Camera dei deputati - XV Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa)
Autore: Servizio Studi - Dipartimento istituzioni
Titolo: Nuove norme sulla cittadinanza - A.C. 24 e abb. - Seconda edizione
Riferimenti:
AC n. 1607/XV   AC n. 1570/XV
AC n. 1529/XV   AC n. 1462/XV
AC n. 1297/XV   AC n. 938/XV
AC n. 24/XV     
Serie: Progetti di legge    Numero: 35
Data: 26/09/2006
Descrittori:
CITTADINANZA     
Organi della Camera: I-Affari Costituzionali, della Presidenza del Consiglio e interni


Camera dei deputati

XV LEGISLATURA

 

 

 

 

 

SERVIZIO STUDI

Progetti di legge

 

 

 

 

 

 

 

Nuove norme sulla cittadinanza

A.C. 24 e abb.

 

 

 

 

 

 

 

 

n. 35
Seconda edizione

 

 

26 settembre 2006


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

DIPARTIMENTO istituzioni

SIWEB

 

I dossier del Servizio studi sono destinati alle esigenze di documentazione interna per l'attività degli organi parlamentari e dei parlamentari. La Camera dei deputati declina ogni responsabilità per la loro eventuale utilizzazione o riproduzione per fini non consentiti dalla legge.

 

File: ac0115.doc

 


 

INDICE

 

Scheda di sintesi per l’istruttoria legislativa

Dati identificativi3

Struttura e oggetto  10

§      Contenuto  10

§      Relazioni allegate  10

Elementi per l’istruttoria legislativa  11

§      Necessità dell’intervento con legge  11

§      Rispetto delle competenze legislative costituzionalmente definite  11

§      Incidenza sull’ordinamento giuridico  11

Schede di lettura

Quadro normativo  15

§      Acquisto della cittadinanza  15

§      Doppia (o plurima) cittadinanza  19

§      Perdita della cittadinanza  19

§      Riacquisto della cittadinanza  21

§      Tabella: Concessioni e reiezioni della cittadinanza italiana  24

§      (1992-2005)24

I lavori parlamentari nella XIV legislatura  25

I progetti di legge in esame  27

§      Premessa  27

§      Acquisto della cittadinanza per nascita  27

§      Acquisto della cittadinanza da parte del minore  31

§      Acquisto della cittadinanza per matrimonio  32

§      Acquisto della cittadinanza per naturalizzazione  33

§      Altre disposizioni35

§      La proposta di legge A.C. 938  36

Progetti di legge

§      A.C. 24 (on. Realacci), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  41

§      A.C. 938, (on. Mascia ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di riconoscimento della cittadinanza italiana  47

§      A.C. 1297, (on. Merlo R.A. ed altri), Modifiche all’articolo 1 della Legge 5 febbraio 1991, n. 91, in materia di cittadinanza per nascita  57

§      A.C. 1462, (on. Caparini ed altri), Disposizioni per l’introduzione di un test di naturalizzazione per gli stranieri e gli apolidi che richiedono la cittadinanza  63

§      A.C. 1529, (on. Boato), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza  71

§      A.C. 1570, (on. Bressa ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  75

§      A.C. 1607, (Governo), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  81

Testo a fronte

Raffronto tra la legge 91/1992 e i progetti di legge presentati102

Lavori parlamentari svolti nella XIV legislatura

Camera dei deputati

Progetti di legge

§      A.C. 204 (on. Cima e Bulgarelli), Modifica all’articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di acquisto della cittadinanza per nascita  153

§      A.C. 974 (on. Russo Spena), Riforma della disciplina relativa alla cittadinanza italiana  159

§      A.C. 1463 (on. Turco ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante norme sulla cittadinanza  171

§      A.C. 4327 (on. Diliberto ed altri), Riconoscimento dell’elettorato attivo e passivo nelle consultazioni provinciali, comunali e circoscrizionali agli stranieri titolari di permesso di soggiorno e modifica all’articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di concessione della cittadinanza  179

§      A.C. 4388 (on. Mantini e Maccanico), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, concernenti il diritto di cittadinanza  183

§      A.C. 4396 (on. Cé ed altri), Introduzione di un test per cittadini stranieri che richiedono la cittadinanza  187

§      A.C. 4492 (on. Mascia ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di riconoscimento della cittadinanza italiana  193

§      A.C. 4562 (on. D’Alia), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza  205

§      A.C. 4678 (on. Realacci ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  209

§      A.C. 4722 (on. Sinisi ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  217

§      A.C. 4966 (on. Ruzzante ed altri), Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza  225

Esame in sede referente

-       I Commissione (Affari costituzionali)

Seduta del 3 marzo 2004  231

Seduta del 9 marzo 2004  235

Seduta del 10 marzo 2004  237

Seduta del 11 marzo 2004  239

Seduta del 28 aprile 2004  241

Seduta del 13 aprile 2005  243

Seduta del 5 maggio 2005  247

Seduta del 12 maggio 2005  249

Seduta del 14 settembre 2005  257

Testo unificato della Commissione

§      A.C. 204 e abb.-A, Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza  261

Discussione in Assemblea

Seduta del 16 maggio 2005  269

Seduta del 17 maggio 2005  289

Normativa di riferimento

Normativa nazionale

§      Costituzione della Repubblica (artt. 3, 10, 117)297

§      Legge 5 agosto 1978, n. 468. Riforma di alcune norme di contabilità generale dello Stato in materia di bilancio (artt. 7, 11-ter)299

§      Legge 14 marzo 1985, n. 132. Ratifica ed esecuzione della Convenzione sull'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna, adottata a New York il 18 dicembre 1979  303

§      Legge 23 agosto 1988, n. 400. Disciplina dell'attività di Governo e ordinamento della Presidenza del Consiglio dei Ministri (art. 17)317

§      L. 5 febbraio 1992, n. 91. Nuove norme sulla cittadinanza.320

§      D.P.R. 12 ottobre 1993, n. 572. Regolamento di esecuzione della legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza.329

§      D.P.R. 18 aprile 1994, n. 362. Regolamento recante disciplina dei procedimenti di acquisto della cittadinanza italiana.339

§      D.M. Interno 22 novembre 1994  343

§      D.Lgs. 25 luglio 1998, n. 286. Testo unico delle disposizioni concernenti la disciplina dell'immigrazione e norme sulla condizione dello straniero. (artt. 5-6, 9, 30)344

§      Legge 23 dicembre 2000, n. 388. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2001) (art. 80, co. 19)353

§      Legge 27 dicembre 2002, n. 289. Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2003) (art. 38)356

Normativa comunitaria

§      Dir. 2003/109/CE del 25 novembre 2003. Direttiva del Consiglio relativa allo status dei cittadini di paesi terzi che siano soggiornanti di lungo periodo  363

 

 

 


Scheda di sintesi
per l’istruttoria legislativa


Dati identificativi

Numero del progetto di legge

A.C. 24

Titolo

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

Iniziativa

on. Realacci

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

2

Date

 

§          presentazione alla Camera

28 aprile 2006

§          annuncio

28 aprile 2006

§          assegnazione

6 giugno 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

-

 


 

Numero del progetto di legge

A.C. 938

Titolo

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di riconoscimento della cittadinanza

Iniziativa

on. Mascia ed altri

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

10

Date

 

§          presentazione alla Camera

30 maggio 2006

§          annuncio

31 maggio 2006

§          assegnazione

1 agosto 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

II (Giustizia) e III (Esteri)


 

Numero del progetto di legge

A.C. 1297

Titolo

Modifiche all' articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza per nascita

Iniziativa

on. Ricardo Antonio Merlo ed altri

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

3

Date

 

§          presentazione alla Camera

5 luglio 2006

§          annuncio

6 luglio 2006

§          assegnazione

21 settembre 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

-

 


 

Numero del progetto di legge

A.C. 1462

Titolo

Disposizioni per l' introduzione di un test di naturalizzazione per gli stranieri e gli apolidi che richiedono la cittadinanza

Iniziativa

on. Caparini ed altri

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

4

Date

 

§          presentazione alla Camera

25 luglio 2006

§          annuncio

26 luglio 2006

§          assegnazione

21 settembre 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

-

 


 

Numero del progetto di legge

A.C. 1529

Titolo

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza

Iniziativa

on. Boato

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

5

Date

 

§          presentazione alla Camera

1 agosto 2006

§          annuncio

2 agosto 2006

§          assegnazione

2 agosto 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

II (Giustizia), III (Esteri) XI (Lavoro)


 

Numero del progetto di legge

A.C. 1570

Titolo

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

Iniziativa

on. Bressa ed altri

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

5

Date

 

§          presentazione alla Camera

2 agosto 2006

§          annuncio

2 agosto 2006

§          assegnazione

19 settembre 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

II (Giustizia) e III (Esteri)


 

Numero del progetto di legge

A.C. 1607

Titolo

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

Iniziativa

Governo

Settore d’intervento

Diritti e libertà fondamentali; immigrazione

Iter al Senato

No

Numero di articoli

7

Date

 

§          presentazione alla Camera

30 agosto 2006

§          annuncio

19 settembre 2006

§          assegnazione

19 settembre 2006

Commissione competente

I (Affari costituzionali)

Sede

Referente

Pareri previsti

II (Giustizia), III (Esteri), V (Bilancio), XI (Lavoro), XIV (Politiche comunitarie)

 


 

Struttura e oggetto

Contenuto

I sette progetti di legge in esame recano disposizioni in materia di acquisto della cittadinanza.

Sei di essi (A.C. 24, 1297, 1462, 1529, 1570 e 1607), intervengono su puntuali aspetti della vigente disciplina, recata dalla L. 91/1992, concernenti l’acquisto della cittadinanza alla nascita (jure sanguinis o jure soli), da parte di minori e a seguito di matrimonio ovvero il riconoscimento della cittadinanza (per “naturalizzazione”) allo straniero residente in Italia.

In prevalenza, essi si pongono l’obiettivo principale di rendere più agevole l’acquisto della cittadinanza, da un lato prevedendo il rafforzamento dello jus soli e ponendo condizioni più favorevoli per i minori nati o formatisi in Italia, dall’altro riducendo i termini per la concessione della cittadinanza per naturalizzazione. L’A.C. 1462 mira invece ad introdurre un “test di naturalizzazione” per coloro che richiedano la cittadinanza.

La proposta di legge A.C. 938 reca una più ampia disciplina della materia, che modifica ampiamente o sostituisce integralmente quella recata dalla L. 91/1992.

Relazioni allegate

Le sei proposte di legge di iniziativa parlamentare sono accompagnate dalla sola relazione illustrativa.

Il disegno di legge di iniziativa governativa è corredato da una dettagliata relazione tecnico-normativa, dall’analisi dell’impatto della regolamentazione (AIR) e dalla relazione tecnica sugli effetti finanziari del provvedimento.


 

Elementi per l’istruttoria legislativa

Necessità dell’intervento con legge

I progetti di legge intervengono su materia disciplinata da norme di legge.

Rispetto delle competenze legislative costituzionalmente definite

La materia trattata rientra fra quelle riservate alla competenza legislativa esclusiva dello Stato ai sensi del secondo comma, lett. f) (“cittadinanza”) dell’art. 117 della Costituzione.

Incidenza sull’ordinamento giuridico

Coordinamento con la normativa vigente

I progetti di legge introducono modifiche espresse alla L. 91/1992, ricorrendo alla tecnica della novella, ad eccezione dell’A.C. 938, che riscrive integralmente la disciplina della cittadinanza e contestualmente dispone la generica abrogazione di tutte le disposizioni incompatibili con la nuova normativa.

L’art. 5 dell’A.C. 1529, l’art. 4 dell’A.C. 1570 e l’art. 8 dell’A.C. 938  fissano il termine massimo per la conclusione del procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza, in tal modo “legificando” una disposizione attualmente contenuta in un provvedimento di natura regolamentare adottato con decreto ministeriale.

 


Schede di lettura

 


Quadro normativo

Acquisto della cittadinanza

La disciplina in materia di cittadinanza fa oggi capo principalmente alla L. 91/1992[1].

Ai sensi di tale legge, acquistano di diritto alla nascita la cittadinanza italiana coloro i cui genitori (anche soltanto il padre o la madre) siano cittadini italiani (L. 91/1992, articolo 1, comma 1, lettera a)): si tratta della così detta modalità di acquisizione della cittadinanza jure sanguinis.

L’ordinamento italiano riconosce anche il criterio alternativo dello jus soli, pur prevedendolo soltanto in via residuale e per casi limitati a:

§         coloro che nascono nel territorio italiano e i cui genitori siano da considerarsi o ignoti (dal punto di vista giuridico) o apolidi (cioè privi di qualsiasi cittadinanza) (art. 1, co. 1, lett. b));

§         coloro che nascono nel territorio italiano e che non possono acquistare la cittadinanza dei genitori in quanto la legge dello Stato di origine dei genitori esclude che il figlio nato all’estero possa acquisire la loro cittadinanza (art. 1, co. 1, lett. b));

§         i figli di ignoti che vengono trovati (a seguito di abbandono) nel territorio italiano e per i quali non può essere dimostrato, da parte di qualunque soggetto interessato, il possesso di un’altra cittadinanza (art. 1, co. 2).

La cittadinanza italiana è acquisita anche per riconoscimento della filiazione(da parte del padre o della madre che siano cittadini italiani), oppure a seguito dell’accertamento giudiziale della sussistenza della filiazione: l’acquisto della cittadinanza nelle due ipotesi illustrate è automatico per i figli minorenni (art. 2, co. 1); i figli maggiorenni invece conservano la propria cittadinanza, ma possono eleggere la cittadinanza determinata dalla filiazione con un’apposita dichiarazione da rendere entro un anno dal riconoscimento, o dalla dichiarazione giudiziale di filiazione, o dalla dichiarazione di efficacia in Italia del provvedimento straniero nel caso in cui l’accertamento della filiazione sia avvenuto all’estero (art. 2, co. 2).

Sono previste modalità agevolate di acquisto della cittadinanza per gli stranieri di origine italiana: la cittadinanza italiana può essere acquistata dagli stranieri o apolidi, discendenti (fino al secondo grado) da un cittadino italiano per nascita, a condizione che facciano un’espressa dichiarazione di volontà e che siano in possesso di almeno uno di questi requisiti:

§         abbiano svolto effettivamente e integralmente il servizio militare[2] nelle Forze armate italiane: in questo caso la volontà del soggetto interessato di acquisire la cittadinanza italiana deve essere espressa preventivamente (art. 4, co. 1, lett. a));

§         assumano un pubblico impiego alle dipendenze, anche all’estero, dello Stato italiano (art. 4, co. 1, lett. b));

§         risiedano legalmente[3] in Italia da almeno due anni al momento del raggiungimento della maggiore età; la volontà di conseguire la cittadinanza italiana deve essere manifestata con una dichiarazione entro l’anno successivo (art. 4, co. 1, lett. c)).

Lo straniero che sia nato in Italiapuò divenire cittadino italiano a condizione che vi abbia risieduto legalmente e ininterrottamente fino al raggiungimento della maggiore età e dichiari, entro un anno dal compimento della maggiore età, di voler acquistare la cittadinanza italiana (art. 4, co. 2).

Disposizioni particolari sono dettate per quanto riguarda l’acquisto della cittadinanza da parte di stranieri o apolidi che hanno contratto matrimonio con cittadini italiani (artt. da 5 a 8). Gli stranieri coniugi di cittadini italiani ottengono la cittadinanza, dietro richiesta presentata al prefetto del luogo di residenza dell’interessato, oppure, se residenti all’estero, all’autorità consolare competente, se possono soddisfare, contemporaneamente, le seguenti condizioni:

§         residenza legale nel territorio italiano da almeno sei mesi, o, in alternativa, per gli stranieri residenti all’estero, il decorso di tre anni dalla data del matrimonio tra lo straniero e il cittadino;

§         persistenza del vincolo matrimoniale;

§         insussistenza della separazione legale;

§         assenza di condanne penali per i delitti contro la personalità internazionale e interna dello Stato e contro i diritti politici dei cittadini;

§         assenza di condanne penali per i delitti non colposi per i quali è prevista una pena edittale non inferiore a tre anni;

§         assenza di condanne penali per reati non politici, con pena detentiva superiore a un anno, inflitte da autorità giudiziarie straniere con sentenza riconosciuta in Italia;

§         insussistenza, nel caso specifico, di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

L’acquisto della cittadinanza può avvenire, infine, per concessione (L. 91/1992, art. 9): in questo caso, a differenza dei procedimenti finora illustrati, che riservano all’autorità margini di intervento molto ristretti, l’emanazione del provvedimento di concessione della cittadinanza è soggetto ad una valutazione discrezionale di opportunità da parte della pubblica amministrazione, pur attenuata dall’obbligo del parere preventivo del Consiglio di Stato.

Il periodo di residenza legale in Italia, graduato in funzione dello status degli stranieri richiedenti, che costituisce il requisito fondamentale per conseguire la cittadinanza secondo tale modalità, deve essere ininterrotto e attuale al momento della presentazione dell’istanza per la concessione della cittadinanza.

Può presentare domanda per ottenere la concessione della cittadinanza italiana il cittadino straniero che si trova in una delle seguenti condizioni:

§         residente in Italia da almeno dieci anni, se cittadino non appartenente all’Unione europea, o da almeno quattro anni, se cittadino comunitario (art. 9, co. 1, lett. f) e d));

§         apolide residente in Italia da almeno cinque anni (art. 9, co. 1, lett. e));

§         il cui padre o la cui madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato in Italia e, in entrambi i casi, vi risiede da almeno tre anni (L. 91/1992, art. 9, co. 1, lett. a));

§         maggiorenne adottato da cittadino italiano e residente in Italia da almeno cinque anni (art. 9, co. 1, lett. b));

§         abbia prestato servizio[4] alle dipendenze dello Stato italiano, anche all’estero, per almeno cinque anni (L. 91/1992, art. 9, co. 1, lett. c)).

L’art. 10 subordina l’efficacia del decreto di concessione della cittadinanza alla prestazione da parte dell’interessato (entro sei mesi dalla notifica del decreto medesimo) del giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato.

 

La giurisprudenza amministrativa ha indicato alcuni ulteriori requisiti per l’ottenimento della cittadinanza e ha precisato i confini della discrezionalità della pubblica amministrazione con riferimento ai provvedimenti di concessione della cittadinanza, stabilendo inoltre quali siano gli obblighi di motivazione delle decisioni concernenti tali procedimenti.

 

Il provvedimento di concessione della cittadinanza italiana è adottato sulla base di valutazioni ampiamente discrezionali circa l’esistenza di un’avvenuta integrazione dello straniero in Italia, tale da poterne affermare la compiuta appartenenza alla comunità nazionale, appartenenza di cui costituisce effetto e non causa la concessione della cittadinanza stessa, attribuendo all’interessato i diritti e gli obblighi connessi allo status civitatis; pertanto, la concessione del beneficio presuppone una valutazione assai articolata, nella quale ben possono avere rilievo considerazioni anche di carattere economico e patrimoniale relative al possesso di adeguate fonti di sussistenza (TAR Piemonte, sez. II, sent. n. 124 del 26 febbraio 1996).

In sede di concessione della cittadinanza la valutazione del grado di probabilità di esiti pericolosi per la sicurezza dello Stato non necessita di una dettagliata esternazione dei fatti e delle circostanze che si oppongono al rilascio; pertanto, l’onere della prova a carico dell’Amministrazione di fatti pregiudizievoli per la sicurezza pubblica, sulla base dei quali sia possibile formulare il giudizio di pericolosità conseguente all’acquisto della cittadinanza italiana da parte dello straniero, non può essere spinto al punto di dover dimostrare i fatti pregiudizievoli per la sicurezza stessa (TAR Lombardia, Brescia, sent. n. 98 del 12 febbraio 1992).

I “comprovati motivi inerenti alla sicurezza pubblica”, che legittimano il diniego di concessione della cittadinanza italiana ad uno straniero non presuppongono necessariamente la condanna di quest’ultimo per determinati reati, giacché la tutela dell’ordine e della sicurezza dello Stato giustifica anche la preventiva valutazione di tutte le cause che sono potenzialmente in grado di incidere su di essi e di comprometterli. Il diniego di concessione della cittadinanza italiana ad uno straniero è sufficientemente motivato ogni qualvolta volta l’Amministrazione esterna il giudizio conclusivo del procedimento e quello intermedio di carattere consultivo, e da questi emerga, attraverso il riferimento al dato normativo, quale sia il potere esercitato in concreto e quali siano le ragioni del diniego, senza che sia necessaria l’esternazione di tutte quelle valutazioni interne – complesse e collegate ad una serie di episodi e comportamento che isolatamente considerati possono non essere significativi di una particolare pericolosità ma che, tuttavia, sono suscettibili di una diversa considerazione se valutati complessivamente ed in un unico contesto – che conducono ad un giudizio di pericolosità che, per sua natura e per volontà del legislatore, dovendo svolgere una funzione preventiva di sicurezza, è notevolmente fondato su elementi non rilevanti in altri settori dell’ordinamento (TAR Emilia Romagna, Bologna, sez. 1, sent. n. 901 del 1 dicembre 1994).

Il regime procedimentale riguardante l’esame e, quindi, il rilascio o diniego della concessione della cittadinanza, concernendo il conferimento di uno status di rilevante importanza pubblicistica, è improntato necessariamente a valutazioni dell’Autorità competente squisitamente discrezionali, volte a considerare sia la situazione privatistica particolare dell’istante, sia quella generale dell’interesse pubblicistico della collettività, procedimento il cui corretto esercizio trova limiti esteriori sindacabili soltanto nelle previsioni specifiche della corrispondente normativa, nonché nei princìpi generali riferiti allo svolgimento dell’attività amministrativa (TAR Lazio, sez. I, sent. n. 993 del 3 maggio 1999).

La L. 91/1992 non ha mutato il carattere discrezionale del provvedimento di concessione (già previsto dalla normativa precedente, della quale si è limitata a mutare soltanto i minimi richiesti), sicché non si può certamente dire che con il compimento del periodo prescritto lo straniero possa maturare un diritto soggettivo all’acquisto della cittadinanza italiana, pur se concorrono tutti gli altri requisiti di legge ed esista una sua manifestazione di volontà in tal senso. È congruamente motivato il provvedimento che adduca ragioni riguardanti l’insussistenza di sufficienti mezzi di sostentamento e di un concreto interesse pubblico alla concessione della cittadinanza, né è necessaria l’indicazione di più circostanziate argomentazioni, essendo sufficiente l’uso di sintetiche formulazioni che appaiano idonee a rappresentare l’iter formativo della determinazione assunta dall’Amministrazione (TAR Lazio, sez. I, sent. n. 993 del 3 maggio 1999).

Secondo il Consiglio di Stato, l’amministrazione chiamata a decidere sulla domanda di concessione di cittadinanza italiana è tenuta a verificare la serietà sia dell’intento ad ottenere la cittadinanza italiana, sia delle ragioni che inducono ad abbandonare la comunità di origine. È inoltre necessario accertare il grado di conoscenza della lingua italiana, l’idoneità professionale, l’ottemperanza agli obblighi tributari e contributivi. Non può essere trascurata l’esigenza di ricomposizione di gruppi familiari, parte dei quali già residenti nel territorio italiano. L’amministrazione deve verificare eventuali cause ostative all’acquisto di cittadinanza, collegate a ragioni di sicurezza della Repubblica ed all’ordine pubblico (Consiglio di Stato, sez. I, parere n. 1423 del 26 ottobre 1988).

In tema di diniego della concessione della cittadinanza italiana, è indubbio che l’amministrazione competente, anche laddove disponga di un’ampia discrezionalità, debba indicare sia pure sinteticamente le ragioni poste a base delle proprie determinazioni (Consiglio di Stato, sez. IV, sent. n. 366 del 24 maggio 1995).

 

La cittadinanza può essere concessa, in casi eccezionali, per merito allo straniero che abbia reso notevoli servigi all’Italia, per elevate necessità di ordine politico connesse all’interesse dello Stato (L. 91/1992, art. 9, co. 2).

Doppia (o plurima) cittadinanza

La legge ammette espressamente la possibilità di conservare la cittadinanza italiana pur essendo già in possesso di una cittadinanza straniera[5] ovvero dopo averla acquistata o riacquistata. Chi risiede o stabilisce la residenza all’estero può tuttavia rinunciare alla cittadinanza italiana (L. 91/1992, art. 11).

Non è consentito il possesso di una doppia (o plurima) cittadinanza se vi sono norme internazionali pattizie o norme statali straniere che lo vietino (v. paragrafo successivo).

Perdita della cittadinanza

I cittadini italiani possono rinunciare volontariamente alla cittadinanza italiana purché si trasferiscano, o abbiano trasferito, la propria residenza all’estero e siano titolari di un’altra o di altre cittadinanze (L. 91/1992, art. 11). La facoltà di rinuncia alla cittadinanza italiana in questo caso può essere esercitata soltanto dai cittadini maggiorenni.

Coloro che hanno ottenuto la cittadinanza italiana durante la minore età, in quanto figli conviventi con il genitore che ha acquistato o riacquistato la cittadinanza, hanno la facoltà di rinunciare ad essa (senza limiti di tempo), una volta divenuti maggiorenni, sempre che siano in possesso di un’altra cittadinanza (art. 14).

Può inoltre rinunciare alla cittadinanza italiana il soggetto maggiorenne in possesso di un’altra cittadinanza – anche se risiede in Italia – a seguito di revoca dell’adozione per fatti imputabili all’adottante. La rinuncia deve essere resa entro un anno dalla revoca (art. 3, co. 4).

La revoca dell’adozione per colpa dell’adottato ha come conseguenza la perdita automatica della cittadinanza acquistata da quest’ultimo in virtù dell’adozione, purché egli abbia un’altra cittadinanza o la riacquisti (art. 3, co. 3).

L’art. 12 della L. 91/1992 prevede due ulteriori ipotesi di perdita automatica della cittadinanza italiana:

§         la mancata ottemperanza all’intimazione del Governo italiano di lasciare un impiego pubblico o una carica pubblica che il cittadino abbia accettato da uno Stato o ente pubblico estero o da un ente internazionale cui non partecipi l’Italia, o la mancata ottemperanza all’invito di abbandonare il servizio militare che il cittadino presti per uno Stato estero (art. 12, co. 1);

§         l’assunzione di una carica pubblica o la prestazione del servizio militare per uno Stato estero, o l’acquisto volontario della cittadinanza dello Stato considerato, quando tali circostanze si verifichino durante lo stato di guerra con esso (art. 12, co. 2).

Per quanto riguarda gli effetti delle norme internazionali pattizie sull’ordinamento italiano, l’art. 26, co. 3, della L. 91/1992 fa salve, in via generale, le disposizioni previste dagli accordi internazionali, affermandone pertanto la prevalenza sulla disciplina interna. In proposito, si ricorda che l’Italia ha sottoscritto e ratificato[6] la Convenzione di Strasburgo del 6 maggio 1963 sulla riduzione dei casi di cittadinanza plurima e sugli obblighi militari[7] in caso di cittadinanza plurima.

 

La Convenzione stabilisce (art. 1, co. 1) che i cittadini, residenti all’estero, degli Stati contraenti perdono la loro precedente cittadinanza qualora acquistino o riacquistino volontariamente la cittadinanza di un altro dei Paesi che hanno sottoscritto e ratificato la Convenzione: essi non possono essere autorizzati a conservare la cittadinanza precedente.

Di conseguenza, il cittadino italiano residente all’estero che acquista volontariamente la cittadinanza di uno dei Paesi contraenti (con esclusione di Regno Unito, Irlanda e Spagna che hanno aderito soltanto al secondo Capitolo della Convenzione, relativo agli obblighi militari in caso di cittadinanza plurima, e della Germania, che non aderisce più alla Convenzione), perde la cittadinanza italiana ai sensi dell’art. 1 della Convenzione.

La Convenzione di Strasburgo disciplina anche le vicende della cittadinanza dei minorenni, in dipendenza di quelle della cittadinanza dei genitori (art. 1, punto 3; art. 2).

 

L’Italia ha inoltre ratificato[8] il Secondo Protocollo di emendamento alla Convenzione di Strasburgo del 1963, sottoscritto, allo stato attuale, anche dalla Francia e dai Paesi Bassi.

 

In base a tale Accordo, quando un cittadino di una Parte contraente acquisisce la nazionalità di un’altra Parte contraente sul cui territorio è nato e risiede, oppure vi ha risieduto abitualmente a partire da una data anteriore al compimento del diciottesimo anno di età, ciascuna di queste Parti può disporre che conservi la sua nazionalità d’origine. In caso di matrimonio tra cittadini di Parti contraenti diverse, ciascuna di tale Parti può disporre che il cittadino che acquisisce di sua libera volontà la nazionalità del coniuge, conservi la sua nazionalità d’origine.

Riacquisto della cittadinanza

La legge disciplina le modalità per il riacquisto della cittadinanza a favore di coloro che l’hanno perduta e a prescindere dai motivi della perdita. Il riacquisto avviene con condizioni di particolare favore rispetto a quelle stabilite dall’art. 9 della L. 91/1992 per l’acquisto della cittadinanza per naturalizzazione e, per alcuni aspetti, analoghe a quelle dettate dall’art. 4, co. 1, della L. 91/1992, le quali consentono allo straniero di origine italiana l’acquisto della cittadinanza per beneficio di legge. Il riacquisto è subordinato, in via generale, alla sussistenza di un legame con l’Italia, che può concretizzarsi in un rapporto di servizio (civile o militare) con lo Stato o nello stabilire la residenza nel Paese.

Può riacquistare la cittadinanza italiana:

§         chi presta effettivamente servizio militare per lo Stato italiano e dichiara preventivamente di voler riacquistare la cittadinanza italiana (art. 13, co. 1, lett. a));

§         chi, assumendo o avendo assunto un pubblico impiego alle dipendenze dello Stato, anche all’estero, dichiara di voler riacquistare la cittadinanza italiana (art. 13, co. 1, lett. b));

§         chi dichiara di voler riacquistare la cittadinanza italiana ed ha stabilito o stabilisce, entro un anno dalla dichiarazione, la propria residenza in Italia (art. 13, co. 1, lett. c));

§         lo straniero (che sia stato cittadino italiano) il quale, dopo un anno dalla data in cui ha stabilito la residenza in Italia, non fa espressa rinuncia, nello stesso termine, al riacquisto della cittadinanza italiana. Soltanto in questo caso il riacquisto avviene automaticamente: la legge prevede comunque la possibilità di rinuncia da parte dell’interessato per tutelarne la volontà (art. 13, co. 1, lett. d));

§         chi, avendo perduta la cittadinanza italiana per non aver ottemperato all’intimazione di abbandonare l’impiego o la carica accettati da uno Stato, da un ente pubblico estero o da un ente internazionale, ovvero il servizio militare per uno Stato estero, dichiara di volerla riacquistare, a condizione che abbia stabilito la residenza da almeno due anni nel territorio della Repubblica e provi di aver abbandonato l’impiego o la carica o il servizio militare, assunti o prestati nonostante l’intimazione (art. 13, co. 1, lett. e)).

La legge permette il riacquisto della cittadinanza, su loro dichiarazione in tal senso, alle donne italiane che l’hanno perduta al momento del matrimonio con uno straniero, avvenuto prima del 1° gennaio 1948[9], o in conseguenza del cambiamento di cittadinanza del marito (art. 17, co. 2).

Le persone originarie dei territori italiani facenti parte del cessato impero austro-ungarico[10], che emigrarono all’estero prima del 16 luglio 1920, e i loro discendenti, possono ottenere il riconoscimento della cittadinanza italiana qualora rendano una dichiarazione in tal senso all’ufficiale dello stato civile del comune in cui risiedono o intendono stabilire la propria residenza, oppure davanti all’autorità diplomatica o consolare del luogo di residenza, se residenti all’estero (L. 379/2000[11], art. 1). La dichiarazione va resa entro un termine che, inizialmente fissato al 20 dicembre 2005, è stato differito di cinque anni dall’art. 28-bis del D.L. 273/2005[12] per gli emigrati dai territori, già astroungarici, oggi appartenenti allo Stato italiano e per i loro discendenti.

La recente L. 124/2006[13] ha infine introdotto due articoli (17-bis e 17-ter) nella L. 91/1992, che consentono il riconoscimento della cittadinanza agli italiani (e ai loro discendenti) che abitavano nei territori dell’Istria, Fiume e Dalmazia, già facenti parti del Regno d’Italia e passati, dopo la seconda guerra mondiale, sotto la sovranità della Repubblica jugoslava e successivamente di Slovenia e Croazia.

 

Il diritto alla cittadinanza italiana è riconosciuto ai soggetti che siano stati cittadini italiani e che abbiano risieduto nei territori facenti parte dello Stato italiano e successivamente ceduti alla Repubblica jugoslava in forza del Trattato di pace firmato a Parigi il 10 febbraio 1947, reso esecutivo dal decreto legislativo del Capo provvisorio dello Stato 28 novembre 1947, n. 1430, ratificato dalla legge 25 novembre 1952, n. 3054, ovvero in forza del Trattato di Osimo del 10 novembre 1975, reso esecutivo dalla legge 14 marzo 1977, n. 73. Tale diritto è riconosciuto anche ai figli e ai discendenti in linea retta dei soggetti di cui sopra, purché di lingua e cultura italiana.

La cittadinanza non è acquistata ex lege dai soggetti summenzionati, ma solo a seguito della presentazione (e dell’accoglimento) di una apposita istanza. Ciò differenzia l’ottenimento della cittadinanza prefigurato dalla disposizione in esame da quello in passato disposto dall’art. 17 della L. 91/1992, che avveniva automaticamente con la presentazione della apposita dichiarazione[14].

 


 

Tabella: Concessioni e reiezioni della cittadinanza italiana

(1992-2005)

Anno

Concessioni

Reiezioni

Per

matrimonio

Per

residenza

Totale

Per

matrimonio

Per

residenza

Totale

2005

11.854

7.412

19.266

337

829

1.166

2004

9.997

1.948

11.945

261

1.056

1.317

2003

11.271

2.111

13.382

199

1.763

1.962

2002

9.728

917

10.645

143

762

905

2001

9.266

1.203

10.469

99

582

681

2000

8.027

1.518

9.545

121

524

645

1999

9.538

1.753

11.291

141

860

1.001

1998

10.930

1.106

12.036

131

558

689

1997

7.404

813

8.217

101

255

356

1996

6.053

899

6.952

112

325

437

1995

6.396

1.046

7.442

66

817

883

1994

5.498

495

5.993

62

880

942

1993

5.897

579

6.476

37

1.193

1.230

1992

3.844

601

4.445

72

488

560

Fonte: Ministero dell’interno. Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione. Direzione centrale per i diritti civili, la cittadinanza e le minoranze[15].

 


I lavori parlamentari nella XIV legislatura

Al di là delle specifiche disposizioni introdotte con l’art. 28-bis del D.L. 273/2005 e con la L. 124/2006, illustrate nel paragrafo precedente, il Parlamento si è occupato della materia mediante l’esame di varie proposte di legge, tutte di iniziativa parlamentare, volte a modificare la disciplina generale di cui alla L. 91/1992 al fine di agevolare l’accesso alla cittadinanza italiana agli immigrati regolari.

Fra il 3 marzo 2004 e il 12 maggio 2005 la I Commissione della Camera ha esaminato in sede referente undici proposte di legge vertenti sulla materia. Il 16 maggio 2005 l’Assemblea della Camera ha iniziato la discussione sul testo unificato elaborato dalla Commissione (A.C. 204 ed abb.-A); nella seduta del 17 maggio il testo è stato rinviato in Commissione, dietro richiesta del rappresentante del Governo, “al fine di consentire a tutti i gruppi politici di approfondire più compiutamente le rispettive posizioni”.

Il testo giunto all’esame dell’Assemblea intendeva agevolare l’acquisto della cittadinanza per gli stranieri legalmente e continuativamente residenti in Italia e attribuire la cittadinanza ai bambini nati in Italia da genitori stranieri residenti da lungo tempo nel nostro Paese. Viene invece aggravato il procedimento per l’acquisizione della cittadinanza per matrimonio.

 

In particolare, l’art. 1 estende il diritto alla cittadinanza per nascita – attualmente limitato ai figli dei cittadini italiani o ai figli di ignoti o apolidi – anche a coloro che sono nati in Italia ma da genitori stranieri, a condizione che essi siano residenti legalmente e continuamente in Italia da almeno otto anni o, in alternativa siano in possesso della carta di soggiorno[16] da almeno due anni.

L’art. 2 si riferisce all’acquisto della cittadinanza per matrimonio. Viene aumentato da sei mesi a due anni il periodo minimo di residenza legale del coniuge per richiedere la cittadinanza. Parimenti è elevato da due a tre anni il periodo minimo di durata del matrimonio quale requisito richiesto dalla legge in alternativa a quello della residenza legale.

L’art. 3 riguarda infine la naturalizzazione, ossia l’accesso alla cittadinanza da parte di un cittadino straniero nato all’estero che ne faccia richiesta. Rispetto alla disciplina vigente, viene ridotto il periodo minimo di residenza legale (da dieci a otto anni) richiesto per poter presentare la domanda di cittadinanza. In alternativa alla residenza viene introdotto il requisito del possesso da almeno due anni della carta di soggiorno.

A queste forme di agevolazione, fa riscontro l’introduzione di alcuni condizioni aggiuntive, quali:

§         la non sussistenza delle cause ostative che impediscono l’acquisto della cittadinanza per matrimonio indicati dall’art. 6 della L. 92/1991 (v. supra);

§         il possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento;

§         la conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiana.

 

Un’altra proposta di legge in materia di cittadinanza ha iniziato l’esame in sede referente presso la I Commissione nel corso della XIV legislatura. Si tratta della proposta di legge costituzionale A.C. 4786 (on. Bressa ed altri) volta a modificare l’art. 48 Cost. introducendo quale requisito per il riconoscimento della cittadinanza l’effettiva partecipazione alla vita economica, sociale e politica del Paese.

 

La proposta di legge mirava ad integrare il disposto dell’art. 48 Cost., che disciplina la titolarità e l’esercizio del diritto di voto, anteponendo al primo comma un nuovo comma del seguente tenore: “Sono cittadini coloro i quali partecipano effettivamente alla vita economica, sociale e politica del Paese e soddisfano i requisiti stabiliti dalla legge”.

Nella seduta del 28 aprile 2004 fu nominato un comitato ristretto; si procedette, inoltre, a varie audizioni informali.


I progetti di legge in esame

Premessa

Risultano presentate sei proposte di legge di iniziativa parlamentare e un disegno di legge di iniziativa governativa.

Tutte le proposte introducono modifiche espresse alla L. 91/1992[17].

Per quanto concerne il contenuto, sei tra i progetti di legge (A.C. 24, Realacci ed altri; A.C. 1297, Ricardo Antonio Merlo ed altri; A.C. 1462, Caparini ed altri; A.C. 1529, Boato; A.C. 1570, Bressa ed altri e A.C. 1607, di iniziativa governativa, che si descrivono, per temi, nei prossimi paragrafi), prevedono interventi di revisione della L. 91/1992 di carattere puntuale, circoscrivendo le modifiche, sostanzialmente:

§         all’art. 1, che nel testo vigente sancisce l’acquisto di diritto alla nascita (jure sanguinis) della cittadinanza italiana per coloro i cui genitori siano cittadini italiani e riconosce il criterio alternativo dello jus soli, pur prevedendolo soltanto in via residuale e in casi limitati; quasi tutte le proposte in oggetto ampliano invece in vario modo la portata di quest’ultimo criterio;

§         all’art. 4, in cui si introduce la possibilità di acquisire la cittadinanza da parte di minori che, pur non essendo nati in Italia, vi abbiano trascorso un periodo significativo della formazione della loro personalità (ipotesi prevista anche con riferimento all’art. 1 della L. 91/1992 da alcune p.d.l.);

§         all’art. 5, modificando i requisiti per l’acquisto della cittadinanza per matrimonio;

§         all’art. 9, che stabilisce i casi in cui la cittadinanza può essere riconosciuta allo straniero per naturalizzazione, successivamente allo stabilimento della sua residenza in Italia, ridefinendo i requisiti necessari per ottenerla. L’A.C. 1462, in particolare, mira principalmente all’introduzione di un “test di naturalizzazione” per gli stranieri e gli apolidi che richiedano la cittadinanza.

Modifica invece numerosi articoli della L. 91/1992 la p.d.l. A.C. 938 Mascia ed altri, che sarà illustrata a parte, nel prosieguo della scheda.

Per un confronto analitico tra le proposte in esame, si rinvia al testo a fronte riportato nel presente dossier.

Acquisto della cittadinanza per nascita

La maggior parte dei progetti di legge in esame, intervenendo sull’art. 1, comma 1, della L. 91/1992, amplia in varia misura il novero dei casi in cui la cittadinanza è attribuita in base al criterio dello jus soli.

 

Il d.d.l. governativo A.C. 1607 introduce due nuovi casi di acquisizione automatica della cittadinanza italiana,stabilendo che essa può essere ottenuta da parte di:

§         coloro che nascono nel territorio italiano da genitori stranieri dei quali almeno uno vi risieda legalmente (con ciò intendendosi, come si specifica nella relazione illustrativa del provvedimento, che vi sia la contestuale presenza di un regolare permesso di soggiorno e dell’iscrizione anagrafica) e in maniera continuativa da non meno di cinque anni, al momento della nascita, e sia in possesso del requisito reddituale previsto per il rilascio del permesso di soggiorno CE di lungo periodo (equivalente alla carta di soggiorno attualmente prevista dal testo unico sull’immigrazione, vedi infra[18]);

§         coloro che nascono nel territorio italiano da genitori stranieri dei quali almeno uno sia nato in Italia, sia legalmente residente all’atto della nascita del figlio e disponga di un reddito minimo non inferiore a quello previsto per l’ottenimento del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo.

Il permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo è oggi disciplinato dalla direttiva 2003/109/CE[19].

 

La direttiva riguarda i cittadini provenienti da Paesi terzi che, soggiornando regolarmente da almeno cinque anni in un Paese dell’Unione europea, acquistano, se in possesso di determinati requisiti, un particolare status giuridico, al quale sono collegati ulteriori diritti rispetto a quelli riconosciuti agli altri stranieri non comunitari muniti di regolare permesso di soggiorno.

In attuazione della delega contenuta nella legge comunitaria 2004 (L. 62/2005[20]), allegato B, il 4 agosto 2006 il Governo ha trasmesso alle Camere, per il prescritto parere, lo schema di decreto legislativo di recepimento della direttiva 2003/109/CE.

L’art. 9 del testo unico in materia di immigrazione[21] prevede che lo straniero regolarmente soggiornante nel territorio dello Stato da almeno sei anni[22] può fare richiesta di una carta di soggiorno a tempo indeterminato.

La carta è concessa ad una serie di condizioni: oltre a soggiornare nel territorio italiano da almeno sei anni, lo straniero deve essere in possesso di un permesso di soggiorno che consenta un numero indeterminato di rinnovi e deve dimostrare di avere un reddito sufficiente per il proprio sostentamento e per quello dei suoi familiari.

Il possesso della carta di soggiorno conferisce allo straniero una serie di diritti, quali:

§       entrare in Italia senza bisogno del visto di ingresso;

§       svolgere qualsiasi attività lecita nel territorio dello Stato, ad eccezioni di quelle espressamente vietate agli stranieri;

§       accedere ai servizi ed alle prestazioni erogate dalla pubblica amministrazione;

§       partecipare alla vita pubblica locale.

Con lo schema di D.Lgs. di recepimento della direttiva 2003/109/CE si è proceduto all’adeguamento della normativa dettata dall’art. 9 del testo unico sull’immigrazione alle disposizioni della direttiva, sostituendo la carta di soggiorno con il permesso per i soggiornanti di lungo periodo e prevedendo come requisiti per il suo rilascio:

§      il possesso da almeno cinque anni di un permesso di soggiorno in corso di validità;

§      un reddito minimo non inferiore all’assegno sociale annuo.

Lo schema di D.Lgs. stabilisce i casi in cui il soggiorno, pur essendo regolare, non consente il rilascio del permesso di lungo soggiorno (soggiorno per motivi di studio, motivi umanitari, per richiesta di asilo, ecc.) ed esclude gli stranieri pericolosi per l’ordine e la sicurezza pubblica. Sono inoltre fissati i criteri per valutare la durata del soggiorno utile per ottenere il permesso di soggiorno di lungo periodo, che è rilasciato a tempo indeterminato.

 

Le p.d.l. A.C. 24, 1529 e 1570 modificano la disciplina vigente sull’acquisto della cittadinanza jure soli, prevedendone l’attribuzione a coloro che nascono in Italia da genitori (in realtà sembrano fare riferimento ad un solo genitore) che siano residenti da almeno due anni (cinque anni secondo la p.d.l. C. 1529) e in possesso del permesso di soggiorno.

 

Gli artt. 5, 5-bis, 6 e 30 del testo unico sull’immigrazione[23] recano la disciplina del permesso di soggiorno e del contratto di soggiorno.

Il permesso di soggiorno deve essere richiesto al questore della provincia in cui lo straniero si trova entro otto giorni dal suo ingresso in Italia ed è rilasciato per le attività previste dal visto d’ingresso o dalle disposizioni vigenti. Esso viene rilasciato entro venti giorni dalla richiesta. La sua durata non può essere superiore a:

§         tre mesi, per visite, affari e turismo;

§         nove mesi per lavoro stagionale;

§         un anno, per studio o per formazione (in questi casi il permesso è rinnovabile annualmente nel caso di corsi pluriennali) o per lavoro subordinato a tempo determinato;

§         due anni per lavoro subordinato a tempo indeterminato, per lavoro autonomo e per ricongiungimento.

La c.d. “legge Bossi-Fini”[24] ha introdotto la nuova figura del contratto di soggiorno per lavoro subordinato fra un datore di lavoro (italiano o straniero regolarmente soggiornante in Italia) e un cittadino extracomunitario.

La sottoscrizione di tale contratto costituisce requisito essenziale per il rilascio del permesso di soggiorno per motivi di lavoro, al fine di giustificare l’ingresso e la permanenza dello straniero per soggiorni duraturi esclusivamente in relazione all’effettivo svolgimento di una attività lavorativa sicura e lecita.

La stipula del contratto di soggiorno avviene presso lo sportello unico per l’immigrazione, appositamente istituito presso la prefettura-ufficio territoriale del Governo non solo per facilitare l’incontro fra domanda ed offerta di lavoro, ma anche al fine di snellire gli adempimenti burocratici connessi.

Il contratto deve contenere la garanzia – da parte del datore di lavoro – della disponibilità di un’adeguata sistemazione alloggiativa per il dipendente e l’impegno al pagamento delle spese di viaggio per il rientro del lavoratore nel Paese di provenienza.

Il rinnovo del permesso di soggiorno è richiesto dallo straniero al questore della provincia in cui ha la residenza, almeno 90 giorni prima della scadenza nel caso del permesso rilasciato per lavoro subordinato a tempo indeterminato della durata di due anni; 60 giorni prima per i permessi per lavoro subordinato a tempo determinato della durata di un anno; 30 giorni nei restanti casi.

L’art. 30 del testo unico prevede il permesso di soggiorno per motivi familiari, che è rilasciato:

§         agli stranieri entrati in Italia con visto di ingresso per ricongiungimento familiare, ovvero con visto di ingresso al seguito del proprio familiare nei casi previsti dall’art. 29, ovvero con visto di ingresso per ricongiungimento al figlio minore;

§         agli stranieri regolarmente soggiornanti ad altro titolo da almeno un anno che abbiano contratto matrimonio in Italia con cittadini italiani o di uno Stato membro dell’Unione europea, ovvero con cittadini stranieri regolarmente soggiornanti;

§         al familiare straniero regolarmente soggiornante, in possesso dei requisiti per il ricongiungimento con il cittadino italiano o di uno Stato membro dell’Unione europea residenti in Italia, ovvero con straniero regolarmente soggiornante in Italia. In tal caso il permesso del familiare è convertito in permesso di soggiorno per motivi familiari;

§         al genitore straniero, anche naturale, di minore italiano residente in Italia.

 

I p.d.l. A.C. 1607 e 1570 stabiliscono inoltre che, entro un determinato periodo dal compimento della maggiore età (un anno per il d.d.l. C. 1607, due anni per la p.d.l. C. 1570), il soggetto che ha ottenuto secondo le modalità illustrate la cittadinanza italiana iure soli possa, nel caso in cui sia in possesso di un’altra cittadinanza, rinunciare a quella italiana.

La p.d.l. A.C. 1297 prevede l’acquisto automatico della cittadinanza per quelle donne che sono state cittadine italiane e hanno perduto la cittadinanza a seguito di matrimonio contratto con un cittadino di un Paese straniero (la cui legislazione non consenta per la donna la conservazione della cittadinanza originaria in caso di matrimonio o la doppia cittadinanza) anche prima del 1° gennaio 1948. Tale diritto è esteso anche ai figli di tali soggetti, la cui nascita sia anteriore alla medesima data.

 

L'art. 1, primo comma, n. 1, della legge n. 555 del 1912[25] stabiliva che è cittadino "per nascita" il figlio di padre cittadino.

Con la sentenza n. 30 del 1983, la Corte costituzionale ha dichiarato costituzionalmente illegittimo l'art. 1, comma primo, n. 1, della L. 555/1912, nella parte in cui non prevede che sia cittadino per nascita anche il figlio di madre cittadina, equiparando, ai fini del conseguimento della cittadinanza iure sanguinis, i figli di madre cittadina e quelli di padre cittadino. La L. 123/1981, e successivamente la L. 91/1992, hanno recepito tale principio.

Il Consiglio di Stato (parere n. 105 del 15 aprile 1983) ha ritenuto che l'efficacia del giudicato costituzionale non può in ogni caso retroagire oltre il momento in cui si è verificato il contrasto tra la norma di legge - anteriore all'entrata in vigore della Costituzione - dichiarata illegittima, e la norma o il principio della Costituzione, cioè non può retroagire oltre il 1° gennaio 1948, data di entrata in vigore di quest'ultima.

Pertanto, al momento, l’autorità amministrativa ritiene possibile attribuire dalla nascita la cittadinanza italiana solo a quelle persone nate dopo il 1° gennaio 1948 da donna che a tale momento era in possesso dello status civitatis italiano[26].

Acquisto della cittadinanza da parte del minore

Il d.d.l. A.C. 1607 introduce un diritto all’acquisizione della cittadinanza jure domicilii (come viene definito nella relazione illustrativa) per il minore straniero che (pur non essendovi nato) abbia vissuto in Italia continuativamente per almeno cinque anni e vi abbia frequentato le scuole o corsi di formazione professionale, oppure vi abbia svolto un’attività lavorativa regolare per almeno un anno. Come emerge dalla relazione illustrativa, esso costituisce un’alternativa sia allo ius sanguinis, sia allo ius soli, fornendo un’opportunità di conseguire la cittadinanza a coloro che, pur non essendo nati in Italia, vi abbiano trascorso il periodo decisivo della formazione della loro personalità.

Per il conferimento della cittadinanza, in questo caso, è necessaria la presentazione di un’istanza da parte dei genitori ovvero del genitore che esercita la potestà genitoriale in base all’ordinamento del Paese di origine; è richiesto inoltre, analogamente a quanto stabilito per l’acquisto della cittadinanza iure soli, che almeno uno dei genitori sia legalmente e continuativamente residente in Italia da cinque anni e disponga di un reddito minimo non inferiore a quello previsto per l’ottenimento del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo. Resta comunque fissata la possibilità per gli interessati di rinunciare, entro un anno dal raggiungimento della maggiore età, alla cittadinanza italiana per mantenere quella dei genitori o un’altra cittadinanza.

L’A.C. 1607 dispone inoltre che, dopo il compimento del diciottesimo anno di età, lo straniero può acquistare la cittadinanza italiana se è in possesso dei requisiti ora illustrati e risiede legalmente in Italia da almeno cinque anni, qualora manifesti entro un anno[27] la volontà di diventare cittadino mediante un’apposita dichiarazione.

Anche le p.d.l. C. 24, C. 1529 e C. 1570 prevedono il diritto all’acquisizione della cittadinanza con il meccanismo dello ius domicilii, in virtù del quale può ottenere la cittadinanza il minore straniero che (pur non essendovi nato) abbia vissuto in Italia continuativamente per almeno sei anni (cinque secondo la p.d.l. C. 1529) e vi abbia frequentato le scuole o corsi di formazione professionale, oppure vi abbia svolto un’attività lavorativa regolare e che comunque dimostri un’adeguata conoscenza della lingua e della cultura italiana (quest’ultimo requisito non è richiesto dalla p.d.l. C. 1529). Si rileva che, a differenza del d.d.l. di iniziativa governativa, che modifica l’art. 4 della L. 91/1992, le tre p.d.l. incidono sull’art. 1 della stessa legge, che disciplina i casi di acquisto automatico della cittadinanza; di conseguenza, nessuna di esse condiziona l’acquisto della cittadinanza alla presentazione di un’istanza.

Acquisto della cittadinanza per matrimonio

Il d.d.l. A.C. 1607 e le p.d.l. A.C. 1529 e 1570 intervengono in senso restrittivo sulla disciplina dettata dall’art. 5 della L. 91/1992, che regola l’acquisto della cittadinanza parte di stranieri che abbiano contratto matrimonio con cittadini italiani, con l’intento, espressamente dichiarato nelle rispettive relazioni illustrative, di porre un freno al fenomeno dei “matrimoni di comodo”.

Tale finalità viene perseguita sia estendendo il periodo minimo di residenza in Italia per l’attribuzione della cittadinanza iure matrimonii, sia richiedendo la persistenza del vincolo matrimoniale al momento dell’adozione del decreto ministeriale di conferimento della cittadinanza.

 

Si ricorda che l’art. 29[28] della L. 189/2002 ha introdotto disposizioni volte ad evitare il ricorso a matrimoni contratti al solo fine di eludere le norme sull’ingresso e il soggiorno degli stranieri: a tale scopo ha stabilito che il permesso di soggiorno per motivi familiari concesso a seguito di matrimonio con un cittadino italiano o straniero regolarmente soggiornante sia revocato qualora si accerti che al matrimonio non è seguita l’effettiva convivenza, salvo che dal matrimonio sia nata prole.

Acquisto della cittadinanza per naturalizzazione

Il d.d.l. A.C. 1607 e le p.d.l. A.C. 24, 1529 e 1570, incidendo sull’art. 9 della L. 91/1992, abbreviano in varia misura (portandolo da dieci a cinque anni; soltanto l’A.C. 24 lo fissa a sei anni) il periodo minimo di presenza regolare e continuativa in Italia richiesto ai fini della concessione della cittadinanza per naturalizzazione.

Tale riduzione si accompagna peraltro alla fissazione di requisiti ulteriori:

§         il possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento, comunque non inferiore all’importo annuo dell’assegno sociale (tale clausola non è prevista dall’A.C. 1570; l’A.C. 1607, in proposito, fa riferimento al requisito reddituale richiesto per il rilascio del permesso di soggiorno CE per i soggiornanti di lungo periodo);

§         un’adeguata conoscenza della lingua e della cultura italiane (in questo senso è orientata la p.d.l. C. 24; il d.d.l. C. 1067 stabilisce invece che la concessione della cittadinanza per naturalizzazione o per matrimonio sia subordinata alla verifica, da parte dell’autorità amministrativa, della “reale integrazione linguistica e sociale” dello straniero, su cui, vedi infra).

 

L’assegno sociale, di cui all’art. 3, co. 6, della L. 335/1995[29], è una prestazione di natura assistenziale che, a decorrere dal 1° gennaio 1996, ha sostituito la pensione sociale, che continua comunque ad essere erogata a coloro che, avendone i requisiti, ne hanno fatto domanda entro il 31 dicembre 1995.

L’assegno sociale è riservato ai cittadini italiani che abbiano almeno 65 anni di età, siano residenti in Italia ed abbiano un reddito pari a zero o di importo comunque inferiore ai limiti stabiliti annualmente dalla legge. Se il soggetto interessato è coniugato si tiene conto anche del reddito del coniuge. Sono equiparati ai cittadini italiani gli abitanti della Repubblica di San Marino, i rifugiati politici, i cittadini dell’Unione europea ed i cittadini extracomunitari che hanno ottenuto la carta di soggiorno.

L'importo dell'assegno viene stabilito anno per anno ed è esente da imposta.

Per l'anno 2006, l'importo mensile dell'assegno è di 381,72 euro, per un importo annuo pari a 4.962,36 euro (381,72 x 13).

I limiti di reddito sono quindi pari a 4.962,36 euro se il richiedente non è coniugato e di 9.924,72 euro annui (4.962,36 x 2) se il richiedente è coniugato.

 

Come già accennato, il d.d.l. A.C. 1607 prevede, innovativamente, che tra i requisiti per la concessione della cittadinanza per matrimonio o naturalizzazione vi sia la sussistenza della reale integrazione linguistica e sociale dello straniero nel territorio dello Stato.

 

Nella relazione illustrativa del provvedimento governativo si sottolinea che tale requisito è stato adottato con varie definizioni (“indicatore di socializzazione”, “sufficiente integrazione personale e professionale”) e con diverse modalità (test di integrazione, attestazione di conoscenza della lingua, frequenza di appositi corsi, eccetera), in alcuni Paesi europei, con lo scopo, condiviso dal d.d.l., di verificare la serietà dell'intento dello straniero di acquisire la cittadinanza e la possibilità di un suo reale inserimento nel tessuto sociale del Paese “in vista del rapporto perdurante e stabile che con il conferimento della cittadinanza verrà a determinarsi con la società e le sue istituzioni, anche attraverso la conseguente acquisizione dei diritti civili e politici che lo Stato riserva ai suoi cittadini”.

A titolo esemplificativo, si segnala che il test di nazionalità è stato introdotto nel novembre 2005 nel Regno Unito. Ad esso il Ministero dell’interno (Home Office) ha dedicato uno specifico sito: www.lifeintheuktest.gov.uk. Il test comprende un esame d'inglese per provare una sufficiente conoscenza linguistica e una prova di cultura generale in 24 domande, basate sulla conoscenza del volume Life in the United Kingdom. A Journey to Citizenship' handbook, cui si deve rispondere in 45 minuti. Il test può essere sostenuto mediante computer in 90 centri ufficiali e può essere ripetuto, in caso di insuccesso, un numero illimitato di volte. Il volume Life in the United Kingdom, elaborato da una specifica commissione, l'Advisory Group on Life in the UK,consta di 146 pagine in cui sono trattati argomenti quali storia, società, geografia, popolazione e religioni, struttura del Governo, informazioni sulla ricerca di un lavoro ed elementi di educazione civica.

Si ricorda che la I Sezione del Consiglio di Stato, con il parere n. 1423 reso il 26 ottobre 1988, cioè prima dell’entrata in vigore della L. 91/1992 (essendo vigente l’art. 4 della legge 13 giugno 1912 n. 555, nel testo modificato dal R.D. 1 dicembre 1934 n. 1997), ha evidenziato che l’amministrazione chiamata a decidere sulla domanda di concessione di cittadinanza italiana deve accertare, tra l’altro, il grado di conoscenza della lingua italiana del soggetto richiedente.

 

La p.d.l. A.C. 1462 si colloca nella stessa ottica, pur mantenendo inalterati i termini attualmente previsti per l’ottenimento della cittadinanza per concessione: essa introduce tra i requisiti richiesti il superamento di un test di naturalizzazione, il cui scopo è quello di accertare la conoscenza da parte dell’interessato “della lingua italiana e locale” e, più in generale, della storia e cultura e dell’ordinamento istituzionale della Repubblica. La p.d.l. in questione, oltre ad abrogare espressamente l’art. 11 della L. 91/1992 e quindi a sopprimere la possibilità di mantenere la doppia cittadinanza, estende ai casi di acquisto della cittadinanza per naturalizzazione le cause ostative previste dall’art. 6 della L. 91/1992 per il caso di acquisizione della cittadinanza per matrimonio (e cioè la sussistenza di condanne per gravi delitti o la presenza di comprovati motivi che possano pregiudicare la sicurezza dello Stato).

La p.d.l. A.C. 1570 specifica inoltre che l’acquisto della cittadinanza per concessione non richiede da parte dell’interessato la rinuncia ad altra cittadinanza di cui è in possesso.

Infine, semplificando il procedimento, il d.d.l. A.C. 1607 elimina la previsione del parere preventivo del Consiglio di Stato sul D.P.R. di concessione della cittadinanza per naturalizzazione.

Altre disposizioni

Le A.C. 1529 e 1570 stabiliscono, con norma di rango legislativo, il termine massimo per la conclusione del procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza, fissandolo in un anno dalla presentazione della domanda da parte dell’interessato.

La disposizione in questione “legifica” una norma contenuta in un provvedimento di natura regolamentare adottato con decreto ministeriale.

 

L’art. 2 della L. 241/1990[30] stabilisce che le pubbliche amministrazioni devono determinare per ciascun tipo di procedimento amministrativo di loro competenza, nel caso non sia già direttamente disposto per legge o per regolamento, il termine entro cui esso deve concludersi.

Con regolamento ministeriale (D.M. 284/1993[31]) sono stati definiti i termini di completamento ed i responsabili dei procedimenti di competenza dell’Amministrazione centrale e periferica dell’interno. I termini del procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza sono stati fissati in 1.095 giorni dalla Tabella A allegata al D.M. citato. Il successivo D.M. 24 agosto 1995, n. 228, ha ridotto i termini in questione a 730 giorni.

 

Per quanto riguarda le norme attuative, il d.d.l. A.C. 1607 demanda ad un regolamento, da adottarsi con decreto del Presidente della Repubblica, l’attuazione delle nuove disposizioni in materia di cittadinanza; il decreto provvederà ad adeguare il D.P.R. 12 ottobre 1993, n. 572, recante le disposizioni di attuazione della L. 91/1992, indicando, tra l’altro, la documentazione necessaria per comprovare la sussistenza del requisito della reale integrazione dello straniero.

Il d.d.l. A.C. 1607 interviene anche sulla disciplina del giuramento che deve essere reso dall’interessato, secondo quanto già prevede l’art. 10 della L. 91/1992, entro sei mesi dalla notifica del decreto di concessione della cittadinanza, pena l’inefficacia del decreto stesso, stabilendo che i nuovi contenuti e modalità di prestazione siano determinate dal regolamento di attuazione.

La disposizione sembra sostanzialmente ripetere quanto già previsto dalla normativa primaria vigente in quanto si limita ad omettere il riferimento alla Repubblica, alla Costituzione e alle leggi dello Stato, rinviando la definizione dei contenuti del giuramento al medesimo decreto del Presidente della Repubblica, da adottarsi ai sensi dell’art. 17, comma 1, della L. 400/1988, con cui saranno emanate le norme di esecuzione del provvedimento in esame.

 

Come osservato, il giuramento di fedeltà alla Repubblica e di osservanza della Costituzione e delle leggi dello Stato, riguardo al quale l’art. 7 del regolamento di esecuzione della L. 91/1992 (D.P.R. 572/1993) detta disposizioni attuative più specifiche, costituisce già un adempimento necessario del procedimento di concessione della cittadinanza (art. 10 della L. 91/1992).

Nella relazione illustrativa del d.d.l. A.C. 1607 si rileva che l'importanza della cittadinanza e dei diritti e doveri ad essa correlati sarà sottolineata dalla previsione di una più solenne cerimonia di conferimento del nuovo status,nel quale sarà particolarmente significativo il momento del giuramento, da prestarsi secondo nuove modalità e contenuti che saranno definiti con disposizioni regolamentari.

 

Il solo d.d.l. A.C. 1607 prevede una norma sulla copertura finanziaria. L’A.C. 1297 dispone (art. 2) che dall'attuazione delle sue disposizioni non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

La proposta di legge A.C. 938

L’articolo 1 della p.d.l. A.C. 938 (Mascia ed altri) estende alcune cause ostative, che attualmente precludono il riconoscimento della cittadinanza per matrimonio, alle ipotesi di concessione della cittadinanza per naturalizzazione: in tal modo viene esclusa la possibilità di divenire cittadini italiani per coloro:

§         che hanno riportato una condanna per uno dei delitti contro la personalità internazionale e interna dello Stato e contro i diritti politici dei cittadini;

§         nei confronti dei quali sussistano comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

È stabilito in via generale (articolo 2) che l’organo competente per il riconoscimento della cittadinanza è il prefetto della provincia di residenza del soggetto interessato (e non il ministero dell’interno, come attualmente previsto). Con un proprio atto, il prefetto rilascia, a conclusione del procedimento, un “attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana”[32]. Al prefetto spetta anche la reiezione delle istanze qualora sussistano cause ostative; sono abbreviati (di tre anni) i termini per la riproposizione delle istanze respinte e quelli per l’emanazione del decreto di rigetto (articolo 3).

L’articolo 4, innovando l’art. 9 della legge n. 91, prevede il riconoscimento della cittadinanza ai figli degli stranieri nati in Italia. L’obbligo di residenza per la presentazione dell’istanza di concessione della cittadinanza per naturalizzazione è ridotto per tutti i casi (stranieri comunitari e non comunitari; apolidi; stranieri che hanno prestato servizio alle dipendenze dello Stato italiano; coniuge straniero di cittadino italiano, nel caso in cui non risieda in Italia da almeno sei mesi) a tre anni.

Per quanto riguarda il riacquisto della cittadinanza, nel caso che sia stata persa ai sensi dell’art. 12[33] della legge n. 91, l’articolo 5 allinea tutti i termini previsti ad un anno, sopprime l’ipotesi di riacquisto a seguito della prestazione del servizio militare per lo Stato italiano ed estende la competenza del prefetto anche alla reiezione delle istanze di riacquisto della cittadinanza.

L’articolo 6 riproduce l’art. 16 della L. 91/1992, concernente la condizione dell’apolide che risiede legalmente in Italia, sopprimendo il riferimento agli obblighi del servizio militare.

È previsto (articolo 7) che gli stranieri adottati da cittadini italiani, ai quali è stata riconosciuta la cittadinanza italiana, qualora l’adozione sia revocata, conservino la cittadinanza italiana.

Viene fissato in un anno (articolo 8) il termine per la conclusione del procedimento di riconoscimento della cittadinanza.

Analogamente a quanto detto per le p.d.l. 1529 e 1570, la disposizione in questione “legifica” una norma contenuta in un provvedimento di natura regolamentare adottato con decreto ministeriale.

 

L’art. 2 della L. 241/1990[34] stabilisce che le pubbliche amministrazioni devono determinare per ciascun tipo di procedimento amministrativo di loro competenza, nel caso non sia già direttamente disposto per legge o per regolamento, il termine entro cui esso deve concludersi.

Con regolamento ministeriale (D.M. 284/1993[35]) sono stati definiti i termini di completamento ed i responsabili dei procedimenti di competenza dell’Amministrazione centrale e periferica dell’interno. I termini del procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza sono stati fissati in 1.095 giorni dalla Tabella A allegata al D.M. citato. Il successivo D.M. 24 agosto 1995, n. 228, ha ridotto i termini in questione a 730 giorni.

 

Con riferimento ai casi di doppia o plurima cittadinanza, l’articolo 9 prevede la possibilità per lo straniero che acquista la cittadinanza italiana di conservare la propria cittadinanza di origine, in conformità alla legge dello Stato di appartenenza, oppure rinunciarvi.

 


Progetti di legge

 


N. 24

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d’iniziativa del deputato REALACCI

¾

 

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 28 aprile 2006

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - La comunità di Sant'Egidio si è fatta promotrice, nel Paese e nel Parlamento, di una riforma della normativa sulla cittadinanza (legge 5 febbraio 1992, n. 91), che ha sostituito un testo che era in vigore da circa ottanta anni (legge 13 giugno 1912, n. 555), i cui contenuti condividiamo.

Il testo attuale della legge n. 91 del 1992 conferma, e per certi aspetti rafforza, princìpi vecchi, tipici di un Paese la cui popolazione emigra per lavoro e completamente inconsapevoli della realtà nuova e diffusa dell'inserimento stabile di cittadini stranieri nel nostro Paese. Afferma con forza il principio dello ius sanguinis, l'acquisto della cittadinanza automatico quando il padre o la madre siano cittadini [articolo 1, comma 1, lettera a)], limita l'acquisto della cittadinanza in base al principio della nascita sul territorio, lo ius soli, solo al bambino figlio di ignoti o apolidi o nel caso in cui i genitori non trasmettano, secondo la legge del Paese di provenienza, la propria cittadinanza al figlio [articolo 1, comma 1, lettera b)]. Si tratta di casi solo teorici e comunque residuali. Di conseguenza il bambino che nasce in Italia da cittadini stranieri non ha oggi alcuna possibilità di diventare cittadino italiano finché è minorenne.

Ancora meno è riconosciuta questa possibilità al bambino straniero che arrivi in Italia anche in età precocissima, prima dell'inserimento scolastico, per il quale non c'è nessuna possibilità di divenire cittadino da minorenne e che anche da maggiorenne ha attualmente prospettive assai incerte.

Anche per gli adulti la normativa del 1992 restringe notevolmente le possibilità di acquisto della cittadinanza: servono non più cinque anni, come in precedenza, ma dieci anni per fare richiesta della cittadinanza [articolo 9, comma 1, lettera f)], sono conteggiati solo i periodi di residenza locale nel Paese perché non è sufficiente il solo possesso del permesso di soggiorno (articolo 1, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572), il procedimento amministrativo di concessione della cittadinanza ha una durata prevista di almeno due anni. In pratica, anche nel caso teorico in cui rilascio del permesso e l'elezione della residenza siano contemporanei, servono oggi almeno dodici anni per avere una risposta alla propria richiesta di cittadinanza.

Si tratta del periodo in assoluto più lungo in Europa: la Germania richiede otto anni, la Francia e il Regno Unito cinque. L'Italia ha in materia di naturalizzazione degli adulti la normativa più restrittiva d'Europa mentre non ne ha nessuna in materia di acquisto della cittadinanza per i minorenni.

L'impostazione della legge, a più di quattordici anni dalla sua entrata in vigore, ha dato risultati largamente prevedibili: mentre aumenta la presenza degli stranieri nel nostro Paese e si diffonde l'esigenza di assicurare forme stabili di inserimento, la possibilità di acquisto della cittadinanza riguarda una quantità sempre più irrisoria di persone.

Addirittura negli ultimi cinque anni, mentre la presenza di stranieri non comunitari ha registrato una crescita sensibile, i provvedimenti di concessione della naturalizzazione per residenza sono costantemente diminuiti.

Secondo i dati del Ministero dell'interno, riguardanti il periodo dal 1o gennaio 1995 al 18 settembre 2002, sono state 8.516 in quasi otto anni le concessioni della cittadinanza a soggetti non comunitari con naturalizzazione per residenza, una media annua di 1.098 provvedimenti; si è passati dai 1.709 del 1999, il numero più alto in assoluto, a soli 511 dal gennaio al settembre 2002.

Negli anni dal 1999 al 2004, mentre l'Italia è passata da 1.341.000 stranieri non comunitari regolarmente presenti nel Paese nel 1999 a circa 2.400.000 nel 2003, con una crescita del 79 per cento, le naturalizzazioni per residenza sono diminuite del 70 per cento.

Eppure già nel 2000 erano più di 350.000 gli stranieri con residenza legale nel Paese da almeno dieci anni; 1.465 naturalizzazioni per residenza nello stesso periodo rappresentano meno dello 0,5 per cento dei soggetti potenzialmente richiedenti.

Probabilmente questa tendenza è il risultato combinato di due fattori: prima di tutto l'alto numero di rigetti delle domande proposte (nel 2002 sono stati 762 a fronte di 511 provvedimenti positivi) quasi tutti motivati da ragioni di insufficienza dei redditi; in secondo luogo un effetto inevitabile di scoraggiamento quando si diffonde la conoscenza dell'effettivo funzionamento della legge, per cui neppure più si richiede quello che è quasi impossibile ottenere.

Si tratta di cifre che esprimono chiaramente la completa inadeguatezza e il fallimento della legge vigente.

La proposta di legge di riforma della legge sulla cittadinanza n. 91 del 1992 assume quindi oggi un valore prioritario in una politica di inserimento stabile, con chiarezza di diritti e doveri, degli stranieri nel nostro Paese, riconoscendo la forma più matura di partecipazione a chi ha un progetto di vita futura in Italia, con pienezza quindi anche di diritti politici e civili.

Bisogna riformare la legge con una pluralità di proposte, come plurali sono le situazioni che oggi caratterizzano la presenza straniera nel nostro Paese: per i bambini che qui nascono, per quelli che vi arrivano in età infantile o adolescenziale, per gli adulti. Il bambino nato in Italia da genitore straniero nasce e vive in Italia come tutti gli altri bambini, ne impara la lingua, mentre la trasmissione della lingua materna è affidata solo al genitore, ne frequenta la scuola, acquisisce di questo Paese gusti, cultura, abitudini. Conosce il Paese di provenienza dei genitori solo se questi decidono, e hanno la possibilità economica, di farlo viaggiare; più facile per gli stranieri non comunitari provenienti da Paesi europei, ben più costoso e improbabile per chi proviene dall'Asia, dall'America latina o dall'Africa. È un bambino straniero nel «suo» Paese, diverso dai suoi coetanei per ragioni incomprensibili.

Si tratta di una realtà che la legge vigente ignora completamente; quando nel 1992 la legge è stata approvata i minori stranieri presenti nel Paese erano 76.400, nel 2002 il loro numero è arrivato a 327.000, secondo le stime elaborate dall'Istituto nazionale di statistica.

Cresce la loro presenza in termini assoluti e cresce il loro peso percentuale sul totale della presenza straniera, passando dal 10,8 per cento del 1992 al 19,2 per cento del 2002.

Dei 327.000 minori presenti in Italia nel 2002, un numero vicino alla metà è anche nato in Italia.

Questi bambini secondo la legge vigente attraversano tutto il periodo fondamentale della crescita e della formazione della propria personalità in questa condizione di estraneità, stranieri nel proprio Paese.

Nel Preambolo della Convenzione sui diritti del fanciullo, fatta a New York il 20 novembre 1989 e resa esecutiva dall'Italia con la legge 27 maggio 1991, n. 176, si afferma che «occorre preparare pienamente il fanciullo ad avere una sua vita individuale nella società, ed educarlo nello spirito degli ideali proclamati dalla Carta delle Nazioni Unite, in particolare in uno spirito di pace, di dignità, di tolleranza, di libertà, di uguaglianza e di solidarietà». È chiaro come la condizione di estraneità in cui cresce il minore straniero rischi di compromettere questi princìpi che la Convenzione sui diritti del fanciullo ha affermato nel Preambolo ed è altrettanto evidente che questa incomprensibile diversità può persino alimentare preconcetti discriminatori che costituiscono una minaccia concreta alla dignità del bambino.

Anche la Convenzione europea sulla nazionalità, conclusa tra gli Stati membri del Consiglio d'Europa il 6 novembre 1997, in attesa di ratifica da parte del nostro Paese, si dimostra consapevole del problema e prevede per questo che ciascun Stato Parte faciliti nel suo diritto interno l'acquisto della cittadinanza per le «persone nate sul suo territorio e ivi domiciliate legalmente e abitualmente» [articolo 6, paragrafo 4, lettera e)].

Attualmente il minore nato in Italia può chiedere la cittadinanza solo al raggiungimento del diciottesimo anno di età e perde definitivamente questo diritto se non lo esercita nei dodici mesi successivi (articolo 4, comma 2, della legge n. 91 del 1992).

Ma neppure questa condizione è sufficiente, visto che è richiesta anche la prova della residenza legale senza interruzioni dalla nascita [articolo 3, comma 4, lettera b), del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572): accade così che anche chi è nato in Italia e vi ha continuativamente vissuto fino a diventare maggiorenne, non possa ottenere la cittadinanza solo perché la madre, che aveva al momento del parto un regolare permesso di soggiorno, non aveva a quel momento eletto la residenza nel comune, come spesso accade quando non si dispone di un alloggio stabile, oppure perché nell'arco dei diciotto anni il nucleo familiare si è allontanato per qualche mese dal Paese e ha, per questa ragione, perso la residenza.

Molti Paesi di antica tradizione immigratoria hanno da tempo valorizzato un principio di ius soli puro, appena contemperato da alcune condizioni : è cittadino alla nascita chiunque nasca nel territorio del Paese. Così gli USA, il Canada, l'Australia. Si è dimostrata una misura lungimirante che ha accresciuto negli immigrati delle generazioni successive alla prima il senso di appartenenza al Paese in cui nascono e crescono e che ha contribuito non poco allo sviluppo e alla crescita economica di quei Paesi.

La modifica alla legge sulla cittadinanza che si propone prevede per il minore nato in Italia un'attuazione più graduata del principio dello ius soli in quanto la proposta di legge coniuga due requisiti: la nascita nel Paese e la presenza regolare del genitore da almeno due anni, in possesso del permesso di soggiorno per uno dei motivi previsti dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286.

È bene chiarire che si tratta di una modifica da introdurre all'articolo 1 della legge n. 91 del 1992, e non all'articolo 9, perché prevede un modo di acquisto di diritto della cittadinanza, con un provvedimento quindi che presuppone esclusivamente l'accertamento dei requisiti previsti dalla legge e non la concessione con ampie facoltà discrezionali per l'amministrazione, come nel caso appunto dell'articolo 9 per le naturalizzazioni degli adulti. Accade di frequente che il genitore lasci il figlio, anche molto piccolo, nel proprio Paese ai parenti e arrivi in Italia da solo; dopo qualche anno, quando si è stabilizzato e in particolare quando dispone di un alloggio anche per il minore, si fa raggiungere. Si tratta di un bambino spesso in età prescolare o ancora adolescente che vive gli anni centrali della sua formazione in Italia, dove frequenta il ciclo scolastico dell'obbligo: attualmente non ha alcuna possibilità di divenire cittadino finché è minorenne. Non solo, ma a differenza della situazione del minore nato in Italia, anche una volta divenuto maggiorenne non ha altra possibilità che quella di chiedere la naturalizzazione per residenza.

In pratica tutto il periodo, prolungato e significativo, di crescita e di formazione in Italia non ha alcun valore, senza tener conto del fatto che questo periodo è determinante nella costruzione dell'identità della persona e nella maturazione del senso di appartenenza all'Italia.

Si tratta dell'altra metà circa dei 327.500 minori che nel 2002 erano presenti nel nostro Paese.

La citata Convenzione europea sulla nazionalità, proprio in relazione a queste situazioni, prevede che ogni Stato Parte faciliti nel suo diritto interno l'acquisto della cittadinanza per le «persone che risiedono nel suo territorio legalmente e abitualmente per un periodo iniziato prima dell'età di diciotto anni, periodo determinato dal diritto interno dello Stato Parte interessato» [articolo 6, paragrafo 4, lettera f)].

L'idea che ispira la proposta di legge di riforma della legge n. 91 del 1992 costituisce un'alternativa sia allo ius sanguinis come allo ius soli: l'acquisizione di un diritto per la presenza e per la partecipazione attiva alla vita del Paese in cui da bambini ci si inserisce, alla scuola, alla formazione professionale, anche al lavoro. Uno ius domicilii che si affianca allo ius soli per chi non è nato in Italia, ma qui vive gli anni decisivi della formazione della sua personalità.

I fatti che fondano questo diritto sono sia la durata della permanenza in Italia per un congruo periodo di anni, sei anni, che costituiscono un indice di stabilità significativo nella vita del minore, sia la qualità di questa permanenza, contrassegnata dalla partecipazione alla scuola e alla formazione professionale. Come nel caso dei minori nati in Italia, la modifica viene attuata con l'introduzione di una apposita disposizione nella legge n. 91 del 1992, perché riconosce il diritto alla cittadinanza ad esito di un provvedimento di accertamento costitutivo. Attualmente all'adulto straniero che fa domanda per ottenere la cittadinanza italiana sono richiesti dieci anni di residenza legale in Italia [articolo 9, comma 1, lettera f)]. Il tempo effettivo deve però considerare anche la durata, almeno biennale, del procedimento: si tratta quindi di un tempo complessivo di almeno dodici anni. È richiesta sempre l'attestazione del requisito del reddito, in genere relativo al triennio immediatamente precedente la presentazione della domanda, in una misura che attualmente non è definita né dalla legge né dai successivi regolamenti.

La proposta di legge di riforma della naturalizzazione è ispirata al principio di una ragionevole riduzione del periodo di regolare presenza in Italia, fissato in sei anni, tenendo conto che il tempo effettivo per ricevere una risposta sull'istanza di naturalizzazione verrebbe così a scendere dagli attuali dodici anni a otto, comunque un periodo consistente.

Sei anni costituisce per l'adulto, al pari di quanto già osservato per il minore, un indice di stabilità significativo, maggiore di due anni del periodo richiesto per la naturalizzazione degli stranieri comunitari [articolo 9, comma 1, lettera d)] e più elevato del periodo quinquennale su cui è orientata la normativa comunitaria per il rilascio di titoli di soggiorno per stranieri lungoresidenti.

Tra i requisiti, essenziale è la richiesta di una conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane, che costituisce un indice significativo della qualità della presenza dello straniero nel Paese e della sua effettiva volontà di progettare il proprio futuro come cittadino.

Per quanto riguarda il possesso dei requisiti reddituali, è opportuno che il parametro di valutazione sia predeterminato legalmente al fine di consentire un accertamento, al momento della proposizione della richiesta, obiettivo e prevedibile negli esiti. Per questa ragione la proposta di legge prevede espressamente la disponibilità di un reddito non inferiore all'importo dell'assegno sociale.

 


 


 


proposta di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

1. Al comma 1 dell'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, sono aggiunte le seguenti lettere:

«b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno due anni e titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni;

b-ter) il minore figlio di genitore straniero se fornisce prova della presenza continuativa in Italia da almeno sei anni e della partecipazione ad un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa, unitamente alla conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane».

Art. 2.

1. La lettera f) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituita dalla seguente:

«f) allo straniero regolarmente presente nel territorio della Repubblica in forma continua e abituale da almeno sei anni, se dimostra di essere in possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento, in misura non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale, e di conoscere in maniera adeguata la lingua e la cultura italiane».

 

 


N. 938

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d'iniziativa dei deputati

MASCIA, FRIAS, FRANCO RUSSO

¾

 

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di riconoscimento della cittadinanza italiana

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 30 maggio 2006

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - Il fenomeno immigratorio è questione epocale: non solo richiede l'impegno politico prioritario dei Governi e dei Parlamenti, ma investe valori di fondo che segnano il grado di civiltà di un Paese, di una società. Nel corso di questi anni le politiche concrete dell'Italia e dell'Europa si sono misurate spesso su un terreno che ha rimosso o cancellato la condizione di vita quotidiana degli immigrati. I morti senza nome sepolti nei nostri mari o nelle isole, come Lampedusa, fanno notizia per qualche giorno. Poi quelle persone, che cercano di sfuggire alla fame e alle guerre, diventano numeri. Numeri che non possono superare i flussi programmati, salvo entrare automaticamente nella categoria dei clandestini; fantasmi che turbano i sonni e alimentano le insicurezze dei cittadini italiani a cui sono proposti come responsabili di tutti i guai, o comunque come sicuri criminali. Nella migliore delle ipotesi diventano braccia da sfruttare per una stagione.

Nelle dichiarazioni e nelle statistiche, che pure segnano la differenza tra civiltà e barbarie, non si va mai oltre un pur meritevole concetto di solidarietà umana, fermo restando un contesto dato, cioè un'operazione di razionalizzazione dentro questo mercato, dentro questo sviluppo. Così si tenta persino di ordinare la domanda e l'offerta di immigrazione, ridotta essa stessa allo statuto di merce. In tal modo non si vedono o non si vogliono vedere, le persone, il dolore, la sofferenza e la deprivazione. In tal modo non si riesce a partire dalla considerazione della persona, dell'immigrato, per ragionare sul modello di sviluppo, ma lo si riduce invece ad entità di compatibilità.

La collocazione sempre precaria sul mercato del lavoro dello straniero extracomunitario o la sua condizione spesso di clandestino, condizioni non scelte ma subite per sopravvivere, ne sono la concreta testimonianza. Non è un caso che la cosiddetta «legge Bossi-Fini» (legge n. 189 del 2002), nel costruire persino un doppio binario giuridico nel trattamento di cittadini italiani e stranieri extracomunitari, trasformi il permesso di soggiorno in contratto di soggiorno. Fissa per legge, cioè, che la permanenza in Italia dello straniero extracomunitario è limitata al periodo in cui il suo lavoro sarà considerato utile alla nostra economia o alle nostre famiglie. Si nega così, in via di principio, la cittadinanza piena agli immigrati e per questo si consente loro di accedere al massimo alla categoria dell'elemosina per giustificare le ricorrenti sanatorie cui attingere manodopera per i nostri lavori poveri.

Parliamo di un fenomeno sociale e per questo politico. Un modello sociale, il nostro, che genera lavoro povero e che, all'estremo di questo lavoro povero, non è in grado di garantire nemmeno la copertura. Un fenomeno che chiama in causa l'organizzazione del lavoro e la distribuzione del reddito da lavoro. Ma questa è la condizione prodotta da una globalizzazione capitalista che causa crisi, che genera mobilità assoluta delle merci e dei capitali, ma non consente quella degli uomini e delle donne.

La clandestinità, dunque, si presenta come patologia propria di un sistema socio-economico, di un mondo attraversato da guerre «preventive ed infinite», e di un impianto legislativo che tenta di costruire fortezze invalicabili. Ma l'immigrazione è ormai fenomeno strutturale, che non verrà impedito con i cannoneggiamenti alle frontiere e con i rimpatri forzati, né verrà disincentivato con i regimi separati che negano diritti e generano precarietà. Si tratta perciò di invertire le politiche italiane ed europee fin qui praticate e di tradurle in modelli di società e di sviluppo davvero alternativi.

In questo contesto, la questione del diritto di voto ai cittadini stranieri extracomunitari si impone con particolare rilevanza. Essa rappresenta simbolicamente e concretamente il riconoscimento dei diritti civili, giuridici e politici, requisiti indispensabili per una effettiva partecipazione in una realtà sociale. Non è un caso che la maggioranza dei cittadini italiani si dichiari favorevole al diritto di voto per chi lavora e paga le tasse. Perché questo è nell'ordine del buon senso comune. Ma riconoscere la legittimità del diritto di voto, significa, nella società globale, anche riconoscere altre soggettività in un quadro di diritti universali e universalmente riconosciuti. Significa invertire la tendenza ad imporre precarietà per garantire lavori e servizi. Significa affrontare per tutte e tutti, italiani e stranieri, la questione della rappresentanza politica e istituzionale, anche mettendo in discussione gli attuali sistemi.

Il diritto di voto chiama in causa una nuova stagione di diritti fondamentali per tutte e tutti, in un mondo attraversato da migrazioni irrefrenabili e da soggetti migranti destinati a incrociare e a relazionarsi con altre storie, culture, abitudini. Il livello di accoglienza e di ricchezza umana e sociale che si potrà trarre da queste esperienze (o il suo contrario) è destinato a segnare la vita delle nostre città e dei nostri quartieri, nonché il grado di civile convivenza del continente Europa. Per queste ragioni, consideriamo necessario, oggi, affrontare insieme la questione dei diritti, ponendo il tema della cittadinanza.

Il primo provvedimento organico sulla cittadinanza italiana è rappresentato dalla legge 13 giugno 1912, n. 555. Questa legge, pur con dei limiti, ha introdotto nell'ordinamento italiano un sistema omogeneo destinato a rimanere in vigore, sia pure con significative modifiche, per ottant'anni fino cioè, all'entrata in vigore della legge 5 febbraio 1992, n. 91. Tale legge, pur essendo stata approvata da più di un decennio, risente del clima socio-economico di quegli anni, ed ha recepito solo marginalmente il fenomeno rappresentato dall'immigrazione dall'estero di consistenti flussi di stranieri senza alcun precedente legame con l'Italia. Anche confrontandola con quelle degli altri Stati membri dell'Unione europea, la legge 5 febbraio 1992, n. 91, non appare in grado di recepire la domanda derivante dalle attuali dimensioni del fenomeno dell'immigrazione. Di qui la totale inadeguatezza della normativa vigente in tema di concessione della cittadinanza. Un esempio per tutti è rappresentato dallo ius sanguinis, il diritto di sangue, il principio in base al quale è cittadino italiano chi nasce da genitori italiani o chi ha uno degli ascendenti in linea diretta di secondo grado con cittadinanza italiana. Tale criterio fondante si contrappone allo ius soli, basato sul luogo di nascita, che nella normativa vigente è subordinato a condizioni fortemente restrittive.

La diversità socio-culturale rappresenta per il nostro Paese una ricchezza da non disperdere e uno dei pilastri della costruzione democratica della Repubblica. Non a caso riteniamo che la parola chiave sia «interculturalità» concettualmente diversa dalla parola «integrazione», che mantiene un'ambiguità di fondo. Il fine ultimo è dunque creare un maggiore senso di identificazione, nel rispetto delle diversità linguistiche, religiose e etiche, e un maggiore coinvolgimento nelle istituzioni politiche, anche, e non solo, attraverso il diritto di voto.

La cittadinanza è la condizione giuridica di chi appartiene a uno Stato ed è titolare dei diritti politici, che si esercitano secondo il suo ordinamento, e dei relativi obblighi. L'odierno dibattito politico concentra la sua attenzione sul problema del diritto di voto dei cittadini stranieri. Per le ragioni di ordine sociale, etico e politico che abbiamo fin qui illustrato, si rende necessario fare un salto in avanti ed affrontare il tema dei diritti degli stranieri in modo più complessivo. È fin troppo evidente che è il diritto di voto a dover discendere dallo status di cittadino e non viceversa. Il concetto di cittadinanza esprime dal punto di vista giuridico il complesso di diritti e doveri che legano i cittadini allo Stato.

La presente proposta di legge si pone un obiettivo rilevante: riconoscere la cittadinanza quale diritto soggettivo, ovvero riconoscere tale condizione giuridica quale posizione direttamente garantita dal legislatore, in modo da assicurare al titolare il soddisfacimento di una propria utilità sostanziale.

Tale obiettivo è raggiunto tenendo conto di due criteri fondanti: scardinare i rigidi princìpi che hanno ispirato la normativa vigente ampliando e semplificando i criteri di acquisizione della cittadinanza italiana, tra cui, fondamentale, l'abbassamento a tre anni dell'obbligo di risiedere in Italia; snellire la procedura di acquisizione affidando gli adempimenti burocratici - la cui disposizione è rinviata ad un apposito regolamento - alla prefettura- ufficio territoriale del Governo della provincia nel cui territorio risulta risiedere il richiedente. Ne consegue pertanto che la cittadinanza diventa a tutti gli effetti un diritto soggettivo, designando la posizione giuridica del cittadino nei confronti della pubblica amministrazione.

Riteniamo che questi due aspetti insieme possano garantire il necessario adeguamento delle parti sostanziali della normativa vigente all'attuale situazione socio-economica caratterizzata da un fenomeno immigratorio rilevante.

La presente proposta di legge è concepita come modifica della normativa vigente (legge 5 febbraio 1992, n. 91) di cui tuttavia si mantengono inalterate alcune parti (in particolare gli articoli 1, 2, 12, 14, 17, 19, 20, 21, 23). Altri articoli della medesima legge sono stati invece abrogati perché incompatibili con il nuovo impianto o perché ripresi con qualche modifica in altre parti del presente progetto di legge.

L'articolo 1 prevede i casi che precludono il riconoscimento della cittadinanza, ovvero la condanna per uno dei delitti previsti nel libro secondo, titolo I, capi I, II e III del codice penale e la sussistenza di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

L'articolo 2 stabilisce che l'organo competente per il riconoscimento della cittadinanza è il prefetto. Questo articolo estende tale procedura a tutti casi in cui è previsto il riconoscimento della cittadinanza (vedi articolo 4 della presente proposta di legge) consegnando al prefetto competente per territorio il compito di istruire la pratica di riconoscimento della cittadinanza, verificare la sussistenza dei requisiti e concluderla attraverso il rilascio dell'«attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana».

L'articolo 3 prevede il respingimento delle istanze da parte del prefetto qualora sussistano cause ostative.

L'articolo 4 introduce i requisiti per il riconoscimento della cittadinanza. È qui che al principio dello ius sanguinis si affianca quello dello ius soli, estendendo ai figli degli stranieri nati sul territorio della Repubblica il riconoscimento della cittadinanza. L'obbligo di residenza per la presentazione dell'istanza è abbassato per tutti i casi a tre anni.

L'articolo 5 stabilisce le condizioni in base alle quali è previsto un nuovo riconoscimento della cittadinanza se persa ai sensi dell'articolo 12 della legge 5 febbraio 1992, n. 91.

L'articolo 6 stabilisce l'esercizio dei diritti civili per l'apolide e per lo straniero a cui è riconosciuto lo status di rifugiato.

L'articolo 7 stabilisce norme per gli stranieri, maggiorenni e minorenni, adottati da cittadini italiani in caso di revoca dell'adozione.

L'articolo 8 stabilisce il termine di un anno per la definizione del procedimento di riconoscimento della cittadinanza.

L'articolo 9 stabilisce le modalità di conservazione o rinuncia della cittadinanza italiana.

L'articolo 10 stabilisce l'abrogazione delle disposizioni incompatibili con la legge, fatte salve le disposizioni più favorevoli previste da leggi italiane o da accordi internazionali, e rimanda l'emanazione delle disposizioni necessarie per l'attuazione della legge ad un regolamento, abrogando quelle oggi in vigore.



 


proposta di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

1. L'articolo 6 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 6. - 1. Precludono il riconoscimento della cittadinanza ai sensi delle lettere a), b), d), e), f), g) ed i) del comma 1 dell'articolo 9:

a) la condanna per uno dei delitti previsti nel libro secondo, titolo I, capi I, II e III, del codice penale;

b) la sussistenza, nel caso specifico, di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

2. La riabilitazione fa cessare gli effetti preclusivi della condanna.

3. Il riconoscimento della cittadinanza è sospeso fino a comunicazione della sentenza definitiva, qualora sia stata promossa azione penale per uno dei delitti di cui al comma 1, lettera a)».

 

 

Art. 2.

1. L'articolo 7 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 7. - 1. La cittadinanza è riconosciuta con atto del prefetto competente per territorio, denominato "attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana", a richiesta dell'interessato, presentata al sindaco del comune di residenza o alla competente autorità consolare».

 

 

Art. 3.

1. L'articolo 8 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 8. - 1. Il prefetto competente per territorio respinge l'istanza di riconoscimento della cittadinanza di cui all'articolo 7 ove sussistano le cause ostative previste all'articolo 6. Ove si tratti di ragioni inerenti la sicurezza della Repubblica, è richiesto il parere conforme del Consiglio di Stato. L'istanza respinta può essere riproposta dopo due anni dall'emanazione del relativo provvedimento.

2. L'emanazione dell'ordinanza di rigetto dell'istanza è preclusa quando dalla data di presentazione dell'istanza medesima, corredata dalla prescritta documentazione, sia decorso il termine di un anno.

3. L'attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana di cui all'articolo 7 non ha effetto se la persona a cui si riferisce non presta, entro sei mesi dalla notifica dell'attestato medesimo, giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato».

 

 

Art. 4.

1. Il comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«1. La cittadinanza italiana è riconosciuta dal prefetto della provincia di residenza:

a) allo straniero o all'apolide del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea diretta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi casi, vi risiede legalmente da almeno tre anni;

b) allo straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano;

c) allo straniero minorenne adottato da cittadino italiano;

d) allo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno tre anni alle dipendenze dello Stato italiano;

e) al cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea se risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

f) all'apolide che risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

g) allo straniero che risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

h) ai figli di stranieri nati sul territorio della Repubblica;

i) al coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano che risiede legalmente nel territorio della Repubblica da almeno sei mesi ovvero dopo tre anni dalla data del matrimonio, se non vi è stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussiste separazione legale».

 

 

Art. 5.

1. L'articolo 13 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 13. - 1. A coloro che hanno perduto la cittadinanza, la stessa è nuovamente riconosciuta se:

a) avendola perduta per non aver ottemperato all'intimazione di abbandonare l'impiego o la carica accettati da uno Stato, da un ente pubblico estero o da un ente internazionale, ovvero il servizio militare per uno Stato estero, dichiarano di volerla riacquistare, sempre che abbiano stabilito la residenza da un anno nel territorio della Repubblica e dimostrino di avere abbandonato l'impiego o la carica o il servizio militare, assunti o prestati nonostante l'intimazione di cui all'articolo 12;

b) dichiarano di volerla riacquistare e hanno stabilito o stabiliscono, entro un anno dalla dichiarazione, la residenza nel territorio della Repubblica;

c) assumendo o avendo assunto un pubblico impiego alle dipendenze dello Stato italiano, anche all'estero, dichiarano di volerla riacquistare;

d) è decorso un anno dalla data in cui hanno stabilito la residenza nel territorio della Repubblica, salvo espressa rinuncia entro lo stesso termine.

2. Nei casi indicati al comma 1, lettere b), c) e d), il riacquisto della cittadinanza non ha effetto se viene inibito con atto del prefetto competente per territorio in presenza di gravi e comprovati motivi e previo conforme parere del Consiglio di Stato. Tale inibizione può intervenire entro il termine di un anno dal verificarsi delle condizioni stabilite».

 

 

Art. 6.

1. L'articolo 16 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 16. - 1. L'apolide che risiede legalmente nel territorio della Repubblica è soggetto alla legge italiana per quanto attiene all'esercizio dei diritti civili.

2. Lo straniero riconosciuto rifugiato dallo Stato italiano secondo le condizioni stabilite dalla legge o dalle convenzioni internazionali è equiparato all'apolide ai fini dell'applicazione delle disposizioni della presente legge».

 

 

Art. 7.

1. Gli stranieri di cui alle lettere b) e c) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come sostituito dall'articolo 4 della presente legge, qualora l'adozione sia revocata, conservano la cittadinanza italiana. Qualora la revoca intervenga durante la maggiore età dell'adottato, lo stesso, se in possesso di altra cittadinanza può comunque rinunciare alla cittadinanza italiana, anche se riacquistata, entro un anno dalla revoca stessa.

2. I figli minorenni di coloro ai quali è riconosciuta la cittadinanza ai sensi dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come modificato dall'articolo 4 della presente legge, acquistano la cittadinanza italiana e, divenuti maggiorenni, possono rinunciarvi, se in possesso di altra cittadinanza.

3. Le disposizioni delle lettere b) e c) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come sostituito dall'articolo 4 della presente legge, si applicano anche agli adottati anteriormente alla data di entrata in vigore della presente legge.

 

 

Art. 8.

1. Il termine per la definizione dei procedimenti di riconoscimento della cittadinanza è di trecentosessantacinque giorni dalla data di presentazione della domanda.

2. Il riconoscimento della cittadinanza o il suo eventuale riacquisto, hanno effetto, salvo quanto stabilito all'articolo 13, comma 2, della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come sostituito dall'articolo 5 della presente legge, dal giorno successivo a quello del rilascio dell'attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana di cui all'articolo 7, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come sostituito dall'articolo 2 della presente legge.

 

 

Art. 9.

1. Il cittadino che possiede, acquista o riacquista la cittadinanza straniera conserva quella italiana, ovvero può ad essa rinunciare qualora risieda o stabilisca la propria residenza all'estero.

2. Lo straniero che acquista la cittadinanza italiana può conservare la propria cittadinanza di origine, in conformità alla legge dello Stato di appartenenza, ovvero può comunicare all'ufficiale dello stato civile o alla competente autorità consolare italiana la rinuncia alla cittadinanza di origine.

 

 

 

Art. 10.

1. Sono abrogati gli articoli 3, 4, 5, 10, 11 e 15 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, nonché il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572, e successive modificazioni, e il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 362.

2. Restano salve le norme più favorevoli previste da leggi o accordi internazionali in vigore per l'Italia.

3. Con regolamento adottato ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono emanate le disposizioni per l'attuazione della medesima legge.

 

 

 


N. 1297

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d’iniziativa del deputato RICARDO ANTONIO MERLO, ANGELI

¾

 

Modifiche all'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza per nascita

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 5 luglio 2006  

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - Esiste ancora oggi nell'ordinamento italiano una anacronistica disparità di trattamento tra cittadini, in contrasto palese con i dettami costituzionali che garantiscono pari dignità sociale e uguaglianza davanti alla legge senza distinzione di sesso (articolo 3 della Costituzione).

Tale discriminazione giuridica si riscontra, in particolare, nei confronti di quelle donne che, emigrate all'estero nel secolo scorso, sono state private della cittadinanza per se stesse e per i propri figli, per effetto della legge sulla cittadinanza italiana 13 giugno 1912, n. 555, allora vigente.

Il principio fondamentale per l'attribuzione originaria della cittadinanza italiana per nascita, cui era ispirato quel dettato legislativo, era quello dello jus sanguinis o diritto di sangue, non estendendo però il diritto di cittadinanza al figlio di madre italiana e di padre straniero, considerando quindi «la donna come giuridicamente inferiore all'uomo e addirittura come persona non avente la completa capacità giuridica» (si veda B. Nascimbene, «Acquisto e perdita della cittadinanza. Una riforma auspicata: la nuova disciplina della cittadinanza» in Il Corriere Giuridico n. 5, 1992).

Il figlio di madre italiana poteva considerarsi italiano solo se il padre era ignoto o apolide oppure se, in base alle leggi vigenti nello Stato di cui il padre era cittadino, non acquistava la cittadinanza di tale Stato.

In pratica, tale disposizione normativa era impostata sul principio della prevalenza dell'unità della cittadinanza in seno alla famiglia e della «supremazia» della figura del padre-marito.

 Ciò ha comportato per decenni una profonda disparità di trattamento tra uomo e donna, ancora più evidente dopo l'introduzione nell'ordinamento italiano della legge 19 maggio 1975, n. 151, sulla riforma del diritto di famiglia, che ha affermato il principio di uguaglianza tra uomo e donna, nell'ambito dei rapporti familiari.

Ma nonostante questa fondamentale innovazione del nostro codice civile, si è dovuto ancora attendere perché questo principio fosse esteso anche alla legislazione sulla cittadinanza.

Infatti, è solo del 28 gennaio 1983 la sentenza n. 30 della Corte costituzionale che dichiara «incostituzionale» l'articolo 1 della legge n. 555 del 1912, laddove non riconosce come cittadino italiano per nascita anche il figlio di madre cittadina, sancendo che anche i figli di madre italiana sono italiani.

Sentenza fondamentale e «apripista» della legge n. 123, approvata nell'aprile dello stesso anno 1983, che consentiva la trasmissione della cittadinanza italiana ai figli anche per via materna, introducendo il principio di uguaglianza morale e giuridica tra uomo e donna nell'ordinamento italiano, con riguardo alla trasmissibilità di questo diritto ai figli.

Ma la sentenza n. 30 del 1983 della Corte costituzionale ha lasciato inalterate alcune situazioni discriminatorie, consentendo in pratica l'attribuzione della cittadinanza italiana «solo ai figli di madre italiana e di padre straniero nati dopo il 1o gennaio 1948» (si veda H. Guillen, «Lo jus sanguinis e la giurisprudenza della Corte costituzionale e della Suprema Corte di cassazione» in Semplice, anno III, n. 3 marzo 2006, Demografici associati).

In base al parere n. 105 del 15 aprile 1983 del Consiglio di Stato, la retroattività della incostituzionalità dell'articolo 1 della legge n. 555 del 1912 non può andare oltre il momento in cui si è verificato il contrasto tra la norma di legge (o di atto avente forza di legge) - anteriore all'entrata in vigore della Costituzione - dichiarata illegittima e la norma o il principio della Costituzione.

In tempi più recenti, la legge n. 91 del 1992 ha recepito definitivamente il principio della parità di trattamento, ammettendo l'attribuzione della cittadinanza italiana ai figli di padre o di madre italiana.

La legge, tuttavia, non avendo effetti retroattivi, ha lasciato inalterata la situazione - perpetuando il trattamento discriminatorio - per il periodo che va dal 1912 al 1948, sia tra le donne e gli uomini italiani emigrati, sia tra gli stessi fratelli, figli della stessa madre italiana, ma nati prima e dopo il 1948 che, rebus sic stantibus, non godono dello stesso diritto di cittadinanza.

Nel 1996, la Corte di cassazione, con sentenza n. 6297 del 10 luglio 1996, emessa dalla prima sezione civile, ha ridato fiducia a tanti cittadini figli di donne italiane emigrate nel secolo scorso. Infatti, modificando radicalmente l'orientamento espresso in altre pronunce, la Cassazione ha deciso di accogliere il ricorso presentato da un cittadino argentino figlio di madre italiana contro il Ministero dell'interno, che aveva rigettato la sua richiesta di attribuzione della cittadinanza per linea materna, appunto perché nato prima del 1948.

Tuttavia, la successiva circolare del Ministero dell'interno del 10 dicembre 1996, sostenendo che la decisione della Suprema Corte si pone in contrasto con tutta la precedente giurisprudenza, ha ritenuto che la stessa costituisce un «caso isolato», che non può estendersi a tutti i casi analoghi, anche se consente di sperare in un esito positivo per ogni singolo ricorso.

Non vi è dubbio che, malgrado i tentativi finora compiuti, non si è ancora giunti a una definizione della materia che possa considerarsi soddisfacente sotto il profilo del dettato costituzionale, ma anche sotto quello delle norme internazionali: norme internazionali come la Convenzione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite per l'eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti della donna, adottata dall'Assemblea generale nel 1979 e ratificata dall'Italia ai sensi della legge 14 marzo 1985, n. 132, con la quale gli Stati parte della Convenzione si sono impegnati a «perseguire, con ogni mezzo appropriato e senza indugio, una politica tendente ad eliminare la discriminazione nei confronti della donna».

Ecco perché oggi, con la presente proposta di legge che, modificando l'articolo 1 della legge n. 91 del 1992, estende il diritto di cittadinanza anche ai figli di madre italiana nati anteriormente al 1o gennaio 1948, proponiamo un intervento legislativo volto a eliminare una volta per tutte la disparità di trattamento tra cittadini, tuttora presente nel nostro ordinamento, che ha finora mantenuto viva la discriminazione tra uomo e donna.



 


proposta di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

1. All'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, dopo il comma 1 sono inseriti i seguenti:

«1-bis. È cittadina la donna che è stata cittadina per nascita e ha perduto la cittadinanza in quanto coniugata con cittadino straniero, anche quando il matrimonio è stato contratto prima del 1o gennaio 1948.

1-ter. È cittadino il figlio della donna di cui al comma 1-bis nato anteriormente al 1o gennaio 1948.

Art. 2.

1. Dall'attuazione delle disposizioni dei commi 1-bis e 1-ter dell'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, introdotti dall'articolo 1 della presente legge, non devono derivare nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

Art. 3.

1. La presente legge entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


N. 1462

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d’iniziativa del deputato CAPARINI, ALESSANDRI, ALLASIA, BODEGA, BRIGANDÌ, COTA, DOZZO, FUGATTI, GARAVAGLIA, GIBELLI, GRIMOLDI, MONTANI, PINI, POTTINO, STUCCHI

¾

 

Disposizioni per l'introduzione di un test di naturalizzazione per gli stranieri e gli apolidi che richiedono la cittadinanza

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 25 luglio 2006

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - La Fondazione ISMU, già Fondazione Cariplo-ISMU dal 1991, ente scientifico autonomo e indipendente che promuove studi e ricerche con particolare riguardo al fenomeno delle migrazioni internazionali, ha dichiarato che a luglio 2005 gli extracomunitari presenti nel nostro Paese erano 3 milioni e 300 mila, il 5,7 per cento della popolazione complessiva, di cui il 16 per cento irregolare. I denunciati stranieri erano il 21,7 per cento del totale, mentre i detenuti rappresentavano oltre il 32 per cento dell'intera popolazione carceraria. L'analisi per grandi aree di provenienza al 1o luglio 2005 ha evidenziato la netta superiorità degli est-europei che, con 1,5 milioni di unità, rappresentavano il 46 per cento dei presenti. Circa 600 mila erano i nordafricani e gli asiatici, mentre erano la metà gli «altri africani» e i latinoamericani. Alla fine del 2002 i lavoratori extracomunitari iscritti all'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) risultavano 1.426.391, a cui si aggiungevano circa 34 mila con contratto di collaborazione coordinata e continuativa. Tra gli assicurati extracomunitari INPS, quasi 350 mila erano domestici, poco più del 74 per cento del totale. Il dato registrava un'impennata nel 2003:

i domestici extracomunitari diventavano più del 93 per cento del totale degli iscritti all'INPS, di cui quasi l'85 per cento donne.

Importanti sono anche i dati elaborati dall'ISMU su fonti dell'Istituto nazionale per l'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro (INAIL): nel 2004 gli assicurati INAIL extracomunitari erano 1.765.578, la maggior parte titolare di un contratto di lavoro atipico. I titolari extracomunitari di imprese, al 30 settembre 2005, erano quasi 200 mila, poco meno del 6 per cento del totale, la maggior parte occupata nel settore delle costruzioni.

Nell'arco del primo quinquennio degli anni duemila, anche grazie alla crescente disponibilità delle banche a concedere mutui agli immigrati, l'acquisto di case si è più che quadruplicato, arrivando a rappresentare il 14,4 per cento del mercato nazionale nel 2005 (era al 12,6 per cento l'anno precedente). L'accesso alla casa in proprietà è sembrato consolidarsi tanto da giustificare la comparsa di agenzie immobiliari «specializzate», spesso gestite da stranieri che si rivolgono principalmente ai propri connazionali. Oltre all'aumento degli acquisti, è da sottolineare nell'ambito dell'edilizia residenziale pubblica la forte crescita della quota di alloggi assegnati a cittadini stranieri.

L'incremento di studenti stranieri si è velocizzato soprattutto con i processi di regolarizzazione degli stranieri e con i ricongiungimenti. Nell'anno scolastico 2004/2005 sono stati 361.576 gli allievi extracomunitari, pari al 4,2 per cento della popolazione scolastica. Nell'anno scolastico 1998/1999 gli studenti stranieri non raggiungevano l'1 per cento del totale degli iscritti, sfiorando le 85 mila unità. Da quell'anno, la crescita è diventata rapidamente significativa. I dati indicano che la presenza si è rafforzata ulteriormente nella scuola dell'infanzia (4,58 per cento della popolazione totale) e in quella primaria (5,37 per cento), dove troviamo oltre il 60 per cento degli alunni di cittadinanza non italiana. È cresciuta, pertanto, la percentuale di bambini che percorrono quasi o tutto il loro itinerario formativo all'interno della scuola italiana. L'Albania, il Marocco, la Romania, la Cina e la ex-Jugoslavia (le cinque nazionalità prevalenti negli ultimi anni) raggiungono insieme il 51,35 per cento del totale di alunni con cittadinanza non italiana. A livello di grandi aree geografiche l'anno scolastico 2004/2005 ha registrato un rafforzamento degli alunni provenienti dall'Europa - sia di Paesi membri dell'Unione europea che non - che rappresentano oggi il 47,8 per cento. L'Africa si è confermata il secondo continente di provenienza, mentre cala il peso relativo dell'Asia (11,9 per cento; rappresentava il 14,8 per cento l'anno precedente). È stato il nord est a registrare il maggior numero di presenze, al primo posto in tutti i gradi di scuola, raggiungendo il 7,02 per cento in Veneto e l'8,4 per cento in Emilia-Romagna, diventata nell'anno scolastico 2004/2005 la regione con il maggior tasso di presenza immigrata. La Lombardia ha continuato a essere la regione con la più elevata presenza numerica in valori assoluti (88.170, pari a un quarto della popolazione straniera complessiva). Seguono il nord-ovest con il 6,82 per cento e il centro con una media di presenze pari a 5,67 per cento (Umbria e Marche si sono collocate entrambe sopra il 7 per cento, presentando forti caratteristiche di attrazione). Sud e isole erano molto distanti, avvicinandosi all'1 per cento degli iscritti in complesso solo nell'anno scolastico 2004/2005 e con presenze pressoché irrilevanti nella scuola secondaria di secondo grado.

A giugno 2005 i detenuti stranieri in Italia erano il 32,26 per cento dell'intera popolazione carceraria. Gli stranieri denunciati per cui era stata esercitata l'azione penale, stando agli ultimi dati relativi al 2003, erano 116.392 su 536.237 denunciati complessivamente; si tratta del 21,7 per cento del totale (dato che, considerando solo il Nord, sale al 30 per cento), di cui quasi il 12,5 per cento donne. È il dato più alto mai registrato: è superiore di quasi tre punti percentuali a quello del 2002 che si fermava al 19 per cento. Le nazionalità più denunciate nel 2003 erano nell'ordine: la marocchina con il 17,1 per cento, la romena con il 12,7 per cento, l'albanese con il 10,5 per cento, la senegalese con il 6,7 per cento, la tunisina con il 5,9 per cento, l'algerina con il 4,4 per cento, la serba-montenegrina con il 4,2 per cento, la tedesca con il 2,4 per cento, la nigeriana con il 2,3 per cento e all'ultimo posto la cinese con solo il 2 per cento.

I reati più diffusi: nel 18,4 per cento si trattava di furto, di produzione e spaccio di stupefacenti nel 13 per cento dei casi, di falsità nel 10,1 per cento, di lesioni personali volontarie nel 3,9 per cento e di rapina nel 3,5 per cento. Considerando i reati contro la persona nel biennio 2003/2004 relativi al nord, il 44,7 per cento di stranieri è stato denunciato per tentato omicidio volontario, il 43,5 per cento per omicidio volontario consumato e il 37,59 per cento per violenza sessuale. Vuol dire che ogni due autori noti di omicidio consumato o tentato quasi uno era straniero. Ogni dieci autori noti di violenze sessuali, quattro erano stranieri. Il primato negativo spetta a marocchini, romeni, albanesi e algerini. Considerando i reati contro il patrimonio e quelli connessi agli stupefacenti, il 50,3 per cento dei denunciati per produzione, vendita e spaccio di stupefacenti era straniero. Le nazionalità più denunciate erano la marocchina, rumena, tunisina e albanese. Con riferimento al totale dei denunciati stranieri, nella fascia alta di criminalità rientravano, da est ad ovest, province come Trieste, Gorizia, Udine, Rimini, Ravenna, Ferrara e Rovigo, Bolzano, Verona, La Spezia, Genova, Savona, Imperia, Verbano Cusio Ossola, Torino. Si tratta di province di confine marino o terreste, o di province, come Torino o Verona, dove sono a tutt'oggi particolarmente fiorenti specifiche attività illegali (stupefacenti e prostituzione ), o province delle zone della riviera adriatica e ligure, in cui può arrivare un maggior afflusso, di solito stagionale, attratto dal turismo e dalle occasioni criminali collegate. La situazione peggiore per i reati contro la persona si evidenziava nel nord-ovest. Le tre nazionalità più denunciate nel nord Italia erano la marocchina, la romena e l'albanese.

Gli attentati negli USA, in Spagna e in Inghilterra, le rivolte nelle banlieues in Francia e i fatti di cronaca italiani (tra i quali quelli relativi alla scuola islamica di via Quaranta e alla moschea di viale Jenner a Milano) inducono a rivedere il modello del multiculturalismo, non più adeguato a dare risposte in una società multietnica. Le migrazioni contemporanee tendono ad assumere sempre più la configurazione della diaspora, fenomeno che implica un movimento e uno scambio costante tra diversi luoghi e differenti culture. La diaspora è una comunità transnazionale, etnica o culturale che si costituisce a seguito della dispersione di un popolo, spesso costretto ad allontanarsi da una patria, non necessariamente rappresentata da uno Stato, nella quale i suoi membri continuano a identificarsi e alla quale, quindi, continuano a fare riferimento, conservando obblighi e legami.

Questo impone un radicale mutamento di approccio nella definizione dei criteri per l'ottenimento della cittadinanza italiana da parte di un cittadino extracomunitario, oggi regolato dalla legge 5 febbraio 1992, n. 911 successive modificazioni. Tra i vari casi, è previsto che possa essere concessa la cittadinanza allo straniero che risieda legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica. La concessione della cittadinanza avviene con decreto del Presidente della Repubblica (articolo 9 della legge n. 91 del 1992), ovvero con decreto del Ministro dell'interno (articolo 7 della citata legge n. 91 del 1992) su istanza del prefetto competente per territorio in relazione alla residenza del richiedente. L'istanza per l'acquisto della cittadinanza deve essere presentata dal richiedente al prefetto competente e deve comprendere una serie di documenti, ai sensi dell'articolo 1 del regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 362. Se la documentazione è in regola, e nulla osta alla concessione, al cittadino extracomunitario viene concessa la cittadinanza italiana. 

L'iter per la concessione della cittadinanza è quindi un mero procedimento burocratico del tutto inadeguato a rispondere alle problematiche che le nuove modalità di migrazione impongono. Un iter che non tiene conto di aspetti fondamentali quali, ad esempio, la capacità di parlare la nostra lingua, la conoscenza dei nostri usi e costumi, della nostra storia, del nostro sistema istituzionale e delle regole basilari della nostra società. L'ottenimento della cittadinanza dovrebbe essere la conclusione di un processo che porta lo straniero ad una perfetta integrazione nella comunità nella quale ha deciso di risiedere, non un semplice atto amministrativo totalmente slegato dal contesto sociale nel quale l'immigrato intende integrarsi.

La presente proposta di legge, mediante una parziale modifica all'articolo 9 della legge n. 91 del 1992, intende colmare questa lacuna facendo in modo che lo straniero, per diventare cittadino italiano, intraprenda un percorso di reale integrazione e assimilazione nella nostra società: condizione imprescindibile affinché l'immigrato possa assumere un ruolo attivo, evitando la ghettizzazione e i fenomeni di devianza.

A tale fine, per l'immigrato che intende diventare cittadino italiano, è previsto il superamento di un test che ne dimostri il reale livello di integrazione nella nostra società; test che, oltre a comprendere una prova di lingua italiana e locale, in base alla regione di residenza, comprende anche domande di cultura generale, storia, cultura e tradizioni, ordinamento istituzionale della Repubblica. Il test non è da considerare come un ulteriore aggravio delle procedure per l'ottenimento della cittadinanza, ma come un invito all'immigrato ad approfondire la conoscenza del nostro Paese in modo da comprendere al meglio gli usi e costumi, le leggi, i diritti e i doveri che derivano dall'appartenere alla nostra nazione, per poter convivere al meglio con la popolazione autoctona.

Su tale tema sono ormai numerosi i Paesi che si sono orientati in questa direzione e a titolo esemplificativo citiamo, a livello europeo, la Gran Bretagna e, in ambito extraeuropeo, gli Stati Uniti d'America.

In Gran Bretagna il «test di naturalizzazione» è stato inserito nella parte prima della legge del 2002 su «Nazionalità, immigrazione ed asilo», in modo, come risulta da un comunicato dell'ambasciata britannica in Roma, di: «aiutare le persone che acquisiscono la cittadinanza britannica ad imparare l'inglese, ad avere una conoscenza pratica della vita nel Regno Unito ed a comprendere le tradizioni democratiche britanniche per facilitare l'integrazione ed aiutarle a lavorare, a dare il proprio contributo e a partecipare alla società». Il test britannico comprende, dunque, un esame di lingua inglese e, a seconda della zona di residenza, di gaelico scozzese o gallese, e di nozioni sulle istituzioni britanniche e sulla democrazia parlamentare, sulla storia del Regno Unito, sulla conoscenza della legge, inclusi i diritti e i doveri dei cittadini, il mercato del lavoro, le fonti d'informazione e su come soddisfare esigenze quotidiane quali la ricerca di una casa o pagare una bolletta.

Negli Stati Uniti, la procedura per il rilascio della cittadinanza prevede, come elencato nella «guida alla naturalizzazione» edita dal Dipartimento della giustizia degli Stati Uniti - servizio immigrazione e naturalizzazione - che il richiedente, oltre a possedere buoni requisiti morali e assenza di precedenti penali, debba superare un test che dimostri la conoscenza della lingua inglese con la capacità di leggere, scrivere e comprendere frasi di uso quotidiano; inoltre viene richiesta la conoscenza delle nozioni fondamentali della storia e delle istituzioni americane.

Con la presente proposta di legge si va dunque a modificare la legislazione vigente in materia, in sintonia con le più recenti norme legislative di Paesi come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna, allineando la nostra legislazione alla loro, secondo un impostazione ormai universalmente condivisa.

 

Si è ritenuto, inoltre, opportuno estendere al caso di acquisto della cittadinanza per naturalizzazione (ai sensi dell'articolo 9 della legge n. 91 del 1992) le cause ostative previste all'articolo 6 della medesima legge per il caso di acquisto conseguente a matrimonio. Per effetto di questo richiamo non risulterà possibile l'acquisto della cittadinanza per chi abbia determinati precedenti penali o in presenza di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

La proposta di legge si completa con la previsione che subordina l'acquisto della cittadinanza alla rinuncia da parte dello straniero alla propria cittadinanza. Si tratta di una soluzione già nota in altri ordinamenti, quali l'Austria e la Germania, che ha l'ulteriore pregio di evitare casi di doppia cittadinanza.



 


proposta di legge

¾¾¾

 

Art. 1.

(Test di naturalizzazione).

1. All'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, sono apportate le seguenti modificazioni:

a) al comma 1, la lettera e) è sostituita dalla seguente:

«e) all'apolide che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica, previo superamento di un test di naturalizzazione»;

b) al comma 1, la lettera f) è sostituita dalla seguente:

«f) allo straniero che risiede legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica, previo superamento di un test di naturalizzazione e previa rinuncia alla propria cittadinanza»;

c) dopo il comma 2 è aggiunto il seguente:

«2-bis. L'acquisto della cittadinanza ai sensi del presente articolo è precluso nei casi di cui all'articolo 6».

Art. 2.

(Modalità del test).

1. Il test di naturalizzazione di cui all'articolo 9, comma 1, lettere e) e f), della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come modificato dall'articolo 1 della presente legge, è mirato a verificare la conoscenza, da parte del richiedente la cittadinanza italiana, della lingua italiana e locale, dell'educazione civica, della storia, della cultura e delle tradizioni, nonché dell'ordinamento istituzionale della Repubblica.

 

Art. 3.

(Norme di attuazione).

1. Le norme di attuazione della presente legge sono adottate, entro sei mesi dalla data della sua entrata in vigore, con regolamento del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro della giustizia, ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400.

Art. 4.

(Abrogazione).

1. L'articolo 11 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è abrogato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

N. 1529

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d'iniziativa del deputato BOATO

¾

 

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, in materia di cittadinanza

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 1o agosto 2006

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - L'esigenza di una nuova normativa sulla cittadinanza, che modifichi e integri la legge 5 febbraio 1992, n. 91, è tema all'attenzione del Parlamento sin dalla precedente legislatura e che l'attuale Governo, come ha recentemente confermato il Ministro dell'interno Amato, intende affrontare.

La presente proposta di legge incide sulla normativa vigente in ordine alle modalità e ai requisiti necessari per l'acquisto della cittadinanza, alla luce dei profondi mutamenti intervenuti nella società italiana a seguito dei fenomeni di immigrazione extracomunitaria che interessano, ormai strutturalmente, il nostro Paese così come l'intera area comunitaria.

Un esame comparato con le normative degli altri Paesi europei - dalla Francia alla Germania, dalla Gran Bretagna alla Spagna - evidenzia i gravi ritardi e le palesi contraddizioni della legislazione italiana rispetto agli indirizzi largamente condivisi negli altri ordinamenti.

La presente proposta di legge prevede la possibilità di acquisto della cittadinanza per i nati in Italia da genitori stranieri - riconoscendo pienamente nel nostro ordinamento il principio dello jus soli -, per i minori presenti sul territorio nazionale e per gli stranieri maggiorenni residenti nel nostro Paese.

Si modifica, inoltre, in senso più restrittivo rispetto al testo vigente, l'articolo 5 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, concernente l'acquisto della cittadinanza attraverso lo jus matrimoni, al fine di contrastare il fenomeno dei matrimoni per interesse.

Non meno importante, ai fini di un'effettiva e coerente applicazione delle disposizioni in materia, appare la previsione di un termine perentorio entro il quale abbia termine l'iter della domanda di concessione di cittadinanza, con un pronunciamento da parte dell'amministrazione competente. In tal senso dispone l'articolo 5 della proposta di legge.


 


 


proposta di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

(Acquisto della cittadinanza per i nati in Italia da genitori stranieri).

1. All'articolo 1, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è aggiunta, in fine, la seguente lettera:

«b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitore straniero, se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno cinque anni ed è titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni».

 

 

Art. 2.

(Acquisto della cittadinanza per i minori presenti in Italia).

1. All'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è aggiunto, in fine, il seguente comma:

«2-bis. È considerato cittadino per nascita il minore il cui genitore straniero, legalmente residente in Italia da almeno cinque anni, fornisca prova della partecipazione del minore a un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa».

 

 

Art. 3.

(Acquisto della cittadinanza per gli stranieri residenti in Italia).

1. La lettera f) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituita dalla seguente:

«f) allo straniero regolarmente presente nel territorio della Repubblica in forma continua e abituale da almeno cinque anni, se dimostra di essere in possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento, in misura non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale».

 

 

Art. 4.

(Acquisto della cittadinanza per matrimonio).

1. L'articolo 5 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 5. - 1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza dopo tre anni dalla data del matrimonio se, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussista separazione legale».

 

 

Art. 5.

(Termini per la concessione della cittadinanza).

1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro dell'interno, con proprio decreto emanato di concerto con il Ministro del lavoro e della previdenza sociale, provvede a disciplinare il procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza ed a stabilire il relativo termine, che non può comunque essere superiore a un anno dalla data di presentazione della domanda da parte dell'interessato.

 

 


 

N. 1570

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

PROPOSTA DI LEGGE

 

d'iniziativa dei deputati

BRESSA, AMICI, GIACHETTI, LEONI, MATTARELLA,

SUPPA, ZACCARIA

¾

 

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentata il 2 agosto 2006

¾¾¾¾¾¾¾¾

 


Onorevoli Colleghi! - La legge italiana sulla cittadinanza, legge 5 febbraio 1992, n. 91, è fortemente sbilanciata nella tutela della discendenza e dello jus sanguinis. Tale legge si contrappone oggi alle posizioni emerse in seno all'Unione europea. Fino alla riforma del 2000, la Germania aveva un sistema di jus sanguinis, simile a quello italiano. Dopo decenni di immigrazione vivono in Germania più di 7 milioni di stranieri e nascono ogni anno circa 100 mila bambini «stranieri». Si tratta di una ferita profonda in seno alla società tedesca, che da un lato alimenta fenomeni anche violenti di razzismo e dall'altro giustifica forme di rigetto e di alienazione da parte degli immigrati. Il Governo Schroeder ha avuto a suo tempo il coraggio di facilitare l'acquisizione della cittadinanza, ma occorreranno decenni prima che la ferita si rimargini. In Italia il fenomeno migratorio è recente e siamo in tempo per evitare l'errore tedesco. Occorre però agire presto, perché il numero di minori stranieri cresce di circa il 20 per cento all'anno.

      L'innovazione più importante apportata dalla riforma tedesca si risolve in una relativizzazione del tradizionalmente vigente principio tedesco dello jus sanguinis a favore di quello attributivo della cittadinanza dello jus soli.

      Acquisisce la cittadinanza tedesca il soggetto nato in territorio tedesco da genitori stranieri di cui almeno uno soggiorni regolarmente in Germania da otto anni e sia in possesso di un titolo di soggiorno o da tre anni con un permesso di soggiorno a tempo indeterminato.

      Un tale assetto normativo contempla fisiologicamente la presenza di cittadini con cittadinanza multipla nel territorio nazionale, dato che sarà molto frequente, a causa della concorrenza di sistemi nazionali di riconoscimento automatico della cittadinanza che si basano sullo jus sanguinis, che i figli nati da genitori stranieri in Germania acquistino anche la cittadinanza dello Stato di provenienza dei genitori.

      La portata della riforma è stata limitata sotto questo profilo dall'obbligo di opzione, per cui il cittadino tedesco in possesso di una seconda cittadinanza deve optare per una delle due al compimento della maggiore età e su esplicita richiesta delle competenti autorità tedesche. Un ulteriore punto nodale della riforma è la riduzione del periodo di legittima e regolare permanenza nel territorio nazionale che è necessario provare per ottenere la cittadinanza, che passa da quindici ad otto anni. Lo straniero deve, inoltre, accettare e riconoscere i princìpi democratici sui quali è fondata la Repubblica federale tedesca, soggiornare legittimamente, mantenersi senza l'ausilio di sussidi statali e non aver commesso ed essere stato condannato per alcun grave reato. Inoltre, deve dimostrare sufficienti capacità linguistiche che vengono giudicate secondo la sua capacità di interagire normalmente con le amministrazioni e di interloquire in tedesco nell'espletamento delle quotidiane incombenze sociali e lavorative (confronta R. Arnold e D. Biermann, La disciplina dell'immigrazione in Germania, in «Diritto pubblico comparato ed europeo», II, 2003, pagina 645).

      La presente proposta di legge si ispira ai contenuti della riforma tedesca e intende avvicinare la legislazione italiana alla legislazione della maggior parte dei Paesi dell'Unione europea. La proposta di legge riprende, in parte, i contenuti del lavoro svolto dalla Commissione per le politiche di integrazione degli immigrati, guidato dalla professoressa Giovanna Zincone (a tale proposito si possono consultare gli atti del Convegno Riformare la legge sulla cittadinanza svoltosi a Roma il 22 febbraio 1999, organizzato dal Dipartimento per gli affari sociali). Gli obiettivi della proposta di legge sono: favorire i minori nati sul territorio, cioè le seconde e, ancora più, le terze generazioni di immigrati; facilitare l'acquisizione della cittadinanza per gli stranieri non dell'Unione europea, specie se risiedono da lungo tempo e danno segni di integrazione; scoraggiare matrimoni di comodo.

      Raggiungere questi obiettivi «significa inserire le normative sulla cittadinanza in un progetto di integrazione ragionevole, un progetto che non pretende assimilazioni culturali a tappe forzate, ma richiede il rispetto della legalità e la disponibilità ad apprendere gli strumenti culturali necessari ad interagire con la società in cui si risiede e dove si intende vivere».

      La proposta di legge prevede il rafforzamento dello jus soli ponendo condizioni più favorevoli per i minori nati o formati nel Paese: con l'articolo 1, che riprende il testo della proposta di legge di cui si è fatta promotrice la Comunità di Sant'Egidio, si riconosce, infatti, la cittadinanza italiana al figlio nato in Italia da genitori stranieri di cui almeno uno sia in Italia da almeno due anni e titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286. Si riconosce inoltre la possibilità di conservare la doppia cittadinanza, salvo che il nato in Italia da genitori stranieri che abbia conseguito la cittadinanza non vi rinunzi entro due anni dal compimento della maggiore età e trasferisca la sua residenza all'estero. Si riconosce altresì la cittadinanza al minore figlio di genitore straniero se fornisce prova della presenza continuativa in Italia da almeno sei anni e della partecipazione a un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa, unitamente alla conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane.

      Con l'articolo 2 si riduce il tempo necessario alla naturalizzazione, che passa dagli attuali dieci anni ai sei della presente proposta. I tempi di residenza legale richiesti per la naturalizzazione oscillano da Paese a Paese (in Olanda, Belgio, Svezia, Finlandia e Francia si chiedono cinque anni, in Danimarca  sette, in Germania otto e in Spagna dieci; in Lussemburgo dieci, ma solo gli ultimi cinque continuativi). L'Italia si colloca, dopo la legge n. 91 del 1992, nella fascia di severità estrema, che è anche la soglia massima prevista dalla convenzione del Consiglio d'Europa del 1997.

      Inoltre con l'articolo 4, per dare tempi certi alle procedure, si stabilisce che il Ministro dell'interno, con proprio decreto, provvede a disciplinare il procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza e a stabilire il relativo termine, che non può essere comunque superiore a un anno dalla presentazione della domanda da parte dell'interessato.

      Con l'articolo 3 si intende porre un rimedio alla piaga dei matrimoni di comodo: si pone infatti un obbligo di residenza in Italia più lungo e si prevede che il vincolo del matrimonio debba persistere al momento del decreto con cui si acquista la cittadinanza.

      L'articolo 5, infine, prevede che il Governo provveda alla modifica dei regolamenti di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 572 del 1993 e al decreto del Presidente della Repubblica n. 362 del 1994, emanati in attuazione delle disposizioni della citata legge n. 91 del 1992, e che tanti problemi di interpretazione hanno creato.


 


 


proposta di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

(Acquisto della cittadinanza per i nati

e per i figli minori cresciuti in Italia).

      1. All'articolo 1, comma 1, della legge 5 febbraio 1992, n. 91, sono aggiunte, in fine, le seguenti lettere:

          «b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitore straniero, se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno due anni ed è titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni; entro due anni dal compimento della maggiore età il soggetto, qualora stabilisca la sua residenza all'estero, può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana;

          b-ter) il minore figlio di genitore straniero, se fornisce prova della presenza continuativa in Italia da almeno sei anni e della partecipazione a un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa e della conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane».

 

 

 

Art. 2.

(Concessione della cittadinanza

agli stranieri residenti in Italia).

      1. La lettera f) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituita dalla seguente:

          «f) allo straniero che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica».

      2. All'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è aggiunto, in fine, il seguente comma:

 

      «2-bis. Ai fini della concessione della cittadinanza italiana ai sensi del comma 1 non è richiesta la rinuncia alla cittadinanza straniera».

 

 

 

Art. 3.

(Acquisto della cittadinanza per matrimonio).

      1. L'articolo 5 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

      «Art. 5. - 1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza quando risiede legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica ovvero dopo due anni dalla data del matrimonio se, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, comma 1, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussista separazione legale».

 

 

 

Art. 4.

(Disciplina del procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza).

      1. Entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, il Ministro dell'interno, con proprio decreto emanato di concerto con il Ministro della solidarietà sociale, provvede a disciplinare il procedimento amministrativo per la concessione della cittadinanza e a stabilire il relativo termine, che non può comunque essere superiore a un anno dalla data di presentazione della domanda da parte dell'interessato.

 

 

 

Art. 5.

(Norme di adeguamento).

      1. Con regolamento adottato ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23  agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, entro sei mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, sono emanate le disposizioni per l'attuazione della legge medesima.

      2. A decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al comma 1 sono abrogati il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572, e successive modificazioni, e il regolamento di cui al decreto del Presidente della Repubblica 18 aprile 1994, n. 362.

 

 

 


 

N. 1607

¾

CAMERA DEI DEPUTATI

¾¾¾¾¾¾¾¾

DISEGNO DI LEGGE

 

presentato dal ministro dell'interno

(AMATO)

di concerto con il ministro degli affari esteri

(D'ALEMA)

con il ministro della giustizia

(MASTELLA)

con il ministro per le politiche per la famiglia

(BINDI)

e con il ministro dell'economia e delle finanze

(PADOA SCHIOPPA)

¾

 

Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante nuove norme sulla cittadinanza

 

¾¾¾¾¾¾¾¾

Presentato il 30 agosto 2006


Onorevoli Deputati! - Com'è noto, l'attuale disciplina in materia di cittadinanza, fortemente ancorata allo ius sanguinis, stabilisce che acquistano automaticamente, alla nascita, la cittadinanza italiana coloro i cui genitori, o anche soltanto il padre o la madre, siano cittadini italiani; il criterio alternativo dello ius soli è, invece, previsto in via molto residuale, limitatamente ai nati nel territorio italiano e aventi genitori ignoti o apolidi. La medesima possibilità è prevista per i nati in Italia ai quali la legge dello Stato di origine dei genitori non consente di acquisire la cittadinanza dei genitori stessi.

La cittadinanza italiana viene acquisita anche per riconoscimento della filiazione oppure a seguito dell'accertamento giudiziale della sussistenza della filiazione stessa. Lo straniero nato in Italia, inoltre, può divenire cittadino italiano a condizione che vi abbia risieduto legalmente e ininterrottamente fino al raggiungimento della maggiore età e dichiari, entro un anno dal compimento dei diciotto anni, di voler acquistare la cittadinanza italiana.

Per quanto riguarda l'acquisto della cittadinanza da parte di stranieri o apolidi che hanno contratto matrimonio con cittadini italiani, l'acquisto della cittadinanza ha luogo se gli stessi risiedano legalmente da almeno sei mesi nel territorio della Repubblica ovvero siano trascorsi tre anni dalla data del matrimonio e non vi sia stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili né sussista separazione legale.

L'acquisto della cittadinanza per concessione, infine, richiede una valutazione discrezionale di opportunità da parte della pubblica amministrazione. Il periodo di residenza legale in Italia, graduato in funzione dello status degli stranieri richiedenti - e che costituisce il requisito fondamentale per il conseguimento della cittadinanza secondo tale modalità - deve essere ininterrotto e attuale al momento della presentazione dell'istanza per la concessione della cittadinanza stessa.

In particolare, il cittadino non appartenente all'Unione europea può presentare domanda per ottenere la concessione della cittadinanza italiana qualora risieda in Italia da almeno dieci anni.

La legge 5 febbraio 1992, n. 91, ha, quindi, introdotto norme più severe e restrittive rispetto a quelle contenute nella legge 13 giugno 1912, n. 555, per quanto concerne l'applicazione dello ius soli, consentendo l'acquisizione della cittadinanza italiana da parte degli stranieri solo in presenza del requisito della residenza continuativa nel Paese dal momento della nascita fino alla maggiore età (articolo 4, comma 2, della legge n. 91 del 1992).

Inoltre, nell'attuale normativa viene, com'è noto, riconosciuto un particolare favor agli appartenenti ai Paesi membri della Comunità europea, che si estrinseca in determinate agevolazioni di carattere temporale ad essi riservate per l'acquisto della cittadinanza stessa.

Tuttavia, già in occasione del dibattito parlamentare relativo alla legge del 1992 non era mancato chi richiamava l'attenzione sulla necessità di rispettare lo spirito democratico ed egualitario contenuto nel preambolo dell'Atto unico europeo, evitando, così, di precostituire, per la concessione della cittadinanza, posizioni di vantaggio dei cittadini comunitari nei confronti di quelli dei Paesi terzi o di altre categorie di non cittadini.

A quel tempo, però, non si ritenne utile seguire detti segnali di apertura e, pertanto, la vigente legge, pur provvedendo ad adeguare la normativa sulla cittadinanza al dettato costituzionale e ai mutamenti di costume sotto il profilo della parità di sesso, anche a seguito degli specifici interventi della Corte costituzionale, ha finito per accentuare il divario tra cittadini «comunitari» e «non comunitari», aumentando, per questi ultimi, da cinque a dieci anni il periodo di residenza necessario per l'acquisizione del nostro status civitatis.

Allo stato attuale, pertanto, appare assolutamente imprescindibile la necessità di intervenire nella materia attraverso una riforma della disciplina sulla cittadinanza che si snodi attraverso modifiche riconducibili ad un unico comune denominatore, costituito dalla necessità di attuare effettive politiche di integrazione, favorendo l'acquisizione, in termini più aperti, del diritto di cittadinanza non solo per i nati in Italia, ma anche per coloro che soggiornano stabilmente nel nostro Paese. Non si può disconoscere, infatti, che l'attuale situazione sociale, caratterizzata da un massiccio fenomeno immigratorio, è profondamente diversa da quella esistente all'atto dell'adozione della legge che si intende modificare e non si può non tener conto di una realtà di fatto radicalmente mutata: l'Italia, infatti, da Paese di emigrazione è divenuta Paese di immigrazione.

A fronte di quanto precede, l'intervento che si propone, in una materia così delicata e rilevante, è stato il frutto di una approfondita e ponderata riflessione essendo, com'è noto, la cittadinanza il «rapporto fondamentale» che si instaura tra lo Stato e i singoli individui.

Nella Carta costituzionale infatti - pur non contenendo quest'ultima precise norme aventi ad oggetto l'acquisto e la perdita della cittadinanza, ad eccezione dell'articolo 22, che ne impedisce la perdita per motivi politici - numerosissime sono le disposizioni che si indirizzano ai «cittadini» (ad esclusione, quindi, degli stranieri e degli apolidi) e che fanno sorgere diritti e obblighi solo in capo a questi ultimi.

Inoltre, anche se la regolamentazione della cittadinanza è prerogativa assoluta di ogni singolo Stato, cioè di esclusiva competenza nazionale, e come tale appartenente alla sovranità di ogni singola nazione, non può non considerarsi, del pari, l'esigenza di pervenire a una armonizzazione della legislazione in tema di cittadinanza con quella degli Stati membri della Unione europea.

È noto, infatti, che le scelte di ogni singolo Stato si ripercuotono automaticamente in ambito europeo in quanto - a norma del Trattato di Maastricht e, in prospettiva, del Trattato istitutivo della Costituzione europea - ciascuna cittadinanza nazionale porta con sé lo status di cittadino europeo e, con esso, tutta una serie di potestà ben definite, tra cui, principalmente, il diritto di libera circolazione nell'intero territorio comunitario.

Del resto l'esperienza degli ultimi decenni ci insegna che le migrazioni internazionali non possono essere governate in maniera efficace da un singolo Stato di destinazione, ma richiedono efficaci forme di collaborazione tra i Paesi di destinazione e i Paesi d'origine e di transito.

Come nel resto d'Europa, anche in Italia l'entità del fenomeno migratorio e le sue caratteristiche stanno trasformando la nostra società in modo radicale e strutturale. Sono quasi tre milioni gli stranieri regolarmente soggiornanti in Italia, il 4,8 per cento della popolazione, dato vicino alla media europea. Di loro, circa il 30 per cento risiede stabilmente sul nostro territorio da oltre cinque anni. È un'immigrazione articolata per provenienza, distribuita nelle grandi città e nei piccoli centri, che rende sempre più indispensabile, quindi, l'obiettivo di interesse comune dell'adattamento reciproco.

In ragione di quanto sopra, sia in ambito internazionale che nazionale, dagli operatori del settore è stato fortemente auspicato un rinnovamento del concetto di cittadinanza che superi le radicate concezioni di stampo etnico-territoriale, per dare vita a una idea di cittadinanza «aperta» di stampo socio-culturale, connessa all'effettività dell'inserimento economico, sociale e politico di coloro che intendono stabilirsi nel nostro Paese. Si richiama, in proposito, la Convenzione europea sulla cittadinanza, sottoscritta dall'Italia a Strasburgo nel 1997 e in attesa di ratifica, che invita gli Stati contraenti a rendere più facile l'acquisto della cittadinanza anche in favore delle persone nate nel proprio territorio, in presenza di determinati requisiti, e a stabilire regole certe e un periodo di soggiorno non superiore ai dieci anni per la richiesta di cittadinanza.

Al riguardo, sotto questo profilo, il periodo di residenza previsto dall'attuale normativa per la naturalizzazione degli stranieri extracomunitari è, in assoluto, il più lungo tra quelli europei: ad esempio, in Germania sono richiesti otto anni, in Francia e nel Regno Unito cinque.

Anche per quanto riguarda l'acquisizione della cittadinanza per ius soli il nostro ordinamento non contiene disposizioni di particolare favor per i nati in Italia, a differenza dagli altri Stati europei.

Da un esame della legislazione comparata si evince, infatti, che in Germania acquisiscono automaticamente la cittadinanza tedesca coloro che nascono nello Stato da genitori stranieri, purché almeno uno di essi risieda stabilmente nel Paese da almeno otto anni e sia in possesso di regolare autorizzazione al soggiorno o di permesso di soggiorno illimitato da almeno tre anni.

In Francia, acquisisce la cittadinanza il bambino nato sul territorio francese, figlio di genitori stranieri, al momento del compimento della maggiore età se, a quella data, abbia la propria residenza in Francia

 

o vi abbia risieduto abitualmente per un periodo, continuo o discontinuo, di almeno cinque anni dall'età di undici anni in poi. Inoltre, è francese il figlio, legittimo o naturale, nato in Francia quando almeno uno dei genitori vi sia nato, qualunque sia la sua cittadinanza.

In Spagna, è possibile acquisire la cittadinanza spagnola per coloro che, nati nello Stato, vi risiedano, invece, da un anno.

In Gran Bretagna, infine, acquisisce la cittadinanza britannica colui che nasce nel Regno Unito se uno dei genitori vi risieda a tempo indeterminato, senza soggiacere ai limiti temporali previsti dalla legislazione in materia di immigrazione. Ha, inoltre, titolo a chiedere il riconoscimento della cittadinanza britannica anche colui che, figlio di genitori non residenti stabilmente nel Regno Unito, nasce nel Regno Unito e vi risiede, continuativamente, per i dieci anni successivi alla nascita.

Risulta pertanto necessario e non più procrastinabile riformare la vigente legge attraverso una pluralità di interventi che prendono in considerazione le varie situazioni che contraddistinguono la presenza degli stranieri nel nostro Paese e, partitamente, i nati nel nostro territorio, i minori che si ricongiungono ai loro familiari in età infantile o adolescenziale e, infine, gli adulti.

In linea con la direttiva europea 2003/109/CE del Consiglio, del 25 novembre 2003, istitutiva del «permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo», in corso di recepimento nel nostro ordinamento, si è ritenuto opportuno determinare, in cinque anni, il periodo temporale minimo di volta in volta richiesto per le varie fattispecie acquisitive della cittadinanza italiana contemplate dalla presente legge.

Diversamente dalla richiamata direttiva, si è ritenuto, però, opportuno riferire e collegare tale periodo alla residenza legale e continuativa - con ciò intendendosi la contestuale presenza di un regolare permesso di soggiorno più l'iscrizione anagrafica - quale migliore indice di stabilità e radicamento sul territorio ai fini del conseguimento dello status di cui trattasi.

Anche per i requisiti reddituali, richiesti in determinate ipotesi di acquisto della cittadinanza contemplate nel presente disegno di legge, si è fatto riferimento a quelli stabiliti per il permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Ciò posto, nell'articolo 1 del disegno di legge in esame, che interviene precipuamente sullo ius soli, si è inteso da un lato valorizzare, ai fini dell'acquisizione della cittadinanza, la nascita dello straniero nel territorio della Repubblica e, dall'altro, introdurre gli opportuni contemperamenti necessari a scongiurare il pericolo di un afflusso indiscriminato di stranieri che raggiungono il nostro Paese con il solo miraggio di far acquistare la cittadinanza italiana ai propri figli.

A tale riguardo, conformemente alla citata direttiva europea 2003/109/CE che fissa a cinque anni di permanenza regolare e ininterrotta il termine per il conseguimento dello speciale permesso sostitutivo della carta di soggiorno, si è provveduto, nella lettera b-bis), a contemperare il principio dello ius soli con il requisito connesso alla regolare presenza di almeno uno dei genitori nel territorio della Repubblica per un periodo di cinque anni antecedenti alla nascita; e la regolare presenza è stata collegata, come sopra detto, al requisito della residenza legale e senza interruzioni in Italia che appare idoneo a comprovare un sufficiente grado di radicamento del soggetto nel territorio.

Con la lettera b-ter) si introduce un'ulteriore ipotesi di acquisto della cittadinanza iure soli, per i nati in Italia da genitori stranieri di cui almeno uno, residente legalmente all'atto della nascita del figlio nel nostro Paese, sia nato in Italia. La disposizione è finalizzata a favorire l'integrazione degli immigrati di terza generazione come parimenti previsto dalle legislazioni di altri Paesi europei (Francia, Spagna e Olanda). Il requisito della nascita in Italia del genitore, unitamente a quello della residenza legale, costituisce significativo indice della concreta determinazione del soggetto di voler stabilmente dimorare nel nostro Paese e di inserirsi, con la propria discendenza, nel tessuto sociale creando le condizioni per una reale integrazione nel Paese stesso. Il riferimento ad «almeno uno» dei genitori è essenzialmente preordinato a evitare discriminazioni tra figli legittimi o riconosciuti anche da «uno» solo dei genitori stessi.

Per quanto concerne l'articolo 2, il principio ispiratore della riforma proposta costituisce una precisa alternativa sia allo ius sanguinis sia allo ius soli: è il cosiddetto ius domicilii, che si affianca allo ius soli per chi non è nato in Italia ma si trova a vivere nel nostro Paese gli anni decisivi della formazione della sua personalità.

I fatti posti a fondamento di questo diritto - sempre sulla base dell'inderogabile presupposto che almeno uno dei genitori sia residente nel nostro Paese da almeno cinque anni - sono sia la durata della vita in Italia per un congruo periodo, sempre determinato in cinque anni e che costituisce, si ripete, un indice di stabilità significativo nella vita del minore, sia la qualità della vita trascorsa, contrassegnata dalla partecipazione alla scuola e alla formazione professionale o dallo svolgimento di una attività lavorativa, qualora consentita dalle norme che regolano la materia.

Il conferimento della cittadinanza al minore che si trovi nelle condizioni previste dal citato articolo avviene su istanza dei genitori o del genitore esercente la potestà genitoriale in base all'ordinamento del Paese di origine. È fatta comunque salva la facoltà, per il soggetto, di rinunziare alla cittadinanza entro un anno dalla maggiore età.

Nel caso in cui, invece, il soggetto, in possesso dei suddetti requisiti, sia divenuto maggiorenne e risieda legalmente in Italia, può acquistare la cittadinanza con una propria dichiarazione da rendere entro un anno dal compimento della maggiore età.

L'articolo 3 del disegno di legge contiene una norma tendente a contrastare il fenomeno dei cosiddetti «matrimoni di comodo» stabilendo termini più rigorosi per l'acquisto della cittadinanza iure matrimonii. Di particolare rilevanza, altresì, la disposizione che, ai fini dell'acquisto dello status civitatis, richiede la sussistenza del regime matrimoniale anche al momento, successivo, dell'adozione del decreto del Ministro dell'interno.

Con l'articolo 4 viene stabilito che la cittadinanza per naturalizzazione ex articolo 9 venga concessa ai soggetti in possesso del requisito reddittuale non inferiore a quello richiesto per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo.

Nello stesso articolo, al comma 2, viene, altresì, ridotto di cinque anni per gli stranieri extracomunitari il periodo di residenza legale nel territorio dello Stato necessario per poter richiedere la cittadinanza italiana.

L'articolo 5 introduce il concetto di reale integrazione dello straniero nel territorio dello Stato, subordinando l'acquisizione della cittadinanza alla verifica della sua sussistenza. È un requisito, quest'ultimo, da tempo adottato in gran parte dei Paesi europei, tipizzato attraverso varie definizioni (tra cui «indicatore di socializzazione», «sufficiente integrazione personale e professionale») e concretizzato con diverse formalità attuative (test di integrazione, attestazione di conoscenza della lingua, frequenza di appositi corsi eccetera), ma tutte preordinate ad acclarare la serietà dell'intento di diventare cittadini, nonché la possibilità di un reale inserimento del soggetto nel tessuto sociale del Paese in vista del rapporto perdurante e stabile che con il conferimento della cittadinanza verrà a determinarsi con la società e le sue istituzioni, anche attraverso la conseguente acquisizione dei diritti civili e politici che lo Stato riserva ai suoi cittadini.

Viene, quindi, demandato a un regolamento da adottarsi con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'interno, l'attuazione della presente legge.

L'ultima disposizione (articolo 6) modifica parzialmente l'articolo 10 della legge n. 91 del 1992, in materia di giuramento, prevedendo uno specifico rinvio al suddetto regolamento per quanto concerne le modalità e il contenuto dello stesso.

Ciò al fine di poter disciplinare in maniera più solenne, come accade in altri Stati europei, il conferimento della cittadinanza italiana, con la previsione di formalità e contenuti più consoni al qualificante status che lo Stato, con proprie leggi, si appresta a concedere a cittadini di altri Paesi.

La copertura finanziaria del presente disegno di legge è contenuta nell'articolo 7.


 

 


 

 

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

 

 

1. Aspetti tecnico-normativi in senso stretto.

 

A) Analisi del quadro normativo, della necessità dell'intervento normativo e delle situazioni di fatto che giustificano l'innovazione della legislazione vigente; accertamento dell'esistenza nella materia oggetto dell'intervento di riserve assoluta o relativa di legge e di precedenti norme di delegificazione.

In materia di cittadinanza non sussiste alcuna specifica riserva di legge. L'articolo 10 della Costituzione demanda alla legge il compito di regolare la condizione giuridica dello straniero; l'articolo 22, poi, prevede soltanto che «nessuno può essere privato della cittadinanza [...] per motivi politici».

Il presente disegno di legge contiene una rimodulazione dei casi di acquisto della cittadinanza italiana, adeguandoli all'attuale contesto socio-culturale nazionale e internazionale.

 

B) Incidenza delle norme proposte sulle leggi e i regolamenti vigenti.

Il disegno di legge in esame modifica gli articoli 1, 4, 5, 9 e 10 della legge 5 febbraio 1992, n. 91. Tali modifiche richiederanno un adeguamento del regolamento di attuazione della medesima legge 5 febbraio 1992, n. 91, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572.

 

C) Analisi della compatibilità dell'intervento con l'ordinamento comunitario.

Non si ravvisano elementi di contrasto al riguardo. La nuova normativa si muove nello spirito della Convenzione europea sulla cittadinanza - sottoscritta dall'Italia a Strasburgo nel 1997 e in attesa di ratifica - che invita gli Stati contraenti a facilitare l'acquisto della cittadinanza a favore degli stranieri, in possesso di determinati requisiti, soggiornanti sul loro territorio.

 

D) Analisi della compatibilità con le competenze delle regioni ordinarie e a statuto speciale.

Non si ravvisano elementi di contrasto al riguardo. L'articolo 117, comma 2, lettera i), della Costituzione attribuisce allo Stato competenza esclusiva in tema di cittadinanza.

 

E) Verifica della coerenza con le fonti legislative primarie che dispongono il trasferimento di funzioni alle regioni e agli enti locali.

Le disposizioni del presente provvedimento non inficiano l'autonomia degli enti locali.

 

2. Elementi di drafting e linguaggio normativo.

Il provvedimento:

contiene riferimenti legislativi corretti;

non introduce nuove definizioni normative;

non reca abrogazioni implicite di norme vigenti;

non richiede previsione di delega per la redazione di un testo unico nella materia in oggetto.

 

 


 

ANALISI DELL'IMPATTO DELLA REGOLAMENTAZIONE (AIR)

 

 

A) Destinatari dell'intervento.

Destinatari del provvedimento sono gli stranieri nati o residenti in Italia che siano in possesso dei requisiti stabiliti dalla presente legge per il conseguimento della cittadinanza italiana.

 

B) Obiettivi e risultati attesi.

L'emanazione delle nuove disposizioni ha lo scopo di semplificare le condizioni e i requisiti per l'acquisto della cittadinanza italiana per gli stranieri nati sul territorio nazionale o giunti in Italia in età minore e per la concessione della cittadinanza stessa agli stranieri extracomunitari maggiorenni residenti nel nostro Paese.

In tutte le fattispecie in precedenza menzionate, l'acquisto della cittadinanza è subordinato al ricorrere di elementi che dimostrino un radicamento del richiedente sul territorio nazionale.

I mezzi per la concreta realizzazione delle previsioni normative in esame verranno specificati con successivo decreto del Presidente della Repubblica.

Il provvedimento apporta modifiche agli articoli 1, 4, 5, 9 e 10 della legge 5 febbraio 1992, n. 91. All'articolo 1 della citata legge vengono introdotte ulteriori ipotesi di acquisto della cittadinanza iure soli; all'articolo 4 viene sostituito il comma 2 con una disposizione che contempla fattispecie acquisitive della cittadinanza per i minori stranieri che si trovino in determinati condizioni; all'articolo 5 vengono modificati i termini per l'acquisto della cittadinanza per matrimonio prevedendo, altresì, che il regime matrimoniale sussista anche al momento dell'adozione del relativo decreto; all'articolo 9, comma 1, viene ridotto a cinque anni, per gli stranieri extracomunitari, il periodo di residenza legale necessario per poter richiedere la cittadinanza.

Viene, infine, introdotta una disposizione relativa alla verifica dell'integrazione dello straniero nel territorio dello Stato, demandando a un decreto del Presidente della Repubblica l'attuazione della presente legge. Allo stesso regolamento fa rinvio la disposizione di modifica dell'articolo 10 della legge n. 91 del 1992, in materia di giuramento.

 

C) Impatto sull'organizzazione e sull'attività delle pubbliche amministrazioni.

Non si prevede l'istituzione di nuove strutture amministrative.

Il provvedimento comporta oneri finanziari, ma solo in relazione alle maggiorazioni pensionistiche previste dall'articolo 38, comma 9, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

 

 

D) Verifica dell'esistenza a carico di cittadini e delle imprese di oneri finanziarie, organizzativi e di adempimenti burocratici.

Le disposizioni del presente disegno di legge non determinano nuovi oneri finanziari, organizzativi o burocratici a carico di soggetti privati.

 

 

 


 

RELAZIONE TECNICA

(Articolo 11-ter, comma 2, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni).

 

 

Per quanto concerne gli effetti finanziari, occorre precisare che il provvedimento non comporta oneri aggiuntivi sul piano della spesa assistenziale, in quanto, ai fini del conseguimento della cittadinanza da parte dello straniero o del minore figlio dello straniero è richiesto - a seconda dei casi al diretto interessato o al genitore - il possesso dei requisiti di legale soggiorno e reddituali necessari per il conseguimento del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, titolo analogo alla carta di soggiorno che, ai sensi dell'articolo 80, comma 19, della legge n. 388 del 2000, già conferisce allo straniero il pieno godimento dei diritti sociali.

Sul piano della spesa previdenziale, deve invece tenersi conto degli oneri derivanti dalla maggiorazione pensionistica di cui all'articolo 38, comma 9, della legge 27 dicembre 2002, n. 289.

La maggiorazione pensionistica prevista dalla citata legge n. 289 del 2002 è concessa ai pensionati residenti all'estero in possesso del requisito della cittadinanza italiana.

Pertanto, gli ampliamenti delle possibilità di acquisizione della cittadinanza previsti dal provvedimento possono determinare maggiori oneri in conseguenza del seguente evento: un soggetto straniero in possesso dei requisiti anagrafici richiesti (età di almeno settanta anni, ridotta di un anno per ogni cinque anni di contribuzione in Italia), nonché di requisiti reddituali fissati dalla legge, avente diritto a un trattamento pensionistico in Italia che, una volta conseguita la cittadinanza italiana, torna a risiedere nel paese di origine (o in altro Stato estero), acquistando così il diritto alla maggiorazione.

Questo fenomeno può riguardare coloro, tra i 556.000 stranieri attualmente titolari di carta di soggiorno, in possesso dei requisiti anagrafici e reddituali di legge, che hanno diritto a una pensione e che, in quanto legalmente soggiornanti da non meno di cinque anni, potrebbero acquisire immediatamente la cittadinanza e trasferirsi all'estero, maturando così il diritto alla maggiorazione.

 

Calcolo degli oneri.

Data una maggiorazione pensionistica annua che - tenendo conto del fatto che l'articolo 38 della legge n. 289 del 2002 fissa il principio del «reddito equivalente», nei diversi Paesi, all'importo di 516 euro mensili - si ipotizza mediamente pari a circa 1.600 euro pro capite, e nell'ipotesi di un numero di beneficiari pari a circa 120 unità, ne consegue un onere stimato in circa 200.000 euro annui a decorrere dall'anno 2007. Per l'anno 2006 non si prevedono oneri, anche in considerazione dei tempi necessari per le pratiche amministrative connesse al riconoscimento della cittadinanza.

Si prevede un impatto limitato sulla spesa per maggiorazioni pensionistiche recato dalle nuove disposizioni sulla cittadinanza, in considerazione dei requisiti anagrafici e reddituali richiesti, nonché della condizione dell'acquisizione della residenza in un Paese estero.

I predetti oneri, decorrenti dall'anno 2007, sono ipotizzati costanti nel tempo, ritenendo che, negli anni successivi, i nuovi ingressi siano compensati dalle eliminazioni (dovute sia ai decessi sia all'eventuale rientro in Italia dei pensionati). Inoltre, negli anni successivi al 2007, si dovrebbe rilevare una riduzione dei nuovi benefìci concessi, conseguente alle disposizioni più restrittive sulla concessione della cittadinanza al coniuge, previste dall'articolo 3 del provvedimento.

 

 

(importi in migliaia di euro)

2006

-

2007

-200

2008

-200

2009

-200

2010

-200

2011

-200

2012

-200

2013

-200

2014

-200

2015

-200

 

 


 


disegno di legge

¾¾¾

 

 

Art. 1.

(Nascita).

1. Al comma 1 dell'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, sono aggiunte, in fine, le seguenti lettere:

«b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri di cui almeno uno sia residente legalmente in Italia senza interruzioni da almeno cinque anni al momento della nascita e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

b-ter) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri di cui almeno uno, legalmente residente, sia nato in Italia e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo».

2. Dopo il comma 1 dell'articolo 1 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come modificato dal comma 1 del presente articolo, è inserito il seguente:

«1-bis. Nei casi di cui alle lettere b-bis) e b-ter) del comma 1, entro un anno dal compimento della maggiore età il soggetto può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana».

 

 

Art. 2.

(Minori).

1. Il comma 2 dell'articolo 4 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dai seguenti:

«2. Il minore figlio di genitori stranieri, di cui almeno uno residente legalmente in Italia senza interruzioni da almeno cinque anni e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, che, anch'esso legalmente residente in Italia senza interruzioni per un periodo non inferiore a cinque anni, vi abbia frequentato un ciclo scolastico o un corso di formazione professionale o vi abbia svolto regolare attività lavorativa per almeno un anno diviene cittadino italiano su istanza dei genitori o del genitore esercente la potestà genitoriale secondo l'ordinamento del Paese di origine. Entro un anno dal compimento della maggiore età il soggetto può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana.

2-bis. Alle medesime condizioni di cui al comma 2, qualora alla maggiore età lo straniero risieda legalmente nel territorio da almeno cinque anni, diviene cittadino italiano ove dichiari entro un anno dalla suddetta data di voler acquistare la cittadinanza italiana».

 

 

Art. 3.

(Matrimonio).

1. L'articolo 5 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 5. - 1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza italiana quando, dopo il matrimonio, risieda legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica, ovvero dopo tre anni se all'estero, qualora, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, comma 1, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista separazione personale dei coniugi».

 

 

Art. 4.

(Concessione della cittadinanza).

1. L'alinea del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«1. La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'interno, ai soggetti di seguito indicati e in possesso del requisito reddituale, non inferiore a quello richiesto per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, come determinato con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze».

2. La lettera f) del comma 1 dell'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituita dalla seguente:

«f) allo straniero che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica».

 

 

Art. 5.

(Regolamento di esecuzione).

1. Dopo l'articolo 9 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, come modificato dall'articolo 4 della presente legge, è inserito il seguente:

«Art. 9-bis. - 1. L'acquisizione della cittadinanza italiana nelle ipotesi di cui agli articoli 5 e 9, comma 1, lettera f), è comunque sottoposta alla verifica della reale integrazione linguistica e sociale dello straniero nel territorio dello Stato.

2. Con regolamento di esecuzione della presente legge, adottato, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro dell'interno, sono definiti i termini e le modalità per la presentazione delle istanze, gli organi competenti a riceverle nonché la documentazione da produrre, ivi compresa quella ritenuta idonea a comprovare la sussistenza del requisito di cui al comma 1, e sono armonizzate le norme contenute nel decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572, e successive modificazioni».

 

 

Art. 6.

(Giuramento).

1. L'articolo 10 della legge 5 febbraio 1992, n. 91, è sostituito dal seguente:

«Art. 10. - 1. Entro sei mesi dalla notifica del decreto di conferimento della cittadinanza, la persona a cui lo stesso si riferisce deve prestare giuramento secondo le modalità e i contenuti stabiliti nel regolamento di cui al comma 2 dell'articolo 9-bis.

2. Il decreto di conferimento della cittadinanza non ha effetto se il giuramento non è prestato entro il termine di cui al comma 1».

 

 

Art. 7.

(Copertura finanziaria).

1. All'onere derivante dall'attuazione della presente legge, valutato in 200.000 euro annui a decorrere dall'anno 2007, si provvede mediante corrispondente riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 2006-2008, nell'ambito dell'unità previsionale di base di parte corrente «Fondo speciale» dello stato di previsione del Ministero dell'economia e delle finanze per l'anno 2006, utilizzando per l'anno 2007 la proiezione di parte dell'accantonamento relativo al Ministero dell'interno e per l'anno 2008 la proiezione di parte dell'accantonamento relativo al Ministero degli affari esteri. Il Ministro dell'economia e delle finanze è autorizzato ad apportare, con propri decreti, le occorrenti variazioni di bilancio.

2. L'Istituto nazionale della previdenza sociale (INPS) provvede al monitoraggio degli oneri finanziari derivanti dalle disposizioni introdotte dalla presente legge, informando tempestivamente il Ministro del lavoro e della previdenza sociale e il Ministro dell'economia e delle finanze, anche ai fini dell'adozione dei provvedimenti correttivi di cui all'articolo 11-ter, comma 7, della legge 5 agosto 1978, n. 468, e successive modificazioni. Gli eventuali decreti emanati, ai sensi dell'articolo 7, comma 2, numero 2), della citata legge n. 468 del 1978, prima della data di entrata in vigore dei provvedimenti o delle misure di cui al presente comma sono tempestivamente trasmessi alle Camere, corredati da apposite relazioni illustrative.

 

 

 

 


Testo a fronte

 

 

 


Raffronto tra la legge 91/1992 e i progetti di legge presentati

 


 

 

 

 

 

 

 

 

 


 

 

 


 

 

L. 5 febbraio 1992, n. 91
Nuove norme sulla cittadinanza

 

A.C. 24
(on. Realacci)

A.C. 938
(on. Mascia ed altri)

A.C. 1297
(on. Merlo R.A. ed altri)

 

A.C. 1462
(on. Caparini ed altri)

A.C. 1529
(on. Boato)

A.C. 1570
(on. Bressa ed altri)

A.C. 1607
(Governo)

Art. 1.

Art. 1.

 

Art. 1.

 

 

Art. 1

Art. 1

Art. 1

1. È cittadino per nascita:

 

 

 

 

 

 

 

 

a) il figlio di padre o di madre cittadini;

 

 

 

 

 

 

 

 

b) chi è nato nel territorio della Repubblica se entrambi i genitori sono ignoti o apolidi, ovvero se il figlio non segue la cittadinanza dei genitori secondo la legge dello Stato al quale questi appartengono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno due anni e titolare del permesso di soggiorno previsto dall’articolo 6, comma 1, o dall’articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni;

 

 

 

 

b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitore straniero, se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno cinque anni ed è titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni.

b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitore straniero, se il genitore è regolarmente presente in Italia da almeno due anni ed è titolare del permesso di soggiorno previsto dall'articolo 6, comma 1, o dall'articolo 30 del testo unico di cui al decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286, e successive modificazioni; entro due anni dal compimento della maggiore età il soggetto, qualora stabilisca la sua residenza all'estero, può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana;

«b-bis) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri di cui almeno uno sia residente legalmente in Italia senza interruzioni da almeno cinque anni al momento della nascita e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

 

 

 

 

 

 

 

 

b-ter) chi è nato nel territorio della Repubblica da genitori stranieri di cui almeno uno, legalmente residente, sia nato in Italia e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo;

 

b-ter) il minore figlio di genitore straniero se fornisce prova della presenza continuativa in Italia da almeno sei anni e della partecipazione ad un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa, unitamente alla conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane.

 

 

 

 

[Vedi co. 2-bis]

b-ter) il minore figlio di genitore straniero, se fornisce prova della presenza continuativa in Italia da almeno sei anni e della partecipazione a un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa e della conoscenza adeguata della lingua e della cultura italiane

[Vedi art. 4, co. 2 e 2-bis]

 

 

 

1-bis. E’ cittadina la donna che è stata cittadina per nascita e ha perduto la cittadinanza in quanto coniugata con cittadino straniero, anche quando il matrimonio è stato contratto prima del 1 gennaio 1948.

 

 

 

 

 

 

 

 

1-ter. E’ cittadino il figlio della donna di cui al comma 1-bis nato anteriormente al 1 gennaio 1948.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1-bis. Nei casi di cui alle lettere b-bis) e b-ter) del comma 1, entro un anno dal compimento della maggiore età il soggetto può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana.

2. È considerato cittadino per nascita il figlio di ignoti trovato nel territorio della Repubblica, se non venga provato il possesso di altra cittadinanza.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

[Vedi co. 1, lett. b-ter]

 

 

 

 

2-bis. È considerato cittadino per nascita il minore il cui genitore straniero, legalmente residente in Italia da almeno cinque anni, fornisca prova della partecipazione del minore a un ciclo scolastico o di formazione professionale oppure dello svolgimento di regolare attività lavorativa.

 

[Vedi art. 4, co. 2 e 2-bis]

Art. 2.

 

 

 

 

 

 

 

 

1. Il riconoscimento o la dichiarazione giudiziale della filiazione durante la minore età del figlio ne determina la cittadinanza secondo le norme della presente legge.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Se il figlio riconosciuto o dichiarato è maggiorenne conserva il proprio stato di cittadinanza, ma può dichiarare, entro un anno dal riconoscimento o dalla dichiarazione giudiziale, ovvero dalla dichiarazione di efficacia del provvedimento straniero, di eleggere la cittadinanza determinata dalla filiazione.

 

 

 

 

 

 

 

 

3. Le disposizioni del presente articolo si applicano anche ai figli per i quali la paternità o maternità non può essere dichiarata, purché sia stato riconosciuto giudizialmente il loro diritto al mantenimento o agli alimenti.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 3.

 

Art. 3.

 

 

 

 

 

 

1. Il minore straniero adottato da cittadino italiano acquista la cittadinanza.

 

[Articolo abrogato] [36]

 

 

 

 

 

 

2. La disposizione del comma 1 si applica anche nei confronti degli adottati prima della data di entrata in vigore della presente legge.

 

 

 

 

 

 

 

 

3. Qualora l’adozione sia revocata per fatto dell’adottato, questi perde la cittadinanza italiana, sempre che sia in possesso di altra cittadinanza o la riacquisti.

 

 

 

 

 

 

 

 

4. Negli altri casi di revoca l’adottato conserva la cittadinanza italiana. Tuttavia, qualora la revoca intervenga durante la maggiore età dell’adottato, lo stesso, se in possesso di altra cittadinanza o se la riacquisti, potrà comunque rinunciare alla cittadinanza italiana entro un anno dalla revoca stessa.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 4.

 

Art. 4

 

 

 

Art. 4

 

Art. 4

1. Lo straniero o l’apolide, del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, diviene cittadino:

 

[articolo abrogato]

 

 

 

 

 

 

a) se presta effettivo servizio militare per lo Stato italiano e dichiara preventivamente di voler acquistare la cittadinanza italiana;

 

 

 

 

 

 

 

 

b) se assume pubblico impiego alle dipendenze dello Stato, anche all’estero, e dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana;

 

 

 

 

 

 

 

 

c) se, al raggiungimento della maggiore età, risiede legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica e dichiara, entro un anno dal raggiungimento, di voler acquistare la cittadinanza italiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Lo straniero nato in Italia, che vi abbia risieduto legalmente senza interruzioni fino al raggiungimento della maggiore età, diviene cittadino se dichiara di voler acquistare la cittadinanza italiana entro un anno dalla suddetta data.

[Vedi art. 1, co. 1, lett. b-ter]

 

 

 

 

[Vedi art. 1, co. 2-bis]

 

2. Il minore figlio di genitori stranieri, di cui almeno uno residente legalmente in Italia senza interruzioni da almeno cinque anni e in possesso del requisito reddituale per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, che, anch'esso legalmente residente in Italia senza interruzioni per un periodo non inferiore a cinque anni, vi abbia frequentato un ciclo scolastico o un corso di formazione professionale o vi abbia svolto regolare attività lavorativa per almeno un anno diviene cittadino italiano su istanza dei genitori o del genitore esercente la potestà genitoriale secondo l'ordinamento del Paese di origine. Entro un anno dal compimento della maggiore età il soggetto può rinunciare, se in possesso di altra cittadinanza, alla cittadinanza italiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

2-bis. Alle medesime condizioni di cui al comma 2, qualora alla maggiore età lo straniero risieda legalmente nel territorio da almeno cinque anni, diviene cittadino italiano ove dichiari entro un anno dalla suddetta data di voler acquistare la cittadinanza italiana.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 5.

 

Art. 5

 

 

 

Art. 5.

Art. 5.

Art. 5.

1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza italiana quando risiede legalmente da almeno sei mesi nel territorio della Repubblica, ovvero dopo tre anni dalla data del matrimonio, se non vi è stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussiste separazione legale.

 

[articolo abrogato]

 

 

 

1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza dopo tre anni dalla data del matrimonio se, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussista separazione legale.

1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza quando risiede legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica ovvero dopo due anni dalla data del matrimonio se, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, comma 1, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussista separazione legale.

Art. 5. - 1. Il coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano acquista la cittadinanza italiana quando, dopo il matrimonio, risieda legalmente da almeno due anni nel territorio della Repubblica, ovvero dopo tre anni se all'estero, qualora, al momento dell'adozione del decreto di cui all'articolo 7, comma 1, non sia intervenuto scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili del matrimonio e non sussista separazione personale dei coniugi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 6.

 

Art. 6.

 

 

 

 

 

 

1. Precludono l’acquisto della cittadinanza ai sensi dell’articolo 5:

 

1. Precludono il riconoscimento della cittadinanza ai sensi delle lettere a), b), d), e), f), g) ed i) del comma 1 dell’articolo 9:

 

 

 

 

 

 

a) la condanna per uno dei delitti previsti nel libro secondo, titolo I, capi I, II e III, del codice penale;

 

a) la condanna per uno dei delitti previsti nel libro secondo, titolo I, capi I, II e III, del codice penale;

 

 

 

 

 

 

b) la condanna per un delitto non colposo per il quale la legge preveda una pena edittale non inferiore nel massimo a tre anni di reclusione; ovvero la condanna per un reato non politico ad una pena detentiva superiore ad un anno da parte di una autorità giudiziaria straniera, quando la sentenza sia stata riconosciuta in Italia;

 

[Lettera soppressa]

 

 

 

 

 

 

c) la sussistenza, nel caso specifico, di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

 

b) la sussistenza, nel caso specifico, di comprovati motivi inerenti alla sicurezza della Repubblica.

 

 

 

 

 

 

2. Il riconoscimento della sentenza straniera è richiesto dal procuratore generale del distretto dove ha sede l’ufficio dello stato civile in cui è iscritto o trascritto il matrimonio, anche ai soli fini ed effetti di cui al comma 1, lettera b).

 

[Comma soppresso]

 

 

 

 

 

 

3. La riabilitazione fa cessare gli effetti preclusivi della condanna.

 

2. La riabilitazione fa cessare gli effetti preclusivi della condanna.

 

 

 

 

 

 

4. L’acquisto della cittadinanza è sospeso fino a comunicazione della sentenza definitiva, se sia stata promossa azione penale per uno dei delitti di cui al comma 1, lettera a) e lettera b), primo periodo, nonché per il tempo in cui è pendente il procedimento di riconoscimento della sentenza straniera, di cui al medesimo comma 1, lettera b), secondo periodo.

 

3. Il riconoscimento della cittadinanza è sospeso fino a comunicazione della sentenza definitiva, qualora sia stata promossa azione penale per uno dei delitti di cui al comma 1, lettera a).

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 7.

 

Art. 7.

 

 

 

 

 

 

1. Ai sensi dell’articolo 5, la cittadinanza si acquista con decreto del Ministro dell’interno, a istanza dell’interessato, presentata al sindaco del comune di residenza o alla competente autorità consolare[37].

 

1. La cittadinanza è riconosciuta con atto del prefetto competente per territorio, denominato “attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana”, a richiesta dell’interessato, presentata al sindaco del comune di residenza o alla competente autorità consolare.

 

 

 

 

 

 

2. Si applicano le disposizioni di cui all’articolo 3 della legge 12 gennaio 1991, n. 13.

 

[Comma soppresso]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 8.

 

Art. 8.

 

 

 

 

 

 

1. Con decreto motivato, il Ministro dell'interno respinge l'istanza di cui all'articolo 7 ove sussistano le cause ostative previste nell'articolo 6. Ove si tratti di ragioni inerenti alla sicurezza della Repubblica, il decreto è emanato su conforme parere del Consiglio di Stato. L'istanza respinta può essere riproposta dopo cinque anni dall'emanazione del provvedimento.

 

1. Il prefetto competente per territorio respinge l'istanza di riconoscimento della cittadinanza di cui all'articolo 7 ove sussistano le cause ostative previste all'articolo 6. Ove si tratti di ragioni inerenti la sicurezza della Repubblica, è richiesto il parere conforme del Consiglio di Stato. L'istanza respinta può essere riproposta dopo due anni dall'emanazione del relativo provvedimento.

 

 

 

 

 

 

2. L'emanazione del decreto di rigetto dell'istanza è preclusa quando dalla data di presentazione dell'istanza stessa, corredata dalla prescritta documentazione, sia decorso il termine di due anni.

 

2. L'emanazione dell'ordinanza di rigetto dell'istanza è preclusa quando dalla data di presentazione dell'istanza medesima, corredata dalla prescritta documentazione, sia decorso il termine di un anno.

 

 

 

 

 

 

 

 

3. L'attestato di riconoscimento della cittadinanza italiana di cui all'articolo 7 non ha effetto se la persona a cui si riferisce non presta, entro sei mesi dalla notifica dell'attestato medesimo, giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 9.

Art. 9

Art. 9

 

 

 

Art. 9

Art. 9

Art. 9

1. La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica, sentito il Consiglio di Stato, su proposta del Ministro dell'interno:

 

La cittadinanza italiana è riconosciuta dal prefetto della provincia di residenza:

 

 

 

 

 

1. La cittadinanza italiana può essere concessa con decreto del Presidente della Repubblica, su proposta del Ministro dell'interno, ai soggetti di seguito indicati e in possesso del requisito reddituale, non inferiore a quello richiesto per il rilascio del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo, come determinato con decreto del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze.

a) allo straniero del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea retta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi i casi, vi risiede legalmente da almeno tre anni, comunque fatto salvo quanto previsto dall'articolo 4, comma 1, lettera c);

 

a) allo straniero o all'apolide del quale il padre o la madre o uno degli ascendenti in linea diretta di secondo grado sono stati cittadini per nascita, o che è nato nel territorio della Repubblica e, in entrambi casi, vi risiede legalmente da almeno tre anni;

 

 

 

 

 

 

b) allo straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano che risiede legalmente nel territorio della Repubblica da almeno cinque anni successivamente alla adozione;

 

b) allo straniero maggiorenne adottato da cittadino italiano;

 

 

 

 

 

 

 

 

c) allo straniero minorenne adottato da cittadino italiano;

 

 

 

 

 

 

c) allo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno cinque anni alle dipendenze dello Stato;

 

d) allo straniero che ha prestato servizio, anche all'estero, per almeno tre anni alle dipendenze dello Stato;

 

 

 

 

 

 

d) al cittadino di uno Stato membro delle Comunità europee se risiede legalmente da almeno quattro anni nel territorio della Repubblica;

 

e) al cittadino di uno Stato membro dell'Unione europea se risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

 

 

 

 

 

 

e) all'apolide che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica;

 

f) all'apolide che risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

 

 

e) all’apolide che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica, previo superamento di un test di naturalizzazione[38];

 

 

 

f) allo straniero che risiede legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica

f) allo straniero regolarmente presente nel territorio della Repubblica in forma continua e abituale da almeno sei anni, se dimostra di essere in possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento, in misura non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale, e di conoscere in maniera adeguata la lingua e la cultura italiane.

g) allo straniero che risiede legalmente da almeno tre anni nel territorio della Repubblica;

 

 

f) allo straniero che risiede legalmente da almeno dieci anni nel territorio della Repubblica, previo superamento di un test  di naturalizzazione e previa rinuncia alla propria cittadinanza;

f) allo straniero regolarmente presente nel territorio della Repubblica in forma continua e abituale da almeno cinque anni, se dimostra di essere in possesso di un reddito sufficiente al proprio sostentamento, in misura non inferiore all'importo annuo dell'assegno sociale.

f) allo straniero che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica.

f) allo straniero che risiede legalmente da almeno cinque anni nel territorio della Repubblica.

 

 

h) ai figli di stranieri nati sul territorio della Repubblica;

 

 

 

 

 

 

 

 

i) al coniuge, straniero o apolide, di cittadino italiano che risiede legalmente nel territorio della Repubblica da almeno sei mesi ovvero dopo tre anni dalla data del matrimonio, se non vi è stato scioglimento, annullamento o cessazione degli effetti civili e se non sussiste separazione legale.

 

 

 

 

 

 

2. Con decreto del Presidente della Repubblica, sentito il Consiglio di Stato e previa deliberazione del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'interno, di concerto con il Ministro degli affari esteri, la cittadinanza può essere concessa allo straniero quando questi abbia reso eminenti servizi all'Italia, ovvero quando ricorra un eccezionale interesse dello Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

2-bis. L’acquisto della cittadinanza ai sensi del presente articolo è precluso nei casi di cui all’articolo 6.

 

2-bis. Ai fini della concessione della cittadinanza italiana ai sensi del comma 1 non è richiesta la rinuncia alla cittadinanza straniera.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 9-bis

 

 

 

 

 

 

 

 

1. L'acquisizione della cittadinanza italiana nelle ipotesi di cui agli articoli 5 e 9, comma 1, lettera f), è comunque sottoposta alla verifica della reale integrazione linguistica e sociale dello straniero nel territorio dello Stato.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Con regolamento di esecuzione della presente legge, adottato, ai sensi dell'articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, e successive modificazioni, su proposta del Ministro dell'interno, sono definiti i termini e le modalità per la presentazione delle istanze, gli organi competenti a riceverle nonché la documentazione da produrre, ivi compresa quella ritenuta idonea a comprovare la sussistenza del requisito di cui al comma 1, e sono armonizzate le norme contenute nel decreto del Presidente della Repubblica 12 ottobre 1993, n. 572, e successive modificazioni.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 10.

 

Art. 10.

 

 

 

 

 

Art. 10.

1. Il decreto di concessione della cittadinanza non ha effetto se la persona a cui si riferisce non presta, entro sei mesi dalla notifica del decreto medesimo, giuramento di essere fedele alla Repubblica e di osservare la Costituzione e le leggi dello Stato.

 

[Articolo abrogato]

 

 

 

 

 

1. Entro sei mesi dalla notifica del decreto di conferimento della cittadinanza, la persona a cui lo stesso si riferisce deve prestare giuramento secondo le modalità e i contenuti stabiliti nel regolamento di cui al comma 2 dell'articolo 9-bis.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Il decreto di conferimento della cittadinanza non ha effetto se il giuramento non è prestato entro il termine di cui al comma 1.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 11.

 

Art. 11.

 

 

Art. 11.

 

 

 

1. Il cittadino che possiede, acquista o riacquista una cittadinanza straniera conserva quella italiana, ma può ad essa rinunciare qualora risieda o stabilisca la residenza all'estero.

 

Articolo abrogato][39]

 

 

[Articolo abrogato]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 12.

 

 

 

 

 

 

 

 

1. Il cittadino italiano perde la cittadinanza se, avendo accettato un impiego pubblico od una carica pubblica da uno Stato o ente pubblico estero o da un ente internazionale cui non partecipi l'Italia, ovvero prestando servizio militare per uno Stato estero, non ottempera, nel termine fissato, all'intimazione che il Governo italiano può rivolgergli di abbandonare l'impiego, la carica o il servizio militare.

 

 

 

 

 

 

 

 

2. Il cittadino italiano che, durante lo stato di guerra con uno Stato estero, abbia accettato o non abbia abbandonato un impiego pubblico od una carica pubblica, od abbia prestato servizio militare per tale Stato senza esservi obbligato, ovvero ne abbia acquistato volontariamente la cittadinanza, perde la cittadinanza italiana al momento della cessazione dello stato di guerra.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Art. 13.

 

Art. 13.

 

 

 

 

 

 

1. Chi ha perduto la cittadinanza la riacquista:

 

1. A coloro che hanno perduto la cittadinanza, la stessa è nuovamente riconosciuta se:

 

 

 

 

 

 

a) se presta effettivo servizio militare per lo Stato italiano e dichiara previamente di volerla riacquistare;

 

[Lettera soppressa]