiormente congruo.

  ENRICO CELENTANO. La forza dell'abitudine. Non guardo.

  PRESIDENTE. Lei non chiama i suoi sottoposti quando apprende degli atti di nonnismo accaduti dentro il pullman. Dopo che lei ha appreso del ritrovamento e ha visto il corpo di Scieri, perché non ha pensato di chiamare tutti i suoi subordinati o tutti i presenti alla caserma Gamerra o di fare un'ispezione particolare per intimarli di dire la verità ? È morto un ragazzo all'interno di una caserma.
  Non credo fosse successo altre volte dentro la Gamerra.

  ENRICO CELENTANO. Il fatto spiacevole di Emanuele Scieri è stato sicuramente da me commentato. L'ho detto a tutti i comandanti di corpo, cioè ai comandanti di reggimento. Adesso sinceramente non ricordo se è stato subito («sul tamburo», come si dice nel gergo militare) oppure se è passata qualche ora o qualche giorno. Sicuramente, però, è stato commentato come fatto negativo.

  PRESIDENTE. La mia domanda era un'altra. Lei dirigeva tutta la Folgore. Era accaduto un fatto abbastanza particolare. Le ho chiesto, quindi, come mai non ha pensato di richiamare tutti i suoi subordinati per specificare che avrebbe inflitto anche delle punizioni se non saltava fuori il nome del responsabile. Non ha pensato di farlo ?

  ENRICO CELENTANO. Signora, lei deve entrare nei regolamenti del...

  PRESIDENTE. Ci sono entrata bene, li ho letti tutti.

  ENRICO CELENTANO. Non è il comandante di brigata che dà le sanzioni, ma il comandante di corpo. Se un militare sbaglia...

  PRESIDENTE. Non l'ha fatto né lei, né il comandante di corpo.

  ENRICO CELENTANO. Questo non lo so.

  PRESIDENTE. Glielo diciamo noi. Non l'ha fatto né lei, né il comandante di corpo. Non avete ripreso nemmeno gli addetti al contrappello che non hanno scritto – gliel'abbiamo detto in tutte le forme – quello che avrebbero dovuto scrivere.

  GIOVANNA PALMA. Tra l'altro, aggiungo che se un comandante di corpo non fa bene il suo mestiere penso che la responsabilità sia sua.

  ENRICO CELENTANO. Mi perdoni, signora. Non ho capito. Me lo vuole ripetere senza questo affare ?

  PRESIDENTE. No, deve parlare al microfono. Qui ci sono delle regole.
  Adesso continuiamo, comandante. La notte del 13 agosto del 1999, da un cellulare a lei intestato, posizionato alla caserma Gamerra, parte una telefonata diretta verso la sua abitazione a Livorno. Chi l'ha chiamata, generale, la sera del 13 agosto ?

Pag. 62

  ENRICO CELENTANO. Io sono sposato e non ho figli. Mia moglie mi ha chiamato solo una volta durante i miei anni di servizio.

  PRESIDENTE. Infatti, non le ho chiesto se l'ha chiamata sua moglie.

  ENRICO CELENTANO. Non c'era nessun altro. Dalla mia abitazione è partita una telefonata ?

  PRESIDENTE. No, non mi sono spiegata allora. Il 13 agosto sera da un cellulare in uso a lei, che era dentro la caserma Gamerra, parte una telefonata diretta alla sua abitazione a Livorno. Lei il 13 sera non era alla Gamerra. Era a Livorno il 13 sera ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Perfetto. Chi l'ha chiamata, alle 23.45, dal cellulare in uso a lei, che si trovava dentro la caserma Gamerra, presso la sua abitazione di Livorno ?

  ENRICO CELENTANO. Per prima cosa, se il cellulare era in uso a me, era con me, quindi non mi poteva chiamare nessuno. Poi, non lo ricordo questo fatto.

  PRESIDENTE. Lei ricorda se il 13 agosto era alla Gamerra e lei stesso ha chiamato casa a Livorno ?

  ENRICO CELENTANO. L'ispezione l'ho fatta nella notte sul 15, quindi era il 14 sera. Il 13 cosa ci facevo alla Gamerra, che sta Pisa, quando la mia sede di servizio è Livorno ?

  PRESIDENTE. Lei era a Livorno. Tuttavia, qualcuno con il cellulare in uso a lei – non con il suo cellulare personale, ma con quello in uso a lei – dalla caserma Gamerra la chiama a Livorno. Chi aveva la possibilità di utilizzare il cellulare ?

  ENRICO CELENTANO. Nessuno. Il cellulare era assegnato a me e lo portavo sempre io. Era il telefono di servizio. A quale titolo lo avrei dato a qualcuno ?

  PRESIDENTE. Come se lo spiega che dal suo cellulare è partita una chiamata verso casa sua a Livorno alle 23.45, mentre c'era il contrappello di Scieri e lui non c'era ?
  Lei sta dicendo che il cellulare lo usava solo lei. Io le dico che alle 23.45 del 13 – non l'abbiamo inventato noi, ma l'abbiamo trovato agli atti di indagine – è partita una chiamata dal suo cellulare alla sua casa di Livorno. Chi è stato a chiamare dal suo cellulare alla sua casa di Livorno ?

  ENRICO CELENTANO. Non lo so. Se il cellulare era assegnato a me per questioni di servizio, ed era così, non poteva averlo qualcun altro. Lei dice che c’è scritto, ma io le dico che non lo so.

  PRESIDENTE. Non è stato lei a fare quella telefonata. È possibile che il cellulare ce l'avesse il colonnello Fantini o il comandante Cirneco ?

  ENRICO CELENTANO. Il colonello Fantini, come vice comandante di brigata, aveva il suo. Il generale Cirneco, come comandante della scuola, pure aveva il suo.

  PRESIDENTE. Ognuno aveva un cellulare dato in consegna dall'Esercito ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Subito dopo la morte di Scieri si ventilò la notizia che lei doveva essere rimosso dalla Folgore. Lei rispose subito che avrebbe lasciato l'Esercito. Se lo ricorda ?

  ENRICO CELENTANO. Sì.

  PRESIDENTE. Poi, il 25 agosto 1999, pochissimi giorni dopo il ritrovamento di Scieri, si sparse subito la notizia, attraverso i giornali, che non solo lei rimaneva al suo posto, ma che nell'ottobre di quell'anno avrebbe assunto l'incarico di Capo Pag. 63di Stato maggiore delle Forze di proiezione, così come ci ha detto questa sera. Come se lo spiega ?

  ENRICO CELENTANO. Me lo spiego perché la mia intenzione era quella di lasciare la forza armata per quello che era successo e per il comportamento che c'era stato da parte di quelli che possiamo chiamare i miei superiori. Dopodiché, uno in particolare, che era il mio comandante diretto, ovvero il comandante delle Forze di proiezione, che conoscevo dai tempi dell'Accademia perché lui era tenente e io allievo, e che stimavo perché era una brava persona, mi ha convinto a ritornare sulle mie decisioni di lasciare l'Esercito. Mi propose di lavorare insieme perché aveva bisogno del mio aiuto. Mi chiese di stare con lui e di non abbandonarlo, quindi sono andato a Milano perché lì c'era il comando delle forze di proiezione.

  PRESIDENTE. Lei voleva lasciare l'Esercito perché era morto Scieri ?

  ENRICO CELENTANO. Sì, perché non mi è piaciuto il comportamento che c’è stato.

  PRESIDENTE. Cosa non l’è piaciuto ?

  ENRICO CELENTANO. In genere, perché quando succedono queste cose...

  PRESIDENTE. Cosa non le è piaciuto ? Lei è stato interrogato una sola volta dai magistrati e basta.

  ENRICO CELENTANO. Da quello che mi ha detto prima non guardo, come ha detto il signore...

  PRESIDENTE. Le posso far vedere il suo verbale. È la sua firma. È stato interrogato una sola volta. Ha rilasciato, però, parecchie interviste ai giornali.

  ENRICO CELENTANO. Anche questo mi sembra strano. Dove l'hanno scritto ?

  PRESIDENTE. Sono virgolettate.

  ENRICO CELENTANO. Sono virgolettate, ma sono i giornalisti che scrivono quello che vogliono.

  PRESIDENTE. A favore dei giornalisti, le dico che lei ha rilasciato diverse interviste. Infatti, il magistrato Giuliano Giambartolomei, che non è un giornalista ma è il PM che ha condotto questa inchiesta, l'ha chiamata il 23 agosto perché lei aveva rilasciato interviste il 19, il 20, il 22 e il 23 agosto per chiederle come mai le rilasciasse e non parlasse con i magistrati per dire loro le sue ipotesi.
  Qui nessuno sta inventando niente. Lei è stato sentito una sola volta dal magistrato. A mio avviso, avrebbe dovuto essere sentito molte più volte, perché stiamo parlando di un omicidio. Tutte le ipotesi che lei ha fatto cadono.
  Non lo diciamo noi parlamentari, di cui tutti avete grande stima – poi passiamo a quello che lei scrive – ma i PM Giambartolomei e Iannelli, che archiviano dicendo che si è trattato di un omicidio avvenuto dentro la caserma Gamerra.
  Noi non siamo qui per perdere tempo, ma perché abbiamo ricevuto un mandato dalla famiglia, dagli amici, dal comitato, ma soprattutto dal Parlamento italiano che, finalmente, dopo tanti anni, ha votato la Commissione d'inchiesta.
  Faccia uno sforzo ulteriore di capire e farci capire cosa è successo quella sera alla caserma Gamerra perché lei lo sa, generale. Lei non può non saperlo. I suoi uomini non possono non saperlo. Oggi lei ha la possibilità di ridare dignità alla Folgore, un corpo prestigioso dell'Esercito italiano.

  ENRICO CELENTANO. L'ho detto a parole chiare e a lingua dritta. Io non nascondo nulla. Non è nel mio stile. Mi comprenda.

  MASSIMO ENRICO BARONI. Deve parlare alla Commissione. Non è una conversazione privata.

  PRESIDENTE. Non fatelo distrarre.

Pag. 64

  ENRICO CELENTANO. La signora mi sta dicendo che devo dirlo. Io ho detto quello che so, quello che ho visto e che ho fatto. Non nascondo nulla.

  PRESIDENTE. Le faccio un'altra domanda. Lei dopo i giornali e il PM, ha chiamato i suoi uomini ? Ha chiamato il colonnello Fantini, Corradi e tutti quelli della Gamerra ? Penso che li avrà chiamati e avrà chiesto loro cosa era successo e come era possibile che nessuno sapesse niente.
  Non ci crediamo che all'interno della Gamerra nessuno sapesse niente. Non ci crediamo. Non ci crede nessuno. Lei non ci può fare niente, ma noi non ci crediamo. Non ci crediamo.

  ENRICO CELENTANO. Invece cosa crede ?

  PRESIDENTE. Le chiedo se lei ha chiamato i suoi uomini, se li ha radunati. Non penso ai militari comuni, ma ai suoi uomini, quelli che avevano un grado particolare. Le chiedo – ripeto – se li ha chiamati e se ha ragionato di cosa è avvenuto alla caserma Gamerra, perché qualcuno sa cosa è avvenuto.