V Commissione - Comunicato delle Giunte e delle Commissioni - martedì 16 dicembre 2014
CAMERA DEI DEPUTATI
Martedì 16 dicembre 2014
359.
XVII LEGISLATURA
BOLLETTINO
DELLE GIUNTE E DELLE COMMISSIONI PARLAMENTARI
Bilancio, tesoro e programmazione (V)
COMUNICATO
Pag. 36

INTERROGAZIONI

  Martedì 16 dicembre 2014. — Presidenza del presidente Francesco BOCCIA. – Interviene il sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze Paola De Micheli.

  La seduta comincia alle 15.

5-01410 Fragomeli e altri: Sull'indennizzo da corrispondere in caso di estinzione anticipata dei prestiti ordinari concessi dalla Cassa depositi e prestiti in favore degli enti locali.

  Il sottosegretario Paola DE MICHELI risponde all'interrogazione in titolo nei termini riportati in allegato (vedi allegato 1).

  Gian Mario FRAGOMELI (PD), replicando, si dichiara profondamente insoddisfatto della risposta del rappresentante del Governo, che giudica estremamente generica. Sottolineando che l'interrogazione è stata presentata oltre un anno fa, ricorda di aver ricevuto una risposta non dissimile da quella ricevuta nella seduta odierna con riferimento ad un'interrogazione a risposta immediata svolta in Commissione finanze nel settembre del 2013. Vorrebbe pertanto sapere dal rappresentante del Governo a quale strumento conoscitivo deve far ricorso per avere finalmente una risposta esauriente e dettagliata Pag. 37alle questioni da lui poste, in particolare per ottenere dati puntuali sui mutui attualmente in essere stipulati dagli enti locali, con indicazione del tasso di interesse della provvista relativa a ciascuno dei suddetti finanziamenti.
  Evidenzia poi che, di fatto, gli enti locali si trovano nell'impossibilità di estinguere anticipatamente i mutui a tasso fisso più onerosi, per i quali vengono chiesti indennizzi spesso superiori al 10 per cento del capitale da rimborsare, anche perché gli amministratori potrebbero essere chiamati a rispondere di danno erariale.
  Precisa di essere consapevole che il decreto-legge n. 7 del 2007 – cosiddetto Bersani – è applicabile esclusivamente ai mutui contratti dalle persone fisiche per l'acquisto dell'abitazione principale.
  Conclude ribadendo di ritenere inaccettabili gli indennizzi dovuti dagli enti locali per l'estinzione anticipata dei prestiti ordinari concessi dalla Cassa depositi e prestiti e preannunciando un altro atto di sindacato ispettivo con la richiesta di informazioni e dati dettagliati ed esplicativi.

  Il sottosegretario Paola DE MICHELI fa presente che le motivazioni che hanno determinato l'utilizzo di buoni postali con elevati tassi di interesse per il finanziamento di mutui contratti dagli enti locali sono legate alle condizioni di mercato esistenti al momento nel quale è stata effettuata la provvista, mentre per quanto riguarda la percentuale di utilizzo dei buoni postali più onerosi rispetto ai depositi a minore redditività evidenzia che la provvista necessaria per l'erogazione di ciascun mutuo viene effettuata contestualmente o immediatamente prima dell'erogazione del finanziamento, alle condizioni di mercato volta per volta esistenti. Infine, con riferimento all'onere finanziario ascrivibile ad una riduzione al 5 per cento della penale di estinzione dei mutui contratti dagli enti locali, si riserva di fornire una risposta più puntuale, dopo i necessari approfondimenti, anche all'esito del nuovo atto di sindacato ispettivo preannunciato dall'interrogante.

   Francesco BOCCIA, presidente, dichiara concluso lo svolgimento delle interrogazioni all'ordine del giorno.

  La seduta termina alle 15.10.

SEDE CONSULTIVA

  Martedì 16 dicembre 2014. — Presidenza del presidente Francesco BOCCIA. – Interviene il sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze Paola De Micheli.

  La seduta comincia alle 15.10.

Modifiche al codice di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, in materia di limiti all'assunzione di incarichi presso imprese operanti nel settore della difesa da parte degli ufficiali delle Forze armate che lasciano il servizio con grado di generale o grado equiparato.
Nuovo testo C. 2428.
(Parere alla IV Commissione).
(Seguito dell'esame e conclusione – Parere favorevole con osservazione).

  La Commissione prosegue l'esame del provvedimento in oggetto, rinviato, da ultimo, nella seduta del 28 ottobre 2014.

  Francesco BOCCIA, presidente, ricorda che, nella precedente seduta, il relatore aveva chiesto al rappresentante del Governo alcuni chiarimenti in relazione al provvedimento in esame.

  Il sottosegretario Paola DE MICHELI, con riferimento ai chiarimenti richiesti dal relatore nella seduta del 28 ottobre 2014, deposita agli atti della Commissione una nota della Ragioneria generale dello Stato (vedi allegato 2).

  Gianfranco LIBRANDI (SCpI), relatore, formula pertanto la seguente proposta di parere:
  «La V Commissione,
   esaminato il nuovo testo del progetto di legge C. 2428, recante Modifiche al Pag. 38codice di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, in materia di limiti all'assunzione di incarichi presso imprese operanti nel settore della difesa da parte degli ufficiali delle Forze armate che lasciano il servizio con il grado di generale o grado equiparato;
   preso atto dei chiarimenti forniti dal Governo, da cui si evince che:
    dovrebbe essere valutata l'opportunità di precisare, all'articolo 1, comma 1, capoverso Art. 982-bis, che la disciplina introdotta dall'articolo 982-bis del codice dell'ordinamento militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, si applica al personale militare ivi indicato che lasci il servizio per essere collocato in congedo ai sensi di quanto previsto dagli articoli 886, 887, 888, 889 e 890 del predetto codice, che definiscono le diverse categorie di congedo;
    le funzioni di vigilanza e i poteri di sanzione, attribuiti ai sensi dell'articolo 1, comma 1, capoverso Art. 982-ter, all'Autorità garante della concorrenza e del mercato riguarderanno fattispecie eventuali e comunque limitate e agli stessi si potrà provvedere senza oneri aggiuntivi per la finanza pubblica e nell'ambito delle disponibilità finanziarie, umane e strumentali già previste a legislazione vigente;
  esprime

PARERE FAVOREVOLE

  con la seguente osservazione:
   valuti la Commissione di merito l'opportunità di precisare all'articolo 1, comma 1, capoverso Art. 982-bis che la disciplina introdotta dall'articolo 982-bis del codice dell'ordinamento militare di cui al decreto legislativo 15 marzo 2010, n. 66, si applica al personale militare ivi indicato che lasci il servizio per essere collocato in congedo ai sensi di quanto previsto dagli articoli 886, 887, 888, 889 e 890 del predetto codice».

  Il sottosegretario Paola DE MICHELI concorda con la proposta di parere formulata dal relatore.

  La Commissione approva la proposta di parere del relatore.

  La seduta termina alle 15.15.

SEDE REFERENTE

  Martedì 16 dicembre 2014. — Presidenza del presidente Francesco BOCCIA. – Interviene il sottosegretario di Stato per l'economia e le finanze Paola De Micheli.

  La seduta comincia alle 15.15.

Modifica all'articolo 17 della legge 31 dicembre 2009, n. 196, concernente l'introduzione del divieto di utilizzo della quota dell'otto per mille del gettito dell'imposta sul reddito delle persone fisiche devoluta alla diretta gestione statale per la copertura finanziaria delle leggi.
C. 2648 Boccia ed altri.

(Seguito dell'esame e rinvio).

  La Commissione prosegue l'esame del provvedimento, rinviato nella seduta dell'11 dicembre 2014.

  Francesco BOCCIA, presidente, per quanto riguarda le proposte emendative, avverte che è stato presentato unicamente l'articolo aggiuntivo Cariello 1.01 (vedi allegato 3).

  Sergio BOCCADUTRI (PD), relatore, fa presente che l'articolo aggiuntivo Cariello 1.01 prevede che una quota non inferiore a 50 milioni di euro per ciascuno degli anni 2015, 2016 e 2017, relativa alle risorse di cui all'articolo 47, terzo comma, ultimo periodo, della legge n. 222 del 1985, sia destinata a ripristinare le risorse relative alla quota dell'otto per mille di diretta gestione statale per scopi di interesse sociale o a carattere umanitario. Ricorda quindi che, dal momento che le Pag. 39risorse alle quali la norma fa riferimento, anche se relative alle scelte non espresse da parte dei contribuenti, potrebbero essere riconducibili a quelle relative alla quota dell'otto per mille a diretta gestione della Chiesa cattolica e delle altre confessioni religiose, tali risorse sono oggetto di un accordo internazionale che non può essere modificato con legge ordinaria. Pertanto esprime un invito al ritiro, esprimendo altrimenti parere contrario, sulla proposta emendativa in oggetto.

  Il sottosegretario Paola DE MICHELI esprime un parere conforme a quello del relatore.

  Laura CASTELLI (M5S) in qualità di cofirmataria della proposta emendativa, non accede all'invito al ritiro dell'articolo aggiuntivo Cariello 1.01 e chiede che sia posto in votazione.

  La Commissione respinge l'articolo aggiuntivo Cariello 1.01.

  Francesco BOCCIA, presidente, nel riservarsi di verificare i presupposti per il trasferimento dell'esame della proposta di legge alla sede legislativa, avverte che la proposta stessa sarà trasmessa alla Commissione affari costituzionali per l'acquisizione del prescritto parere.

  Nessun altro chiedendo di intervenire, rinvia quindi il seguito dell'esame ad altra seduta.

  La seduta termina alle 15.20.

AVVERTENZA

  Il seguente punto all'ordine del giorno non è stato trattato:

SEDE CONSULTIVA

Disposizioni per la tutela e la valorizzazione della biodiversità agraria e alimentare.
C. 348 e abb.-A.

Pag. 40