Camera dei deputati - XV Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa)
Autore: Servizio Studi - Dipartimento affari comunitari
Titolo: Rendiconto 2005 - Assestamento 2006 - A.C. 1253 e A.C. 1254 - Commissione Politiche dell'Unione europea
Riferimenti:
AC n. 1254/XV   AC n. 1253/XV
Serie: Progetti di legge    Numero: 25    Progressivo: 14
Data: 20/07/2006
Descrittori:
BILANCIO DI ASSESTAMENTO   RENDICONTO GENERALE DELLO STATO
Organi della Camera: XIV - Politiche dell'Unione europea


Camera dei deputati

XV LEGISLATURA

 

 

 

 

 

SERVIZIO STUDI

Progetti di legge

 

 

 

 

 

 

Rendiconto 2005
Assestamento 2006

A.C. 1253 e A.C. 1254

Commissione politiche dell’Unione europea

 

 

 

 

 

 

n. 25/14

 

 

20 luglio 2006


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Dipartimento affari comunitari

SIWEB

 

 

 

I dossier dei servizi e degli uffici della Camera sono destinati alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. La Camera dei deputati declina ogni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge.

 

 

File: UE0002.doc


I N D I C E

 

 

PARTE I – Rendiconto 2005 (A.C. 1253)

1. Funzioni e disciplina del Rendiconto generale dello Stato  3

2. Il disegno di legge recante il Rendiconto generale dello Stato per l'esercizio finanziario 2005 (A.C. 1253)7

3. I risultati di finanza pubblica nel 2005  9

4. I saldi del conto del bilancio  11

§      4.1 I saldi di competenza  11

§      4.2 I saldi di cassa  12

5. La gestione di competenza  14

6. Profili di interesse della XIV Commissione  16

§      6.1    Premessa  16

§      6.2    Il Conto consuntivo della spesa del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Tabella 3 allegata)16

Tavole riepilogative  23

PARTE II - Assestamento 2006 (A.C. 1254)

1. L’assestamento del bilancio dello Stato  35

§      1.1 Funzione dell’assestamento del bilancio dello Stato  35

§      1.2 La struttura e il contenuto del disegno di legge di assestamento del bilancio dello Stato per l’esercizio 2006  36

2. I saldi del bilancio dello Stato risultanti dalle previsioni assestate  40

3. Profili di interesse della XIV Commissione  43

Tavole riepilogative  45

Parte III: Il Dipartimento per le politiche comunitarie

1. La struttura del bilancio della Presidenza del Consiglio dei Ministri e il Dipartimento per le politiche comunitarie  55

2. I dati di spesa del Dipartimento per le politiche comunitarie nel 2005  56

Allegato

§      Tabella 3 allegata al consuntivo del Ministero dell’economia e delle Finanze del Rendiconto generale dello Stato relativa ai flussi finanziari tra Italia e Unione europea nel 2005  61

GLOSSARIO DEI PRINCIPALI TERMINI MACROECONOMICI E DI FINANZA PUBBLICA  211

 


PARTE I – Rendiconto 2005
(A.C. 1253)


1. Funzioni e disciplina del Rendiconto generale dello Stato

Il rendiconto generale dello Stato è lo strumento attraverso il quale il Governo, alla chiusura del ciclo di gestione della finanza pubblica (anno finanziario) adempie all'obbligo costituzionale di rendere conto al Parlamento dei risultati della gestione finanziaria.

La disciplina del rendiconto generale dello Stato è dettata dagli articoli da 21 a 24 della legge n. 468/1978; in particolare, l’articolo 22 stabilisce che il rendiconto generale dello Stato è costituito da due parti:

1)   il conto del bilancio, che espone l’entità effettiva delle entrate e delle uscite del bilancio dello Stato rispetto alle previsioni approvate dal Parlamento;

2)      il conto del patrimonio, che espone le variazioni intervenute nella consistenza delle attività e passività che costituiscono il patrimonio dello Stato.

L’esposizione dettagliata delle risultanze della gestione è fornita, su appositi stampati, dal conto del bilancio, che risulta costituito dal conto consuntivo dell’entrata e, per la parte di spesa, dal conto consuntivo relativo a ciascun Ministero.

A seguito della riforma del bilancio, di cui alla legge n. 94/1997 e al D.Lgs. 279/1997, anche i conti consuntivi sono redatti per unità previsionali di base, che costituiscono oggetto di decisione parlamentare.

Le unità previsionali di base sono ripartite per centri di responsabilità amministrativa ed evidenziano l’insieme delle risorse finanziarie affidate alla gestione di un unico centro di responsabilità. L’individuazione dei centri di responsabilità amministrativa viene effettuata in modo che la struttura del bilancio dello Stato corrisponda all’organizzazione dell’amministrazione statale.

In particolare , le UPB di spesa sono contrassegnate da 4 numeri; il primo numero indica il centro di responsabilità amministrativa, il secondo il titolo della spesa (1=spesa corrente; 2=spesa in conto capitale).

 

Per ciascuna unità previsionale di base vengono esposti i risultati relativi alla gestione dei residui, alla gestione di competenza e alla gestione di cassa.

La gestione di competenza evidenzia l’entità complessiva degli accertamenti di entrata e degli impegni di spesa effettuati nel corso dell’esercizio finanziario.

La gestione di cassa evidenzia, per la parte di entrata, le somme riscosse e versate nella tesoreria dello Stato e, per la parte di spesa, i pagamenti compiuti dalle amministrazioni statali.

Nella gestione dei residui vengono registrate le operazioni di incasso e di pagamento effettuate in relazione ai residui (rispettivamente, attivi e passivi) risultanti dagli esercizi precedenti.

 

Un apposito allegato tecnico, predisposto per ogni conto consuntivo, espone i risultati disaggregati per i singoli capitoli che sono compresi in ciascuna unità previsionale di base. A seguito della riforma del bilancio, infatti, la ripartizione delle unità previsionali in capitoli viene demandata ad atto amministrativo; i capitoli, peraltro, rimangono la voce contabile fondamentale ai fini della gestione e rendicontazione.

 

In un’apposita appendice del conto del bilancio i dati di consuntivo della spesa sono classificati, con riferimento a ciascun Ministero, per funzioni-obiettivo, attraverso le quali si evidenziano le finalità della spesa medesima.

 

La classificazione per funzioni obiettivo è articolata su quattro livelli, di cui i primi tre sono definiti in base alla classificazione COFOG (SEC95) adottata in sede comunitaria, mentre il quarto livello, relativo alle “missioni istituzionali”, indica gli obiettivi perseguiti da ciascuna amministrazione.

La ripartizione per “funzioni-obiettivo” di 1° livello delle spese complessive (spese finali + rimborso prestiti) è articolata in 10 voci:

Funzioni-obiettivo – 1° livello

1.

Servizi generali delle pubbliche amministrazioni

2.

Difesa

3.

Ordine pubblico e sicurezza

4.

Affari economici

5.

Protezione dell’ambiente

6.

Abitazioni e assetto territoriale

7.

Sanità

8.

Attività ricreative, culturali e di culto

9.

Istruzione

10.

Protezione sociale

 

A fini conoscitivi, le previsioni del bilancio sono classificate, oltre che in relazione all’analisi funzionale (ripartizione delle spese per funzioni-obiettivo), anche in relazione all’analisi economica (ripartizione delle entrate e delle spese per categorie).

A tale riguardo, a partire dalla legge di bilancio per il 2000, è stata introdotta, in sostituzione delle tradizionali categorie, una classificazione economica degli stanziamenti di spesa elaborata secondo i criteri di contabilità nazionale previsti dal SEC95.

La nuova classificazione economica delle spese finali del bilancio dello Stato, è articolata in 19 voci di 1° livello, di cui 12 di parte corrente e 7 di conto capitale, così definite:


 


Spese finali: Classificazione per Categorie economiche – Sec95

Titolo I – Spese correnti

Categoria 1

Redditi da lavoro dipendente

Categoria 2

Consumi intermedi

Categoria 3

Imposte pagate sulla produzione

Categoria 4

Trasferimenti correnti ad amministrazioni pubbliche

Categoria 5

Trasferimenti correnti a famiglie e istituzioni sociali private

Categoria 6

Trasferimenti correnti a imprese

Categoria 7

Trasferimenti correnti a estero

Categoria 8

Risorse proprie CEE

Categoria 9

Interessi passivi e redditi da capitale

Categoria 10

Poste correttive e compensative

Categoria 11

Ammortamenti

Categoria 12

Altre uscite correnti

Titolo I – Spese in conto capitale

Categoria 21

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni

Categoria 22

Contributi agli investimenti ad amministrazioni pubbliche

Categoria 23

Contributi agli investimenti ad imprese

Categoria 24

Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private

Categoria 25

Contributi agli investimenti a estero

Categoria 26

Altri trasferimenti in conto capitale

Categoria 31

Acquisizioni di attività finanziarie

Per quanto riguarda invece le entrate, il rendiconto 2005 conserva ancora la tradizionale classificazione per categorie:

Entrate finali: Classificazione per Categorie economiche

Titolo I – Entrate Tributarie

Categoria I

Imposte sul patrimonio e sul reddito

Categoria II

Tasse e imposte sugli affari

Categoria III

Imposte sulla produzione, consumi e dogane

Categoria IV

Monopoli

Categoria V

Lotto, lotterie ed altre attività di giuoco

Titolo II - Entrate Extratributarie

Categoria VI

Proventi speciali

Categoria VII

Proventi dei servizi pubblici minori

Categoria VIII

Proventi dei beni dello Stato

Categoria IX

Prodotti netti di aziende autonome e utili di gestione

Categoria X

Interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro

Categoria XI

Recuperi, rimborsi e contributi

Categoria XII

Partite che si compensano nella spesa

Titolo III – Alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione di crediti

Categoria XIII

Vendita di beni ed affrancazione di canoni

Categoria XVI

Ammortamento di beni patrimoniali

Categoria XV

Rimborso di anticipazione e di crediti vari del tesoro


Il decreto legislativo n. 279/97 prevede altresì (art. 13), ai fini della valutazione delle politiche pubbliche di settore, la costruzione del rendiconto sulla base della classificazione incrociata per funzioni-obiettivo e per unità previsionali di base, in modo da consentire la valutazione economica e finanziaria delle risultanze di entrata e di spesa in relazione agli obiettivi stabiliti, agli indicatori di efficacia e di efficienza ed agli scopi delle principali leggi di spesa.

Tale previsione normativa non trova peraltro riscontro nell’attuale struttura del rendiconto.

 

Si segnala infine che la rilevanza dei saldi del bilancio dello Stato come indicatori di finanza pubblica è andata progressivamente attenuandosi.

Ciò è dovuto in primo luogo all’importanza che assume, per il rispetto dei vincoli europei, il saldo dell’indebitamento netto riferito al conto economico consolidato delle amministrazioni pubbliche.

 

A differenza dei saldi del bilancio dello Stato, l’indebitamento netto si riferisce alle operazioni di entrata e di spesa effettuate dal complesso delle amministrazioni pubbliche (amministrazioni centrali, amministrazioni locali, enti previdenziali ed assistenziali) e non soltanto dall’amministrazione statale.

Il conto economico delle amministrazioni pubbliche viene inoltre elaborato secondo le regole di contabilità nazionale, sulla base del criterio di competenza economica.

Le previsioni e i risultati del bilancio dello Stato, invece, sono invece determinati con riferimento ai criteri di competenza giuridica e di cassa.

 

Nell’ambito del conto consolidato delle pubbliche amministrazioni, va comunque riducendosi il peso del bilancio dell’amministrazione statale in conseguenza del massiccio trasferimento di funzioni e competenze alle autonomie territoriali, in atto dalla seconda metà degli anni Novanta e poi tradottosi a livello costituzionale nella riforma del titolo V.

Lo spazio del bilancio dello Stato è destinato a diminuire ulteriormente nel momento in cui sarà data effettiva attuazione all’articolo 119 della Costituzione, che ha riconosciuto agli enti territoriali autonomia di entrata e di spesa.

 


2. Il disegno di legge recante il Rendiconto generale dello Stato per l'esercizio finanziario 2005 (A.C. 1253)

 

L’articolo 1 del disegno di legge dispone l’approvazione del rendiconto generale delle amministrazioni dello Stato e dei rendiconti delle amministrazioni e delle aziende autonome secondo le risultanze indicate negli articoli successivi.

 

Gli articoli da 2 a 5 espongono i risultati complessivi relativi alle amministrazioni dello Stato per l’esercizio finanziario 2005.

L’articolo 2 espone i risultati delle entrate:

-          totale degli accertamenti di entrata: 627.413 milioni di euro;

-          totale dei residui attivi alla fine dell’esercizio 2005: 151.248 milioni di euro;

-          totale delle somme versate: 599.124 milioni di euro.

L’articolo 3 espone i risultati delle spese:

-          totale degli impegni di spesa: 653.556 milioni di euro:

-          totale dei residui passivi alla fine dell’esercizio 2005: 119.138 milioni di euro;

-          totale dei pagamenti: 626.598 milioni di euro.

L’articolo 4 espone il risultato della gestione di competenza, pari a un disavanzo di 8.143 milioni di euro, derivante dalla differenza tra il totale di tutte le entrate accertate e il totale di tutte le spese impegnate.

L’articolo 5 espone la situazione finanziaria del conto del Tesoro, che evidenzia, al 31 dicembre 2005, un disavanzo di 292.603 milioni di euro, derivante dal disavanzo della gestione di competenza relativo all’esercizio 2005, sommato al disavanzo del conto del Tesoro al 31 dicembre 2004. Quest’ultimo dato viene calcolato in base alla rideterminazione, nel corso della gestione 2005, dei residui attivi e dei residui passivi lasciati dall’esercizio 2004.

 

L’articolo 6 reca l’approvazione dell’allegato previsto dall’articolo 9 della legge n. 468/1978, contenente l’elenco dei decreti del Presidente della Repubblica, adottati su proposta del Ministro dell’economia e delle finanze, con i quali sono stati effettuati, nel corso dell’esercizio 2005, i prelevamenti dal “Fondo di riserva per le spese impreviste”.

L’allegato indica altresì, per ciascun decreto di prelevamento, le spese per le quali sono state utilizzate le somme prelevate, specificando l’amministrazione e l’unità previsionale di base destinataria del prelievo.

Nel complesso il totale dei prelevamenti effettuati dal Fondo risulta pari a circa 275 milioni di euro in termini di competenza e a 240 milioni in termini di cassa.

 

Con l'articolo 7 viene proposta la sanatoria per le eccedenze di impegni e di pagamenti risultate in sede di consuntivo, rispettivamente sul conto della competenza, sul conto dei residui e sul conto della cassa.

Le eccedenze sono indicate per unità previsionale di base di riferimento e corrispondono a quelle rilevate dalla Corte dei conti nella decisione sul rendiconto generale dello Stato.

Le eccedenze sono state complessivamente pari a 740 milioni di euro in conto competenza, a 2,5 milioni di euro in conto residui e a 799 milioni di euro in conto cassa.

 

Si indicano di seguito le eccedenze di maggiore consistenza in conto competenza, in conto residui e in conto cassa:

-          Ministero dell’economia e delle finanze, UPB 3.1.6.1, “Pensioni privilegiate”, eccedenza pari a 100,6 milioni di euro (competenza e cassa);

-          Ministero della giustizia, UPB 2.1.2.1, “Spese di giustizia”, eccedenza pari a 141,2 milioni di euro (cassa);

-          Ministero dell’istruzione, UPB 4.1.1.2, “Accademie ed Istituti superiori musicali”, eccedenza pari a 56 milioni di euro (competenza); UPB 18.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari a 46,6 milioni di euro (competenza e cassa); UPB 11.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari a 58 milioni di euro (competenza e cassa); UPB 15.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari a 98,3 milioni di euro (competenza) e a 95,6 milioni (cassa); UPB 19.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari a 73 milioni di euro (competenza e cassa); UPB 22.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari 52 milioni di euro (competenza) e 55 milioni di euro (cassa); UPB 24.1.1.2, “Strutture scolastiche”, eccedenza pari a 81 milioni di euro (competenza e cassa);

-          Ministero della salute, UPB 4.1.1.0, “Funzionamento”, eccedenza pari a 14,3 milioni di euro (competenza e cassa);

-          Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato, UPB 1.4.2, “Lotterie nazionali”, eccedenza pari a 236,2 milioni di euro (competenza).

 

L’articolo 8 espone la situazione, al 31 dicembre 2005, del patrimonio dello Stato (conto generale del patrimonio), da cui risultano attività per un totale di 599.547 milioni di euro e passività per un totale di 1.953.594 milioni di euro.

 

Gli articoli da 9 a 18 espongono i dati relativi ai conti consuntivi delle aziende e amministrazioni autonome (Istituto agronomico per l’Oltremare, Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato, Archivi notarili, Fondo edifici di culto), indicando per ciascuna il totale delle entrate e il totale delle spese.


3. I risultati di finanza pubblica nel 2005

Nel corso del 2005 l’economia mondiale ha continuato a registrare un tasso di crescita notevole, nonostante un rallentamento nella seconda parte dell’anno, sostenuta, in particolare, dalla forte crescita degli Stati uniti e dei paesi emergenti, in particolare, di quelli asiatici.

L’economia dell’area dell’euro ha invece manifestato un rallentamento, registrando un tasso di crescita del PIL all’1,3%, più basso rispetto a quello raggiunto l’anno precedente (2%).

Per quanto concerne l’Italia, nel 2005 la crescita del PIL in termini reali è risultata nulla, rispetto all’1,1% registrato nel 2004.

 

La stagnazione dell’economia italiana nel 2005 ha avuto incidenza sui saldi di finanza pubblica.

In particolare, l’indebitamento netto delle amministrazioni pubbliche è stato pari al 4,1% del PIL, con un peggioramento di 0,7 punti percentuali rispetto al risultato raggiunto nel 2004.

In valore assoluto, l'indebitamento netto si è attestato a 58.174 milioni di euro, in confronto con i 47.652 milioni di euro raggiunti nel 2004.

 

Il valore dell’indebitamento netto è il risultato di un avanzo primario pari allo 0,4% del PIL e di una spesa per interessi pari al 4,6% del PIL. In confronto con il 2004, la riduzione dell’avanzo primario, pari a 0,9 punti percentuali rispetto al PIL, è stata parzialmente compensata dalla diminuzione degli oneri per interessi (-0,1 punti percentuali rispetto al PIL).

Il saldo corrente ha continuato a presentare, nel 2005, un valore negativo, attestandosi a -0,5% del PIL, con un ulteriore peggioramento di 0,1 punti percentuali di PIL rispetto al risultato raggiunto nel 2004 (-0,4%).

 

In particolare, nel 2005 si è registrato un incremento delle entrate correnti in rapporto al PIL dello 0,3% (44,0% del PIL nel 2005 rispetto al 43,7% nel 2004).

Le spese correnti in rapporto al PIL sono aumentate di 0,4 punti percentuali, su cui hanno inciso, insieme alla riduzione della spesa per interessi (-0,1 punti percentuali), l’aumento delle voci relative ai redditi da lavoro dipendente (+0,2 punti percentuali), ai consumi intermedi (+0,1 punti percentuali) e alle prestazioni sociali (+0,2 punti percentuali).

Relativamente alle voci di conto capitale, le entrate in conto capitale hanno registrato una diminuzione, in rapporto al PIL, di 0,4 punti percentuali, dovuto alla contrazione delle imposte di conto capitale (dallo 0,6% del 2004 allo 0,1% del PIL nel 2005), per il venir meno dei proventi delle sanatorie fiscali.

 

Per quanto concerne i saldi relativi ai conti di cassa, il fabbisogno del settore statale, al termine dell’esercizio 2005 è risultato pari, al netto delle regolazioni debitorie, a 59.633 milioni di euro.

Il dato risulta superiore di circa 10.262 milioni di euro rispetto a quello registrato nel 2004 (49.371milioni).

Il fabbisogno del settore pubblico, al lordo delle regolazioni debitorie, nel 2005 è risultato pari a 72.177 milioni di euro, con un aumento di 15.504 milioni di euro rispetto all’esercizio precedente (56.673 milioni).

 

L’ammontare complessivo del debito pubblico nel 2005 è risultato pari al 106,4% del PIL, in crescita rispetto al 2004, in cui il rapporto debito pubblico/PIL era risultato pari al 106,9%.

In valori assoluti il debito pubblico è aumentato da 1.442 a 1.508 miliardi di euro.

 


4. I saldi del conto del bilancio

Nelle tavole seguenti sono esposti i saldi del bilancio dello Stato registrati a consuntivo nel 2005, sia in competenza che in cassa, posti a confronto con le previsioni iniziali di bilancio e con quelle definitive, nonché con i saldi relativi all’esercizio precedente.

 

4.1 I saldi di competenza

(dati in milioni di euro)

 

2004

2005

Differenza 2005/2004

 

Consuntivo

Previsioni iniziali

Previsioni definitive

Consuntivo

Saldo netto da finanziare

-21.156

-56.137

-58.446

-35.209

-14.053

Risparmio pubblico (saldo corrente)

15.217

-22.129

-27.020

1.509

-13.708

Saldo primario

39.809

30.025 (*)

17.968

35.461

-4.348

Ricorso al mercato

-214.084

-235.749

-259.929

-203.523

10.561

N.B.:           Dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili.

(*)  Ai fini della determinazione delle previsioni iniziali del saldo primario, si considera la spesa per interessi come determinata in base alla classificazione economica per categorie nel bilancio dello Stato per il 2005 (pari a 71.270 milioni di euro).

 

Il saldo netto da finanziare del bilancio dello Stato per il 2005, per quanto riguarda la gestione di competenza, risulta pari (al lordo delle regolazioni debitorie e contabili) a 35.209 milioni di euro, con un peggioramento di 14.053 milioni di euro rispetto al saldo registratosi nel 2004 (-66,4%).

Il risultato mostra, tuttavia, un netto miglioramento rispetto alle previsioni iniziali e a quelle definitive (-23.236 milioni).

 

Al netto delle regolazioni contabili e debitorie, pari a 4.637 milioni di euro, il saldo netto da finanziare nel 2005 assume un valore pari a 30.572 milioni di euro (peggiore di 14.892 milioni di euro rispetto a quello registrato nel 2004).

 

Il valore del saldo netto da finanziare, come determinato dai risultati di gestione, rientra nel limite massimo di 50.000 milioni di euro, fissato, al netto delle regolazioni debitorie (pari a 7.494 milioni di euro), dalla legge finanziaria per il 2005 (legge n. 311/2004).

 

Il saldo corrente (risparmio pubblico) nel 2005 si è mantenuto positivo, risultando pari a 1.509 milioni di euro, anche se notevolmente ridimensionato rispetto all’anno passato, in cui il saldo era risultato pari a 15.217 milioni di euro. Il risparmio pubblico registra comunque un netto miglioramento rispetto sia alle previsioni iniziali che a quelle definitive (+28.526 milioni di euro) che ne indicavano un valore negativo.

L’avanzo primario di bilancio è risultato pari a 35.461 milioni di euro, riducendosi di 4.348 milioni di euro rispetto a quello registrato nel 2004 (39.809 milioni di euro). Il risultato è peraltro risultato migliore delle previsioni.

Il ricorso al mercato si è attestato a 203.523 milioni di euro, evidenziando un miglioramento di 10.561 milioni di euro rispetto al 2004. Il risultato è migliore anche rispetto alle previsioni (-56.406 milioni di euro rispetto alle previsioni definitive)

 

Il valore del ricorso al mercato, nei risultati di gestione, risulta inferiore al limite massimo di 245.000 milioni di euro, fissato dalla legge finanziaria per il 2005 (legge n. 311/2004).

 

In generale, i saldi del bilancio dello Stato hanno pertanto registrato un peggioramento rispetto ai risultati dell’anno precedente ma un netto miglioramento rispetto alle previsioni iniziali e definitive.

 

4.2 I saldi di cassa

(in milioni di euro)

 

2004

2005

Differenza 2005/2004

 

Consuntivo

Previsioni iniziali

Previsioni definitive

Consuntivo

Saldo netto da finanziare

-33.587

-85.425

-86.041

-48.836

-15.249

Risparmio pubblico (saldo corrente)

-603

-45.157

-46.150

-16.414

-15.811

Saldo primario

27.334

-13.701 (*)

-9.590

21.416

-5.918

Ricorso al mercato

-217.328

-265.037

-296.733

-222.853

-5.525

N.B.:           Dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili.

(*)  Ai fini della determinazione delle previsioni iniziali del saldo primario, si considera la spesa per interessi come determinata in base alla classificazione economica per categorie nel bilancio dello Stato per il 2005 (pari a 71.274 milioni di euro).

 

Come già osservato con riferimento alla gestione di competenza, i saldi di cassa nel 2005 risultano peggiori rispetto ai risultati dell’esercizio 2004.

 

In termini di cassa, il saldo netto da finanziare è risultato pari a 48.836 milioni di euro, con un peggioramento di oltre 15.249 milioni di euro rispetto al risultato raggiunto l’anno precedente (33.587 milioni).

Al netto delle regolazioni debitorie e contabili, pari a 3.532 milioni di euro, il saldo netto da finanziare è risultato pari a 45.305 milioni. Rispetto all’anno precedente, in cui si evidenziava un saldo netto da finanziare in termini di cassa pari a 34.036 milioni di euro, si registra pertanto un peggioramento di 11.268 milioni di euro.

 

Il risparmio pubblico evidenzia un valore negativo di 16.414 milioni di euro, che segna un peggioramento pari a 15.811 milioni di euro rispetto al corrispondente valore del 2004, anno in cui il risparmio pubblico si presentava con un valore appena negativo di soli 603 milioni di euro.

 

Anche l’avanzo primario, che si attesta, al lordo delle regolazioni debitorie, a 21.416 milioni di euro, risulta inferiore di 5.918 milioni di euro rispetto al risultato raggiunto nell’esercizio finanziario precedente.

 

Il ricorso al mercato ammonta a 222,9 miliardi di euro, evidenziando un lieve peggioramento (di 5,5 miliardi di euro) rispetto al dato del 2004.

 

Analogamente a quanto evidenziato per la competenza, anche i saldi di cassa risultanti a consuntivo, risultano significativamente migliori delle previsioni, sia iniziali che definitive.

In particolare, rispetto alle previsioni definitive di cassa, il saldo netto da finanziare risultante a consuntivo evidenzia un miglioramento di 37.205 milioni di euro. Analogamente, il risparmio pubblico mostra un miglioramento di 29.736 milioni e il ricorso al mercato un miglioramento di 73.880 milioni di euro.


5. La gestione di competenza

L’analisi della gestione di competenza relativa all’esercizio finanziario 2005 fa riferimento, per la parte entrata, agli accertamenti, e, per la parte spesa, agli impegni. I dati sono posti a raffronto, nella tavola seguente, con le previsioni iniziali (A), come risultanti dal bilancio di previsione per il 2005, e con le previsioni definitive (B), nonché con i risultati relativi all’esercizio finanziario precedente.

 

(dati in milioni di euro)

 

2004

2005

Differenza
2005
/2004

Variazioni %
2005/2004

 

Consuntivo

Previsioni iniziali
(A)

Previsioni definitive
(B)

Consuntivo

(C)

Differenza
(*)
(C-B)

Entrate tributarie

380.062

375.036

381.431

377.854

-3.577

-2.208

-0,6

Entrate extratributarie

35.715

25.634

29.421

44.105

14.684

8.390

23,5

Totale entrate correnti

415.778

400.670

410.852

421.959

11.107

6.181

1,5

Alienaz., ammort., riscoss.

10.992

8.942

16.386

10.075

-6.311

-917

-8,3

Entrate finali

426.769

409.612

427.238

432.034

4.796

5.265

1,2

Accensione prestiti

209.685

235.749

259.561

195.379

-64.182

-14.306

-6,8

Entrate complessive

636.454

645.361

686.799

627.413

-59.386

-9.041

-1,4

Spese correnti

400.561

422.798

437.873

420.449

-17.424

19.888

5,0

Spese conto capitale

47.364

42.951

47.811

46.794

-1.017

-570

-1,2

Spese finali

447.925

465.749

485.684

467.243

-18.441

19.318

4,3

Rimborso prestiti

192.929

179.612

201.484

168.313

-33.171

-24.616

-12,8

Spese complessive

640.853

645.361

687.168

635.556

-51.612

-5.297

-0,8

Risparmio pubblico (Saldo corrente)

15.217

-22.129

-27.020

+1.509

28.531

-13.707

 

Saldo netto da finanziare

-21.156

-56.137

-58.446

-35.209

23.237

-14.053

 

Saldo primario

39.809

30.025

17.968

35.461

17.493

-4.348

 

Ricorso al mercato

-214.084

-235.749

-259.929

-203.523

56.406

10.561

 

(*)  Maggiori o minori entrate - economie o maggiori spese.

N.B.:        Dati al lordo delle regolazioni debitorie.

 

 

L’entità complessiva degli accertamenti di entrata (comprensivi delle entrate per accensione di prestiti) è risultata, nel 2005, pari a 627.413 milioni di euro. L’incidenza del totale delle entrate rispetto al PIL è pari al 44,2%.

Gli impegni di spesa assunti nel 2005 ammontano complessivamente (incluse le spese per rimborso prestiti) a 635.556 milioni di euro e rappresentano il 44,8% del PIL.

 

Il saldo netto da finanziare registrato nel 2005, pari a 35.209 milioni di euro, corrisponde alla differenza tra un ammontare complessivo degli accertamenti di entrata finali di 432.034 milioni di euro (30,5% del PIL) e un ammontare complessivo degli impegni di spesa finali di 467.243 milioni di euro, pari al 33% del PIL.

Rispetto al consuntivo 2004, si evidenzia un incremento dell’entità complessiva degli accertamenti relativi alle entrate finali di complessivi 5.265 milioni di euro, sostanzialmente riconducibile all’aumento degli accertamenti relativi alle entrate extratributarie (+8.390 milioni di euro).

Anche gli impegni per spese finali assunti complessivamente nel 2005 evidenziano, rispetto all’anno precedente, un aumento di 19.318 milioni di euro, dovuto essenzialmente all’incremento degli impegni relativi a spese di parte corrente di oltre 19.800 milioni di euro.

 

Gli accertamenti per entrate finali rilevati nel consuntivo 2005 risultano superiori in misura considerevole sia alle previsioni iniziali che a quelle definitive, mentre il dato di consuntivo degli impegni relativi alle spese finali si dimostra inferiore alle previsioni definitive.

In particolare, per quanto concerne le entrate finali, i risultati evidenziano un incremento rispetto alle previsioni definitive pari a 4.796 milioni di euro. Un divario ancora maggiore emerge dal confronto tra i risultati e le previsioni iniziali (+22.422 milioni di euro).

Dal lato delle spese finali, il consuntivo 2005 ha fatto registrare una diminuzione pari a 18.441 milioni di euro, rispetto alle previsioni definitive, mente emerge un incremento di 1.494 milioni di euro, rispetto alle previsioni iniziali.

 

In linea generale, pertanto, come già emergeva negli anni precedenti, i risultati esposti nel rendiconto 2005 segnano un rilevante scostamento rispetto ai dati previsionali, sia per quanto concerne le entrate che le spese.

In diversi casi, tra i quali si segnala quello relativo alle spese correnti, il divario si accentua se i risultati sono confrontati con le previsioni definitive, anziché con quelle iniziali.


6. Profili di interesse della XIV Commissione

6.1 Premessa

Per quanto riguarda i profili di interesse della XIV Commissionesi evidenzia che nel Conto consuntivo del Ministero dell’Economia e delle Finanze nella Tabella allegata n. 3 sono esposti i flussi finanziari tra Italia e Unione europea per il 2005.

Per quanto riguarda invece i dati relativi al Dipartimento per le politiche comunitarie questi non sono contenuti nel Rendiconto dello Stato, bensì nell’autonomo DPCM che annualmente approva il conto consuntivo ed il rendiconto della Presidenza del Consiglio, in relazione all’autonomia finanziaria riconosciuta a tale organo dal D.Lgs. n. 303 del 1999 (Cfr. La Parte III del presente dossier).

6.2 Il Conto consuntivo della spesa del Ministero dell’Economia e delle Finanze (Tabella 3 allegata)

6.2.1 I Flussi finanziari Italia-UE

Per quanto riguarda il Rendiconto generale dello Stato per l’anno 2005, nel Conto consuntivo del Ministero dell’Economia e delle Finanze è allegata l’esposizione contabile dei flussi finanziari intercorsi nell'anno 2005 tra l'Italia e l'Unione europea (prevista dall’articolo 5, comma 2 del D.L. n. 547 del 1994[1]), nonché la situazione delle corrispondenti erogazioni effettuate dalle Amministrazioni nazionali. Ciò consente di rendere noti al Parlamento i dati consolidati sull’entità delle risorse movimentate nel settore degli interventi di politica comunitaria, nonché l’attuazione degli interventi cofinanziati dall’UE, attraverso le erogazioni del Fondo di rotazione.

A tale proposito si ricorda che il sistema di finanziamento dell’Unione, previsto dall’articolo 269 del Trattato CE, stabilisce che il bilancio generale dell’Unione Europea sia integralmente finanziato dalle cosiddette “risorse proprie”, ossia dai mezzi finanziari conferiti da ciascuno Stato membro per garantire il funzionamento dell’amministrazione comunitaria e la realizzazione delle relative politiche. Tali risorse, attualmente disciplinate dalla decisione del Consiglio n. 597 del 29 settembre 2000, sono costituite da:

§         risorse proprie tradizionali (R.P.T.): derivano dall’esistenza di uno spazio doganale unificato e sono riscosse dai Paesi membri e poi versate alla Comunità, al netto delle spese di riscossione; esse sono costituite dai dazi doganali riscossi dai Paesi membri negli scambi con paesi terzi, dai prelievi sulle importazioni di prodotti agricoli, derivanti da scambi con paesi terzi, nonché da contributi provenienti dall’imposizione di diritti alla produzione dello zucchero;

§         risorsa I.V.A., è costituita da un contributo a carico di ciascuno stato membro calcolato applicando un’aliquota uniforme all’imponibile nazionale dell’IVA;

§         risorsa R.N.L. (Reddito Nazionale Lordo, già P.N.L.),  definita “risorsa complementare” in quanto finalizzata a finanziare le spese di bilancio non coperte dalle R.P.T. e dalla Risorsa IVA, che consiste in un contributo degli Stati membri commisurato alle quote parte dei RNL nazionali sul RNL comunitario.

La risorsa I.V.A. e la risorsa R.N.L. rappresentano attualmente la maggior parte delle risorse del bilancio UE.

Sono gli Stati membri ad accertare e versare quanto dovuto, mentre il  controllo è effettuato principalmente da organismi comunitari (Commissione e Corte dei Conti europea).

Nel nostro Paese alla suddetta decisione n. 2000/597/CE è stata data esecuzione con l’articolo 77 della legge finanziaria per il 2002.

Si ricorda che il sistema di risorse proprie in vigore dal 1° gennaio 2002 ècaratterizzato dai seguenti aspetti[2]:

-          mantenimento del massimale delle risorse proprie all'1,27% del PNL europeo;

-          spese di riscossione delle risorse proprie tradizionali fissate al 25%;

-          aliquota massima di prelievo IVA fissata allo 0,75% nel periodo 2002-2003 e allo 0,50% a partire dal 2004.

 

Dall’esposizione dei flussi finanziari con l’UE allegata al Rendiconto risulta che: nelle previsioni definitive di bilancio dell’UE per il 2005 la quota di contribuzione italiana all’UE relativa alle risorse proprie è pari a 13.511 milioni di euro, pari al 13,73% del totale della contribuzione a livello UE[3].

Di questa, la parte maggiore è costituita dalla risorsa RNL pari a 9.408 milioni di euro (pari ad una quota del 13,6%) La risorsa IVA, pari a 2.881 milioni di euro, vede invece una quota di contribuzione italiana pari al 19,5%: tale quota appare elevata anche in ragione del fatto che su tale risorsa si versa una parte della correzione dovuta al Regno Unito.

I versamenti realmente effettuati dal Ministero dell’Economia e delle Finanze risultano superiori (14.130 milioni di Euro) alle previsioni definitive, in ragione principalmente del gettito effettivo delle R.P.T., dei conguagli e rimborsi su I.V.A., R.N.L., e sulla c.d. “Correzione Britannica” relativi ad anni precedenti.

Si ricorda che per “Correzione (rebate) britannica” si intende il ristorno finanziario di circa 4,6 miliardi di euro l'anno di cui il governo inglese beneficia dal 1984 come compensazione ex-post per lo squilibrio fra versamenti alle casse di Bruxelles e ritorni diretti (agricoltura ed aiuti regionali) - nell’ambito dei negoziati sulle prospettive finanziarie dell’Unione.

Nella XIV Legislatura l’argomento è stato oggetto di discussione dell’interrogazione DELMASTRO DELLE VEDOVE 5-04377 del 2/5/2005 (discussa il 22/6/2005): nella risposta del Governo si è evidenziato come tale correzione ad hoc per un solo Paese, nel contesto di un'Unione allargata a 25 e poi a 27 Stati membri, caratterizzata da forti disparità di sviluppo, appaia difficilmente giustificabile. Infatti, rispetto al 1984, la situazione è profondamente cambiata ed in particolare il Regno Unito presenta attualmente uno dei redditi pro capite più alti dell'Unione, non essendo più il solo Paese a presentare squilibri di bilancio, in quanto altri Stati membri (fra l'altro, meno prosperi della Gran Bretagna in termini relativi) presentano una situazione simile.

 

La contribuzione italiana è costituita ora per la maggior parte, pari al 68,98% (9.746,689 milioni di euro), dalla risorsa complementare (RNL), per il 21,47% dall’IVA (3.033,412 milioni di euro) e per il restante 9,55% (1.350,1 milioni di euro) dalle risorse proprie tradizionali.

Dal momento che in base alla decisione  del Consiglio n. 597 del 2000 a partire dal 2004 è stata ridotta allo 0,50% l’aliquota massima dell’IVA, la risorsa RNL ha pertanto assunto un peso crescente.Si ricorda, infatti che nel 2004 la contribuzione italiana era costituita per il 66,17% dalla risorsa RNL e per il 24,31% dall’IVA, mentre nel 2003 le percentuali erano scese rispettivamente del 62,33% e del 28,65%.

 

I versamenti effettivi al bilancio UE del 2005 (pari a 14.130 milioni di euro), a raffronto con quelli del 2004, che erano stati pari a 13.039 milioni di euro, evidenziano un aumento dell’8,36%, pari a 1.090 milioni di euro, dovuti principalmente all’aumento delle spese di bilancio da finanziare.

 

Per quanto riguarda invece la contribuzione dell’Unione europea in favore dell’Italia, essa consegue alle politiche comuni di sviluppo poste in essere dall’Unione in vari settori e si realizza concretamente con gli Strumenti finanziari costituiti dai Fondi strutturali e dal FEOGA-Garanzia. Attraverso di essi l’Unione destina ingenti risorse a favore degli Stati membri.I principali strumenti finanziari sono:

-          FEOGA sezione Orientamento (finanzia il miglioramento delle strutture agricole) e FEOGA sezione Garanzia (che finanzia la Politica Agricola Comune intervenendo direttamente sui prezzi dei prodotti agricoli);

-          Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (FESR) che sovvenziona la politica regionale nelle regioni in ritardo;

-          Fondo sociale europeo (FSE) che finanzia interventi di formazione professionale per la politica sociale e l’occupazione);

-          SFOP (Strumento Finanziario di Orientamento della Pesca);

-          Fondo di coesione (istituito dall’art. 161 del Trattato CE), di cui beneficiano solo Spagna, Grecia, Irlanda e Portogallo e che interviene nei settori dell’ambiente e delle reti transeuropee nel settore delle infrastrutture di trasporto.

 

Si tratta di strumenti a carattere polivalente che vengono attivati nell’ambito di programmi di sviluppo plurisettoriali e definiti in compartecipazione tra le autorità dell’UE e quelle nazionali, secondo il principio del “cofinanziamento”.

Tra le politiche dell’Unione, la Politica Agricola Comune (PAC) assorbe tradizionalmente le quote di finanziamento comunitario più consistenti. Essa da un lato favorisce l’uso di nuove tecnologie e dall’altra opera per il sostegno dei mercati.

Per quanto attiene alle altre politiche socio-strutturali, il periodo di programmazione 2000-2006 (in base al Regolamento n. 1260/1999), prevede il finanziamento di 3 obiettivi prioritari di sviluppo:

o        obiettivo 1: per la promozione, lo sviluppo e l’adeguamento strutturale delle regioni in ritardo di sviluppo;

o        obiettivo 2: per la riconversione economica e sociale delle zone con problemi strutturali;

o        obiettivo 3: per l’adattamento e l’ammodernamento delle politiche e dei sistemi di istruzione, formazione e occupazione.

 

Nell’esercizio 2005 sono stati accreditati all’Italia contributi per 9.899,36 milioni di euro[4], con un aumento del 4,88% rispetto al precedente anno 2004[5], pari a 230,11 milioni di euro.

La parte più importante (5.499,732 milioni di euro, pari al 55,56% del totale) attiene alle azioni cofinanziate dal FEOGA-Garanzia (interventi per la Politica Agricola Comune).

Rispetto allo scorso anno la contribuzione risulta essere aumentata del 9,87% come pure risulta aumentata del 19,19% quella relativa al FESR (che è stata pari nel 2005 a 2.666,241 milioni di euro pari al 26,93%) e quella relativa al FEOGA sez. Orientamento, che ammonta a 545,485 milioni di euro (+0,29%).

Risultano invece diminuite del 40,08%, le contribuzioni al Fondo Sociale Europeo, per il cofinanziamento delle iniziative di formazione professionale (la contribuzione nel 2005 è stata pari a 1.051,701 milioni di euro), e del 36,51% quelle relative allo SFOP (20,957 milioni di euro nel 2005) per il settore della pesca.

 

Per quanto riguarda in particolare i fondi strutturali, i dati del rendiconto evidenziano anche la ripartizione delle somme accreditate dall’UE all’Italia disaggregate in relazione ai singoli Obiettivi dei Fondi stessi. Si tratta di somme corrisposte sia in base alla programmazione 1994-1999 sia in base ai finanziamenti previsti nella programmazione 2000-2006.

In particolare, dai dati risulta che nel 2005 l’Unione europea ha accreditato all’Italia per interventi localizzati nelle regioni del Mezzogiorno (Obiettivo 1), complessivamente 2.954,625 milioni di euro.

Di questi, 2.899,603 milioni di euro sono relativi alla programmazione 2000-2006 e sono stati così distribuiti:

§         FESR: 2.038,483 milioni (le principali erogazioni sono state: il 16,20% alla regione Campania, il 12,60% alla regione Sicilia, il 13,68% alla regione Puglia, il 4,73% alla regione Calabria, il 7,51% alla regione Sardegna ed il 18,63% al Programma Operativo di sviluppo dell’imprenditoria locale);

§         FSE: 402,928 milioni (le principali erogazioni sono state: il 11,96% alla regione Puglia, il 4,87% alla regione Sicilia, il 28,01% alla regione Campania, il 14,68% alla regione Sardegna, il 6,35% al Programma Operativo Ricerca, Sviluppo e Alta formazione ed il 19,13% al Programma Operativo Scuola per lo sviluppo);

§         FEOGA Orientamento: 481,723milioni (le maggiori erogazioni sono state alla Sicilia con il 26,53% ed alla Campania, con il 24,59%);

§         SFOP: 20,957 milioni.

 

Per quanto riguarda l’Obiettivo 2, che favorisce le Regioni colpite da declino industriale, le somme complessivamente accreditate all’Italia nel 2005 sono state pari a 488,583 milioni di euro, di cui 488,068 milioni di euro relativi alla programmazione 2000-2006, tutti erogati dal FESR (di cui il 21,02% alla regione Piemonte, il 10,31% alla regione Veneto, il 13,62% alla regione Lazio ed il 10,54% alla regione Toscana).

L’Obiettivo 3, relativo a finanziamenti legati al fenomeno della disoccupazione, ha visto accreditate somme nel 2005 pari a 559,026 milioni di euro, di cui 558,042 erogate dal Fondo Sociale Europeo per la programmazione 2000-2006.

6.2.2. L’attuazione degli interventi cofinanziati dall’Unione europea

Per quanto riguarda invece l’attuazione degli interventi cofinanziati dall’Unione europea, questa si può desumere sia dai dati relativi al Fondo di rotazione per le politiche comunitarie, sia dai dati relativi ai trasferimenti effettuati dalle Amministrazioni statali, riportati entrambi nella Tabella dei flussi finanziari Italia- UE, allegata al Rendiconto generale dello Stato.

 

Nell’ambito del Conto consuntivo del Ministero dell’Economia per l’anno finanziario 2005, sono infatti riportate le erogazioni effettuate dal Fondo di rotazione per le politiche comunitarie, istituito dall’articolo 5 della legge n. 183/1987. Si tratta di un Fondo che dà un quadro complessivo degli interventi cofinanziati dall’UE: ad esso infatti affluiscono disponibilità provenienti sia dal bilancio comunitario che quelle provenienti dal bilancio nazionale, è dotato di amministrazione autonoma e di gestione fuori bilancio e si avvale di due conti correnti infruttiferi presso la Tesoreria centrale dello Stato:

-          l’uno che registra i movimenti di entrata e uscita che fanno capo ai versamenti comunitari, denominato: Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche comunitarie: finanziamenti UE (conto corrente n. 23211);

-          l’altro che registra le analoghe operazioni a carico dei finanziamenti nazionali, denominato: Fondo di rotazione per l’attuazione delle politiche comunitarie: finanziamenti nazionali (conto corrente n. 23209).

Il Fondo di rotazione presenta annualmente il proprio rendiconto alla Corte dei Conti.

Nell’anno 2005 ai conti correnti suindicati sono affluite le seguenti risorse:

§         conto corrente n. 23211 (finanziamenti UE):    4.399,62 milioni di euro

§         conto corrente n. 23209 (finanziamenti nazionali): 4.665,92 milioni di euro.

 

Nell’anno 2005 risultano affluiti al Conto dei finanziamenti nazionali[6] 4.345,86 milioni di euro, quasi interamente (per il 93,14%) costituiti da accrediti da parte del bilancio dello Stato, ed al Conto finanziamenti UE[7] 4.399,62 milioni di euro.

A fronte di queste risorse, sono state effettuate nel 2005 erogazioni da parte del Fondo di rotazione per finanziare interventi, sia a valere sulla quota nazionale (per 4.219,71 milioni di euro), che su quella comunitaria (per 4.008,78 milioni di euro). Si tratta di interventi relativi alle finalità individuate in sede comunitaria (per gli Obiettivi 1, 2, 3, 5a e 5b), nonché a specifici progetti ad hoc, sempre definiti in sede comunitaria.

 

Per quanto riguarda le erogazioni effettuate dalle singole Amministrazioni statali, a carico degli stanziamenti dei propri stati di previsione, anche questi dati vengono riportati nella tabella allegata al Rendiconto.

Questi dati dovrebbero contribuire a fornire il quadro dei movimenti finanziari legati alla partecipazione all’Unione europea, anche se l’effettiva partecipazione delle Amministrazioni al cofinanziamento non risulta in realtà di facile individuazione, in quanto spesso le erogazioni effettuate delle singole Amministrazioni rappresentano semplicemente l’utilizzo di risorse in precedenza messe a loro disposizione dal Fondo di rotazione e non veri cofinanziamenti degli interventi: vi sono infatti casi in cui le risorse del Fondo, sia di provenienza nazionale che comunitaria, vengono assegnate alla singola Amministrazione quale soggetto responsabile dell’attuazione dei programmi cofinanziati, perché queste li eroghino ai destinatari finali. Non sempre si tratta quindi di casi di vero cofinanziamento. Di questo dato bisogna quindi tenere conto nell’analisi dei dati relativi alle Amministrazioni centrali.

Nell’Allegato 3 al Rendiconto dello Stato sono riportati (tabella 36) gli impegni complessivi delle Amministrazioni centrali dello Stato, che sono stati nel 2005 di 31,402 milioni di euro. I pagamenti effettuati nello stesso periodo, in conto competenza ed in conto residui, sono stati complessivamente pari a 101,717 milioni di euro.


Tavole riepilogative

Rendiconto 2005

 


Tavola i - Andamento delle entrate finali per categorie economiche e incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

(Competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 

CATEGORIE

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Previsioni definitive

Accertamenti

%

I -                    Imposte sul patrimonio e sul reddito

185.411

189.000

45,1

185.455

191.970

45,0

189.302

189.865

43,9

II -                   Tasse e imposte sugli affari

124.548

133.832

31,9

133.048

137.846

32,3

141.102

139.118

32,2

III -       Imposte sulla produzione, consumi e dogane

28.239

28.598

6,8

27.440

27.904

6,5

30.032

29.658

6,9

IV -      Monopoli

8.308

8.056

1,9

9.112

8.726

2,0

9.457

9.020

2,1

V -       Lotto, lotterie ed altre attività di giuoco

9.201

7.922

1,9

9.901

13.617

3,2

11.538

10.193

2,4

Totale Entrate Tributarie

355.707

367.408

87,6

364.956

380.063

89,1

381.431

377.854

87,5

VI -      Proventi speciali

667

630

0,2

703

650

0,2

670

795

0,2

VII -     Proventi dei servizi pubblici minori

4.717

7.861

1,9

7.135

6.098

1,4

6.994

6.943

1,6

VIII –    Proventi dei beni dello Stato

419

304

0,1

442

443

0,1

653

327

0,1

IX -       Prodotti netti di aziende autonome e utili di gestione

2.526

2.564

0,6

2.426

3.013

0,7

2.426

3.019

0,7

X -       Interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro

2.306

5.420

1,3

2.334

5.197

1,2

5.850

9.524

2,2

XI -       Recuperi, rimborsi e contributi

12.619

15.659

3,7

13.521

18.421

4,3

10.968

21.478

5,0

XII -      Partite che si compensano nella spesa

2.004

1.712

0,4

2.004

1.893

0,4

1.859

2.019

0,5

Totale Entrate Extratributarie

25.258

34.150

8,1

28.565

35.715

8,4

29.420

44.105

10,2

XIII -     Vendita di beni ed affrancazione di canoni

6.641

17.022

4,1

14.116

10.664

2,5

12.272

5.631

1,3

XIV -    Ammortamento di beni patrimoniali

782

163

0,0

795

163

0,0

833

163

0,0

XV -     Rimborso di anticipazioni e crediti vari del Tesoro

1.098

764

0,2

201

165

0,0

3.281

4.281

1,0

Totale Alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione crediti

8.521

17.949

4,3

15.112

10.992

2,6

16.386

10.075

2,3

Totale Entrate Finali

389.486

419.507

100,0

408.633

426.770

100,0

427.237

432.034

100,0


 

Tavola II - Andamento delle principali imposte e loro incidenza percentuale sulle entrate tributarie

(Competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 

 

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

 

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Entrate tributarie

355.707

367.408

100,0

364.956

380.062

100,0

381.432

377.854

100,0

di cui:

 

 

 

 

 

 

 

 

 

IRPEF

127.951

132.081

35,9

133.816

134.108

35,3

145.648

139.283

36,9

IRPEG/IRES

30.361

30.364

8,3

28.289

30.374

8,0

28.410

36.305

9,6

ILOR

269

500

0,1

143

355

0,1

531

239

0,1

Imposte sostitutive

14.988

15.919

4,3

14.803

17.018

4,5

12.381

11.162

3,0

Ritenute a titolo di imposta definitiva

748

819

0,2

843

852

0,2

829

1.036

0,3

IVA, di cui:

102.019

105.392

28,7

104.874

107.113

28,2

112.168

114.925

30,4

-       scambi interni ed intracomunitari

91.259

94.242

25,7

93.209

95.324

25,1

99.239

102.432

27,1

-       importazione

10.760

11.150

3,0

11.665

11.789

3,1

12.929

12.493

3,3

Altri introiti diretti

1.056

1.427

0,4

1.927

1.853

0,5

1.039

1.258

0,3

Condoni e sanatorie, di cui

11.803

11.281

3,1

8.493

8.830

2,3

514

851

0,2

-          Condoni e sanatorie su tributi diretti

10.038

7.892

2,1

5.635

7.409

1,9

464

582

0,2

-          Condoni e sanatorie su tributi indiretti

1.765

3.389

0,9

2.858

1.421

0,4

50

269

0,1

Lotto, lotterie e giuochi

9.200

7.922

2,2

9.900

13.617

3,6

11.538

10.193

2,7

Accisa e imposta erariale di consumo su:

 

 

 

 

 

 

29.946

29.284

7,8

-       Oli minerali

22.134

21.916

6,0

21.241

21.467

5,6

23.327

22.028

5,8

-       Altri prodotti

6.005

6.514

1,8

6.030

6.203

1,6

6.619

7.256

1,9

Imposte sui generi di monopolio

8.306

8.052

2,2

9.101

8.725

2,3

9.454

9.014

2,4

Imposte sugli affari

1.101

1.265

0,3

1.205

1.235

0,3

1.546

1.454

0,4

Altri tributi indiretti

19.766

23.956

6,5

24.291

28.313

7,4

27.428

22.850

6,0


 

Tavola III – Evoluzione della spesa finale dei singoli stati di previsione ed incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

Dati di competenza
(milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)


STATO DI PREVISIONE

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Economia e finanze

272.621

258.655

57,3

273.183

249.994

55,8

287.417

271.123

58,0

Attività produttive

4.999

4.943

1,1

6.775

6.736

1,5

4.250

4.248

0,9

Lavoro e politiche sociali

65.693

65.566

14,5

66.368

66.312

14,8

68.956

68.864

14,7

Giustizia

6.576

6.600

1,5

7.832

7.700

1,7

7.655

7.425

1,6

Affari esteri

2.447

2.315

0,5

2.338

2.156

0,5

2.511

2.340

0,5

Istruzione, università e ricerca

50.910

51.873

11,5

51.860

51.964

11,6

51.604

51.835

11,1

Interno

25.714

25.387

5,6

26.898

26.700

6,0

26.749

25.581

5,5

Ambiente e territorio

1.721

1.687

0,4

1.431

1.414

0,3

1.376

1.357

0,3

Infrastrutture e trasporti

8.083

7.334

1,6

8.780

8.080

1,8

7.779

7.414

1,6

Comunicazioni

270

259

0,1

361

352

0,1

396

384

0,1

Difesa

21.373

21.221

4,7

21.203

21.064

4,7

21.335

21.276

4,6

Politiche agricole

1.714

1.677

0,4

1.571

1.460

0,3

1.767

1.687

0,4

Beni e attività culturali

2.570

2.738

0,6

2.390

2.594

0,6

2.392

2.263

0,5

Salute

1.402

1.374

0,3

1.422

1.399

0,3

1.497

1.446

0,3

Totale spese finali

466.093

451.629

100

472.412

447.925

100

485.684

467.243

100

 


 

Tavola IV – Evoluzione della spesa finale dei singoli stati di previsione ed incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

Autorizzazioni di cassa
(milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)


STATO DI PREVISIONE

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Pagamenti

%

Previsioni definitive

Pagamenti

%

Previsioni definitive

Pagamenti

%

Economia e finanze

286.411

262.887

57,6

280.328

248.306

56,3

294.810

259.894

57,4

Attività produttive

5.185

4.882

1,1

5.894

3.232

0,7

4.678

3.503

0,8

Lavoro e politiche sociali

67.734

64.215

14,1

69.823

66.170

15,0

71.130

67.390

14,9

Giustizia

6.895

6.791

1,5

7.926

7.109

1,6

7.848

7.440

1,6

Affari esteri

2.510

2.215

0,5

2.397

2.238

0,5

2.478

2.270

0,5

Istruzione, università e ricerca

53.440

53.696

11,8

53.809

52.570

11,9

52.726

51.696

11,4

Interno

27.871

25.339

5,6

28.128

25.587

5,8

28.772

25.981

5,7

Ambiente e territorio

2.726

2.044

0,4

1.996

1.308

0,3

1.846

1.391

0,3

Infrastrutture e trasporti

9.515

7.042

0,0

10.436

7.045

1,6

8.773

5.713

1,3

Comunicazioni

359

276

0,1

480

357

0,1

390

340

0,1

Difesa

21.936

21.284

4,7

21.813

21.509

4,9

22.242

21.959

4,9

Politiche agricole

2.647

1.722

0,4

2.629

1.693

0,4

2.287

1.523

0,3

Beni e attività culturali

2.850

2.272

0,5

3.623

2.347

0,5

2.491

2.147

0,5

Salute

2.094

1.357

0,3

2.241

1.593

0,4

2.097

1.333

0,3

Totale spese finali

492.173

456.022

100

491.523

441.064

100

502.568

452.580

100


 

Tavola V – Evoluzione delle spese finali per funzioni-obiettivo ed incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

(competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 


FUNZIONI-OBIETTIVO

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

1 -   Servizi generali delle pubbliche amministrazioni

231.920

218.956

48,5

229.823

208.143

46,5

238.537

226.306

48,4

2 –  Difesa

20.781

20.595

4,6

20.975

20.813

4,6

20.976

20.770

4,4

3 -   Ordine pubblico e sicurezza

19.821

19.555

4,3

22.182

21.884

4,9

22.526

21.971

4,7

4 -   Affari economici

56.894

55.012

12,2

55.247

53.857

12,0

52.891

51.164

11,0

5 -   Protezione dell'ambiente

2.464

2.409

0,5

2.223

2.188

0,5

2.067

2.016

0,4

6 -   Abitazioni e assetto territoriale

1.838

1.703

0,4

1.658

1.592

0,4

1.841

1.649

0,4

7 -   Sanità

10.226

10.109

2,2

9.975

9.069

2,0

14.970

14.636

3,1

8 -   Attività ricreative, culturali e di culto

8.961

9.084

2,0

14.469

14.651

3,3

14.797

12.675

2,7

9 –  Istruzione

48.620

49.767

11,0

49.128

49.203

11,0

49.242

49.441

10,6

10-  Protezione sociale

64.568

64.439

14,3

66.732

66.525

14,9

67.837

66.615

14,3

Totale spese finali

466.093

451.629

100

472.412

447.925

100

485.684

467.243

100

 

 


 

Tavola VI – Evoluzione della spesa finale per categorie ed incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

(competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)


CATEGORIE

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Redditi da lavoro dipendente

76.746

77.387

17,1

79.686

79.487

17,7

82.601

81.743

17,5

Consumi intermedi

14.154

13.693

3,0

14.072

13.769

3,1

13.198

12.782

2,7

Imposte pagate sulla produzione

4.209

4.278

0,9

4.374

4.339

1,0

4.414

4.391

0,9

Trasferimenti correnti ad amministrazioni pubbliche

159.951

159.534

35,3

169.319

168.059

37,5

177.800

175.285

37,5

Trasferimenti correnti a famiglie e istituzioni sociali private

3.341

3.512

0,8

4.159

4.102

0,9

4.218

3.862

0,8

Trasferimenti correnti a imprese

5.489

5.205

1,2

5.467

5.248

1,2

5.074

4.875

1,0

Trasferimenti all'estero

1.700

1.589

0,4

1.671

1.505

0,3

1.704

1.615

0,3

Risorse proprie cee

13.850

12.822

2,8

14.750

14.138

3,2

15.700

14.480

3,1

Interessi passivi e redditi da capitale

76.139

71.305

15,8

75.120

60.964

13,6

76.413

70.671

15,1

Poste correttive e compensative

42.984

41.520

9,2

50.973

47.662

10,6

51.824

49.294

10,5

Ammortamenti

782

163

0,0

794

163

0,0

833

18

0,0

Altre uscite correnti

5.147

586

0,1

3.478

1.125

0,3

4.094

1.433

0,3

Totale spese correnti

404.491

391.594

86,7

423.863

400.561

89,4

437.873

420.449

90,0

Investimenti fissi lordi e acquisti di terreni

5.847

5.747

1,3

5.763

5.659

1,3

6.199

6.170

1,3

Contributi agli investimenti ad amministrazioni pubbliche

19.523

19.275

4,3

19.515

19.139

4,3

16.931

16.768

3,6

Contributi agli investimenti ad imprese

13.566

13.441

3,0

11.852

11.705

2,6

8.383

8.233

1,8

Contributi agli investimenti a famiglie e istituzioni sociali private

258

258

0,1

115

115

0,0

122

122

0,0

Contributi agli investimenti a estero

235

222

0,0

263

252

0,1

404

396

0,1

Altri trasferimenti in conto capitale

15.056

13.977

3,1

4.989

4.445

1,0

9.215

8.730

1,9

Acquisizioni di attività finanziarie

7.117

7.116

1,6

6.052

6.049

1,4

6.557

6.375

1,4

Totale spese conto capitale

61.602

60.036

13,3

48.549

47.364

10,6

47.811

46.794

10,0

Totale spese finali

466.093

451.630

100

472.412

447.925

100

485.684

467.243

100


 

Tavola VII – Andamento delle U.P.B. (III livello) ed incidenza percentuale sulle spese finali del bilancio dello Stato

(competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 

U.P.B. (III livello)

RENDICONTO 2003

RENDICONTO 2004

RENDICONTO 2005

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Previsioni definitive

Impegni di spesa

%

Funzionamento

81.419

81.649

18,1

82.568

82.027

18,3

83.642

82.498

17,7

Interventi

225.597

222.502

49,3

245.659

240.088

53,6

254.709

248.126

53,1

Oneri comuni

19.199

13.893

3,1

18.714

15.601

3,5

21.396

17.378

3,7

Trattamenti di quiescenza

1.460

1.573

0,3

1.159

1.258

0,3

1.081

1.169

0,3

Oneri del debito pubblico

76.816

71.977

15,9

75.763

61.587

13,7

77.045

71.278

15,3

Totale spese correnti

404.491

391.594

86,7

423.863

400.561

89,4

437.873

420.449

90,0

Investimenti

58.137

57.628

12,8

45.440

44.789

10,0

44.904

44.253

9,5

Altre spese in conto capitale

429

429

0,1

182

182

0,0

362

243

0,1

Oneri comuni

3.037

1.979

0,4

2.927

2.393

0,5

2.545

2.298

0,5

Totale conto capitale

61.603

60.036

13,3

48.549

47.364

10,6

47.811

46.794

10,0

Totale spese finali

466.094

451.630

100

472.412

447.925

100

485.684

467.243

100

 


PARTE II - Assestamento 2006
(A.C. 1254)


1. L’assestamento del bilancio dello Stato

1.1 Funzione dell’assestamento del bilancio dello Stato

L’articolo 17 della legge n. 468/1978 prevede l'istituto dell'assestamento di bilancio per consentire un aggiornamento, a metà esercizio, degli stanziamenti del bilancio dello Stato, anche sulla scorta della consistenza dei residui attivi e passivi accertata in sede di rendiconto dell'esercizio scaduto al 31 dicembre precedente.

Sotto questo profilo, il disegno di legge di assestamento si connette funzionalmente con il disegno di legge di rendiconto relativo all’esercizio precedente: l’entità dei residui, sia attivi che passivi, sussistenti all’inizio dell’esercizio finanziario, che al momento dell’elaborazione e approvazione del bilancio di previsione è stimabile solo in misura approssimativa, viene, infatti, definita in assestamento sulla base delle risultanze del rendiconto.

Più in generale, con il disegno di legge di assestamento le previsioni di bilancio sono adeguate in relazione:

a)      per quanto riguarda le entrate, all’eventuale revisione delle stime del gettito;

b)      per quanto riguarda le spese aventi carattere discrezionale, ad esigenze sopravvenute;

c)      per quanto riguarda la determinazione delle autorizzazioni di pagamento (in termini di cassa), alla consistenza dei residui accertati in sede di rendiconto dell’esercizio precedente.

 

Per quanto riguarda le previsioni dientrata, poiché esse sono il frutto di una valutazione di carattere tecnico, eventuali modifiche possono essere determinate dall’evoluzione della base imponibile e dagli effetti derivanti dall’applicazione della normativa vigente.

 

In riferimento alle variazioni di spesa, la legge di assestamento presenta il medesimo vincolo che sussiste per il bilancio di previsione, cioè il rispetto della legislazione sostanziale vigente.

Non possono pertanto essere modificati, in sede di assestamento, gli stanziamenti di spesa direttamente determinati da norme vigenti.

 

Va infine ricordato che, ai sensi del comma 2 dell’articolo 17 della legge n. 468/1978, anche dopo l’approvazione della legge di assestamento possono essere presentate al Parlamento, comunque entro il 31 ottobre, ulteriori variazioni delle dotazioni di competenza e di cassa per l’esercizio in corso.

1.2 La struttura e il contenuto del disegno di legge di assestamento del bilancio dello Stato per l’esercizio 2006

L’articolo 1 del disegno di legge di assestamento dispone l’approvazione delle variazioni alle previsioni del bilancio dello Stato per il 2005 (approvato con la legge n. 312/2004), indicate nelle annesse tabelle.

Le tabelle si riferiscono allo stato di previsione dell’entrata, agli stati di previsione della spesa dei singoli ministeri e ai bilanci delle Amministrazioni autonome.

 

Il disegno di legge di assestamento, infatti, contiene, sia per lo stato di previsione dell’entrata che per ciascuno degli stati di previsione dei ministeri di spesa, le proposte di variazione degli stanziamenti di bilancio in termini di competenza e di cassa, che vengono effettuate tramite il disegno di legge medesimo e che costituiscono oggetto di approvazione da parte del Parlamento.

 

In allegato al disegno di legge è invece evidenziata, a fini conoscitivi, sia per lo stato di previsione dell’entrata che per gli stati di previsione della spesa, l’evoluzione, in termini di competenza e di cassa, delle singole poste di bilancio, per effetto sia delle variazioni apportate in forza di atti amministrativi fino al 31 maggio, sia delle variazioni proposte con il disegno di legge di assestamento medesimo.

Per ciascuna U.P.B. si indicano, inoltre, le variazioni che si registrano nella consistenza dei residui, in linea con le risultanze definitive esposte nel Rendiconto dell’esercizio precedente.

A partire dalla previsione iniziale, le eventuali variazioni intervenute per atto amministrativo o proposte con il disegno di assestamento determinano, per ciascuna U.P.B., la previsione assestata.

 

Le variazioni disposte in bilancio nel periodo gennaio-maggio con atto amministrativo derivano dall’applicazione di nuovi provvedimenti legislativi intervenuti successivamente all’approvazione del bilancio (per le quali il Ministro dell’economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con proprio decreto, le conseguenti variazioni) oppure dall’applicazione di procedure previste dalla normativa contabile.

La maggior parte delle variazioni apportate con atto amministrativo non ha effetto sui saldi (variazioni compensative)perché si tratta o dello spostamento di somme tra capitoli di spesa, oppure di modifiche della stessa entità ma di segno contrario dell’entrata e della spesa.

Le variazioni compensative dipendono:

-          dall’utilizzo dei fondi speciali recanti gli accantonamenti di parte corrente e in conto capitale destinati alla copertura di provvedimenti legislativi da approvare nel corso dell’esercizio finanziario;

-          dai prelievi dal fondo di riserva per le spese obbligatorie e d’ordine (ivi compresi i prelievi necessari alla reiscrizione dei residui passivi perenti di conto corrente[8])edal fondo di riserva delle spese impreviste (articoli 7 e 9 della legge n. 468/1978), nonché dal fondo di riserva per l'integrazione delle autorizzazioni di cassa (di cui all’articolo 9-bis della legge n. 468/1978, inserito dall'articolo 8 della legge n. 94/1997) e dal fondo di riserva per l’integrazione delle autorizzazioni di spesa delle leggi permanenti di natura corrente inserite nella Tabella C della legge finanziaria (di cui all’articolo 9-ter della legge n. 468/1978, inserito dall’art. 2 della legge n. 208/1999);

-          dalla reiscrizione dei residui passivi perenti di conto capitale, mediante prelievo dall’apposito fondo di cui all’art. 8 della legge n. 468/1978;

-          dalla riassegnazione ai capitoli di spesa di somme affluite all'entrata nei primi cinque mesi dell’anno in corso, in base alla procedura da ultimo disciplinata con D.P.R. 10 novembre 1999, n. 469 (“Norme di semplificazione del procedimento per il versamento di somme all'entrata e la riassegnazione alle unità previsionali di base per la spesa del bilancio dello Stato, con particolare riferimento ai finanziamenti dell'Unione europea, ai sensi dell'articolo 20, comma 8, della legge 15 marzo 1997, n. 59”).

 

Tra le variazioni delle dotazioni di bilancio apportate con atti amministrativi hanno invece natura non compensativa, e incidono quindi sui saldi di bilancio:

-          le riassegnazioni ai capitoli di spesa di somme affluite in entrata nell’ultimo bimestre (periodo 1° novembre-31 dicembre) dell’anno precedente, ai sensi di quanto previsto dall’art. 2, comma 2, del citato D.P.R. n. 469/1999;

-          gli slittamenti di copertura, vale a dire l’utilizzo di quote dei fondi speciali stanziate nel bilancio di previsione per l’esercizio precedente e non utilizzate entro il termine di tale esercizio, ai sensi dell’articolo 11-bis, comma 5, della legge n. 468/1978[9];

-          il trasporto all’esercizio in corso di titoli di spesa rimasti insoluti alla chiusura dell'esercizio precedente, con la conseguente integrazione delle autorizzazioni di cassa, ai sensi dell’articolo 17, ultimo comma, della legge n. 468/1978[10].

 

L’articolo 2 del disegno di legge di assestamento si riferisce allo stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze.

In particolare, il comma 1 aumenta il limite massimo di emissione di titoli pubblici, stabilito nella legge di bilancio per il 2006 (legge n. 267/2005), da 60.000 milioni di euro a 66.500 milioni di euro.

Il comma 2, novellando l’articolo 2, comma 7, della legge di bilancio per il 2006 (legge n. 267/2006):

-        aumenta da 900 milioni di euro a 1.070 milioni di euro la dotazione del Fondo di riserva per le spese obbligatorie e d’ordine, di cui all’art. 7 della legge n. 468/1978 (Ministero dell’economia e finanze, U.P.B. 4.1.5.10/cap. 3000);

-         riduce da 600 milioni a 430 milioni di euro la dotazione del Fondo per le spese impreviste, di cui all’art. 9 della legge n. 468/1978 (Ministero dell’economia e finanze, U.P.B. 4.1.5.2/cap. 3001).

 

L’articolo 3 dispone l’approvazione dell’allegato 1 del disegno di legge, nel quale sono contenute le modifiche all’elenco delle unità previsionale di base individuate nel bilancio di previsione per il 2006.

 

Si ricorda infine che il decreto-legge n. 181 del 2006, approvato in via definitiva dalla Camera nelle seduta del 17 luglio, ha apportato rilevanti modifiche all’articolazione dei ministeri, alla cui attuazione si provvederà con successivi provvedimenti.

Si segnala al riguardo che, in sede di esame del decreto presso l’Assemblea della Camera, il Governo ha accolto l’ordine del giorno Duilio ed altri, n. 129, che impegna il Governo a procedere all'adeguamento dell'articolazione del bilancio dello Stato in relazione al riassetto delle amministrazioni in un'unica sede, possibilmente in occasione dell'esame del disegno di legge di assestamento per l'anno in corso, eventualmente mediante la trasmissione di una nota di variazione dello stesso, in modo da consentire al Parlamento una valutazione compiuta del complesso delle modifiche che saranno apportate

 


2. I saldi del bilancio dello Stato
risultanti dalle previsioni assestate

La relazione al disegno di legge di assestamento del bilancio dello Stato per il 2006 (A.C 1254), evidenzia, sulla base delle previsioni assestate poste a confronto con le previsioni iniziali, un peggioramento del saldo netto da finanziare e degli altri saldi di bilancio sia in termini di competenza che in termini di cassa.

a)     I saldi di competenza

(dati in milioni di euro)

 

2005

2006

 

Rendiconto

Previsioni iniziali

Variazioni per atto amministrativo

Variazioni proposte ddl assestamento

Previsioni assestate

Saldo netto da finanziare

-30.572

-36.664

-312

-1.487

-38.464

Risparmio pubblico
(saldo corrente)

8.091

-6.377

-50

-1.432

-7.859

Saldo primario

40.099

34.736

-297

-1.209

33.229

Ricorso al mercato (*)

-198.985

-232.666

-312

-2.617

-235.595

N.B.:        Dati al netto delle regolazioni debitorie e contabili. I dati di rendiconto sono riferiti alla gestione.

(*)            Il ricorso al mercato è al lordo delle regolazioni debitorie.

 

 

In particolare, in termini di competenza, le previsioni assestate per il 2006, risultanti delle variazioni apportate per atto amministrativo fino al 31 maggio scorso e da quelle proposte con il disegno di legge di assestamento in esame, determinano, rispetto alle previsioni iniziali di bilancio, un aumento del saldo netto da finanziare,al netto delle regolazioni debitorie e contabili, da 36.664 milioni di euro a 38.464 milioni di euro, con un peggioramento di circa 1.800 milioni di euro.

Tale peggioramento è da porre in relazione all’andamento delle spese finali, soprattutto delle spese correnti primarie, che registrano un incremento solo parzialmente bilanciato dal miglioramento delle previsioni relative alle entrate finali.

 

In particolare, le entrate finali, come determinate sulla base delle previsioni assestate, registrano un aumento di circa 2.200 milioni di euro rispetto alle previsioni iniziali di bilancio (394.311 milioni di euro), risultando pari a 396.521 milioni di euro.

Le spese finali, sulla base delle previsioni assestate, ammontano a 434.985 milioni di euro a fronte di una previsione iniziale di 430.975 milioni di euro, con un incremento di 4.010 milioni di euro.

 

Al lordo delle regolazioni debitorie, pari a 8.341 milioni di euro, il saldo netto da finanziare si attesta intorno a 46.804 milioni di euro, a fronte di una previsione iniziale di 43.741 milioni di euro.

 

La legge finanziaria per il 2006 (articolo 1, comma 1, della legge n. 266/2005) ha fissato per il 2006 il limite massimo del saldo netto da finanziare in termini di competenza, al netto delle regolazioni debitorie, in 41.000 milioni di euro, al netto di 7.077 milioni di euro per regolazioni debitorie.

Il valore del saldo netto da finanziare che si determina sulla base delle previsioni assestate rientra, in tal modo, nel limite massimo stabilito dalla legge finanziaria per il 2006.

 

In corrispondenza con l’evoluzione del saldo netto da finanziare, le previsioni assestate evidenziano anche un peggioramento, rispetto alle previsioni iniziali, del saldo corrente (risparmio pubblico) e del saldo primario (differenza tra entrate finali e spese finali al netto della spesa per interessi).

In particolare, il saldo corrente passa dalla previsione iniziale di un valore negativo pari a 6.377 milioni di euro ad una previsione assestata pari a un valore negativo di 7.859 milioni di euro, con un peggioramento di 1.482 milioni di euro.

Rispetto alle previsioni iniziali, l’avanzo primario si riduce da 34.736 milioni di euro a 33.229 milioni di euro (-1.506 milioni di euro).

 

Anche il ricorso al mercato (che risulta dalla differenza tra le entrate finali e il totale delle spese, incluse quelle relative al rimborso di prestiti), evidenzia un peggioramento di 2.929 milioni di euro, da 232,666 a 235.595 milioni (il dato comprende anche le regolazioni debitorie).

 

In relazione al valore del ricorso al mercato, si ricorda che l’articolo 1, comma 1, della legge finanziaria per il 2006 (legge n. 266/2005) ne ha fissato il livello massimo in 244.000 milioni di euro (compreso l’indebitamento all’estero per un importo non superiore a 2.000 milioni).

Anche il valore del ricorso al mercato che si determina sulla base delle previsioni assestate risulta dunque nel limite massimo stabilito dalla legge finanziaria per il 2006, diversamente da quanto avvenuto nei due anni precedenti.

 


b)        I saldi di cassa

(dati in milioni di euro)

 

2005

2006

 

Rendiconto

Previsioni iniziali

Variazioni per atto amministrativo

Variazioni proposte ddl assestamento

Previsioni assestate

Saldo netto da finanziare

-45.305

-65.538

-815

-1.244

-67.598

Risparmio pubblico
(saldo corrente)

-10.708

-31.616

2.670

-1.643

-30.589

Saldo primario

24.947

5.861

-753

-966

4.142

Ricorso al mercato (*)

-219.322

-261.539

-2.224

-2.412

-266.175

N.B.:        Dati al netto delle regolazioni debitorie e contabili.

(*)            Il ricorso al mercato è al lordo delle regolazioni debitorie.

 

In modo analogo all’evoluzione registrata in termini di competenza, anche in termini di cassa le previsioni assestate evidenziano sui saldi di bilancio (calcolati al netto delle regolazioni debitorie, contabili e dei rimborsi IVA) una incidenza negativa.

In termini di cassa, il saldo netto da finanziare, al netto delle regolazioni debitorie e contabili (pari a 8.341 milioni di euro), si attesta a 67.598 milioni di euro, con un aumento di 2.060 milioni di euro rispetto alle previsioni iniziali (65.538 milioni di euro).

Il saldo corrente (risparmio pubblico) in termini di cassa mostra un leggero miglioramento, passando da un valore negativo iniziale di 31.616 milioni di euro a un valore negativo di 30.589.

Il saldo primario, che nelle previsioni iniziali era pari a 5.861 milioni di euro, nelle previsioni assestate viene quantificato in 4.142 milioni di euro con una riduzione di 1.719 milioni

Il ricorso al mercato in termini di cassa, che nel bilancio di previsione era quantificato in 261.539 milioni di euro, sale, nelle previsioni assestate, a 266.175 milioni di euro (al lordo delle regolazioni debitorie), con un peggioramento di circa 4.636 milioni di euro.


3. Profili di interesse della XIV Commissione

Si segnala soltanto che il disegno di legge di assestamento 2006 registra l’accertamento nelle previsioni assestate 2006, relative al Fondo di rotazione per le politiche comunitarie (UPB 4.2.3.8/Economia), di residui pari a 1.575,8 milioni di euro[11]rispetto alle previsioni iniziali.

Il ddl di assestamento 2006 non apporta alcuna modifica allo stanziamento complessivo a carico del Fondo di rotazione (UPB 4.2.3.8/Economia - Cap. 7493), inizialmente previsto per l’anno 2006. Pertanto esso risulta invariato rispetto alle previsioni iniziali di bilancio 2006 e pari a 2.050 milioni di euro di spesa.

Altro elemento di interesse collegato ai rapporti con l’Unione europea e contenuto nel disegno di legge di assestamento 2006 è costituito dal dato relativo all’ammontare dei finanziamenti al bilancio dell’Unione europea. Riguardo a tali profili, il disegno di legge di assestamento 2006, con specifico riferimento alla voce di spesa corrente costituita dalle risorse proprie della Comunità (UPB 4.1.2.8/Economia), non apporta alcuna variazione rispetto alle previsioni iniziali.

La previsione di spesa reca quindi sempre una spesa di parte corrente per il finanziamento del bilancio dell’Unione pari a 15.850 milioni di euro. Si tratta, come evidenziato nel Quadro riassuntivo per categoria contenuto nella tabella 2 allegata al bilancio, di una spesa classificata tra quelle vincolate in quanto giuridicamente obbligatoria.

 


Tavole riepilogative

Assestamento 2006


Tavola i - Andamento delle entrate finali per categorie economiche e incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

(Competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 

CATEGORIE

RENDICONTO 2005

BILANCIO 2006

ASSESTATO 2006

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Legge Bilancio

%

ddl
assestato

%

I -         Imposte sul patrimonio e sul reddito

189.302

189.865

43,9

197.780

47,2

199.080

47,3

II -         Tasse e imposte sugli affari

141.102

139.118

32,2

139.206

33,2

139.906

33,2

III -        Imposte sulla produzione, consumi e dogane

30.032

29.658

6,9

29.093

6,9

29.093

6,9

IV -       Monopoli

9.457

9.020

2,1

9.816

2,3

9.816

2,3

V -        Lotto, lotterie ed altre attività di giuoco

11.538

10.192

2,4

12.177

2,9

12.177

2,9

Totale Entrate Tributarie

381.431

377.853

87,5

388.072

92,7

390.072

92,7

VI -       Proventi speciali

670

795

0,2

495

0,1

510

0,1

VII -      Proventi dei servizi pubblici minori

6.994

6.943

1,6

6.890

1,6

6.932

1,6

VIII –     Proventi dei beni dello Stato

653

326

0,1

392

0,1

392

0,1

IX -        Prodotti netti di aziende autonome e utili di gestione

2.426

3.019

0,7

3.842

0,9

3.948

0,9

X -        Interessi su anticipazioni e crediti vari del tesoro

5.850

9.524

2,2

4.200

1,0

4.200

1,0

XI -        Recuperi, rimborsi e contributi

10.968

21.478

5,0

10.905

2,6

10.951

2,6

XII -       Partite che si compensano nella spesa

1.859

2.019

0,5

2.006

0,5

2.006

0,5

Totale Entrate Extratributarie

29.420

44.104

10,2

28.730

6,9

28.939

6,9

XIII -      Vendita di beni ed affrancazione di canoni

12.272

5.631

1,3

1.008

0,2

1.008

0,2

XIV -     Ammortamento di beni patrimoniali

833

163

0,0

840

0,2

840

0,2

XV -      Rimborso di anticipazioni e crediti vari del Tesoro

3.281

4.281

1,0

26

0,0

26

0,0

Totale Alienazione ed ammortamento di beni patrimoniali e riscossione crediti

16.386

10.075

2,3

1.874

0,4

1.874

0,4

Totale Entrate Finali

427.237

432.032

100,0

418.676

100,0

420.885

100,0


 

Tavola II - Andamento delle principali imposte e loro incidenza percentuale sulle entrate tributarie

(Competenza – milioni di euro - dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)

 

 

RENDICONTO 2005

BILANCIO 2006

ASSESTATO 2006

 

Previsioni definitive

Accertamenti

%

Legge Bilancio

%

ddl
assestato

%

Entrate tributarie

381.432

377.853

100

388.072

100

390.073

100

di cui:

 

 

 

 

 

 

 

IRPEF

145.648

139.283

36,9

143.419

37,0

143.419

36,8

IRPEG

28.410

36.305

9,6

37.512

9,7

37.512

9,6

ILOR

531

239

0,1

165

0,0

165

0,0

Imposte sostitutive

12.381

11.162

3,0

12.411

3,2

13.311

3,4

Ritenute a titolo di imposta definitiva

829

1.036

0,3

848

0,2

948

0,2

IVA, di cui:

112.168

114.925

30,4

115.354

29,7

115.854

29,7

-       scambi interni ed intracomunitari

99.239

102.432

27,1

102.290

26,4

102.590

26,3

-       importazione

12.929

12.493

3,3

13.064

3,4

13.264

3,4

Altri introiti diretti

1.039

1.258

0,3

1.984

0,5

2.284

0,6

Condoni e sanatorie, di cui

514

851

0,2

1.782

0,5

1.782

0,5

-          Condoni e sanatorie su tributi diretti

464

582

0,2

1.442

0,4

1.442

0,4

-          Condoni e sanatorie su tributi indiretti

50

269

0,1

340

0,1

340

0,1

Lotto, lotterie e giuochi

11.538

10.192

2,7

12.177

3,1

12.177

3,1

Accisa e imposta erariale di consumo su:

29.946

29.284

7,8

29.012

7,5

29.012

7,4

-       Oli minerali

23.327

22.028

5,8

22.701

5,8

22.701

5,8

-       Altri prodotti

6.619

7.256

1,9

6.311

1,6

6.311

1,6

Imposte sui generi di monopolio

9.454

9.014

2,4

9.814

2,5

9.814

2,5

Imposte sugli affari

1.546

1.454

0,4

1.430

0,4

1.430

0,4

Altri tributi indiretti

27.428

22.850

6,0

22.164

5,7

22.365

5,7


Tavola III – Evoluzione della spesa finale dei singoli stati di previsione ed incidenza percentuale sul bilancio dello Stato

(competenza – milioni di euro – dati al lordo delle regolazioni debitorie e contabili)