Frontespizio Relazione

Nascondi n. pagina

Stampa

PDL 3317-3345-C-bis

XVII LEGISLATURA

CAMERA DEI DEPUTATI

   N. 3317-3345-C-bis



 

Pag. 1

RELAZIONE DELLA VII COMMISSIONE PERMANENTE
(CULTURA, SCIENZA E ISTRUZIONE)

presentata alla Presidenza il 28 settembre 2016
(Relatore: BRESCIA per la minoranza)

sulla

PROPOSTA DI LEGGE

APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DALLA CAMERA DEI DEPUTATI
il 2 marzo 2016 (v. stampato Senato n. 2271)

MODIFICATA DAL SENATO DELLA REPUBBLICA
il 15 settembre 2016

d'iniziativa dei deputati

COSCIA, RAMPI, ROTTA, BONACCORSI, PICCOLI NARDELLI, BLAZINA, MANZI, ASCANI, GHIZZONI, CRIMÌ, BOSSA, NARDUOLO, MALISANI, CAROCCI, PES, D'OTTAVIO, MALPEZZI, COCCIA, ROCCHI, VENTRICELLI, SGAMBATO, PAOLO ROSSI, FALCONE; PANNARALE, GIANCARLO GIORDANO, PAGLIA, FRANCO BORDO, COSTANTINO, DURANTI, RICCIATTI, MELILLA

Istituzione del Fondo per il pluralismo e l'innovazione dell'informazione e deleghe al Governo per la ridefinizione della disciplina del sostegno pubblico per il settore dell'editoria e dell'emittenza radiofonica e televisiva locale, della disciplina di profili pensionistici dei giornalisti e della composizione e delle competenze del Consiglio nazionale dell'Ordine dei giornalisti. Procedura per l'affidamento in concessione del servizio pubblico radiofonico, televisivo e multimediale

Trasmessa dal Presidente del Senato della Repubblica il 15 settembre 2016
 

Pag. 2


      

torna su
Onorevoli Colleghi! Riferisco a nome dei deputati della VII Commissione che hanno votato contro la proposta di maggioranza sulla legge sull'editoria.
      Nello stampato 3317-3345/A-bis mi sono già diffuso sulle storture e sulle incongruenze di questo provvedimento. Pertanto rinvio integralmente a tale relazione.
      Dopo l'esame presso il Senato, la proposta di legge torna alla Camera, se possibile, peggiorata.
      Il finanziamento alle testate giornalistiche viene esteso, nella forma indiretta, con il sussidio alle spese di telefonia e per connessione ai fini del traffico dati. Sicché il finanziamento previsto a carico del fondo di cui all'articolo 1 del provvedimento di fatto vede ampliate le sue destinazioni.
      Il Senato ha peraltro apportato modifiche tecnicamente precarie. Il comma 5 dell'articolo 1, proprio nella materia dei sussidi alle spese per telefonia e connessione, si conclude con un rinvio a un decreto e non già al fondo previsto nello stesso articolo, mostrando così l'illogicità di coperture a carico di un provvedimento amministrativo anziché di un fondo.
      Lo stesso relatore, sempre con riferimento all'articolo 1, ha dovuto ammettere ulteriori incertezze interpretative rispetto alle quali non è chiaro come si potrà provvedere.
      Per questi motivi, invito l'Assemblea a respingere la proposta di legge.

Giuseppe BRESCIA,
Relatore per la minoranza


Frontespizio Relazione
torna su